Hamas e la “tregua violata”

Riprendo qui una serie di temi che abbiamo già trattato in qualche modo tra i commenti, ma che meritano maggiore visibilità.

Dunque, Hamas avrebbe "violato" o "ripudiato" una tregua con Israele.

Innanzitutto, è solo da sei mesi che si riconosce che Hamas offre da anni una tregua, respinta da Israele fino allo scorso giugno.

Una tregua si deve fare in due. Cioè, secondo l’offerta di Hamas, i palestinesi si sarebbero astenuti da ogni azione militare, e anche gli israeliani avrebbero dovuto astenersi da ogni azione militare.

Pochi giorni fa, Mahmoud Zahar, portavoce ufficiale di Hamas, aveva spiegato quali erano le condizioni per rinnovare la tregua:

"Tra le richieste, disse Zahar, riguardanti la nuova tregua mediata dagli egiziani, ci sono le forniture regolari di cibo e di corrente elettrica da parte di Israele (che controlla gli aiuti umanitari internazionali verso Gaza e la Cisgiordania), assieme alla fine delle operazioni militari israeliane in Cisgiordania e a Gaza, come stabilito nella tregua originale, accordi che Israele non ha rispettato".

Gli amici della Palestina insistono giustamente, in questi giorni, sulla natura del tutto simbolica dei razzi che alcuni gruppi lanciano su alcuni villaggi israeliani, senza praticamente alcun risultato.

D’accordo, ma credo che sia importante capire il senso di quei lanci.

Hamas è il primo movimento palestinese, da quasi vent’anni, a guardare a testa alta Israele. Cioè, non parte dal presupposto che i palestinesi siano un gruppo di prigionieri colpevoli, che al massimo possono sperare di mendicare qualche concessione dai loro carcerieri. Hamas non partecipa al circo mediatico delle Vittime e dei Vittimi, ma è un movimento di resistenza già nel nome.

Assieme alle attività sociali, all’assenza di corruzione e al legame simbolico islamico, questa è la forza di Hamas, che non può trasformarsi in un branco di poliziotti che ha il solo compito di soffocare i moti di rivolta degli altri palestinesi.

Hamas non partecipa al lancio dei razzetti, ma lascia correre (a differenza delle operazioni di martirio, che sono state fermate) perché la sua offerta di tregua comprende i tre punti fondamentali, che Mahmoud Zahar ha sottolineato e che ripetiamo qui:

1) La cessazione di azioni militari anche da parte israeliana e non solo da parte propria (basta sfogliare le cronache per vedere che quelle israeliane non sono mai cessate)

2) La cessazione di azioni militari anche in Cisgiordania, dove gli israeliani compiono quotidianamente incursioni

3) La cessazione dell’embargo per terra e per mare su Gaza.

Spesso si dice che la tolleranza di Hamas verso il lancio dei mortaretti durante i negoziati è stata "controproducente".

Capiamoci.

Negoziare è diverso da mendicare: mendicare presuppone che il richiedente si pone totalmente nelle mani della persona cui si rivolge, sperando esclusivamente nel suo buon cuore. Abu Mazen, per capirci, è un mendicante.

Invece, quando due persone negoziano – come vorrebbe Hamas – si devono scambiare qualcosa.

Se io dico,  "cosa mi dai, se io ti do del pane?", quello che vuole il pane non può rispondere, "niente, perché non ho niente". 

Ora, un milione e mezzo di prigionieri dentro Gaza, in cambio del pane, hanno una sola cosa da offrire: smettere di lanciare i razzi.

Altrimenti, per quale motivo al mondo Israele dovrebbe cessare con gli omicidi "mirati", permettere ai pescatori di pescare nel mare, chiudere i posti di blocco, cessare la costruzione del muro, farla finita con gli espropri e le demolizioni di case e tutto il resto?

Si può dire che tutto questo sia meno di ciò che Gaza sta subendo in questi giorni. Come su una piantagione, lavorare da schiavi per dodici ore al giorno a pane e acqua, subendo occasionali frustate, è meno di quello che ti succede quando ti ribelli. E su questo non ci piove.

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

8 Responses to Hamas e la “tregua violata”

  1. utente anonimo says:

    Riguardo alla rottura della tregua, posto degli interessanti link con dati e considerazioni.

    Qui si ricostruiscono tutte le fasi precedenti all’attacco israeliano.

    http://jewssansfrontieres.blogspot.com/2008/12/on-sderot-and-ashkelon.html

    Qui c’è invece un grafico che mostra come i lanci di Qassam erano sostanzialmente diminuiti, mentre il blocco degli israeliani non era cessato affatto.

    http://www.tinyrevolution.com/mt/archives/002751.html

    E qui, invece, si ricorda come Israele , in passato, abbia usato l’argomento del blocco economico come ” pretesto” non per un attaco, ma per una vera e propria guerra.

    http://www.tinyrevolution.com/mt/archives/002752.html

    A

  2. utente anonimo says:

    Una cosa è certa. I Qassam non possono che peggiorare la situazione.

    Quando va bene riescono a arrivare dall’altra parte della strada e in risposta arriva una pioggia di bombe semi-atomiche.

    E per il mondo intero la situazione è 1-1.

    Come fanno quegli idioti di hamas a non capirlo? O la cosa è voluta?

  3. utente anonimo says:

    Scusate, il commento precedente è mio.

    Moreno

  4. Martinez, come sempre, coglie nel segno, in barba a tanta (inutile)retorica pacifista. Quello che stupisce non è che i palestinesi continuino a lanciare Qassam su Israele. Stupisce piuttosto che non facciano di peggio.

  5. utente anonimo says:

    Retorica pacifista….

    376 MORTI 1900 FERITI

    Minchia che duro!!!

  6. utente anonimo says:

    ancora io, il n.5

    Moreno

  7. utente anonimo says:

    I Qassam mantengono Hamas al potere, insieme alla violenza di Israele.

    Se gli israeliani avessero accettato la tregua, Hamas a Gaza sarebbe finita, vittima della propria incapacità di essere altro che “islamismo di guerra”, anzi, una specie di Masada dei palestinesi venata di islamismo radicale e di interessi iraniani.

    Però Israele ha rifiutato.

    Francesco

  8. mariak says:

    a proposito di tregua, ecco i punti che israele avrebbe fatto pervenire al presidente francese, li riprendo da repubblica di oggi:

    “Il ministro della Difesa Ehud Barak, il vero capo supremo dell’operazione

    militare, ha chiesto che il premier Olmert e il ministro degli Esteri Tzipi

    Livni discutessero la possibilità di tregua. Naturalmente dovrà essere una

    tregua nei termini di Israele, che metta Hamas nelle condizioni di una

    inferiorità strategica decisiva. Secondo Barak Ravid, il corrispondente

    militare di Haaretz, Israele avrebbe ha fatto avere a Sarkozy quattro punti

    irrinunciabili: 1) Cessate-il-fuoco definitivo di tutti i razzi Qassam e di

    ogni altro ordigno su Israele; 2) bloccare ogni attività terroristica,

    smantellando tutti i tunnel alla frontiera e bloccando bombe alla frontiera;

    3) interruzione di ogni contrabbando di armi; 4) creazione di un apparato di

    sorveglianza (una missione internazionale?) per verificare il rispetto di

    Hamas dei suoi obblighi.

    Perfino lo stesso giornalista ha dubbi sulla sua applicabilità e scrive:

    “In verità per il momento è difficile credere che una tregua del genere possa

    essere raggiunta; ”

    Ma veramente israele pensa che una proposta del genere possa essere accettata? No credo di no, credo che tale proposta sia fatta per NON essere accettata!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>