Emergenza terrorismo a Firenze!

Ore 11, nei pressi di Borgo San Frediano, centro storico di Firenze.Io sottoscritto Miguel Martinez, di  mestiere traduttore di manuali tecnici, sento un uomo che dice a un altro:“Ma non servono a niente questi scioperi! Qui bisogna sparare!Sono molto preoccupato.

Il dialogo è stato intercettato in una zona piena di obiettivi sensibili: nel raggio di trecento metri, c’è un comando dei carabinieri, un commissariato di polizia,  un asilo nido, un cimitero ebraico, due scuole materne, una scuola elementare, due chiese di grande valore storico-artistico e un Club Roberto Cavalli che aprirà a giorni – tutti simboli della “satanica” civiltà occidentale odiata dagli estremisti di ogni colore.

Bersagli ghiotti sotto Natale, per la tenebrosa attrattiva che tale festività esercita su atei, comunisti,  islamici e nazisti wagneriani.

Fornisco a tutti i lettori un identikit dell’aspirante terrorista e della sua probabile recluta.

Entrambi hanno marcate fattezze centroitaliche e si esprimono correttamente in dialetto toscano.

Il volto del reclutatore è in parte mascherato da un berretto, mentre il seguace è riconoscibile per un’assenza pressoché totale di capelli.

Età presunta dei due soggetti attenzionati, 75 anni.

Print Friendly
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez, Il clan dei fiorentini, Terrorismo realtà e mistificazione and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.

18 Responses to Emergenza terrorismo a Firenze!

  1. utente anonimo says:

    75 anni in tutto o per ciascuno? :-)

    Ciao da Marcello Teofilatto

  2. kelebek says:

    Per Marcello n. 2

    Per ciascuno. Quindi non hanno la scusante della minore età.

    Miguel Martinez

  3. ‘Bersagli ghiotti sotto Natale, per la tenebrosa attrattiva che tale festività esercita su atei, comunisti, islamici e nazisti wagneriani': oddio, ancora con queste filastrocche!

    Ti sei dimenticato qualche categoria, per es. fascisti, anarchici, mafiosi…. Anzi, continua tu.

    P.S. Anch’io ‘non sto con oriana’.

  4. utente anonimo says:

    Allora è il preannunzio di una nuova stagione armata? SCUSA MIGUEL, SEI SICURO CHE NON FOSSE BABBO NATALE???

    Sarà stato un possibile Babbo Natale kamikaze!

    luminol

  5. utente anonimo says:

    Sì, confermo era Babbo Natale. L’ho visto per un attimo e ho chiesto a lui dove fosse diretto. La sua risposta è stata: mi sto recando a consegnare molto carbone a un bambinone aruffapopolo ed egoista. A quel punto s’è alzato in volo con carro e renne, e si è diretto verso la Brianza milanese.

    luminol

  6. utente anonimo says:

    quindi ha ragione Silvio, quando lancia l’allarme contro i comunisti che sono sempre gli stessi?

    poffarre, io che lo ritenevo rintronato dall’età!

    Francesco

    PS patetica la Fede nello Sciopero e nella Manifestazione di parte del popolo italiano. che tristezza

  7. dalovi says:

    …magari erano due del PD che non avevano fatto sciopero dopo aver letto il riformista sull’inutilità dello sciopero stesso!

  8. kelebek says:

    Per Francesco n. 7

    Per una volta sono d’accordo con te su tutta la linea:

    1) I comunisti quarantacinquenni di trent’anni fa somigliano in modo incredibile ai comunisti settantacinquenni di oggi

    2) Non tutti i comunisti hanno fede però nello Sciopero e nella Manifestazione… soprattutto i settantacinquenni :-)

    Miguel Martinez

  9. mariak says:

    PS patetica la Fede nello Sciopero e nella Manifestazione di parte del popolo italiano. che tristezza

    ma sì, perchè scioperare, meglio i dibattiti “politici” di porca a porca o qualche scafato commento nei blog…ma come son grulli quelli che vanno in piazza invece di prenderlo in tasca zitti zitti!!!

  10. kelebek says:

    Per Maria n. 10

    E’ che Francesco ha trovato una soluzione molto efficace. Quando c’è qualcosa che non va, viene sul mio blog e commenta :-)

    Miguel Martinez

  11. utente anonimo says:

    Ma guarda un pò: Francesco che lo prende in tasca zitto zitto….chi l’avrebbe mai detto:-)

    ci devo dormire sopra.

    Paris

    ps per Maria: per me non è per nulla patetico lo sciopero, anzi. Massimo rispetto.

    Ma non mi dire che così concepito (un giorno di toccante processione) ha una qualche efficacia altra rispetto all’oretta d’aria.

    Io non sono un operaio ma anche quando si astengono dalle mie parti ho parecchie riserve sul metodo.

    Quantomeno che sia ad oltranza, altrimenti meglio politiche di riduzione del danno o altro.

    notte

  12. utente anonimo says:

    bravo, il tuo contributo è fondamentale nella lotta al terrorismo

    m5tp

  13. mariak says:

    paris,

    probabilmente lo sciopero non ha una grande efficacia come tu osservi, ma in attesa di gesti più incisivi sarà meglio tenerselo e praticarlo. Eppoi se uno sciopero conta poco pensa quanto conterebbe non scioperare più o non farsi vedere più in giro!

    Nulla.

    A volte cose importanti sembrano scontate se non di routine ma pensa a chi piacerebbe un mondo dove ogni fabbrichetta , fabbrica, ufficio, o altro luogo andasse a una trattativa singola con il proprio datore di lavoro magari facendosi anche carico personale del minor profitto del povero imprenditore che crea ricchezza e il tutto senza tante rivendicazioni generali!

    E infatti non si vuole anche abolire il contratto nazionale di lavoro con la scusa di fare gli interessi dei precari, non si vuole anche innalzare l’età pensionabile delle donne con la scusa di voler fare l’interesse delle donne?

    Non si tagliò anche la scala mobile con la scusa di creare più posti di lavoro ?

  14. utente anonimo says:

    Cara Mariak: hai sicuramente ragione tu.

    Tanto più che io di risposte non ne ho, come diceva così bene il buon Bennato.

    E’ che quando leggo dei vari “porca a porca”, di “scafati commenti sui blog…” e di “prenderlo in tasca zitti-zitti” mi cadono ancor di più le braccia.

    Un mio amico operaio ha scioperato convinto e qualche giorno prima un suo compagno è morto al lavoro; gli avevo detto di far due righe di denuncia e lui mi ha guardata come un marziano.

    Non ne abbiamo più parlato.

    Tiene famiglia.

    Non se ne deve parlare.

    Una mia cugina ha subito un furto al lavoro e prende ansiolitici perchè teme ritorsioni dai due denunciati. Fatto assai improbabile ma che la dice lunga sul terrore…

    Ma come cazzo viviamo?

    Ecco, non vorrei che lo sciopero in giornata fosse una specie di 8 marzo (per quel che è diventato con le confezioni da 5 euro di mimose).

    Poi, per il signor m5tp dell’antiterrorismo aggiungo, che mi sa che è meglio, che non posseggo armi, oggetti peraltro che ho sempre detestato assai.

    Però penso che tanto scoramento su chi è meno zen (:-)) della sottoscritta possa essere criminogeno.

    O, più probabilmente, sono solo un pò depressa ed è quindi inutile che intossichi tutti ulteriormente.

    notte

  15. utente anonimo says:

    Paris H.

  16. controlL says:

    Io lo sciopero l’ho fatto. Ovviamente non ne condivido un obiettivo. Ma l’ora d’aria è appunto l’effetto grandioso d’ogni sciopero:

    1 Mirari soleo cum uideo aliquos tempus petentes et eos qui rogantur facillimos; illud uterque spectat propter quod tempus petitum est, ipsum quidem neuter: quasi nihil petitur, quasi nihil datur. Re omnium pretiosissima luditur; fallit autem illos, quia res incorporalis est, quia sub oculos non uenit ideoque uilissima aestimatur, immo paene nullum eius pretium est.

    Rimango sorpreso quando vedo alcuni chiedere tempo e i richiesti prontissimi a darlo. L’uno e l’altro mira a ciò per cui il tempo è richiesto, né l’uno né l’altro al tempo per sé, come se non si chiedesse nulla, come se non si desse nulla. Si gioca con la cosa più preziosa di tutte; li inganna che è una cosa imcorporea, che non appare alla vista, e per questo è stimata pochissimo, anzi quasi di nessun prezzo. (seneca, de brevitate vitae).

    Si parte da seneca, non da brunetta ed epifani, per capire qualcosa invece di fare eco alle polemiche televisive.p

  17. mariak says:

    Si parte da seneca, non da brunetta ed epifani, per capire qualcosa invece di fare eco alle polemiche televisive.

    Hai ragione p, Seneca schiuderà certamente ben altre comprensioni, ma chi non lo conosce dovrà vedersela con quello che sa e tener conto anche di epifani, di brunetta e ,qualche volta, della televisione.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>