Adesso vogliono comandare in casa vostra

Voglio rassicurare i miei lettori xenofobi, che mi accusano di credere che tutti gli stranieri siano brava gente. Non è vero.

Prendiamo ad esempio Magdi Cristiano Allam. E’ un extracomunitario, ma mica mi metto lì a negare che sia un farabutto, anzi una volta l’ho pure denunciato.

Magdi Allam è un arabo arrivato in Italia per fare fortuna, e che per un periodo ha campato di documenti falsi. In seguito, si è dedicato all’attività di inventare complotti fantasiosi e bufale,  ricamando su documenti riservati passatigli dai suoi amici dei servizi e guadagnandosi il titolo di Pinocchio d’Egitto.

In pratica, ha svolto il ruolo di consolatore per dire agli italiani con poca autostima, che anche un beduino giura che loro sono meglio dei beduini. Insomma, ha offerto un servizio non tanto diverso da quello che offrono delle cortesi e disponibili signore nigeriane, le quali fanno semplicemente ciò che gli italiani desiderano da loro, senza darsi tante arie.

Per questo, voi gli avete pagato circa un milione di euro l’anno di stipendio e pure la scorta, che non la danno nemmeno a un onesto calciatore negro senza tanti grilli per la testa, che pensa solo a farvi divertire la domenica.

Adesso però Magdi Allam ricambia la fiducia di tanti clienti con la solita ingratitudine levantina. Ha infatti deciso di smetterla di fare il beduino e vuole comandare in casa vostra, fondando un partito:

 «lascio il giornalismo, scelgo la politica»
«Il mio partito per l’Europa cristiana»

MILANO — Sicuro?
«Sicurissimo».
E come si chiama?
«Protagonisti per l’Europa Cristiana». Magdi Cristiano Allam, asciutto, quasi esile, non dimostra neanche un po’ i suoi 56 anni e ha un sorriso da ragazzino mentre apre la brochure con simbolo e nome del partito che ha fondato. Di là dalla porta e giù in strada, l’auricolare all’orecchio, gli uomini della scorta sorvegliano che sia tutto tranquillo. «"Protagonisti", capisce? La via del riscatto passa da noi stessi».

Ora, anch’io sono extracomunitario con passaporto italiano, ma non mi sogno di disturbarvi votando.

Anzi, per una volta e per un solo extracomunitario, sono d’accordo con l’onorevole Davide Capparini della Lega, che se non altro possiede il dono della sintesi. Infatti, sul suo sito presenta una serie di slogan, con precisato il tempo che ci vuole per leggerli alla radio. Ci sarebbe anche la versione audio per padani illetterati, ma se fate clic sullo slogan, ve ne viene fuori, un po’ surrealmente, un altro:

 "NO VOTO IMMIGRATI 20 SECONDI Il voto è il patto tra il cittadino e lo Stato. L’ultimo che arriva non può e non deve comandare. No al voto agli extracomunitari!"

Print Friendly
This entry was posted in Magdi Allam and tagged , , . Bookmark the permalink.

40 Responses to Adesso vogliono comandare in casa vostra

  1. utente anonimo says:

    magari mi sbaglio, ma mi pareva che allam fosse cittadino italiano

    (e pure tu se hai il passaporto italiano tanto extracomunitario non devi esserlo…)

    roberto

  2. kelebek says:

    Per roberto,

    E’ che mi fa fatica mettere le faccine.

    Miguel Martinez

  3. utente anonimo says:

    roby

    per la Lega gli stracomunitari sono come gli alpini: se lo sei una volta, lo rimani tutta la vita.

    Francesco (ormai sempre più apertamente antileghista e stufo)

  4. utente anonimo says:

    Ma Cristiano è il suo nome o l’abbreviazione di Cristianosionista?

    Saluti da Marcello Teofilatto

  5. utente anonimo says:

    Comunque hai ragione da vendere, Miguel, a sostenere che il voto agli immigrati andrebbe in buona parte a beneficio della lega :)

    E.M.

  6. Patto tra cittadini e Stato… una visione contrattualistica che non mi sarei aspettato da un leghista. Lo facevo più per un patto di sangue tra cittadino (padano) e Stato.

    Movimento as.sur.do.

  7. RitvanShehi says:

    >Comunque hai ragione da vendere, Miguel, a sostenere che il voto agli immigrati andrebbe in buona parte a beneficio della lega :) E.M.< Ehmmm…e dove Miguel avrebbe sostenuto questa bizzarra tesi, di grazia?

  8. utente anonimo says:

    Dopo la brutta figuraccia di Giuliano Ferrara, non mi stupirei se il prossimo a ricevere il testimone delle pessime figure possa essere il neocristianoconvertitoinonoredeldioPinocchiod’Egitto MAGDI CRISTIACQUISITO ALLAM.

    La cosa che mi fa rabbia è che ‘sto tizio con le sue sparate deliranti s’è inventato personaggio, personaggio scomodo per alcuni e alla mercè di altri; DEVIATI COME LUI. Tutto questo comporta uno spendìo di denaro pubblico per proteggerlo; se le caZZate le ha sparate gratuitamente lui e questo ha comportato un rischio per la sua vita, allora, la scorta se la paghi di tasca sua.

    luminol

  9. Tlaxcala says:

    Da leggere oggi

    [..] Su Tlaxcala Mumbai sotto assedio di Yoginder Sikand Stanno circolando molte teorie sui feroci attacchi terroristici di Mumbai. L’opinione dominante, basata su ciò che suggeriscono i mezzi di informazione, è che siano opera della temuta o [..]

  10. controlL says:

    Ci voleva magdi a far scoprire il cristianesimo in europa. Mi chiedo che senso abbia tutto il dibattito sulle sue radici cristiane, se c’è un partito che ha in programma di farcela diventare: facezie politiche. Come quelle leghiste. Mi pare che basti non essere cittadino italiano per non aver diritto di voto, dopotutto. Gli extracomunitari e i comunitari pure, se non italiani, non possono votare per definizione perchè manca loro il requisito essenziale per esercitare quel diritto. Come dire no al triangolo che abbia quattro lati. Più che votarli io, non saprei neppure a che santo votarli, che faccia loro la grazia d’un po’ di senno.p

  11. utente anonimo says:

    luminol,

    quale figuraccia di Ferrara?

    Francesco

    PS Ritvan, confermo che MM ha scritto da qualche parte che potendo votare molti immigrati sarebbero leghisti (anche tu, col tuo amore per gli zingari …..)

  12. mariak says:

    penso la figuraccia di presentarsi alle elezioni e non raccattare nulla

  13. utente anonimo says:

    Esatto mariak! Hai risposto bene tu a Francesco.

    luminol

  14. RitvanShehi says:

    >Ritvan, confermo che MM ha scritto da qualche parte che potendo votare molti immigrati sarebbero leghisti (anche tu, col tuo amore per gli zingari …..) Francesco< Ah, beh, se me lo confermi tu l’esistenza di tale scritto kelebekiano allora ci credo. Chissà perché allora la Lega si oppone con tanta veemenza al voto degli immigrati? Autolesionismo padano-celtico?:-) P.S. Il fatto che io deplori certe Nobili Tradizioni della Cultura Zingaresca (a proposito, hai letto della recente sentenza della Kassazione, la quale sancisce che il mandare a mendicare i figli minorenni faccia parte a pieno titolo di questa Nobile Tradizione e non rientra nella fattispecie di “riduzione in schiavitù”, come sarebbe stato se il fattaccio si fosse verificato fra nosotros “gagè”?) non fa di me automaticamente un adepto leghista. Così come – spero – il tuo attaccamento a certi valori cristiani non faccia automaticamente di te un militante del partito di Magdi Cristiano De Noantri Allam:-).

  15. utente anonimo says:

    Francesco,

    – per la Lega gli stracomunitari sono come gli alpini: se lo sei una volta, lo rimani tutta la vita. —

    Eccezion fatta per Allam, l’Occhio di Vilquar :-)

    Z.

  16. utente anonimo says:

    Ritvan,

    – a proposito, hai letto della recente sentenza della Kassazione —

    Io purtroppo no, ne ho letto solo un improbabile sunto giornalistico. Purtroppo Repubblica non è nuova a interpretazioni “originali” delle sentenze della SC, del tipo “I rasta hanno diritto a possedere droga”, “Condannato un professore perché ha bocciato un allievo”, “A chi tradisce la moglie non è addebitata la separazione” o altre ancora di cui abbiamo discusso tempo addietro.

    E’ verosimile che prima o poi mi capiti il testo integrale sottomano, ma se nel frattempo capita prima a te e me lo rigiri te ne ringrazio!

    Z.

  17. utente anonimo says:

    giudicare una causa dai risultati elettorali?

    ma siamo matti?

    trovo quel gesto di Ferrara, a suo modo, grandissimo, direi addirittura profetico (esagerando)

    Francesco

  18. utente anonimo says:

    A partire da Francesco (n. 17); è vero, una causa non si giudica dai risultati elettorali, ma dai contenuti. Quelli di chi pretende di difendere la vita e poi si schiera con le guerre di Bush (con annesse torture) non sono degni di essere presi sul serio e meritano il risultato elettorale che hanno avuto.

    Marcello Teofilatto

  19. utente anonimo says:

    x MT

    mi pare deboluccia come analisi, e le conclusioni sono da rigettare.

    saluti

    Francesco

  20. RitvanShehi says:

    >E’ verosimile che prima o poi mi capiti il testo integrale sottomano, ma se nel frattempo capita prima a te e me lo rigiri te ne ringrazio! Z.< Eh, un leguleio DOC come te dovrebbe avere molte più possibilità di un povero “diversamente leguleio”:-) come me per trovare le sentenze della Kassazione. Io non l’ho trovata in rete, comunque è la n.44516/2008. E se leggi diversi sunti di diversi giornali vedrai che la frase da me citata c’è: poi, che “peso” abbia effettivamente avuto nella sentenza, questo è un altro discorso….

  21. mariak says:

    trovo quel gesto di Ferrara, a suo modo, grandissimo, direi addirittura profetico (esagerando)

    “a suo modo” ed “esagerando”

    non potevi dir meglio

  22. utente anonimo says:

    Per Francesco (n. 19): a me sembra deboluccia la causa di chi difende i non ancora nati e chiude gli occhi di fronte ai seicentomila e passa iracheni vittime della guerra di Bush. Tu ti accontenti della spettacolarità del gesto (che io ritengo più mediatico che politico, perché politicamente, come ti ripeto, lo trovo insostenibile e degno dello scarso esito elettorale). Si vede che io sono di gusti non dico più raffinati, ma certo più difficili :-).

    Saluti da Marcello Teofilatto

  23. utente anonimo says:

    x MT

    il piano mediatico e quello politico non sono gli unici su cui valutare quel gesto.

    Su quello culturale lo trovo assai significativo, ha osato mettere una questione di principio prima di ogni valutazione utilitaristica e di efficacia immediata.

    Un pò come i tramvieri di Milano che scioperano contro i propri stipendi per fedeltà al demenziale feticcio ideologico del contratto unico nazionale :)

    Formalmente due gesti “puri”, solo che il giudizio alla base del primo è sensato, ragionevole, umano; quello alla base del secondo solo un mediocre impasto di convenienza privata dei sindacalisti e pigrizia mentale della “carne da cannone” scioperante.

    Sulla differenza tra aborto e guerra, l’evidenza supplisce alle mie parole, che sarebbero del tutto inutili. Rilevo solo che Ferrara non ha mai negato l’umanità degli iracheni morti (ho qualche dubbio solo su Saddam, del resto è di formazione comunista).

    Saluti

    Francesco

  24. utente anonimo says:

    Per Francesco (n. 23): prendo atto delle tue argomentazioni, che però continuo a non condividere. Ferrara non avrà negato l’umanità degli iracheni morti, ma l’ha considerata irrilevante rispetto alle motivazioni (inesistenti) in favore della guerra all’Iraq. Non credo che se Himmler avesse solennemente affermato l’umanità degli ebrei, questi sarebbero morti più contenti.

    Se Ferrara fosse stato eletto, si sarebbe dovuto pronunciare non solo sull’aborto, ma anche su molti altri temi (come la guerra). Per questo non credo che il Parlamento sia il luogo ideale per chi conduce battaglie su singole questioni. A meno che (ipotesi più che probabile) non avesse messo in conto di non essere eletto, il che dà l’idea del suo rispetto per quell’istituzione. Niente male, per un ex ministro dei rapporti (sadomaso) col Parlamento :-).

    Saluti da Marcello Teofilatto

  25. utente anonimo says:

    Ritvan,

    – Eh, un leguleio DOC come te dovrebbe avere molte più possibilità di un povero “diversamente leguleio”:-) come me per trovare le sentenze della Kassazione. —

    Probabilmente sì… ma sai, siamo in Italia, tutto può succedere :D

    Z.

  26. utente anonimo says:

    Mah,

    a me sembra semplicemente che Ferrara abbia dato di testa, sperando in un misero quarto d’ora di protagonismo politico. Che per fortuna gli è stato sonoramente negato.

    Oh, naturalmente il primo metro di qualsiasi proposta politica in democrazia è il risultato elettorale, e ci mancherebbe altro. Ma qui sono convinto che Francesco volesse ironizzare nei confronti dei partitucoli del 2% :-)

    Z.

  27. utente anonimo says:

    per MT

    Ferrara ha valutato la guerra a Saddam (e i morti conseguenti) un MALE MINORE rispetto alla permanenza di Saddam al potere.

    Definire inesistenti le ragioi di quella guerra mi pare stupido, al pari di molta propaganda pro-guerra dell’epoca (ma la propaganda sa di essere stupida e disonesta).

    Il mio giudizio all’epoca era allineato a quello di Ferrara, col senno di poi devo riconoscere la maggiore saggezza e realismo della Chiesa Cattolica che vi si opponeva. E il genio della proposta di Pannella.

  28. utente anonimo says:

    Francesco, scusate mancava la firma

  29. RitvanShehi says:

    >Non credo che se Himmler avesse solennemente affermato l’umanità degli ebrei, questi sarebbero morti più contenti. MTB< Ehmmm…lungi da me l’intenzione di fare da avvocato di Himmler:-), ma non mi risulta che lui – o chi per lui nel III Reich – abbia mai dichiarato che gli ebrei non appartenessero alla specie Homo sapiens sapiens. Diciamo che li considerava “solo” una “razza inferiore”, nonché “nociva” della medesima specie. Ciao
    Ritvan Laureato In Scienze Biologiche (Medicina Veterinaria, per la precisione:-) ) e Storico Dilettante.

  30. utente anonimo says:

    Per Francesco (n. 27):

    L’argomento della necessità di rimuovere comunque Saddam Hussein è stato tirato in ballo dopo che si è tentato invano di presentarlo come responsabile dell’11/9 e in possesso di armi di distruzione di massa. Se vuoi, correggo senza problemi il mio “inesistenti” in “inconsistenti”. Contento? :-)

    Per Ritvan (n. 29): sul piano logico hai ragione (con la tua abitudine di spaccare il capello in quattro, oltre che uno storico, non sarai anche un barbiere dilettante? :-). E’ anche vero, però, che cominciare a introdurre differenze nella classifica dell’umanità spesso è il primo passo per escludere qualcuno dal campionato. Se vuoi, correggo senza problemi il mio “l’umanità degli ebrei” in “l’uguaglianza degli ebrei”. Contento? :-)

    Marcello Teofilatto

  31. utente anonimo says:

    P.S. Nel commento precedente, c’è una risposta a Francesco e una a Ritvan. Scusate, nella fretta non ho fatto due commenti separati. M.T.

  32. utente anonimo says:

    forse ricordo male ma credo che Ferrara fin dall’inizio fosse un avvocato della “ristrutturazione” del Medio Oriente, e che tollerasse le storie su contatti tra Saddam e terroristi islamici (peraltro provati, per quanto non decisivi) e sulle ADM (peraltro una certezza assoluta di tutti fino a quando non si invase il paese) consapevole del loro valore di “velo legale”.

    Resto dubbioso sul fatto che le cose NON sarebbero andate peggio in MO senza la guerra. Specie nel medio periodo.

    Però qui si esula dalle competenze di noi umani.

    Ciao

    Francesco

  33. utente anonimo says:

    Per Francesco (n. 32):

    >sulle ADM (peraltro una certezza assoluta di tutti fino a quando non si invase il paese).

    No. Una certezza assoluta ci sarebbe stata se fossero state trovate prima dell’invasione. La certezza assoluta fu stabilita invertendo l’onere della prova: dato che nessuno ha dimostrato conclusivamente che Elvis non è morto, allora è vivo :-).

    Saluti da M.T.

  34. RitvanShehi says:

    >P.S. Nel commento precedente, c’è una risposta a Francesco e una a Ritvan. Scusate, nella fretta non ho fatto due commenti separati. M.T.B.< Non accetto scuse, mi costringi alla coabitazione forzata con Francesco!
    Miguel, garrotalo!!!:-)

    >Per Ritvan (n. 29): sul piano logico hai ragione (con la tua abitudine di spaccare il capello in quattro, oltre che uno storico, non sarai anche un barbiere dilettante? :-).< No, sono professionista, seppur veterinario. Dico sul serio, almeno in senso veterinario. Siccome nosotros veterinari in genere non abbiamo tutti i sottopanza di cui dispongono i medici “umani”, in Facoltà (almeno in Albania s’usava) ci insegnavano anche a radere il pelo degli animali prima di fare prelievi o altri piccoli interventi. >E’ anche vero, però, che cominciare a introdurre differenze nella classifica dell’umanità spesso è il primo passo per escludere qualcuno dal campionato.< Oh, beh, anche la Chiesa lo dice a proposito dell’aborto legalizzato: lo considera l’anticamera della legalizzazione dell’infanticidio (e poi di altri eccidi). E tu non sarai affatto d’accordo con questa bieka interpretazione clericale, vero?:-) >Se vuoi, correggo senza problemi il mio “l’umanità degli ebrei” in “l’uguaglianza degli ebrei”. Contento? :-)< Abbastanza, grazie:-). Immagino Miguel lo sia molto di più:-) :-).

  35. utente anonimo says:

    Francesco,

    chi è che sarebbe stato convinto dell’esistenza di ADM in Iraq? Ferrara no di certo, tu neanche… dici che qualcuno ci ha creduto o come voi hanno finto di crederci? :-)

    Z.

  36. utente anonimo says:

    Non mi sono spiegato: tutti erano convinti che Saddam nascondesse parti del suo programma di ADM, compresi gli ispettori ONU che litigavano con Bush sul come fare le verifiche e su quanto Saddam stesse ubbidendo all’ONU.

    Io sono ancora basito nel vedere come quell’uomo ha accettato la propria fine piuttosto di perdere la faccia (meno che abbia accettato le sofferenze del suo popolo).

    Solo che c’erano motivi di più ampio ordine per intervenire (nella logica dei neo-con e della ristrutturazione del Medio Oriente). Motivi già validi nel 1991, quando sarebbe stato molto più facile agire in quel senso.

    Francesco

  37. utente anonimo says:

    Per Ritvan (n. 34):

    >Oh, beh, anche la Chiesa lo dice a proposito dell’aborto legalizzato: lo considera l’anticamera della legalizzazione dell’infanticidio (e poi di altri eccidi). E tu non sarai affatto d’accordo con questa bieka interpretazione clericale, vero?:-)

    No, infatti ho scritto “spesso”, non “sempre”. Credo però che sia vero che la legalizzazione dell’aborto possa (dico possa) diventare l’anticamera della banalizzazione (almeno a livello sociale, non di singola esperienza) di un evento che rimane comunque un dramma. La legge che in Italia lo ha legalizzato prevedeva anche misure di sostegno alla maternità che in larga parte sono rimaste sulla carta. Penso che si possa dire questo senza essere clericali.

    Marcello Teofilatto

  38. RitvanShehi says:

    >La legge che in Italia lo ha legalizzato (l’aborto-ndr) prevedeva anche misure di sostegno alla maternità che in larga parte sono rimaste sulla carta. Penso che si possa dire questo senza essere clericali. Marcello Teofilatto< Come minimo. Poi, io avrei anche un sacco di altre obiezioni da fare – anche in coincidenza con la querelle ONU-Vaticano sui diritti umani – ma non mi pare il caso….

  39. utente anonimo says:

    Per Ritvan (n. 38): ti segnalo questo post di Andrea Tornielli, vaticanista del “Giornale”:

    http://blog.ilgiornale.it/tornielli/2008/12/02/il-vaticano-e-la-depenalizzazione-dellomosessualita/

    Ciao da Marcello Teofilatto

  40. RitvanShehi says:

    Grazie Marcello!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>