Roberto Sandalo condannato per terrorismo islamofobo

Questo povero cretino, dieci anni… E Ferruccio de Bortoli è libero e strapagato.

QUASI 10 ANNI A ROBERTO SANDALO
/ANSA


ATTENTATI A MOSCHEE: QUASI 10 ANNI A ROBERTO SANDALO /ANSA DA PRIMA LINEA A AZIONI INCENDIARIE ANTI-ISLAM NEL MILANESE (ANSA) – MILANO, 5 NOV –

Accusato di tre omicidi compiuti negli anni ’70, quando era militante di Prima Linea, poi pentito storico che svelò agli inquirenti le trame del gruppo terroristico, in seguito rapinatore e infine fondatore del Fronte Cristiano Combattente, con l’idea di battersi contro l’integralismo islamico. Questo il profilo di Roberto Sandalo, negli Anni di Piombo Roby il Pazzo, che, proprio per l’ultima attività, che portava avanti compiendo attentati incendiari contro moschee e centri religiosi islamici a Milano, è stato condannato oggi a 9 anni e 9 mesi di reclusione.

Arrestato lo scorso aprile e detenuto nel carcere di San Vittore, si è presentato stamani per l’udienza preliminare davanti al gup Marco Maria Alma, con un giaccone scamiciato che portava ricamato sulla schiena uno scudo crociato rosso su fondo bianco, e con al collo un foulard tricolore. Il suo legale, Manuel Sarno, aveva chiesto il giudizio abbreviato e a Sandalo era stato concesso di rilasciare alcune dichiarazioni spontanee. Dichiarazioni nelle quali l’ex militante di Prima Linea, poi appunto passato su posizioni anti-islamiche, avrebbe sostenuto di essere vittima di un complotto, di essere ostaggio della Procura.

«Come può esistere la giustizia – avrebbe sostenuto nell’udienza a porte chiuse – in uno Stato che arresta patrioti come Nicolò Pollari (l’ex direttore del Sismi, imputato ma mai arrestato a Milano per il rapimento dell’imam Abu Omar, ndr)?».

Sandalo avrebbe anche denunciato di essere stato arrestato per gli attentati incendiari contro le moschee di via Quaranta e Segrate, «solo tre giorni prima delle elezioni, quando la Digos invece mi aveva già identificato da tempo».

Parlando al giudice, avrebbe anche accusato quelle persone di origine islamica che gli portano il vitto in carcere, responsabili, a suo dire, «di riempirlo di sterco di topo e di avermi causato tre infezioni».

Il pm Maurizio Romanelli aveva chiesto per lui una condanna ad otto anni e otto mesi, col riconoscimento delle attenuanti generiche, anche in virtù del fatto che Sandalo aveva collaborato durante le indagini, ammettendo la paternità di almeno cinque delle circa dieci ‘azionì anti-islamiche di cui era accusato. Il giudice Alma, però, condannandolo a 9 anni e 9 mesi (partendo da una pena base di 15 anni con rito ordinario), non ha riconosciuto le attenuanti ed ha applicato la recidiva infraquinquennale e l’aggravante di aver agito per motivi di odio razziale e religioso.

Maurizio Peruzzi, il perito chimico piacentino, suo amico, che fabbricava le ‘pipe-bomb’ per compiere gli attentati, ha invece patteggiato una pena di 4 anni di reclusione.

Tra le parti civili, ammesse nel procedimento, oltre alla Coreis (Comunità religiosa islamica), c’era anche l’associazione milanese Islamic Relief, la cui sede nel 2007 aveva subito un incendio e danneggiamenti. «Non ci può essere nessuna benevolenza nei confronti di un soggetto che delinque da trent’anni», è stato il commento alla sentenza del legale dell’associazione, Sandro Clementi. (ANSA). Y6N-TC 05-NOV-08 19:11 NNN

Print Friendly
This entry was posted in destre, islamofobia, Terrorismo realtà e mistificazione and tagged , , . Bookmark the permalink.

9 Responses to Roberto Sandalo condannato per terrorismo islamofobo

  1. utente anonimo says:

    Chissà quale Rossana Rossanda scriverà un “album di famiglia” nel quale compaiano tanto De Bortoli quanto Sandalo…

    Ora che ci penso potresti essere tu, Miguel! :-)

    Ciao da Marcello Teofilatto

  2. Vabbè, lo sappiamo che arrestano sempre i pesci piccoli, ma questo dovrebbe avere l’infermità mentale

  3. utente anonimo says:

    Su, su che gli è andata ben grassa a Sandalo.

    Anzitutto come pena base hanno preso il minimo edittale: 15 anni, ridotta a 10 per l’abbreviato.

    Poi, nonostante il mancato riconoscimento delle attenuanti generiche (che penso nemmeno San Francesco avrebbe preso in considerazione), la infraquinquennale e l’aggravante dell’odio razziale, gliel’hanno calata addirittura a 9 anni e 9 mesi. A meno che non mi sia sfuggito qualcosa, devono avergli riconosciuto qualche attenuante: sarei curioso di sapere quale.

    Z.

    PS: Alcuni dicono che S. Francesco non fosse un grande amante dei muSSulmani. Chissà, forse lui le generiche gliele avrebbe riconosciute :-)

  4. utente anonimo says:

    Non capisco perchè metterlo in carcere. É evidente ai meno acuti che sandalo è insano di mente.

    il saggio

  5. utente anonimo says:

    Saggio,

    andiamoci piano con la psichiatria on-line, eh :-)

    Che poi forse gli va meglio a star dentro. Non è che all’OPG siano rose e fiori.

    Z.

  6. falecius says:

    per Z. : S. Francesco era tanto amico dei musulmani quanto poteva esserlo all’epoca, e per la sua mentalità. Per lui erano comunque dei pagani.

  7. utente anonimo says:

    x falecius

    NO!!!

    I musulmani sono infedeli, non certo pagani.

    e nel medioevo nessuno avrebbe fatto confusione tra le due cose

    Francesco

  8. Tlaxcala says:

    Da leggere oggi

    [..] Su Kelebek Nizar Trabelsi o il Diritto Imperiale di Miguel Martinez Nei prossimi giorni, i tribunali del Belgio decideranno su un caso di enorme rilevanza per i diritti umani. Nizar Trabelsi, un tunisino di 38 anni, sarà forse deportato dal B [..]

  9. dragor alphandary says:

    Poiché l’islam è un’ideologia fascista (pensiero unico, eliminazione fisica dei dissidenti, ripudio della democrazia, imperialismo, discrimiazione sessuale, dittatura teocratica, razzismo), l’islamofobia è il primo dovere di ogni sincero democratico e di ogni amante della libertà. Ecco l’attenuante di Roberto Sandalo. Chi non l’ha riconosciuta è un servo dell’islam.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>