Trasversalità

Uno, la crisi economica mondiale è stata scatenata da finanzieri ricchissimi. Non è che sono cattivi. E’ che hanno fatto semplicemente e correttamente il loro mestiere, che era quello di  far soldi per se stessi e per chi affidava loro i propri risparmi. Il problema è che non c’era nessuna forza, nessuna autorità, nessun non finanziere a frenarli.

Due, il più ricco finanziere del mondo è un certo Warren Buffet. Anzi, l’uomo più ricco di tutto il mondo, secondo Forbes.

Tre, durante il dibattito pre-elettorale in televisione, alcuni giorni fa, Barack Obama e John McCain, dopo il rituale scambio di insulti, si sono trovati d’accordo su una sola cosa: entrambi ritenevano che Warren Buffet sarebbe stato il Ministro del Tesoro ideale per gli Stati Uniti.

Print Friendly
This entry was posted in USA and tagged , , , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Trasversalità

  1. 1) Mi pare una visione semplicistica. L’attuale crisi – da quel che mi pare di capire – è una crisi di sistema, il “credito facile” ha mandato avanti anche la classe media, per esempio ha consentito a quegli studenti che non erano in grado di dare garanzie di pagare costose università (indebitandosi). Magari bastasse silurare i manager avidi, come dite tu e Confalonieri.

    2) E’ il più ricco finanziere del mondo e quello che – nella sua filosofia di investimento – ha sempre tenuto conto del valore intrinseco e delle potenzialità dell’azienda. Diciamo che è un po’ più fuori dalla pratica “surreale” che crea le bolle speculative. Naturalmente questo non ne fa necessariamente un buon candidato al Tesoro.

    3) Scusa, ma non è affatto vero. Mc Cain ha parlato di candidare Buffett, Obama ha detto che l’uomo vale, ma che ci sono molti nomi interessanti. Entrando nel merito secondo Mc Cain bisognerebbe “cercare un uomo capace di dare fiducia alle persone”, secondo Obama bisognerebbe cercare un uomo che riconoscesse la necessità di sostenere le classi meno abbienti.

    http://www.agi.it/news/notizie/200810080758-cro-rt11005-art.html

    rosalux

  2. utente anonimo says:

    scusa rosetta, ma Buffett si è sempre presentato come attento ai meno abbienti. Pensa che ha avversato i tagli delle tasse di Bush (ovviamente solo per i più ricchi) dichiarandosi scandalizzato del fatto che la sua segretaria paga in proporzione più tasse di lui. Ergo quando Obama dice di cercare un uomo attento ai più poveri (e basta con l’ipocrisia del “meno abbiente” bieco eufemismo per non parlare di poveri), non sta dicendo no a Buffett.

    Giovanni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>