Riunione di condominio

Riunione di condominio.

La nuova amministratrice, accompagnata dal suo avvocato, ci spiega in dettaglio la rapina compiuta dall’amministratore precedente, il ragioniere M.

In pratica, il ragioniere M. e il suo amico, il geometra R., hanno rifatto tetto e facciata, a un prezzo molto superiore a quello di mercato, mentendo poi sistematicamente sulla qualità degli stessi lavori.

Questo non è un blog di pettegolezzi e di fattacci privati, quindi non vi sto a raccontare i dettagli, o perché i condòmini ci sono cascati: dico solo, a titolo esemplificativo, che il figlio del ragioniere M. è pure riuscito a farsi dare 5.000 euro per uno “studio di sicurezza” che consisteva in una semplice fotocopia di un altro studio di sicurezza, eseguito per un altro condominio.

La cosa interessante per i lettori, invece, è che gli avvocati della nuova amministratrice e del vecchio si sono incontrati e hanno discusso a lungo.

Il ragioniere M. è disposto a restituire circa metà del maltolto; il che vuol dire che il resto rimane in tasca a lui (e al geometra R.).

Infatti, non è per niente sicuro l’esito di una causa. Perché la causa si svolgerebbe sui capitolati dei lavori, e i capitolati li ha scritti proprio il ragioniere M. Non solo, pare che abbia anche riscritto a proprio comodo i libri dei verbali delle riunioni di condominio.

Quindi, lui possiede il potere di definizione; ha stabilito lui stesso le regole del gioco.

Ma anche se venisse condannato, pagherebbe la sua assicurazione. E il ragioniere M., che è uomo schietto, ha detto, sorridendo, “e così io me la caverei con i duecento euro l’anno che pago all’assicurazione“.

Tecnicamente non so cosa sia tutto ciò: forse niente.

Nella realtà non tecnica, è una rapina, un attentato alla proprietà di alcune famiglie, per un valore di diverse decine di migliaia di euro, cui va aggiunto il rischio – scoperto solo casualmente – che crolli il tetto.

E quindi?

Ora, mi capita ogni tanto di litigare con persone, secondo cui gli antirazzisti sosterrebbero (a) che gli italiani siano delinquenti e (b) che i non italiani siano santi. E quindi, dicono gongolanti, ecco dimostrato che gli antirazzisti sono i veri razzisti. Dai, sarà capitato anche a voi di averci a che fare con questa gente…

Io invece credo a una cosa completamente diversa, anche se so che in certe teste non entrerà mai.

Credo che la percentuale di profittatori senza scrupoli sia più o meno la stessa in qualunque popolazione del pianeta, e cioè parecchio alta. Penso che l’equivalente morale del ragioniere M. sia comune anche tra rom, statunitensi, ciadiani e cinesi.

Prendiamo il signor Tarzan, anima gemella rom del ragioniere M. Che vuole guadagnare anche lui dieci, venti, trentamila euro, con la stessa fatica con cui se li è guadagnati il suo compare spirituale italiano.

Già è fortuna se ha i nudi documenti con cui passare il confine.

Ventimila euro non si fanno, facendo i facchini precari e in nero ai mercati generali, come fanno i cugini di Tarzan.

Non si fanno nemmeno chiedendo elemosina per strada, come fa sua sorella, che deve anche mantenere quattro figli.

Ventimila euro si fanno solo usando gli stessi metodi del ragioniere M.

Solo che, a differenza del ragioniere M., Tarzan non scrive i capitolati (già la firma la fa a grosse lettere maiuscole). Non ha un’assicurazione. Non ha un computer e nemmeno un ufficio.

E non ha nemmeno i modi cortesi e sorridenti del ragioniere M. Probabilmente ha solo un paio di mani forti e due gambe agili.

E così il ragioniere M., statisticamente, rientra nella grande categoria degli Italiani che Lavorano.

E Tarzan, in quella degli Extracomunitari che Delinquono.

Secondo una serie di circostanze fortuite, Tarzan apparterrà certamente a uno di questi due sottogruppi:

1) Extracomunitario Delinquente che Non lo Arrestano Mai perché Qui Sono Tutti Buonisti.

2) Extracomunitario Delinquente in Carcere che Dimostra che i Delinquenti sono Tutti Extracomunitari.

Perché “delinquente”, ovviamente, vuol dire solo chi sfiora il carcere, o ci finisce dentro.

Print Friendly
This entry was posted in esperienze di Miguel Martinez, imprenditori and tagged , , , . Bookmark the permalink.

39 Responses to Riunione di condominio

  1. elio_c says:

    Sarei curioso di sapere come il ragionier M. abbia scientificamente valutato l’eventualità di prendersi un fracco di legnate. Mica è totalmente “razionale”, l’uomo.

  2. utente anonimo says:

    Però anche il sig. Tarzan, se si fa furbo, può utilizzare la sua fama di cattivo per fare un bel po’ di soldi legalmente.

    Anzi, qualcuno ci ha già pensato; si tratta di una truffa che ha funzionato diverse volte tra il veronese e il bresciano:

    degli stranieri regolari, marito e moglie (credo rumeni), si presentano all’ufficio vendite di una complesso residenziale per acquistare il loro appartamento, ancora in costruzione.

    Si presentano bene, e comunque l’impresario quando vede guadagno si dimentica di razza, colore, religione e aspetto. Firmano il preliminare e consegnano l’anticipo, in contanti, di trenta mila euro.

    A quel punto la casa è già di fatto loro. E infatti vi si stabiliscono, ma questa volta con una quarantina di amici e parenti, che bivaccano in bella vista all’aperto nella proprietà, con tanto di camper, tende, bambini, donne e denti d’oro.

    L’impresario si rende conto che non venderà mai più il resto degli appartamenti, ma non ci può far niente. E’ quindi costretto a rompere il contratto preliminare, restituire l’anticipo e pagare la penale del 100% dell’anticipo. Dà alla coppia sesssanta mila euro, e tutti se ne vanno felici e contenti.

    Quindi anche il Signor Tarzan può trasformare la sua debolezza in forza.

    Ale

  3. rubimasco says:

    fate fare una perizia sui lavori e fate causa al ragioniere (nonchè al geometra) per peculato. Che cavolo centra che i capitolati li ha scritti lui? Non è lui che ha il potere di definizione, siete voi che avete la voglia di prendervela in saccoccia, è diverso…..

    dal film “la banda degli onesti”:

    amministratore:-eh, ma in questo condominio fa caldo, troppo!

    portiere:-eppure veda dottore, la caldaia mangia e 120 quintali di carbone sono appena sufficienti….

    amm.:-ahahahaha….ma poi…ehehe…si dice 120….ehehe e si fa con novanta….e questo lo sappiamo noi! ehehehe

    port.:-signor ragioniere Casoria…ahahaha…questo…ehehe.al paese mio…ihihi…si chiama PECULATO.

    amm.:-eheheh…..COME ?!?!

    port.:-sì, PECULATO.

    amm.:-io non ho detto niente, eh….

    port.:-no? mi era parso….

    saluti

    Rubimasco

  4. fmdacenter says:

    In effetti sembrate un pò un parco buoi, come diceva una tizia chi si fa pecora trova sempre un lupo che se lo mangia.

    sarà una considerazione poco cristiana ma mi pare ben vera.

    ciao e fategli il culo

    Francesco

  5. utente anonimo says:

    pobrecito,pobrecito

  6. violetrouet says:

    farlie il culo?

    magari: sembrano tutti scordare che fino a che esita di fatto una causa, il segnore in questione ha fatto un bel po de altri guai..

    ben tutelato , non solo della lentezza della giustizia, ma della ben possibile prescripzione…

    Il culo?? agli onesti.. questo senza dubbi!

  7. utente anonimo says:

    “…chi si fa pecora trova sempre un lupo che se lo mangia.” Francesco

    O diventa santo come il tuo omonimo…

    Sardina.

    PS L’invito fategli il c… trovo che sia come dire? Molto poco attinente alla realtà!

  8. utente anonimo says:

    E va bene, vi racconto anche il mio caso;-))

    Vedo una casa, decido di comprarla, firmo un pezzo di carta che si chiama “Proposta d’acquisto” e lascio l’assegno di 5000 euro e aspetto, come stabilisce la legge, la controfirma ovvero, l’accettazione della proposta da parte del costruttore.

    Nella “Proposta” chiedo che sia aggiunta che i 5000 Euro sono a titolo di blocco della casa, ma che potranno essere considerati “Caparra confirmatoria” dopo l’accettazione e solamente nel caso dell’ottenimento del mutuo.

    Mi chiamo una mia amica dopo soli tre giorni e mi dice; “ma non avevi bloccato la casa”” , dico di si, e lei mi fa “ma questi stanno facendo vedere la casa ad altra gente, ci è andata una mia amica ieri e l’agenzia non le ha detto che quella casa era bloccata”!

    Chiamo l’Agenzia, si scusano e dicono che si è trattato di un errore!

    Avevamo stabilito 30 giorni di tempo per avere la risposta(accettazione) da parte del costruttore e altri 30 giorni per la risposta della banca per il mutuo, ma dopo solo 10 giorni, mi chiama il direttore della mia banca dicendomi; “è arrivato un assegno di 5000 euro per incasso” !

    Chiamo l’agenzia e chiedo spiegazioni, l’agente immobiliare dice; “io non so niente, ho lasciato la proposta e l’assegno alla segretaria del costruttore”, gli dico, dammi il numero del costruttore che ci parlo io, gli chiamo e mi trovo propria la segretaria che mi risponde; “noi abbiamo accettato la sua proposta”, le dico, “ma guardi che io non ho ancora ricevuto la proposta controfirmata da voi e poi, l’assegno poteva essere incassato solo dopo la conferma della mia banca per il mutuo” , e lei mi fa; “mi chiami domani che vado a controllare” !

    Beh, a questo punto, tra l’agenzia che fa vedere una casa bloccata e il costruttore che cercadi incassare i 5000 euro anzitempo, mi è arrivato la puzza della truffa.

    Ho chiamato il mio avvocato il quale, entro 24 ore ha chiesto ed ottenuto l’ordine del seguestro dell’assegno dalla magistratura.

    Ho portato l’agenzia in tribunale e , come mi ha suggerito il mio avvocato, ci ho messo tutto, anche la testimonianza dell’amica di mia amica che aveva visto la casa dopo la mia proposta.

    Ho chiesto i danni.

    Potevo andare avanti anche contro il costruttore ma mi sono fermato solo all’agenzia.

    Il costruttore è finito nei guai da solo per truffa, sempre per la stessa palazzina e l’agenzia ha chiuso per lo stesso motivo.

    “Brava” gente no?

    reza

  9. utente anonimo says:

    “””Credo che la percentuale di profittatori senza scrupoli sia più o meno la stessa in qualunque popolazione del pianeta, e cioè parecchio alta. Penso che l’equivalente morale del ragioniere M. sia comune anche tra rom, statunitensi, ciadiani e cinesi.”””

    Già. Ma non lo è tra i danesi, i norvegesi, gli svedesi, gli svizzeri. La percentuale di ragionier M. colà è molto più bassa.

    Cade quindi la tua teoria… purtroppo.

    la timida

  10. fmdacenter says:

    Sardina

    ho molta fiducia negli avvocati, e nella tenacia di Miguel.

    Di solito i truffatori italiani sono una razza debole e scadente, crescono in un ambiente troppo favorevole e la selezione naturale non agisce.

    Quindi li vedo vulnerabili ad un deciso contrattacco avvocatesco.

    Auguri

    Francesco

  11. utente anonimo says:

    Kel, tu sei stato telepatico.

    Leggendo i commenti di Franz , il quale riporta che dalle sue parti sono esasperati dalla delinquenza dei rom, tanto che starebbero per organizzarsi al fine di passare dalle parole ai fatti, mi sono venute in mente le tue stesse considerazioni.

    Quanti hanno avuto esperienze di italiani disonesti, quanti ne conoscono o ne hanno conosciuti personalmente ?

    Il tuo, Kel, non è un caso singolo, l’amministratore che si appropria indebitamente di somme del condominio ,o il commercialista delle somme dei clienti, è un evento sempre più frequente.

    Devo dire che i condomini non sono molto attenti alla gestione degli amministratori, e , per non avere fastidi, omettono di controlllare, lasciano fare, fino a che non scoppia

    il bubbone. Insomma, un poco è incompetenza, ma tanto è pigrizia.

    Reza ci riporta il caso, invece , della agenzie immobiliari, cui si possono aggiungere quelli delle agenzie automobilistiche o dei rivenditori di auto usate , delle agenzie di viaggio, delle agenzie di assicurazione , delle finanziarie.

    Vai nei negozi di elettrodomestici e scopri che , al prezzo scontato , non puoi pagare tutto in contanti subito, ma sei costretto a stipulare un contratto di finanziamento , che decorre a partire da qualche mese successivo all’ acquisto , naturalmente maggiorato di interessi e non si capisce che altro , supergarantito dallo stipendio : alla fine vai a spendere di più che a comprarlo non scontato e se per caso non va bene il prodotto, iniziano le rogne.

    Ti fanno credere che ti stanno agevolando, ma si stanno approfittando.

    Dove ti volti ti volti, avresti da discutere : con il professionista , con l’ idraulico, l’elettricista, l ‘imbianchino, il piastrellista. O il meccanico, l’elettrauto, che magari non ti fa fattura, ti dice che ti ha sostituito un pezzo con altro da lui acquistato nuovo e invece o non l’ha fatto o te ne ha messo uno strausato, naturalmente facendolo pagare come nuovo.

    Basta guardare mi manda Raitre, per constatare quante truffe e raggiri si consumino in Italia, ad opera di italiani. Lasciamo perdere i piani alti, le banche, le assicurazioni, le società telefoniche, i casi Parmalat e vari, anche nel piccolo l’italiano si arrangia . E poi è pieno esempiucci e con tutti bisognerebbe litigare :

    con il negoziante e con il supermercato, persino al mercato, dove ti espongono in prima fila la frutta più bella e tentano poi di rifilarti quella vicino alla bilancia, più scadente.

    Si può continuare per ore, passando dai postini che aprono la posta in cerca di assegni, ai falsificatori di tutto, agli addetti aeroportuali dei bagagli, fino ad arrivare agli appalti, ai finti corsi sovvenzionati, al riciclaggio dei rifiuti, al traffico di animali esotici, di droga, di armi, ma il punto è che la disonestà, dilaga, e non ci sono forze dell’ ordine, controllori, o magistratura in grado di porre freno : si accumulano i fascicoli, la cause durano anni, nel frattempo si spendono i soldi dell’avvocato e l’altro disperde i suoi beni , se mai ne ha di intestati.

    Conclusione, va bene definire ladri alcuni rom, che ti rubano il portafoglio, la pelliccia, i gioielli, ma perché non cominciamo a chiedere, per esempio, al notaio e alla banca mutuataria, prima del rogito, che ci faccia esattamente il conteggio di quanto andiamo a pagare finito l’atto , senza che magari ci si senta dire , come è successo, proprio alla firma, che c’è da pagare anche l’assicurazione sull’ immobile ? Perché non reclamiamo anche di fronte a certe reticenze, deviazioni, omissioni di informazioni tempestive e chiare ? Perché non riflettiamo su quanto sono “artisti” anche gli italiani : non conoscete nessuno che abbia denunciato all’assicurazione un sinistro, e nel danno all’auto abbia incluso magari il rimborso di una vecchia ” strisciata”? O che si sia portato a casa , sottraendolo , un bene del luogo dove lavora ? Certo, in questi casi non si dice che sono truffatori o ladri, ma che gli altri ” se lo meritano”, tanto anche le assicurazioni ” rubano” e i datori di lavoro ” danno una paga da fame “…

    E magari hanno ragione, perché per sopravvivere, o reagire agli abusi, agli approfittamenti altrui, a volte, bisogna proprio ” arrangiarsi”. Occupare i campi, vivere in mezzo ai topi, elemosinare con un cane, andare a rovistare nelle immondizie, appropriarsi nottetempo delle cose che dovrebbe ritirare l’Amsa, lasciate sulla strada, infilarsi in un cassonetto della Caritas, per prendere i vestiti, e rimanerci incastrata, morire, come è capitato ad una zingarella.

    Anche i rom, infine , si ” arrangiano”.

    Aurora.

    p.s. : devo avere capito male quello che hai scritto Kel, non credo proprio che l’assicurazione copra l’ex amministratore anche per i fatti costituenti reato

  12. utente anonimo says:

    Analisi immacolata e splendente_

    + + + +

    Qui, con grande gioia di Ritvan, a occhio e croce dev’essere l’unico post possibile dove avrei dei vaghi titoli per esprimermi_ Ho lavorato 10 anni in uno studio di Amministrazioni Beni Immobili_ Mestiere “di famiglia” si potrebbe dire, lo Studio l’aveva fondato mio nonno nel ’49_ A mio zio i clienti dicevano, lei ragioniere è caro, ma ha una trasparenza che ci garantisce che non ci potrebbe mai rubare i soldi di nascosto_ E in effetti mio zio dev’essere stato uno dei più cari a Firenze: tirava dei ceffoni di fatture da infarto_ Ma chi credete che si facesse frustare ogni giorno come un cane da slitta per garantire quella trasparenza e chiarezza – nella gestione dati, nell’ordine, nella quadratura, con la testa infilata dentro il PC?? Modestamente…

    No qui si scherza, ma per me sono stati 10 anni di frustrazione, vera, drammatica_

    Nel tuo caso Miguel, mi sembra si possano dire alcune cose_ Primo criterio: separazione delle cariche_ A meno di non fidarsi ciecamente, e non conoscere bene i tecnici, mai affidarsi al 100% all’Amministratore, o consanguinei, per i documenti tecnici – ma incaricare tecnici indipendenti che tutelino sempre di più il Condominio_ In quel caso, l’Amm. può aver imbambolato il Cond. dicendo che se faceva lui i capitolati si riparmiava tantissimo – ma i 5.000 € per il Piano di Sicurezza mi sembrano carucci_

    Poi, la causa avrebbe una vaga possibilità, ma chissà fra quanto, se venisse eseguita una perizia tecnica del Tribunale che accertasse che il lavoro non è conforme a quei capitolati e a quel Piano di Sicurezza_ Allora la posizione dell’Am. come tecnico sarebbe più debole_

    Invece la falsificazione dei verbali, se provata, dovrebbe essere un atto gravissimo – assimilabile alla truffa_ Chiedo consulenza agli avvocati che di solito bazzicano qui_

    Comunque il caso è allucinante, ben oltre la media degli intrallazzi che poteva combinare l’amministratore mariuolo medio_

    + + + +

    Ma a parte lo sfogo nostalgico e gigione, devo dire che la tua analisi è fenomenale e concretissima_

    L.M.

  13. Timida, in tutto contano le esperienze personali. Un mio amico giordano, che non era mai stato in Europa,ci viene per la prima volta tre anni fa, per lavoro. Destinazione Danimarca. Primo giorno di affari,deve incontrare un danese per lasciargli un anticipo di tremila euro. Abituato alla tranquillità della Giordania se li porta in contanti in uno zaino, va a prendere la metro, mentre sta salendo un tizio da dietro gli strappa lo zaino dalla spalla e scappa…Andati tremila euro, passaporto e biglietto aereo. Una settimana tra ambasciate e consolati per poter rientrare ad Amman. Se ora gli dici “Europa” gli si rizzano i capelli in testa, per lui europei=criminali! Danesi inclusi!

  14. controlL says:

    Non voglio neppure parlare di quella follia pura che sono i condomini e la loro amministrazione. La prossima società, o non cambierà niente, sarà antidemocratica perché alla stupidaggine “la legge è uguale per tutti”, col sinistro corollario che “la legge non ammette ignoranza”, metterà come unico articolo di “legge”: “l’ignoranza non ammette la legge”. p

  15. involuzione says:

    solo una notarella per La timida… prendo in considerazione solo gli svizzeri tra quelli da te citati e ti consiglio caldamente di toglierli dall’elenco. dai retta … sono solo meno per quanto riguarda la popolazione totale del paese (vuoi mettere 7 e qualcosa milioni di abitanti, contro i 59,2 e rotti dell’Italia?). Scontato, lampante, evidente, limpido, trasparente (basta così?) che le percentuali siano inferiori … O la tua di teoria, è quella che bisogna credere ancora alle favolette propinate sui paesi dove tutti sono buoni, onesti e generosi? ma per piasè. (te lo dico in ticinese, così sai che so di cosa parlo. io)

    Buone cose.

  16. involuzione says:

    E così il ragioniere M., statisticamente, rientra nella grande categoria degli Italiani che Lavorano. Ed è fatto quasi certo (statisticamente parlando) che rientra pure nella categoria degli Italiani che sono scandalizzati perchè Tarzan (e tutta la sua razza), entrano in quella degli Extracomunitari che Delinquono (e noi che siamo brava gente, MA NON RAZZISTI, quelli non li vogliamo. nonono)

  17. RitvanShehi says:

    >Perché non riflettiamo su quanto sono “artisti” anche gli italiani..Aurora< I Padri, Nonni, Bisnonni, Trisavoli Italici ecc., ecc. protestano dalle loro tombe…ah, no, mi sono sbagliato, falso allarme, non protestano, perché hanno appreso che a dire queste cose è una loro diretta discendente, non uno arrivato sul gommone:-)
    Ciao

    Ritvan

    P.S. Stranamente:-) sono d’accordo sul resto. Con una piccola aggiunta. Sono le permissive leggi italiche, nonché i tempi biblici della giustizia e l’interpretazione “buonista” che certi giudici danno alle truffe commesse da “soggetti deboli” che alimentano la proliferazione di truffe, frodi, malversazioni, peculati e quant’altro.

    P.S2 x Miguel.

    La rapina è un’altra cosa.

  18. RitvanShehi says:

    >Non voglio neppure parlare di quella follia pura che sono i condomini e la loro amministrazione. La prossima società, o non cambierà niente, sarà antidemocratica…p< Nel senso che il Compagno Comandante del Condominio quando piove dal tetto telefonerà a Mosca per chiedere:”Compagno Commissario del Popolo Dei Condomini, nel nostro condominio piove dentro: abbiamo il permesso di aprire gli ombrelli, finché nel prossimo Piano Quinquiennale sarà stabilito chi, come e quando eseguirà le dovute riparazioni?”:-) :-)

    Ciao

  19. RitvanShehi says:

    x #13.

    Sicuri-sicuri, fratello, che lo strappatore di zaini fosse un danese-danese?

  20. RitvanShehi says:

    >Qui, con grande gioia di Ritvan, a occhio e croce dev’essere l’unico post possibile dove avrei dei vaghi titoli per esprimermi_LM< Non vedo perché dovrei gioirne:-): infatti, nun me ne po’ frega’ de meno:-).
    Ciao

  21. RitvanShehi says:

    >gli svizzeri ….sono solo meno per quanto riguarda la popolazione totale del paese (vuoi mettere 7 e qualcosa milioni di abitanti, contro i 59,2 e rotti dell’Italia?).Scontato, lampante, evidente, limpido, trasparente (basta così?) che le percentuali siano inferiori … involuzione< Ehmmm…io temo, caro amico, che il tuo concetto di “percentuale” sia un po’…come dire…ah, ecco, un po’ “involuto”.
    Te lo spiego con un piccolo esempio ipotetico:

    - Se la Svizzera, paese poco popoloso rispetto all’Italia, ha in tutto, chessò, 50 mila amministratori di condominio;

    - Se l’Italia ne ha, invece, 500 000;

    - Se in Isvizzera vengono denunciati ogni anno per fatti simili a quelli raccontati da Miguel, chessò, 10 amministratori;

    - Se in Italia ne vengono denunciati 500;

    Orbene, la PERCENTUALE degli amministratori svizzeri disonesti risulta dello 0,02%, mentre tale PERCENTUALE dei colleghi italici

    risulterebbe dello 0.1%.

    Ovvero, ben 5 VOLTE maggiore di quella dei colleghi svizzeri.

    A prescindere dalla popolazione dei rispettivi paesi.

    Non so se mi sono spiegato.

  22. utente anonimo says:

    Non confondiamo :

    io non sto parlando della tradizione italiana, ovvero, non sto dicendo che gli adulti italiani contemporanei hanno appreso la disonestà dai loro padri , o nonni, o bisnonni. Lasciamoli in pace, gli avi.

    E invito anche a non fare di ogni erba un fascio, anzi un fascione, per poi magari dire che i fascistoidi sono gli altri.

    Aurora.

  23. utente anonimo says:

    OK.

    Ammetto di aver esagerato e me ne scuso.

    Se penso che sono approdato su questi lidi,saran tre anni, cercando con google articoli critici sulla Fallaci,non potendone più delle sviolinate dei media ufficiali a quella vecchiaccia livorosa e insopportabilmente razzista ,e poi ho finito per litigare con l’autore stesso del sito/blog quasi accusandolo di razzismo…

    Il fatto è che,sopratutto per reazione all’ambiente in cui sono cresciuto,non appena sento puzza di buonismo/terzomondismo et similia divento un pò(troppo) aggressivo, dimenticando anche quel minimo di bonton necessario per portare avanti un vero confronto.

    Forse ho un olfatto troppo sensibile perchè quella puzza mi capita di sentirla anche dove,ripensandoci ,non ce n’era affatto.

    A mia parziale discolpa posso solo dire che anch’io ho subito l’arroganza dei “padroni del discorso”,quelli che hanno il “potere di definizione”,per usare due espressioni care al nostro ospite,che stroncavano con spocchia e arroganza pensieri e opinioni magari un pò estremi, ma assolutamente normali in un normale adolescente ,e che spesso eran soltanto tentativi di capire qualcosa in più rispetto a quel che la “linea ufficiale” offriva .

    Comunque, per l’ultima volta, provo,anzi devo, ribattere ai concetti citati nel post,perchè,pur non essendone orgoglioso, è in ogni caso il primo a me dedicato nella mia carriera d’internauta( anche se non fa il mio nome, mio malgrado mi ci riconosco) .

    Allora:non considero affatto gli antirazzisti come i “veri” razzisti.Soltanto non sopporto la loro ostinazione nel vedere e nel denunciare razzismo e discriminazione solo da una parte,la “nostra” parte,qualunque cosa essa sia .

    E nemmeno sopporto altresì il loro giustificare e/o trasformare in qualcosa di più “soft” con alchimie storico/linguistiche che manco un gesuita s’ inventerebbe , il razzismo (naturalmente quello “discriminatorio”, che quando non l’ho specificato mi è stato risposto più o meno:”quello però non è vero razzismo perchè non c’è discriminazione e dunque”…) di una parte di quelli che, in un precedente commento, definii “poveri e scuri” .

    E tra i “ragionieri M” e i “signori Tarzan” di questo mondo,a mio modesto avviso, la differenza è che i primi non ti vengono a cercare mentre te ne stai tranquillo in casa tua o passeggi beatamente per la strada,come fanno,con intollerabile arroganza e impunità,i secondi.

    Evitare i ragionieri M cioè,è un fatto che dipende anche dalla mia volontà;per evitare i signori Tarzan invece,la mia volontà non conta nulla,conta solo la loro.

    Differenza che non mi è mai parsa tanto piccola.

    In ogni caso per un (bel)pò,almeno finchè non sarò sicuro di poter dominare la rabbia che mi prende quando sento/leggo certi discorsi ,non interverrò più sugli argomenti razzismo/rom/immigrazione clandestina/delinquenza/sicurezza(urca quanti) e mi ritiro in buon ordine.

    Franz

  24. utente anonimo says:

    …il bello della verità é che é palese allora puo permettersi il lusso di nascondersi, ma poi la sua evidenza riappare…i veri razzisti sono i razzisti e quelli che pur pensando di non esserlo si comportano come tali, accettando di fatto, tutte le discriminazioni che esistono attorno a noi. Gli antirazzisti autentici esistono, e sono quelli che condividono il sangue, il sudore, il grido di speranza/dignità di tutti gli esclusi/oppressi e quando incontrano un Tarzan sono felici di essere disturbati, perché quel disturbo é un po di amore, quel disturbo é umanità.Quando incontrano un Rom, gli fanno un sorriso e cercano di aiutarlo. Il sentirsi superiori é un modo di essere inferiori, il sentirsi non ladri é un modo di essere ladri. Detersivo approssimativo della cosidetta coscienza che coscienza non é…l’individuo che é costretto a rubare, non é il vero ladro. Il vero ladro é colui che ruba l’altrui dignità, come se niente fosse, il vero ladro é colui che ‘costringe’ l’altro a rubare per poter dire dall’alto della sua ‘innocenza/colpevole': tu sei ladro.,mentre é vero il contrario. E potrei aggiungere insieme a Gesù: chi di voi é senza peccato scagli la prima pietra!” ogni Rom che gira per strada é Gesù, ogni Zingara-gipsy é Maria, li ospitate o no??? fate un po voi…non ci sono due verità, ce n’è una sola! ciao…wadhuda…ops!!!!!

  25. RitvanShehi says:

    >ogni Rom che gira per strada é Gesù, ogni Zingara-gipsy é Maria, li ospitate o no??? wadhuda…ops!!!!!< Come diceva una vecchia battuta: “vai avanti tu, che a me viene da ridere”:-)
    Ciao

    Ritvan

  26. Si si,era danese danese, biondo biondo,bianco bianco. Comunque questa della Danimarca senza crimine è una grande bufala! Anni fa un ragazzo napoletano di ingegneria venne accoltellato mentre era lì per l’erasmus. Non so gli altri paesi nordici come se la passano…

    Beduino

  27. utente anonimo says:

    Ragazzi, via, certo che c’è un paese dove non esiste delinquenza e sono tutti onesti_

    E’ Neituoisognidirimbambitoforsebiancolandia_

    E forse, a sentire Speroni, anche Cernusco sul Naviglio_

    L.M.

  28. utente anonimo says:

    C’è un piccolo esperimento scientifico che possiamo fare, chiunque, sul razzismo – e sulla sua radice innanzitutto culturale_

    Lo si può fare prendendo una notizia a caso dall’Ansa di adesso_

    http://www.ansa.it/opencms/export/site/visualizza_fdg.html_69602102.html

    Poi si va in un ambiente qualsiasi, a nostra scelta: lavoro, università, autobus, parrucchiere, …

    La si racconta e si guarda che commenti produce nella cosidetta “gente comune di riferimento”_

    Poi si fa lo stesso in un altro ambiente a caso, dicendo però che il gas è esploso in un ristorante, per esempio, cinese – o peggio ancora, arabo, o pakistano_

    E si guarda che commenti produce in quest’altro caso_

    L.M.

  29. kelebek says:

    Per Franz n. 23

    Ti ringrazio molto del tuo commento: apprezzo doppiamente chi sa riguardare criticamente le proprie affermazioni. Ed è vero che il mio post nasce da una riflessione sul tuo commento; una riflessione spero non troppo aggressiva.

    Qualche commento sparso, comunque:

    1) Qualunque cosa si possa pensare dei terzomondismi (nelle loro versioni cattolica e marxista), essi sono oggi morti, nel senso che incidono pochissimo sulla società.

    Restano in piedi due possibilità: la cultura dello “sviluppo sensibile”, l’ecologismo planetario alla Al Gore;

    e, dalla parte opposta, quello che potremmo chiamare il sostegno alle resistenze, cioè il sostegno alle maniere in cui i popoli stessi scelgono di resistere.

    2) Non ho raccontato tutta la vicenda del condominio, perché questo non è un blog di pettegolezzi personali. Comunque,

    - non l’ho affatto scelto io (è stato presentato al condominio dal padrone di un altro appartamento, che se ne stava andando via e che presumo fosse in combutta con lui)

    - mentre Tarzan avrebbe dovuto buttare giù la porta, rischiando anni di carcere, per entrare a casa mia, il ragioniere M. è entrato sorridendo in casa mia e ha compiuto in casa mia una delle sue rapine, presentando i conti

    - possiamo essere sicuri che Tarzan, se potesse fare le cose in maniera più soft, le farebbe.

    Mica si diverte a rischiare. Si diverte a fare i soldi.

    Miguel Martinez

  30. kelebek says:

    Per Wadhuda n. 24

    Veramente in Spagna, i Rom raccontano di essere i discendenti di uno che avrebbe preso in giro Gesù, mentre veniva portato alla croce.

    I Rom hanno quindi su di sé un segno di sacralizzazione – una colpa, che però stanno espiando, cosa che li trasforma in pellegrini; e i pellegrini devono in qualche modo essere mantenuti dalla comunità.

    E’ la giustificazione teorica della mendicità, dentro un quadro di riferimenti che oggi risulta difficilmente comprensibile, ma era pienamente sensata nella cultura spagnola di appena qualche decennio fa.

    Miguel Martinez

  31. RitvanShehi says:

    >Veramente in Spagna, i Rom raccontano di essere i discendenti di uno che avrebbe preso in giro Gesù, mentre veniva portato alla croce. Miguel Martinez< Ehmmm….non è che si trattasse per caso dell’altro ladrone crocifisso, quello che non fu invitato in Paradiso?:-)
    Ciao

    Ritvan

    P.S. Ohè, non è che per caso anche i rom chiedono – in virtù di cotal discendenza – di avere adesso un loro Stato in Palestina, eh, che già ci son troppi casini laggiù anche senza di loro!:-)

  32. Credo che Gesù sia stato schernito da più di una persona. La cosa strana è che esista gente che, a quanto so si dichiarano cristiani, ma non si schifano di discendere da uno siffatto. certo così non ci aiutano molto a superare i pregiudizi…

  33. kelebek says:

    Per Ritvan n. 31

    Casomai, qualche Rom – molto isolato – rivendica uno stato Rom nel Kosovo.

    Idea che mi trova, ovviamente, contrario.

    Miguel Martinez

  34. RitvanShehi says:

    >Per Ritvan n. 31 Casomai, qualche Rom – molto isolato – rivendica uno stato Rom nel Kosovo. Idea che mi trova, ovviamente, contrario. Miguel Martinez< Ovviamente. Perché probabilmente ricordi la battuta(ccia) che valse a Grillo l’ostracismo dalla TV ai tempi di Craxi. Che era questa:
    Durante una visita ufficiale in Cina, Martelli chiede a Craxi:”Scusa, Bettino, ma se qui – come ci dice la guida – sono tutti socialisti, allora a chi rubano?!”:-)

    Ciao

  35. utente anonimo says:

    Basandomi solo su quel che scrivi – ma naturalmente bisognerebbe saperne di più – mi sembra che una querela per truffa, falso e appropriazione indebita ci potrebbe pure stare (il peculato naturalmente no).

    Detto questo, il fatto che l’amministratore precedente abbia scritto lui stesso i capitolati perché dovrebbe impedirvi di verificare la corretta esecuzione dei lavori, ed eventuali artifizi e raggiri da lui messi in atto?

    Ancora: l’amministratore avrà pure falsificato i verbali, ma è possibile che nessuno dei condomini abbia pensato di conservarne copia?

    Infine – nel caso, su Imola esistono anche altri avvocati ;-)

    Z.

    p.s.: p., perché è sbagliato prescrivere che la legge dev’essere uguale per tutti? io non capire! ;-)

  36. afroitaliani says:

    Vi giro questo

    Newsweek del 5 ottobre

    scorso ha riportato in un eccellente articolo il razzismo

    istituzionale italiano che colpisce i Rom (articolo insabbiato e ignorato colpevolmente

    dai media nostrani)

    Vi invito a leggerlo qui:

    http://www.newsweek.com/id/42398/output/print

    e a far circolare il più possibile

    l’articolo di Newsweek attraverso il web

    grazie

  37. utente anonimo says:

    per Miguel n°30… in un modo o nell’altro su questa terra e forse anche nell’universo siamo tutti pellegrini, in più ogni istante per vivere elemosiniamo l’ossigeno e la “purezza” dell’aria, la solidarietà degli altri ecc. l’elemosina é un ‘sacramento’ (bussate vi sarà aperto) una chiave di volta per aprire lo scrigno della vita. Non a caso sulle strade d’oriente e su tutte le strade del mondo, maestri spirituali possono essere travestiti da mendicanti, per insegnare alla gente la generosità. I sadhu indiani con il loro corpo nudo ricoperto di cenere vivono di elemosina i monaci buddhisti vivono di elemosina x portate sulla terra vibrazioni di amore-generosità perché é in questo amore che c’é la barakat o benedizione. Chi sfama la gente chi ci sfama tutti é Colui che sfama tutti gli uccelli del cielo e noi dobbiamo far circolare la ricchezza che Lui ci da, non é una storia fine a se stessa é una storia di Amore se non entriamo in questa sfumatura di luce in questa tonalità di comportamento siamo degli approfittatori irriconoscenti. Nell’islam l’ospitalità é sacra, accogli ogni straniero come se fosse Dio …cosi ci insegano i saggi…ciao wadhuda…ops!!!

  38. diogneto says:

    grande post che apre una discussione seria sul termine delinquente… ma quanto ha ragione!!!

  39. MattBeck says:

    Bellissimo post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>