Frammenti fiorentini

Uno

Un uomo, una donna, un bambino.

L’uomo dice:

"Il casino di questi zingari! L’hai visto alla televisione ieri?"

Il che ci dice più o meno tutto ciò c’è da dire sul rapporto tra razzismo e media.

Due

La chiesa di Santa Margherita in Santa Maria dei Ricci è il regno di Padre Roberto Tassi, un rumoroso amico personale sia di Oriana Fallaci che della Maga Lisistrata.[1]

Nelle foto, potete vedere Alessandro Manocchia, imprenditore imolese, mentre onora con il "Premio Oriana Fallaci" Don Roberto Tassi e Adriana Bolchini Gaigher. A scanso di equivoci, e nel rispetto dei diversi ruoli, il prete néoconnard è quello in alto, la cartomante e astrologa néoconnarde è quella in basso. 

manocchia-tassi Maga-lisistrata

Passavo ieri proprio davanti alla chiesa di Don Roberto Tassi. L’ingresso era tappezzato come sempre di manifesti contro l’Islam.

Poi ho visto entrare un transessuale, spalle robuste, pantaloni e giubbotto jeans aperto sul prosperoso seno, capelli corti e tinti e il viso tirato e preoccupato. A ricordare, forse, che il Buon Dio non è proprietà di nessuno. Nemmeno di Don Roberto Tassi.

Tre

Volantino dell’Associazione Italia-Messico di Firenze:

"L’Associazione non ha scopo di lucro… favorire la conoscenza delle culture di tutti i popoli nativi ‘americani’ in particolare quello azteco… e in particolare sulla base dei principi fondamentali della filosofia Macrobiotica secondo l’insegnamento di Georges Ohsawa e l’interpretazione di Mario Pianesi".

Gli Xoloitzcuintli erano macrobiotici?

Nota:

[1] Sul suo blog, la néoconnarde giustamente precisa,

"A loro rode molte che una parapsicologa sia riuscita a diventare giornalista ed essere stimata e valutata da chi la conosce. Che ci posso fare se sono più intelligente e operosa di loro?  Mi debbo castrare per farli sentire felici? "

Noi, invece siamo felici proprio così.

Print Friendly
This entry was posted in destre, Il clan dei fiorentini, Messico, newage, spiritualismo e neospiritualismo and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

15 Responses to Frammenti fiorentini

  1. PinoMamet says:

    Oddio, non credo che il frybread rispetti i principi macrobiotici (è stato accusato di favorire il diabete dei nativi americani, già predisposti geneticamente) ma se non altro ricorda un po’ la torta fritta delle mie parti, almeno a livello “estetico” (non mi pronuncio sulle ricette).

    Ciao!!

  2. utente anonimo says:

    VERSIONE CLASSICA:

    OMISSIS

    (La sapete tutti, no?)

    VERSIONE AGGIORNATA AL 2007

    La formica lavora tutta la calda estate; si costruisce la casa e accantona

    le provviste per l’inverno.

    La cicala pensa che, con quel bel tempo, la formica sia stupida; ride,

    danza, canta e gioca tutta l’estate.

    Poi giunge l’inverno e la formica riposa al caldo ristorandosi con le

    provviste accumulate.

    La cicala tremante dal freddo organizza una conferenza stampa e pone la

    questione del perché la formica ha il diritto d’essere al caldo e ben

    nutrita mentre altri meno fortunati come lei muoiono di freddo e fame.

    Santoro la ospita nel suo programma e dà la colpa a Berlusconi.

    Il portavoce di Rifondazione Comunista parla di una grave ingiustizia

    sociale.

    Rai 3 organizza delle trasmissioni in diretta che mostrano la cicala

    tremante dal freddo nonché degli spezzoni della formica al caldo nella sua

    confortevole casa con la tavola piena di ogni ben di Dio.

    I telespettatori sono colpiti dal fatto che, in un paese così ricco, si

    lasci soffrire la povera cicala mentre altri come la formica vivono

    nell’abbondanza.

    I sindacati manifestano davanti alla casa della formica in solidarietà

    della cicala mentre i giornalisti di sinistra organizzano delle interviste

    e si domandano perché la formica è divenuta così ricca sulle spalle della

    cicala ed interpellano il governo perché aumenti le tasse della formica

    affinché anch’essa paghi la sua giusta parte.

    Alla pacifica manifestazione partecipano anche i centri sociali che

    bruciano alcuni alberi del bosco e le bandiere di Israele e degli Stati

    Uniti.

    In linea con i sondaggi il governo Prodi redige una legge per l’eguaglianza

    economica ed una (retroattiva all’estate precedente) anti discriminatoria.

    Visco e D’Alema affermano che giustizia è fatta, Mastella chiede una legge

    speciale per le cicale del sud.

    Di Pietro chiede l’apertura di una inchiesta su Berlusconi.

    Le tasse sono aumentate e la formica riceve una multa per non aver occupato

    la cicala come apprendista, la casa della formica è sequestrata dal fisco

    perché non ha i soldi per pagare le tasse e le multe: la formica lascia il

    paese e si trasferisce in Liechtestein.

    La televisione prepara un reportage sulla cicala che, ora ben in carne, sta

    terminando le provviste lasciate dalla formica nonostante la primavera sia

    ancora lontana.

    L’ex casa della formica, divenuto alloggio sociale per la cicala, comincia a

    deteriorasi nel disinteresse della cicala, del governo e dei sindacati.

    Sono avviate delle rimostranze nei confronti del governo per la mancanza di

    assistenza sociale, viene creata una commissione apposita con un costo di 10

    milioni di euro. La commissione tarda ad insediarsi per la lite furibonda

    sviluppatasi all’interno della sinistra per la divisione delle poltrone.

    Intanto la cicala muore di overdose mentre la stampa evidenzia ancora di più

    quanto sia urgente occuparsi delle ineguaglianze sociali; la casa è ora

    occupata da ragni immigrati.

    Il governo si felicita delle diversità multiculturali e multirazziali del

    paese così aperto e socialmente evoluto.

    I ragni organizzano un traffico d’eroina, una gang di ladri, un traffico di

    mantidi prostitute e terrorizzano la comunità.

    Il partito della sinistra propone quindi l’integrazione perché la

    repressione genera violenza e violenza chiama violenza…

    A QUESTO PUNTO MI DOMANDO: QUANDO INTERVIENE IL “GRILLO” ?

    ________________________________

    Martin Mystere

  3. controlL says:

    Che un poveraccio possa “organizzare una conferenza stampa”, ce li vedo i giornalisti a frotte, poteva venire in mente solo a te.p

  4. p m’ha fregato il commento.

    Per cui sottolineo, invece, la seconda enormità:

    Prodi redige una legge per l’eguaglianza economica

    Massì.

    Eri

  5. utente anonimo says:

    Non c’è male come percorso_

    da Machiavelli a Padre Tassi – da Ferragamo a Cavalli – da Albertazzi a Pieraccioni – da Michelucci a Cioni – da Beatrice alla Maga Lisistrata_

    Se non è decadenza questa!!!

    Anzi, è uno scavare tane sottoterra come ratti impauriti e voraci_

    + + + +

    Miguel – meravigliosa la digressione sul Xoloitzcuintli e sull’ “escuincle” – sulla sua origine per “squinzia” ti darei un 14 per fantasia e un -7 per probabilità (scherzo) – è un’idea bellissima, che vorrei fosse vera e si meriterebbero di esserlo solo per meriti estetici – come Sabrina Salerno meritava di essere Presidente del Consiglio_

    Ma davvero “chavo” deriva da una parola Rom che vuol dire bambino – quindi “el Chavo del ocho” ??…

    Estatico_

    L.M.

  6. utente anonimo says:

    E c’entra quindi anche che el Chavo sia un orfanello di strada, o dicevano ‘chavo’ a tutti i ragazzini ??

    L.M.

  7. kelebek says:

    Per L.M. n. 5

    Se vai nei commenti di quel vecchio post, troverai una serie di digressioni molto interessanti sul tema di “chavo”.

    Miguel Martinez

  8. Martin, bel raccontino. Dimostri di conoscere l’arte di saper esprimere i concetti per immagini (arte nobile, purtroppo ormai quasi andata persa – resiste solo grazie ai contirubuti del Martinez e di pochi altri).

    Solo una cosa: ma se la formica era così ricca come mai non ce la faceva a pagare le tasse?

  9. kelebek says:

    Le cicale di Martin Mystere sono anche persone che hanno lavorato per trent’anni in fonderia.

    Miguel Martinez

  10. e che dire dei risparmi volatilizzati col caso parmalat o simili, in quel caso la colpa di aver gettato nella miseria povere formichine non è esattamente dei sindacati.

    sembra che il capitalismo debba essere inteso in maniera più complessiva al giorno d’oggi

  11. controlL says:

    Solo ora m’è caduto l’occhio sulla magnifica frase dietro il duo di “lifekeeping”. A me è rivenuta in mente la frase della sibilla citata da me in altro post in contrapposizione alla fallaci: ho voglia di morire. Naturalmente, che comunista sarei, io sto con la morte e la sibilla contro la vita o la vita mantenuta, per riprendere la loro frase.p

  12. utente anonimo says:

    Ode alla Cicala

    Ma che fine hanno fatto le lucciole?

    Uccise dall’inquinamento o dai draghi…così pensava la cicala mettendosi a posto i pantaloni prima di prendere il tram in una calda sera di settembre..speriamo faccia sempre caldo così non avrò altre bollete da pagare..c’ho venti euro in tasca..quasi quasi mi sparo una pizza…sì me la sparo..sarebbe meglio morire d’overdose se avessi i soldi per bucarmi o sniffare droghe…sono una cicala atipica…non ho mai una lira mica perchè li ho spesi ma proprio perchè non li presi…ma tutti noi poveri siamo cicale e siamo per forza di sinistra…se so tram non arriva presto mi piscio addosso..che cazzo fa quel cretino in mezzo alla strada..con quel SUV targato Principato di Monaco…quelo è un risparmiatore si vede..una formichina..il SUV lo avra preso sicuramente risparmiando sullo zucchero a velo nel panettone…mah…

    Marcellus

  13. falecius says:

    Miguel, ho inviato la tua paretimologia di squinzia al dizionario di slang.

  14. RitvanShehi says:

    >la formica lascia il

    paese e si trasferisce in Liechtestein. Martin Mystere<
    Manca una “n” nel nome del Principato, ma si sa che nel Paese delle cicale & formiche la geografia è un optional.

    >Intanto la cicala muore di overdose….la casa è ora

    occupata da ragni immigrati…..I ragni organizzano un traffico d’eroina, una gang di ladri, un traffico di

    mantidi prostitute e terrorizzano la comunità.< La COMUNITA’???!!! Ecched’è?? Vediamo bene i personaggi descritti nella storiella: oltre ai succitati ci sono in ordine rigorosamente di apparizione:
    -Santoro (nel ruolo di Santoro)

    -Berlusconi (nel ruolo di Berlusconi)

    -portavoce di Rifondazione Comunista (nel ruolo di portavoce di Rifondazione Comunista)

    -Rai 3 (nel ruolo di…TeleKabul)

    -I telespettatori (nel ruolo dei telespettatori)

    -I sindacati (nel ruolo dei sindacati)

    -I giornalisti di sinistra (nel ruolo dei giornalisti di sinistra)

    -Il governo (nel ruolo del governo)

    -I centri sociali (nel ruolo dei centri sociali)

    -Visco (nel ruolo di Dracula)

    -D’Alema (nel ruolo di D’Alema)

    -Mastella (nel ruolo di Mastella)

    -Di Pietro (nel ruolo di Di Pietro)

    -La televisione (nel ruolo della televisione)

    -Una commissione apposita con un costo di 10 milioni di euro (nel ruolo di una commissione…ecc.,ecc…)

    -La sinistra (nel ruolo della sinistra)

    -La stampa (nel ruolo della stampa)

    Fine. O ‘ndo cacchio era nascosta ‘sta benedetta COMUNITA’ (ovviamente nel ruolo della COMUNITA’)??? Ce la tenevi nascosta sotto una delle tre campanelle, eh, briconcello (ma prima non facevi, invece, il gioco delle tre carte tu?). No, perché se la COMUNITA’ fosse composta – togli formica emigrata e cicala defunta- solo dai personaggi summenzionati, allora forse i ragni immigrati fanno bene a terrorizzarli un pochino. O no?

    Ritvan ‘O Critico Teatrale

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>