Lo Stormarolo

Lo Stormarolo è una piccola rubrica saltuaria che inauguriamo oggi: traduzione in lingua fallaciana di Der Stürmer, rivista degli anni Trenta dedicata alla lotta contro chi all’epoca minacciava la Civiltà Occidentale.

Lo Stormarolo segnalerà intuizioni particolarmente felici e profonde di Custodi dei Nostri Valori.

Oggi, Lo Stormarolo è dedicato a Francesco Merlo.

Questo editorialista di Repubblica (che non va confusa con Libero) ci aiuta a capire perché Ricco e Patinato è Bello e la Spazzatura Umana ci Odia.

"Negli aeroporti non ci sono spacciatori, borseggiatori e stupratori (stanziali). E non ci sono venditori ambulanti che friggono musica e patatine, né vu cumprà, né lavavetri. E non ci sono i baracchini dove si smerciano gli untuosi panini con la porchetta né si intravedono, pur tra tante botteghe, i boss del pizzo.

In aeroporto nessuno grida, il cemento armato è nascosto, i materiali splendenti sono il vetro, l’alluminio, l’acciaio; l’aeroporto è l’Occidente nei suoi valori più alti: la libertà, che è innanzitutto libertà di movimento, la velocità, la bellezza, la verticalità.

Sono appunto i valori-simbolo che eccitano i terroristi islamici e non solo perché gli aeroporti, non essendo stati previsti dal Corano, sono ‘bida’, innovazione, e dunque eresia. Un aereo non è un cammello. Lo sapevano anche quelli di Al Qaeda mentre organizzavano l’attentato aereo alle Twin Towers!"

Francesco Merlo, "Aeroporti. Il luogo simbolo della modernità", Repubblica, 10 agosto 2007, p. 45.

camel-090706

Print Friendly
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , . Bookmark the permalink.

216 Responses to Lo Stormarolo

  1. utente anonimo says:

    Geniale.

    Non si sa da che parte prenderlo.

    Da un lato, sembra esaltare l’aeroporto, alias l’Occidente nei suoi valori più alti: alluminio, libertà, mancanza di porchettari.

    Dall’altro suggerisce, credo involontariamente, un rimedio semplicissimo contro il terrorismo: riempire gli aeroporti di utilissimi lavavetri (vuoi mettere quanti moscerini si spiaccicheranno contro il muso dell’aereo! e qualcuno li dovrà pure puli’!) e di venditori ambulanti.

    PS

    “friggono musica” se l’è ricordata da un verso di Paolo Conte, “cuochi ambulanti soffriggono musica”, mo’ non ricordo il titolo della canzone.

    Che brutta fine.

  2. PinoMamet says:

    Il commento num 1 è mio, dimenticato di loggare.

    Ciao!

  3. utente anonimo says:

    Non ho mai sopportato francesco merlo!

    Sono contenta che il primo numero di stormarolo, che si preannuncia divertente , sia dedicato a lui!

    maria

  4. utente anonimo says:

    Carina la foto e il commento!

    Se dovessi attenermi a quanto dice l’autore, allora proprio non mi posso considerare occidentale. Io amo i bazar sporchi e affollati dell’Asia, pieni di vu cumpra’, venditori ambulanti, baracchini, musicisti, artisti e urlatori. Un’armonia di suoni, odori e colori che e’ una vera e propria terapia contro ogni malessere e un teatro all’aria aperta dove ognuno e’ libero di esprimersi.

    Quanto agli aeroporti, la penso in maniera quasi diametralmente opposta alla sua definizione “l’aeroporto è l’Occidente nei suoi valori più alti: la libertà, che è innanzitutto libertà di movimento, la velocità, la bellezza, la verticalità.”

    Liberta’ di movimento: a me il fatto di essere chiusa in un ambiente con solo aria condizionata e senza possibilita’ di uscita all’aria aperta (per lo meno una volta superato il check-in) ha sempre dato una senzazione di mancanza di liberta’, ma si sa e’ un concetto relativo…

    Inoltre coi bagagli e i lunghi infiniti corridoi ho sempre avuto problemi di liberta’ anche solo di andare al bagno…per non parlare di quando hai bambini piccoli…

    Velocita': mah, velocita’ nell’attraversare i continenti si, pero’ tutto il tempo sprecato nelle sale d’attesa e le code che precedono il volo, io lo sostituirei volentieri con una bella “corsa” in groppa a un cammello, dovesse anche durare qualche mese…se solo la gente desse meno importanza alla velocita’ con cui si raggiunge la meta-un tempo si diceva che l’importante non era la meta ma il percorso e il come ci si arriva…ecco, potessi scegliere e mandare a quel paese chi mi vuole veloce ed efficiente, io sceglerei un bel viaggio via terra.

    La bellezza: a me sembrano luoghi asettici che non esprimono nulla se non appunto asetticita’, ma forse qualcuno la scambia per perfezione…

    La verticalita': questa non l’ho capita, ma preferisco l’orizzontalita’, ecco.

    Ciao

    Pat

  5. utente anonimo says:

    suvvia ragazzi!

    nessuno coglie un briciolo di ironia

    nelle parole di merlo?

    roberto

  6. utente anonimo says:

    Ah be’

    se letto in chiave ironica allora effettivamente mi trova d’accordo su tutto quello che dice…ironicamente!

    Ciao

    Pat

  7. brullonulla says:

    c’era un appunto, in una risposta di martinez a un mio precedente commento, che mi ha lasciato perplesso.

    quando ha compiuto l’equazione occidente=produciconsumacrepa.

    l’occidente è anche questo, ma ridurlo solo a questo è un errore analogo a quello che fa un borghezio qualunque quando riduce il medio oriente a una manica di beduini puzzolenti.

    lasciando perdere l’ultimo commento sul terrorismo islamico, i primi due paragrafi dell’editoriale di merlo non mi pare contengano nulla di deplorevole. a me i “bazar sporchi e affollati” che tanto ama pat fanno schifo. non è questione di razzismo, o che. è una questione estetica, pura e semplice. non mi piacciono. non mi piace il chiasso, non mi piace l’affollarsi delle persone, non mi piace l’afrore di cibo e sudore, non mi piace la musica per strada, non mi piace il caldo. ho bisogno di silenzio, pulizia, solitudine, freddo. già sto male a Bologna per la mancanza di questo, figurarsi a Bangkok o a Tunisi.

    è colpa mia se mi sento molto più a casa nell’arcipelago di Stoccolma invece che nella vucciria di Palermo?

    non so se avrei usato l’aeroporto come simbolo di queste cose, ma è colpa mia se preferisco -per dire- una città con una efficiente metropolitana e cittadini quieti a un suk polveroso?

    devo passare da nazista per questo?

    “tollerare” significa “gradire”? o significa semplicemente rispettare e capire l’altro per quello che è, senza necessariamente farselo piacere a forza?

    giuro che non capisco.

  8. PinoMamet says:

    Non credo sia una questione di preferenze estetiche.

    Conosco gente che va pazza per i laghetti alpini, a me fanno schifo, e sì, preferisco la Vucciria, ma tanto i laghi alpini che la Vucciria sono in Occidente.

    Il problema nasce quando qualcuno tira la linea: di qua c’è “il bello”, di là i diversi o nel peggiore dei casi i nemici.

    Questo è il razzismo diciamo classico, magari ammantato da nozioni pseudoscientifiche, ma il cui concetto di fondo è “la mia musica, i miei vestiti, il mio aspetto fisico, sono belli, i tuoi fanno cagare”.

    A cui corrisponde la reazione dei “buoni a oltranza”: “la tua musica, vestiti, aspetto ecc. sono sempre e comunque meglio dei miei”.

    Se le cose stessero sempre in questi termini avrebbe perfettamente ragione Brullonulla: non è obbligatorio, nè una colpa, amare una cosa e non un’altra.

    Ma l'”Occidente” nel senso di Miguel, mi sa, non fa mica queste distinzioni ottocentesche: per questo “Occidente” è indifferente che a te piacciano i cosacchi o i sefarditi, il kebab o le aringhe.

    Puoi vestirti come ti pare.

    L’unica cosa che ti tiene insieme è in effetti far parte del sistema di consumo.

    In questo senso certi “orianisti”, che sprecano parole per convincere che gli abiti arabi sono brutte palandrane e la cravatta è molto meglio, e che il couscous non può reggere il confronto con la polenta concia, sono qualcosa di “preoccidentale”, sono ottocenteschi.

  9. metoikos says:

    @ Francesco Merlo

    Un’altra ‘bida’, innovazione, e dunque “eresia”…

    Burj al-Arab

    L’unico hotel al mondo a 7 stelle, progettato per assomigliare ad una vela, l’hotel, di 28 piani,arriva ad un’altezza di 321 metri e domina la costa di Dubai. Composto da 202 stanza di gran lusso, che misurano ciascuna, da un minimo di 170 mq fino a 780 mq. Da alcune foto presenti nel web è possibile anche ammirare l’originale campo da tennis posto in cima alla struttura, da dove naturalmente è possibile vedere tutto il panorama che solamente una città affascinante, moderna ed originale può dare.

    “l’aeroporto è l’Occidente nei suoi valori più alti: la libertà, che è innanzitutto libertà di movimento, la velocità, la bellezza, la verticalità”. Francesco Merlo

    PARAFRASO UNA CAZZATA PER DILETTO:

    Burj al-Arab è l’Occidente nei suoi valori più alti: la libertà, che è innanzitutto libertà di movimento, la velocità, la bellezza, la verticalità. Imed Mehadheb Metoikos

  10. falecius says:

    “riempire gli aeroporti di utilissimi lavavetri (vuoi mettere quanti moscerini si spiaccicheranno contro il muso dell’aereo! e qualcuno li dovrà pure puli’!) e di venditori ambulanti.”

    Quello di Changi (Singapore) iper-moderno, verticalissimo, asettico e per me assolutamente insopportabile (ma non quanto fiumicino, no) è pieno di lavavetri, spazzini e giardinieri.

    Per Pat 4: se uno si sente venire la claustrofobia e nervosismo nei sia nei bazar che negli aeroporti che nei centri commerciali, (come me) è da considerarsi orientale o occidentale? (posso sempre cavarmela facendo finta di essere armeno, ma nn so quanti la berrebbero)

  11. utente anonimo says:

    Grazie,

    non hai idea di come io detesti il Merlo.

    Francesco

  12. utente anonimo says:

    >Sono appunto i valori-simbolo che eccitano i terroristi islamici e non solo perché gli aeroporti, non essendo stati previsti dal Corano, sono ‘bida’, innovazione, e dunque eresia.< F.Merlo Purtroppo ciò che manca agli adepti ai mass media occidentali, fossero essi di qualsiasi visione politica, è proprio l’onestà intellettuale.
    Non è che sono delgi ingoranti, lo volgiono essere ed è per questo che, anche se non conoscono molte verità, invece di andare a documentarsi, parlano gratuitamente come se fossero pozzi di scienze.

    Ogni cosa che sta alla base di quei “valori” di cui parla questo imbecille, ha come fonte il mondo arabo e islamico,il commercio precedette ogni altro mezzo di comunicazione tra l’Europa e il mondo musulmano.

    Dopo l’anno 1000 (circa) aumentò l’attività commerciale europea nel mondo mediterraneo, e gli europei affiancarono i musulmani nella navigazione e nel commercio sulle acque di questo mare.

    Per questo mezzo giunsero in Europa le cifre arabe, penetrarono termini commerciali(0ggi “valori” di cui parla questo imbecille di Merlo) di origine araba come chèque, tariffa, arsenale, dogana ecc.

    Oltre alla ricca terminologia della navigazione e dei prodotti manifatturieri arabi, ad esempio nel campo tessile (damascato, baldacchino – da Bagdad, fustagno).

    VVennero inoltre trasferite all’ Europa occidentale tecniche agricole arabe attraverso zone come quella di Valenza e la Sicilia, oltre alla fabbricazione del vetro, della terracotta vetrificata e della carta. Tutte queste merci erano molto pregiate nel commercio mediterraneo all’inizio del secolo XV.

    L’influsso della sofisticata tecnologia ingegneristica (si parla sempre di quei “valori”)araba nell’Europa occidentale medievale è stato evidenziato incontestabilmente da studi moderni.

    Sono rarissimi i libri che descrivono gli strumenti, ma spiccano i tre fratelli iracheni(si, proprio iracheni) denominati «i figli di Mosè», dal nome del padre, Musa Bin Shakir, amico stretto di Al-Ma’mun prima che assumesse il califfato e durante il suo governatorato nel Khorasan.

    I tre fratelli sono tra i personaggi più notevoli della cultura arabo-islamica nella Bagdad del secolo IX. Furono scienziati unici e validi ingegneri a cui vengono attribuiti più di venti scritti di tecnologia sofisticata, di cui non ce ne rimangono che tre, uno sulla matematica, giunto a noi nella traduzione latina (il che dimostra che l’Europa si interessava alla traduzione di queste opere durante i primi passi del Rinascimento); un secondo sulle macchine automatiche, mentre il terzo è la descrizione di uno strumento musicale anch’esso automatico.

    Forse ora l’imbecille Merlo capirà come sono arrivati le idee per gli aereoproti in occidente !?!

    reza

  13. utente anonimo says:

    “L’unica cosa che ti tiene insieme è in effetti far parte del sistema di consumo.”

    in effetti si chiama libertà, da cui è caratterizzato l’Occidente, per cui le cose che sei tenuto a fare sono pochine. e puoi leggere I fioretti di San Francesco o i libri di Sandro Veronesi senza essere “impuro”.

    Francesco

  14. PinoMamet #8,

    In questo senso certi “orianisti”, che sprecano parole per convincere che gli abiti arabi sono brutte palandrane e la cravatta è molto meglio, e che il couscous non può reggere il confronto con la polenta concia, sono qualcosa di “preoccidentale”, sono ottocenteschi

    Concordo!

    Anche se ritengo lo siano solo mimeticamente.

    Erika

  15. (non mi ha preso il corsivo – oppure ho dimenticato i tag – nella citazione del commento sotto)

    (questo cazzo di splinder ti logga automaticamente – cmq il blog a cui porta il link, conoscendomi, rimarrà lì, così)

    (e lo so che ultimamente qui è pieno di cellule più o meno benigne, non voletemene, non è intenzionale)

    Erika

  16. utente anonimo says:

    Non so che significa negli aeroporti verticalità, ma cosa significa avere un’ideologia! Capisci da una sola parola tutto. È classica tesi della nostra scuola che il comunismo è la rivincita dell’orizzontale sul verticale. Non sto qui a spiegare perché. Ma merlo s’è già rivelato. Per non parlare delle nazioni. Ovunque c’è un solo grattacielo, senza guardare altro, una sa già che non c’è comunismo.p

  17. utente anonimo says:

    non mi piace il chiasso, non mi piace l’affollarsi delle persone, non mi piace l’afrore di cibo e sudore, non mi piace la musica per strada, non mi piace il caldo. ho bisogno di silenzio, pulizia, solitudine, freddo. già sto male a Bologna per la mancanza di questo, figurarsi a Bangkok o a Tunisi.

    maria

    beh se è per questo non c’è bisogno di evocare Tunisi, oggi nella mia città fa un caldo umido bestiale e nel suo centro storico trovi calca, musica, chiasso, fogliacci per terra, baracchini che vendono magliette da calcio, non ho mai capito , perchè, folle di turisti sudati e in ciabatte che vagano con la bottiglia di plastica in mano su marciapiedi, piazze e stradine medievali…

    Anch’io come te amo la bellezza, la misura, il vuoto, la quiete ma che c’entra tutto questo con le cose che diceva Francesco Merlo in cui non ho rintracciato l’ironia che invece vede Roberto:-)

    Ma poi gli areroporti sono davvero come li descrive merlo? a me paiono luoghi molto faticosi…

    Insomma un articolo molto banale e supponente

    maria

  18. utente anonimo says:

    Confermo che il cous cous non può reggere il confronto con la polenta (ma nessun cibo può, parola di semi-bergamasco :)))))

    Francesco

    no Merlo

  19. kelebek says:

    Per Brullonulla n. 7

    Il termine “Occidente” si riferisce a un mucchio di cose, ovviamente, dall’Uomo di Cro-Magnon ai Rom, tanto per dire.

    E’ però indubbio che oggi esiste un sistema che è insieme economico, comportamentale, “valoriale” che è incentrato esattamente sul concetto di consumo, cioè di produzione di scarti.

    Questo sistema non ha un rapporto organico e necessario con gli aspetti storici, artistici, religiosi, ecc. dell'”Occidente”; ma ha sicuramente il proprio centro geografico, economico e militare nell’area a cavallo del Nord Atlantico.

    Come dice una legge fondamentale della fisica, poi, se creo ordine qui, creo ancora più disordine da altre parti; e credo che l’esempio di Merlo dell’aeroporto sia molto azzeccato in questo senso.

    E’ infatti un caso estremo di consumo di territorio, di combustibile, di materiali di ogni sorta, che serve unicamente a rendere ancora più veloci altre trasformazioni: dalle spiagge che diventano villaggi turistici, alle montagne che diventano miniere, eccetera.

    Io sono il primo a dire che ci vorrebbe un termine diverso da “Occidente” per definire questo complesso. Proprio perché non mi riferisco a un’eterna, e inesistente, dicotomia tra “Greci e Persiani”, per dirla con Erodoto.

    Ma non trovo quel termine: altri termini (tipo “consumismo”) sono troppo generici e perdono di vista l’elemento geografico, nonché quello militare, oppure non sono facilmente comprensibili (tipo “atlantismo”).

    Miguel Martinez

  20. utente anonimo says:

    beh maria,

    vedo l’ironia perché se quello che scrive merlo va preso alla lettera è un tale coacervo di puttanate che nessun giornale lo pubblicherebbe

    :-)

    roberto

  21. JohnZorn says:

    Sarà

    Ma che negli aeroporti, almeno, non ci siano lavavetri del cazzo e ambulanti magrebini/africani scassapalle è cosa meravigliosa.

    JZ

  22. utente anonimo says:

    @PinoMamet 8:

    “Il problema nasce quando qualcuno tira la linea: di qua c’è “il bello”, di là i diversi o nel peggiore dei casi i nemici.”

    concordo.

    Come disse Confucio:

    ‘La strada maestra e’ nella via di mezzo’.

    Questo lo disse un “orientale” pero’ ;)

    @Falecius 10:

    “se uno si sente venire la claustrofobia e nervosismo nei sia nei bazar che negli aeroporti che nei centri commerciali, (come me) è da considerarsi orientale o occidentale? ”

    Uhm, forse solo un po’ anarchico :-)

    @JZ 21:

    “Sarà

    Ma che negli aeroporti, almeno, non ci siano lavavetri del cazzo e ambulanti magrebini/africani scassapalle è cosa meravigliosa.”

    Gia’, in compenso sembra sia il luogo di villeggiatura favorito da

    terroristi arabici/palestinesi/egiziani/libanesi/algerini e via dicendo

    vedi tu cosa e’ meglio…

    Ciao

    Pat

  23. utente anonimo says:

    beh roberto , riguardo a sciocchezze e giornali, ricordati di oriana fallaci, che scriveva sì molto bene, ma che diceva un sacco di vere e proprie, e pericolose bischerate oltre a grandi bugie… .

    maria

  24. falecius says:

    Pat 22: tana! Sono anarchico ;)

  25. utente anonimo says:

    p.,

    – Ovunque c’è un solo grattacielo, senza guardare altro, una sa già che non c’è comunismo —

    Il fatto è che non c’è nemmeno dove i grattacieli non ci sono…

    :-)

    Z.

  26. utente anonimo says:

    Pat,

    – “se uno si sente venire la claustrofobia e nervosismo nei sia nei bazar che negli aeroporti che nei centri commerciali, (come me) è da considerarsi orientale o occidentale? ” —

    O piuttosto agorafobico? ;-)))

    Z.

    ps.: del resto, l’agorà era il “centro commerciale” dell’antica Atene…

  27. utente anonimo says:

    brullo,

    a Bologna non fa abbastanza freddo? Beh, abbi pazienza e ti prometto tra un mese o due al più tardi sarai accontentato ;-)

    Che clima ignobile che ha questa città…

    Z.

  28. falecius says:

    No, non è agorafobia, nessun problema con gli spazi aperti, nei bazar è la costrizione in mezzo alla gente che mi dà fastidio, è un senso di claustrofobia, ma mi viene solo con la gente, non cogli ascensori. Ecco, ho trovato!

    Misantropo :)))

  29. utente anonimo says:

    Nel secondo caso è possibile ci sia. Poi si valutano altre cose. ah, grattacielo è già dove abito io, dieci assurdi piani.p

  30. utente anonimo says:

    Marinetti & co. si stanno rivoltano nella tomba…

  31. utente anonimo says:

    Sono il 30, dimenticavo di chiamarmi Pietro…

  32. utente anonimo says:

    L’autore di quel ” Marinetti… si sta rivoltando nella tomba”, mi è davvero simpatico. Ma sei tu, pietro ?

    Forse è un clone.

    Aurora.

  33. utente anonimo says:

    No,p, non sei sicuramente tu.

    E’ vero, Marinetti e co., con le loro ” alcove d’acciaio”, potrebbero rivoltarsi nelle tombe.

    Clone, puoi darmi qualche breve cenno sulle tue idee politiche ?

    Sei uno di destra ?

    Aurora.

  34. utente anonimo says:

    Su richiesta degli studenti musulmani in alcune università sono stati comprati dei bidet per i piedi: evangelici e neocon contrari.

    pedomuslim

  35. brullonulla says:

    a Bologna non fa abbastanza freddo? Beh, abbi pazienza e ti prometto tra un mese o due al più tardi sarai accontentato ;-)

    vivo qua da 8 anni e, ti stupirà, non mi pare che faccia mai abbastanza freddo. a volte (poche) nevicava. adesso neppure quello. l’inverno scorso sembrava eternamente autunno.

    strano destino, nascere in liguria, vivere a bologna e desiderare l’Islanda o l’Antartide fin dalla più tenera età. sob. :)

  36. utente anonimo says:

    Io suppongo che i terroristi islamici si eccitano parecchio a leggere le cazzate del Merlo!

    Chissà se l’epidemia occidentale di “doner kebāb” era prevista dal Corano!

    Cell

  37. utente anonimo says:

    consumo=produzione di scarti

    mah, posso provare a pensarci ma mi sembra una roba da movimento del ’77

    Francesco

  38. utente anonimo says:

    Forse per il Kebab no, ma per la carne Halal, il quale sembra una spina negli occhi dei neonazifascisti antimusulmani, si.

    Sono sicuro che gli occidentali scoprono che il “memri” cioé i sionisti, li stanno prendendo per il culo, che il “memri” organizza la propaganda anti islamica e la disinformazione sull’Islam, che tutti gli imbecilli antimusulmani si riferiscono a “memri” come guida spirituale per la campania difamatoria nei confronti dell’Islam e i musulmani, allora se la gente a pre gli occhi ed scopre che il sionismo vuole avere il possesso totale della sua mente e del suo futuro, la carne Halal potrà essere gradita da tutti gli occidentali.

    La carne Halal si ottiene con il metodo di maccellazione islamica ovvero; con “Zibh islamì” che vuole dire tagliare la vena giugolare dell’animale per fare uscire tutto il sangue prima della morte vera e propria.

    il sangue dell’animale è veicolo di molte malattie.

    beh, che né dici ?

    reza

  39. utente anonimo says:

    reza

    non ti viene mai il sospetto che ti converrebbe tacere ogni tanto?

    una religione che pretende di insegnare come si devono macellare gli animali e una civiltà che si mangia i sanguinacci … temo lo scontro sia inevitabile

    Francesco

  40. iperhomo says:

    Complimenti a Reza, che ci ha ricordato la giugulare. Da qualche parte, nel Corano, sta scritto che Dio è più vicino, ad ognuno di noi, della rispettiva giugulare. È possibile, sicché, che il nostro futuro (marinettiano e futuristico) sia quello di esseri meccamici, metallizzati ed esangui (ovvero “senza Dio”) come un aeroporto.

    Ciao a Miguel ed a tutta la combriccola – me compreso – dei kelebecchini.

    Ipo

  41. utente anonimo says:

    reza vorresti dirci che quei flmati che abiamo visto in TV dove ceninaia di migliaia di beduini urlanti mettevano a ferro e fuoco alcune ambasciate eratutta una invenzione del memri? sapevo che i giudeosionisti controllavano i media ma non fino a questo punto.

    Ti prego dimmi: le due torri, ono crollate davvero o anche questa era una invenzione del memri? ed Osama?

    Theo vanGogh ?

    illuminami

  42. utente anonimo says:

    XFrancesco.

    L’Ignoranza non è obbligatoria.

    Dicevo che se, solo se, scoprono cosa è la “carne Halal” , probabilmente scoprono che potrà avere benefici, o meno danni o altro, ma comunque, non parlarné come se fosse(anche questo) un “atto di terrorismo).

    reza

    PS- Bravo Francesco, vorresti mettermi a tecere !?!

  43. kelebek says:

    Per illuminami n. 42

    Veramente non ho mai visto un filmato con beduini urlanti.

    Danzanti, cantanti, viaggianti, allattanti, sì.

    Miguel Martinez

  44. utente anonimo says:

    non lo hai visti? e quelli che incendiavano? io l’ho visto ma adesso ho capito che era una manipolazione del memri

  45. utente anonimo says:

    “tagliare la vena giugulare dell’animale per fare uscire tutto il sangue prima della morte vera e propria.”

    Strano la stessa sorte che tocca ai miscredenti!

    Cell (ovvero la Cellula)

  46. JohnZorn says:

    >la carne Halal potrà essere gradita da tutti gli occidentali. < Io ad esempio la gradisco già. Fermo restando che non deve diventare OBBLIGO per gli altri, come non la è quella Kasher :)

    JZ

  47. utente anonimo says:

    Fermo restando che non deve diventare OBBLIGO per gli altri, come non la è quella Kasher :) JZ

    Mi trovi PIENAMENTE d’accordo, infatti, io sto parlando di quell’atteggiamento pregiudiziale, e comunque negativo, verso ciò che non si conosce, e anche del chiasso che fanno certi, anche essi ignorando il centenuto, verso questo; ora (ed è evidente che non è occasionale

    ) la carne Halal o Kosher o cavallete fritte o altro.

    reza

  48. utente anonimo says:

    Chi parla di “beduini urlanti” tradisce un profondo razzismo. io se fossi Calderoli non riuscirei a dormire la notte, con 11 persone morte a causa mia (potete dire quelloc he volete, ma se calderoli non avesse fatto la sceneggiata della maglietta quelle persone sarebbero ancora in vita). Per quanto riguarda l’anonimo che fa ironia su memri e su torri gemelle, vorrei ricordargli che quello che è successo l’11 settembre presenta ancora numerosi lati oscuri e che il 40% degli americani (non comunisit, no global o musulmani nostrani, ma cittadini americani delle più varie estrazioni)credono che l’11 settembre sia successo qcs di molto diverso da quello che sostiene l’amministrazione Bush.

    Abu Yasin

  49. utente anonimo says:

    La cultura carnivora dell’islam dimostra quanto questa cultura non insegni nulla di nuovo. Io per esempio sono vegetariano e mi sento all’avanguardia rispetto alle altre culture, quelle religiose per intenderci. Tra l’altro sono del tutto

    sanguinarie e senza cuore nei riguardi degli esseri animali. Credo che sia un processo di maturazione umana ancor prima che culturale scegliere di non digerire più la carne animale.

    Le kebapperie sono uno strumento del commercio in stile occidentale (come Mc Donalds) e allora come tale, al Qaeda dovrebbe condannare.

    Cell

  50. Santaruina says:

    Repubblica da non confondersi con libero…

    E’ un distinguere difficile.

    I media mainstreem stanno, da “destra” a “sinistra”, (termini ormai più ridicoli che obsoleti) propagandando la stessa visione.

    Nei temi che veramente contano tutti i mezzi di informazioni sono compatti ed hanno lo stesso parere.

    Eterna vergogna su di loro e sulle loro falsità.

    Blessed be

  51. utente anonimo says:

    x Abu

    non è che il 40% degli americani siano noti in massa per la grande intelligenza o capacità di comprendere il mondo esterno. e neppure l’altro 60% …

    Il 47% degli americani è convinto che Elvis sia vivo; il 53% che Marylin sia stata assassinata; il 57% che Londra sia negli Stati Uniti; il 61% che farsi fare p… non sia sesso.

    x reza:

    non hai capito (ma va, che strano, del resto non ascolti mai). Io non sono un animalista e non trovo quindi sconvolgente la macellazione Halal, come invece capita alla maggioranza degli europei che ne sanno qualcosa – ti consiglio di proteggere l’ignoranza al riguardo.

    Sui benefici ho miei dubbi, rinfocolati dalla passione per le bistecche al sangue (ma magari quelle Halal sono buone uguali).

    In ogni caso IO non ho mai accostato quella roba al terrorismo.

    Mi tocca quotarvi sui beduini urlanti (e pure sulle centinaia di migliaia, cifre da ufficio stampa dei Fratelli Musulmani).

    Saluti

    Francesco

  52. utente anonimo says:

    BASTA!!! il commento sooootto non è mio. Ora mi registro. Ma come cazzo si fa con splinder???

    Sono incapace di registarrmi: ma come è possibile che sia così sfigato da non riuscirci? Qualcuno mi aiuti. Aurora aiutami tu, se puoi.

    Il solito strunz che si diverte a clonare i nick ha colpito ancora e ha colpito duramente.

    Francesco

  53. utente anonimo says:

    Un esempio di disinformazione ad opera di “Memri”:

    Dopo diverse manifestazioni di intollerenza ed anti islamismo, con offese dirette al Profeta , al Corano e a ciò che per oltre un miliardo di persone umane abitanti di questa terra, è sacro, il governo di Ahmadinejad ha deciso di reagire, putando al cuore di chi (secondo i docuementi) sta dietro a questo anti islamismo offensivo cioé, israel.

    Mi ricordo che quando venné annunciato la conferenza “il mondo senza sionismo”, molti giornali e politici iraniani(e non solo gli opositori di Ahmadienajd) ricordavano a lui e ai membri del suo governo, quale fosse la posizione ufficiale del paese.

    Dopo la conferenza, Mohsen Ramin (un consigliere di Ahmadinejad) in un intervista con il giornale “Resalat” aveva detto; “negare l’olocausto per gli occidentali è la stessa che metterelo in dubbio o chiedere ulteriori libere verifiche che sia veramente accduto e che abbia avuto la portata che i sionisti dichiarano, comunque sia, metterlo in discussione, come abbiamo fatto noi, fu deciso con approvazione di ayatollah Khamenei”.

    Entro poche ore dalla pubblicazione dell’intervista cioé, entro le ore 08.00 del mattino del giorno che uscì quel giornale, l’ayatolah Khamenei dichiarò quanto segue alla radiotelevisione nazionale iraniana;

    “Le idee negazioniste a priori, come anche le idee dei vari leader dei paesi islamici, da Nasser a saddam ovvero, la famosa frase; “buttare tutti gli ebrei residenti in Palestina al mare” , non sono comprese nella posizione ufficiale della Rep.Islamica dell’Iran. La nostra posizione ufficiale rimane quella di refrendum generale con la partecipazione di tutti gli attuali abitanti di quella terra, se decidono per separarsi in due stati, noi rispettiamo tale loro scelta, se invece decidono per un solo stato, anche questo sarà appoggiato da noi, comunque noi crediamo che sarà vera pace se, sotto l’egida dell’ONU e la presenza dei caschi blu , nel caso della seconda scelta, si aiuta quei popoli a trovare la via della pace.”

    Menri invece non ha trasmesso questa dichiarazione di Khamenei , ha invece preferito lavorare sulla conferenza, e pur non avendo mai nessuno pronunciato la frase “distruggere israel” , ha propagandato questo, come hanno fatto tutti i mass media e politici occidentali, ai quali è assolutamente vietato(pena perdere ogni cosa) di contraddire il Memri.

    Da quel giorno in cui ci fu la conferenza ad oggi, quel che ha propagandato il Memri , è divenuto l’opinione generale di tutto il mondo occidentale, su quella conferenza e il suo contentuo, anche se al quella conferenza avevano partecipato un bel numero di rabbini ebrei.

    Specialmente in America, i governanti, i membri del congreso, le agenzie d’informazione, i servizi segreti, il Pentagono, gli analisti della politica internazionale e gli ambienti accademici, per quanto riguarda il mondo islamico e l’Islam , sono obbligati a seguire le notizie e le analisi forniti da Memri e d ongi piccola voce “fuori dal coro” finora è stato soffocato con la forza e la maniaccia.

    Vi ricordo che il capo del Memri è Ygol Cameroon che per 22 anni ha diretto il musad israeliano.

    Vi ricordo anche che il Memri è stato fondato dalla IPAC(comitato ebraico americano) e dal “think thank” sionista-neoconservatore: “American Enterprise Institut” di Michel Leeden.

    Oltre a (come dice Grillo) un “leggero” conflitto di interessi, ciò che fa scalpore è che; nessuno mette in dubbio la “veridicità” delle “informazioni” fornite da Memri sull’Islam e sui musulmani, né a livello politico, né a livello dei mass media, mentre si sa che Memri dipende dagli israeliani e che l’israel sta in guerra con l’Islam e coi musulmani.

    Meditate gente, meditate, ed scoprite che il Memri lavora per formazione di un’opinione anti islamica e favorevole all’israel, in maniera più estesa in tutto occidente.

    Il colmo è che i soldi a finanziare Memri sono i soldi dei contribuenti dei paesi occidenatli.

    reza

    PS- se fatte bene attenzione alle notizie della(anti islamica per eccellenza) Foxnews sul medioriente, oltre a vedere la dicitura “Memri” sotto ogni filmato, non è raro sentire i giornalisti della Foxnews dire ; “Memri informa…”, “grazie a Memri……” e vari modi di nominare questa “fonte”, quando danno una qualsiasi notizia sui musulmani e paesi islamici.

  54. JohnZorn says:

    @ Reza.

    Infatti, tra le caratteristiche della macellazione Halal (così m’era stato spiegato), c’è anche lo scarto di parti particolarmente grasse che io stesso non amo, quindi può essere apprezzata anche da me per motivi prettamente “alimentari” anziché religiosi.

    Stai pur certo che non scarterò a priori la carne “Halal” solo perché qualcuno potrebbe definirlo “Il cibo del nemico”.

    A chi parla di “kebabberie”: l’unico problema, da grande appassionato, per me è la presenza un po’ troppo standardizzata.

    Intendo dire: omologandosi a un gusto “occidentale” un po’ “standard”, qui è difficile trovare quella ricchezza di cucina e varietà che troverei nei paesi d’origine.

    Il Kebab è più di un semplice panino,e quella varietà,purtroppo, da noi è rara.

    JZ

  55. falecius says:

    Per registrarsi a Splinder:

    -Andare sulla home page di http://www.splinder.com

    -cliccare sulla grossa scitta “Iscriviti!” in alto a sinistra

    - inserire i propri dati nel form

    -cliccare su “crea account” in basso a sinistra

    - Controllare la posta e seguire le istruzioni inviate da Splinder via mail (che se non ricordo male sono facilissime)

  56. utente anonimo says:

    XFrancesco.

    E solo per chiarire meglio la cosa:

    Io la carne lo compro dalla maccelleria sotto casa.

    E quando parlo della carne, intendo dire: Manzo, maiale e Pollo.

    Ho mangiato tante volte carne Kosher e quella Halal e in generale, eccetto i capperi, la carne di cane e gli insetti, mangerei tutto.

    Quindi, per farti capire e farti entrare in quella capoccia; sto parlando dell’atmosfera generale e dell’anti islamismo per cui ogni cosa che fanno i musulmani non va.

    reza

  57. utente anonimo says:

    Il Kebab, come si intende qui e cioé, con quell’affare che gira in veticale, si chiama Doner kebab ovvero; Döner kebap, dal momento che significa ” Kebap che gira”. Ed è di origine turca.

    In Iran si dice kebab agli spiedini iraniani che sono la carne(il filetto) dell’agnello.

    Come JZ afferma(forse perché lo ha mangiato!?!) il gusto di questo ultimo è ben diverso dai kebab che ora vengono serviti in Italia.

    Per me è qualcosa di “libidinoso” ma vi assicuro che ho visto gli italiani mangiarla insieme alle mani in Iran, anche perché spesso nei ristoranti in cui lo fanno(perché non è unica cosa che si mangia in Iran) anche il pane viene fatto sul luogo.

    Il filetto di carne di angello(razza merino che ha una grossa coda di grasso quindi, ha la carne molto meno grasso rispetto all’agnello italiano e che quindi, sviluppa molta più carne che grasso) appena fatto sul pane(tipo piadina ma quello iraniano fatto con farina integrale) è davvero una delizia unica al mondo.

    reza

  58. AbdelQader says:

    Col nome di Allah Il Clemente Il Misericordioso.

    Restanda in tema di islamofobia preannuncio che entro domani pubblicherò sul mio blog le impressioni del dibattito contro la moschea occorso a Bologna giusto ieri sera. Nei blog della protesta anti-moschea c’è la scaletta degl’ospiti, ma a sorpresa chi ti trovo alla serata?

    Il rubicondo Massimo Abdul Hadi Palazzi introdotto dalla dott.sa Bolchini Gaigher come un esponente dell’Islam moderato. Ma per favore!!!

  59. utente anonimo says:

    reza,

    grazie ma è proprio quell’atmosfera il problema, e le conseguenze che ne trai.

    cioè, prima la esageri e la ingigantisci, poi inventi complotti mondiali contro i musulmani.

    e riesci a far diventare la conferenza di Teheran una mossa difensiva contro i complotti del Mossad!

    ora, simili dimostrazioni di paranoia e fanatismo non possono che inquietare e far prendere più sul serio posizioni che inizialmente apparivano immotivate, ridicole, inopportune, sbagliate, addirittura razziste.

    Francesco

    PS ti quoto al 100% sul Doner Kebab, mio felice ricordo di gioventù.

    NB manco li indico gli apocrifi, sono troppo facili da individuare.

  60. fmdacenter says:

    ehm, adesso sono loggato?

    Francesco

  61. utente anonimo says:

    per Reza

    fatti un giro in Abruzzo, qualche volta e vai a mangiare gli “arrosticini”: forse sentirai un pò aria di casa.

    A proposito, può essere Halal anche il maiale?

    Mio nonno ammazzava il nostro maiale e quelli di tutto il parentado: occorreva saggezza ed esperienza. Tagliava prima la giugulare, perchè uscisse tutto il sangue , poi, quand’era il momento, colpiva il cuore per accelerare la morte. Io reggevo la coda, all’inizio, le zampe posteriori, poi.

    Ciao

    biric

  62. utente anonimo says:

    Tra tanti motivi che vanno in giro detti, sul perché la carne del maiale è vietato nell’Islam, c’é né uno che parla del fatto che la pelle e la carne del maiale(istologicamente) sono più simili del mondo animale all’uomo.

    forse in questo è nascosta una saggezza ?

    Francesco! che né dici ? ho aggiuanto ulteriori cose che non capisci quindi, stai andando in paranoia ?

    reza

  63. falecius says:

    Francesco: sì, sei loggato.

    biric: per quello che ne so, il maiale è haram (il contrario di halal) sempre e comunque, indipendentemente da come viene macellato. Impuro per sua intrinseca natura. Un musulmano può mangiarlo solo sotto minaccia o se proprio non c’è nessun altro cibo.

  64. utente anonimo says:

    x Falecius n. 66

    Grazie

    biric

  65. JohnZorn says:

    @ Reza.

    No, non ho mai mangiato gli spiedini da te citati (anche se mi piacerebbe).

    Però in Turchia i Kebab sono di tante varietà diverse, regionali.

    Cosa che in Italia (ma penso in generale dove vengono “esportati”) non esiste in pratica.

    JZ

  66. utente anonimo says:

    Xbiric

    In abruzzo ci sono stato già, le ho mangiate le costolette e devo dire anche la carne di vitella negli abruzzi è buona.

    Io apprezzo ogni cosa buona(compreso la gnocca) di ogni parte del mondo;-)))))))

    reza

  67. utente anonimo says:

    ma sulla scaloppina ci va il limone o no?

    chef

  68. utente anonimo says:

    XJZ

    La cucina turca, in età ottomana era tanto diffusa nel Mediterraneo che tale pietanza(il kebab) si diffuse rapidamente e in Palestina essa si è affermata anche in ambiente ebraico ( shoarma).Wikipendia

    Come vedi, nella difusione del Kebab, anche voi avete avuto un ruolo.

    reza

  69. utente anonimo says:

    Reza

    il maiale è buono e, ontologicamente, non è umano, quindi si può benissimo mangiare.

    Del resto tu non sei musulmano, perciò delle prescrizioni alimentari di un’altra religione puoi fartene un baffo. Giusto?

    Francesco

  70. utente anonimo says:

    >Tra tanti motivi che vanno in giro detti, sul perché la carne del maiale è vietato nell’Islam, c’é né uno che parla del fatto che la pelle e la carne del maiale(istologicamente) sono più simili del mondo animale all’uomo.

    forse in questo è nascosta una saggezza ?

    Francesco! che né dici ? ho aggiuanto ulteriori cose che non capisci quindi, stai andando in paranoia ?

    reza< Hai aggiunto ulteriori castronerie. Siempre istologicamente parlando, fra la pelle del maiale e quella dell’uomo, oltre allo spessore, c’è anche un’altra differenza fondamentale: la pelle suina è sprovvista di ghiandole sudoripare. Il maiale, pertanto, non può sudare.
    Ciao

    Ritvan

    P.S. E che diamine, però, uno che lavora alla FAO e che per di più aiuta gli avvocati come me:-) a fare tesi e tesine queste quisquilie le dovrebbe sapere!

  71. utente anonimo says:

    “Il problema più grosso per le Facoltà di Medicina in questi ultimi tempi è la mancanza di cadaveri umani sui quali gli studenti possono praticare le autopsie. Oggi vengono impiegati corpi di persone morte in varie circostanze, però non dimentichiamoci che durante il Medioevo era proibito eseguire tali pratiche sugli esseri umani. Gli studenti di medicina di allora, per i loro esercizi di anatomia utilizzavano un animale di disposizione, forma, pelle e struttura degli organi interni molto simile a quella umana. Ci riferiamo al maiale, in quanto la sua pelle si presenta molto simile alla nostra. Questa analogia anatomica tra l’uomo e il maiale è un fattore in più che contribuisce a facilitare un interscambio biochimico tra le sostanze e i materiali che costituiscono entrambi gli organismi. In questo modo, mangiando carne di maiale ingeriamo un elevato tasso di mucopolisaccaridi presenti in una grande quantità di strutture del tessuto connettivo dell’animale, e che, una volta dentro il nostro organismo, si dirigono soprattutto verso quei luoghi a cui biologicamente appartengono.

    Il consumo di carne di maiale favorisce il diminuire della capacità di risposta biologica del nostro organismo e lo sviluppo di batteri e virus. Inoltre, se cerchiamo di combattere lo sviluppo microbico con antibiotici, i nostri meccanismi biologici di difesa smettono di funzionare e, alla lunga, diminuisce la loro capacità di risposta. L’unico modo di fortificare le nostre difese biologiche è appunto far lavorare biologicamente il nostro organismo.

    sulla base di queste considerazioni possiamo dire che il maiale può essere considerato una copia o immagine negativa dell’uomo.”

    Prof. Luciano Pecchiai (primario patologo all’Ospedale Buzzi di Milano)

    reza

  72. utente anonimo says:

    Sono Pietro n. 30: di chi dovrei essere un clone?

    per Reza n. 60: quello iraniano me lo sono perso, ma ti consiglio di provare il kebab cinese (anzi, “i” kebab, quello della minoranza cinese musulmana – al momento mi sfugge il nome, del resto non sono mai stato in cina per utrismo…- e quello della minoranza turca – gli uiguri-. Soprattuto quest’ultimo quando te lo mettono nella pagnotta al miele…)

  73. utente anonimo says:

    x Ritvan

    Ti risulta che la sus scropha domestica abbia una struttura delle cervicali che le impediscono di volgere lo sguardo al cielo ?

    Nientemeno che Messori sostiene che forse la vera ragione della “suinofobia” ;-) mediorientale è dovuta ai Simbolismi pre-Abramitici che ciò comporterebbe.

    by DavidRitvanarium

  74. utente anonimo says:

    una struttura delle cervicali che le impediscE di volgere lo sguardo al cielo ?

    by DavidRitvanarium

  75. utente anonimo says:

    Che gli organi del maiale siano i più compatibili con quelli dell’uomo dovrebbe essere avvalorato dai trapianti. Non solo ho visto una trasmissione al riguardo, ma anche a una mia conoscente , operata al cuore , hanno sostituito una valvola cardiaca con altra di maiale.

    Vedere l’allevamento di maiali, con la veterinaria che spiegava erano destinati alla ricerca e all ‘ utilizzo per i trapianti, anche di fegato mi pare, mi ha fatto un certo effetto.

    Che la carne, non solo di maiale, faccia male non è una novità.

    Veronesi lo fa trapelare ogni volta che parla di cause di insorgenza del cancro. E’ infatti lui è vegetariano.

    Aurora.

  76. utente anonimo says:

    Una “suinofobia” dalla quale la Cristianità se la sarebbe cavata di sghetto a Nicea !

    by DavidRitvanarium

  77. RitvanShehi says:

    >Blablablabla…Prof. Luciano Pecchiai (primario patologo all’Ospedale Buzzi di Milano). reza< Reza, il famoso pittore e scultore Apelle accettò di buon grado le critiche che un ciabattino fece alle scarpe (o sandali) del personaggio di un suo dipinto. Ma quando il ciabattino, inorgoglito, cominciò a criticare pure il resto, l’artista lo fermo dicendogli:”Sutor, ne ultra crepidam” (Ciabattino, non oltre i calzari!).
    Il luminare della Medicina Umana da te citato dovrebbe far tesoro dell’insegnamento di Apelle.

  78. RitvanShehi says:

    >x Ritvan Ti risulta che la sus scropha domestica abbia una struttura delle cervicali che le impediscono di volgere lo sguardo al cielo? by DavidRitvanarium< No, non mi risulta. Il collo del maiale è. sì, tozzo, ma questo non gli impedisce di alzare il grugno al cielo:-).

  79. RitvanShehi says:

    >Ps povero ritvan, anche davidritvanarium… contro di lui< La prostata ti sta coprendo gli occhi. >vedete anche reza ci dimostra che ritvan non dice cazzate solo come avvocato ma anche e soprattutto come veterinario.< Che bello, i razzisti di merda che corteggiano reza. Allora non ci sarà nessun attacco all’Iran!:-) >ora sappiamo perchè gli albanesi non sudano<
    Sudano eccome, quando trombano tua sorella.

    >sappiamo anche che ritvan ha scritto un’altra cazzata: afferma di alvorare per la fao<
    Deficiente imbecille e razzistoide semianalfabeta, leggi bene- se ti riesce – è reza che “alvora” per la FAO.

  80. utente anonimo says:

    Darwin ha toppato in pieno!!! L’uomo discende dal maiale, non dalla scimmia.

    Cell

  81. RitvanShehi says:

    >Gli studenti di medicina di allora, per i loro esercizi di anatomia utilizzavano un animale di disposizione, forma, pelle e struttura degli organi interni molto simile a quella umana. Prof. Luciano Pecchiai <
    Tranne la pelle (che come già detto, quella del maiale è poverissima di ghiandole sudoripare, cosa che la rende alquanto diversa da quella umana) il fatto di avere disposizioni simili degli organi interni è principalmente riferito all’apparato digerente. Cosa ovvia, visto che entrambe le specie sono onnivori.

    >Ci riferiamo al maiale, in quanto la sua pelle si presenta molto simile alla nostra.<
    Aridaje con le castronerie! Ma fa il tuo mestiere, benedetto prof di medicina umana!

    >Questa analogia anatomica tra l’uomo e il maiale è un fattore in più che contribuisce a facilitare un interscambio biochimico tra le sostanze e i materiali che costituiscono entrambi gli organismi.

    In questo modo, mangiando carne di maiale ingeriamo un elevato tasso di mucopolisaccaridi presenti in una grande quantità di strutture del tessuto connettivo dell’animale, e che, una volta dentro il nostro organismo, si dirigono soprattutto verso quei luoghi a cui biologicamente appartengono.<
    E’ una castroneria grossa come una casa. Il caro prof dovrebbe tornare sui banchi dell’ateneo, ma da studente, e ripassarsi la Fisiologia della digestione.

    TUTTE le macromolecole (mucopolisaccharidi inclusi) nel tubo digerente si scompongono nelle unità che le compongono, perdendo ogni caratteristica tipica della specie a cui appartiene la carne digerita.

    >Il consumo di carne di maiale favorisce il diminuire della capacità di risposta biologica del nostro organismo e lo sviluppo di batteri e virus<
    O perché, di grazia, caro prof??!! Ti risulta forse che gli emiliano-romagnoli che si abbuffano di prosciut & salam siano più cagionevoli di salute degli abitanti della Mecca??!! Illuminaci ti prego!

    >Inoltre, se cerchiamo di combattere lo sviluppo microbico con antibiotici, i nostri meccanismi biologici di difesa smettono di funzionare e, alla lunga, diminuisce la loro capacità di risposta. L’unico modo di fortificare le nostre difese biologiche è appunto far lavorare biologicamente il nostro organismo.<
    Ah, ecco, adesso ho capito, il caro prof è uno di quei fondamentalisti per cui l’Antibiotico è il Grande Satana:-). Ma va a ciapà i rat!

    >sulla base di queste considerazioni possiamo dire che il maiale può essere considerato una copia o immagine negativa dell’uomo.<
    Ma che cazzo straparla, una cosa è una copia un’altra è un’immagine negativa.

  82. RitvanShehi says:

    >Darwin ha toppato in pieno!!! L’uomo discende dal maiale, non dalla scimmia. Cell< :-) :-) :-)

  83. utente anonimo says:

    Miguel, paletta e sacchetto please!

    Sardina

  84. RitvanShehi says:

    >Che gli organi del maiale siano i più compatibili con quelli dell’uomo dovrebbe essere avvalorato dai trapianti. Non solo ho visto una trasmissione al riguardo, ma anche a una mia conoscente , operata al cuore , hanno sostituito una valvola cardiaca con altra di maiale.Aurora.<
    Egregia collega:-), non ti sfiora il sospetto che ciò sia dovuto esclusivamente al fatto che il cuore del maiale adulto è quello fra gli animali comuni più vicino a quello dell’uomo PER DIMENSIONI?

    >Vedere l’allevamento di maiali, con la veterinaria che spiegava erano destinati alla ricerca e all ‘ utilizzo per i trapianti, anche di fegato mi pare, mi ha fatto un certo effetto.<
    Idem con patate:-) per il fegato.

    >Che la carne, non solo di maiale, faccia male non è una novità.<
    Già, per questo noi carnivori ci stiamo estinguendo:-)

    >Veronesi lo fa trapelare ogni volta che parla di cause di insorgenza del cancro. E’ infatti lui è vegetariano.< Bisogna, però, stabilire se Veronesi è vegetariano perché la carne fa male o la carna fa male (?!) perché Veronesi è vegetariano:-) Certo che – per dirla alla DavideRitvanarium:-) – ai “bei” tempi di Hoxha, quando ad ogni famiglia (indipendentemente dal numero dei membri) venivano distribuiti 2-3 chili di “carne” (fra virgolette, perché era per il 50% osso) al mese, al caro Veronesi avrebbero offerto di decorarlo con la più alta onorificenza albanese, “Eroe del Popolo” pur di averlo come testimonial della lungimirante politica alimentare del Partito:-).

  85. RitvanShehi says:

    >Miguel, paletta e sacchetto please! Sardina< O che Miguel ha adottato un cane?:-)

  86. utente anonimo says:

    In questo modo, mangiando carne di maiale ingeriamo un elevato tasso di mucopolisaccaridi presenti in una grande quantità di strutture del tessuto connettivo dell’animale, e che, una volta dentro il nostro organismo, si dirigono soprattutto verso quei luoghi a cui biologicamente appartengono.<
    E’ una castroneria grossa come una casa. Il caro prof dovrebbe tornare sui banchi dell’ateneo, ma da studente, e ripassarsi la Fisiologia della digestione.

    TUTTE le macromolecole (mucopolisaccharidi inclusi) nel tubo digerente si scompongono nelle unità che le compongono, perdendo ogni caratteristica tipica della specie a cui appartiene la carne digerita.

    Grazie Ritvan hai salvato uno dei nostri piatti tipici che mi rimaneva da mangiare (visto che non posso mangiare carne di agnello o capretto) e detto da te è più che una garanzia!

    Il fatto che i mucopolisaccaridi si scompongano i sede di digestione è dovuto al fatto che l’uomo e onnivoro o avviene così anche per gli erbivori che vengono alimentati con mangimi di origine animale?

    Ciao Sardina

    PS Accidenti ti sei loggato anche tu, così mi hai tolto il gusto di riconoscerti…

    PPS Nel caso leggerò la risposta domani ora a nanna!

    PPPS So che non lo hai detto tu: ma perchè vegetariani?

  87. utente anonimo says:

    Sono davvero stanca, quindi saluto.

    Non prima però di aggiungere che la frase – apparentemente di Davide Ritvanarium- dello ” sguardo rivolto al cielo” è veramente poetica.

    Quindi imito papa Giovanni XXXIII e dico a tutti :

    ” Domani, quando uscirete per strada, volgete uno sguardo al (decimo) cielo !”

    Aurora.

  88. utente anonimo says:

    nemmeno a farlo apposta, oggi a pranzo ho mangiato della mitica finocchiona e del salame, con pane fresco e vino rosso, una cosa squisita:-)

    maria

  89. utente anonimo says:

    epperò è interessante e istruttivo il blog del miguel… si spazia dall’arte culinaria alle più disparate materie scientifiche. C’è spazio per tutto. Kelebek è anche un sito di cultura in un certo senso. Qua s’impara gente… altro che wikipedia!

    Certo che dal Merlo al maiale, sempre di animali si discute eh!

    Cell

  90. utente anonimo says:

    No, devo dire ancora una cosa:

    lo stesso discorso riportato da Reza, riguardo gli antibiotici, l’ho sentito con riferimento agli antidolorifici : a furia di assumerli, la ghiandola preposta a secernere le sostanze antidolorifiche naturali ( non ricordo come si chiamino) si “disattivano” , si disabituano alla loro specifica funzione. Presumo che sia conseguenza dell’uso prolungato dei farmaci , come affermava il Prof. citato da Reza.

    E’ logico, peraltro.

    Aurora.

  91. JohnZorn says:

    @ Reza: Tutto giusto.

    Inoltre,se parliamo di Kebab, è bene ricordare che in Grecia esiste un piatto affine il cui nome ora non mi sovviene, anche se sostanzialmente più simile a spiedini veri e propri.

    JZ

  92. RitvanShehi says:

    >No, devo dire ancora una cosa:

    lo stesso discorso riportato da Reza, riguardo gli antibiotici, l’ho sentito con riferimento agli antidolorifici : a furia di assumerli, la ghiandola preposta a secernere le sostanze antidolorifiche naturali ( non ricordo come si chiamino) si “disattivano” , si disabituano alla loro specifica funzione. Presumo che sia conseguenza dell’uso prolungato dei farmaci , come affermava il Prof. citato da Reza.

    E’ logico, peraltro. Aurora.< Egregia collega:-), mi dispiace di dover filippeggiare:-) con te, ma se non hai almeno qualche infarinatura di biologia forse è meglio per te lasciar perdere ‘sti discorsi. E in biologia – come nel diritto, del resto – non basta che una cosa sia “logica” per essere vera.
    Gli antidolorifici interni si chiamano “endorfine”. Il meccanismo da te confusamente citato si chiama “feedback negativo”. E’ un meccanismo molto complesso che sovrintende a molte funzioni fisiologiche e – specie nel caso delle endorfine – ancora non ben chiarito, pertanto qualunque affermazione generalista non può che essere demagogica e strumentale.

    Uno dei principi base di funzionamento di tale meccanismo è questo: per inibire la produzione di una certa sostanza da una ghiandola dell’organismo, la sostanza estranea dovrebbe essere, se non uguale, almeno molto simile all’analogo endogeno, o almeno, “mimare” quella parte della molecola che va a legarsi nel sito inibitore della ghiandola durante il feed back “naturale”.

    Ora, siccome il nostro organismo non produce penicillina, né qualcosa di molecolarmente simile ad essa, dire che usare la penicillina scatenerebbe un feedback negativo nella produzione di non meglio precisati “antibiotici endogeni” è una castroneria, roba da alchimisti del medioevo. Scientificamente parlando.

  93. RitvanShehi says:

    >Grazie Ritvan hai salvato uno dei nostri piatti tipici che mi rimaneva da mangiare (visto che non posso mangiare carne di agnello o capretto) e detto da te è più che una garanzia!Sardina<
    Non c’è di che, per il porceddu questo ed altro!:-)

    >Il fatto che i mucopolisaccaridi si scompongano i sede di digestione è dovuto al fatto che l’uomo e onnivoro o avviene così anche per gli erbivori che vengono alimentati con mangimi di origine animale?<
    Idem. La sostanziale differenza fra noi e gli erbivori è che loro possono ricavare – grazie alla particolare conformazione dell’apparato digerente – energia dalla cellulosa, noi no.

    >PS Accidenti ti sei loggato anche tu, così mi hai tolto il gusto di riconoscerti…<
    Beh, non ci voleva molto, visto che chi ha (ab)usato del mio nome è stato un troglione imbecille e semianalfabeta. Ma visto che MM insisteva per comodità sua nell’usare sacchetto e paletta…:-)

    >PPPS So che non lo hai detto tu: ma perchè vegetariani?<
    Perché sì, siamo o non siamo in un paese (pressocché)libero e democratico?:-). Per me possono anche munirsi di fanoni e scorrazzare per il mare nutrendosi di plancton:-), c..zi loro! Basta che poi non vengano a rovesciarmi addosso la loro insopportabile spocchia del tipo:”Bavbavo cavnivovo tvoglodita, esseve infeviove, pevché non ti nutvi anche tu solo di vevduve come noi essevi supeviovi?”. A quel punto altro che mitragliate di “vaffa'”, Grillo al mio confronto diventa una dama di San Vincenzo:-)

  94. utente anonimo says:

    Ragazzi non avete capito una mazza

    ritvan non è un veterinario e non è neppure un avvocato

    ritvan è un medico. L’equivoco nasce quando ha dovuto convertire la sua laurea in medicina albanese : il miur ha ritenuto che un medico albanese qui in italia possa al massimo curare gli animali

  95. utente anonimo says:

    povero, povero, povero ritvan

    non si merita tutti questi attacchi!!!

    Mi sento quasi colpevole e dispiaciuto per aver dato il via, anche se la mia “disputa” era di tutt’altra natura: sulle idee e non sulla persona.

    castruccio

    ps ho scritto “quasi”

  96. fmdacenter says:

    Ciao Ritvan,

    di recente mi ricordi molto San Sebastiano, forse un pò più incazzoso.

    Veronesi è un fanatico vegetariano e diffiderei di tutte le sue affermazioni al riguardo.

  97. utente anonimo says:

    >PPPS So che non lo hai detto tu: ma perchè vegetariani?<
    Perché sì, siamo o non siamo in un paese (pressocché)libero e democratico?:-). Per me possono anche munirsi di fanoni e scorrazzare per il mare nutrendosi di plancton:-), c..zi loro! Basta che poi non vengano a rovesciarmi addosso la loro insopportabile spocchia del tipo:”Bavbavo cavnivovo tvoglodita, esseve infeviove, pevché non ti nutvi anche tu solo di vevduve come noi essevi supeviovi?”. A quel punto altro che mitragliate di “vaffa'”, Grillo al mio confronto diventa una dama di San Vincenzo:-)

    Ecco, Ritvan Shehi, è quest’idea che la frutta e la verdura siano esseri inferiori rispetto agli animali che non riesco a mandar giù. Sono sempre esseri viventi che devono smettere di vivere per poterci nutrire! O esiste una scala di valori? E, nel caso, l’uomo sta in cima? E chi ce lo dice?

    L’evoluzione della specie umana è avvenuta anche grazie al fatto che l’uomo, in una certa epoca, ha iniziato a consumare anche la carne. Nel tempo la conformazione della testa è mutata, la mandibola è diventata più piccola ed è aumentato il volume della scatola cranica e di conseguenza del cervello. (Forse per qualche troll che gira da queste parti il tutto deve ancora avvenire…).

    A parte il fatto che tutti i vegetariani che ho conosciuto io usano scarpe in pelle… (ma non vuole essere una statistica, eh!)

    Ma allora, io dico, perchè non accettiamo questa realtà e ci comportiamo, ad esempio, con la dignità di un leone che caccia per mangiare, caccia il giusto che serve per sfamarlo o condivide il superfluo con altri animali anche non della sua specie, il tutto in un meraviglioso equilibrio biologico.

    La carne fa male perchè ne consumiamo troppa. Anche le patatine fritte farebbero male se le dovessimo mangiare tutti i giorni.

    Ciao Sardina.

    PS Hai scritto mucopolisaccharidi con l’acca è stata una svista? Sai dei errori di ortografia ne fai talmente pochi che, praticamente, me li ricordo a memoria, accidenti a te (affettuosamente) per come hai imparato così bene la nostra lingua!…

  98. utente anonimo says:

    >TUTTE le macromolecole (mucopolisaccharidi inclusi) nel tubo digerente si scompongono nelle unità che le compongono, perdendo ogni caratteristica tipica della specie a cui appartiene la carne digerita.< ritvanshehri
    Sei sicuro, TUTTE TUTTE ?

    Ma perché devi (per forza) parlare delle cose di cui non sai niente ?

    Perché credi di essere all’altezza di dire le tue (uso un tuo solito termine) castronerie a ruota libera, forse credi che gli altri sono degli imbecilli?

    Nel corpo umano c’è un continuo processo di ricambio delle sostanze necessarie per le varie funzioni metaboliche, questo processo, molto spesso, è facilitato dalla presenza di enzimi, molecole altamente specializzate nel riconoscere delle sostanze particolari (substrati) quindi, Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particolare sostanza: i lisosomi.

    Questo fenomeno(ad esempio) si osserva nei bambini colpiti da Mucopolisaccaridosi. e sai perché ?

    Perché i mucopolisaccaridi sono grosse molecole che svolgono importanti funzioni nel tessuto connettivo; se nella loro via metabolica viene a mancare un enzima i mucopolisaccaridi si accumulano nelle cellule, nei tessuti e negli organi creando uno stato patologico, le Mucopolisaccaridosi appunto.

    I bambini che nascono con questa malattia, subiscono così gravi danni, che peggiorano col passare del tempo, a causa del progressivo danneggiamento delle cellule.

    Cosa vuol dire tutto ciò?

    vuol dire che i mucopolisaccardi sono dei polisaccaridi legati a proteine tramite un particolare legame chimico, la particolarità di questo legame sta nella particolarità dell’enzima che lo dovrà sciogliere, se manca tale enzima, col cazzo caro ritvan, che si scioglie questo legame e quindi, cosa avviene ?

    Avviene ciò che sostiene il professore.

    Il punto però dove sta?

    Il punto sta nel fatto che ora risulta che in molti bambini nati in occidente(eccoti la differenza tra chi vive alla Mecca e chi in Italia) questo enzima manca e risulta che il numero dei casi è in aumento.

    Ora, tutto questo è una teoria scientifica di tutto rispetto, una teroria su cui si fa ricerca e si discute sui risultati , finora ottenuti, da queste ricerche, questi risultati hano però una loro specificità; non riguardano in modo generale tutte le carni, ma solo quello del maiale, perché il problema sta proprio nella carne del maiale.

    A mio avviso, le lobby economiche permettenedo(perché dietro al commercio della carne del maiale ci sono tanti interessi economici)primo o poi i ricercatori riusciranno ad individuare quale elemento chimico nella carne del maiale è responasabile della distruzione di tale enzima

    reza

  99. utente anonimo says:

    Quoto sardina, a me la carne piace molto, anche se ne mangio poca perchè è sempre più cattiva ma mi piace anche la verdura di tutti i tipi, e se non la consumassi ogni giorno m i sentirei male, insomma si tratta di trovare un equilibrio di gusti e di salute, se vogliamo, perchè poi non è nemmeno obbligatorio.

    Se uno si vuol strafogare di ciccia o di spinaci saranno cavoli suoi no?

    Basta che non venga a farmi prediche e che non si faccia promotore di una legge che imponga spinaci o ciccia tutti i giorni.

    maria

  100. falecius says:

    Io sono un “vegetariano moderato”.

    In condizioni normali non mangio carne, ma penso che l’uomo sia fondamentalmente un animale onnivoro e non ho mai tentato di imporre niente a nessuno.

    Il punto è che un consumo eccessivo di carne su larga scala è dannoso, oltre che per chi lo pratica, anche per l’ambiente e per la società. Io ho scelto una soluzione radicale, (a diciassette anni ero abbastanza estremista… ;) ) ma in realtà penso che in un consumo moderato non ci nulla di male.

  101. PinoMamet says:

    Io praticamente non mangio porco, e sono di salute molto più malferma, per dirla tutta, di tanti miei amici maialofagi (maialofaghi? suinofaghi?).

    Non credo però che c’entri la dieta, quanto i troppi antibiotici presi in precedenza, almeno così dice il mio medico.

    D’altra parte, ho dovuto prendere un sacco di antibiotici perché sono sempre stato di salute malferma, per cui… boh!!!

    Ciao!

  102. utente anonimo says:

    Che il consumo di troppo carne sia dannoso anche per l’ambiente è proprio, vero , i grandi allevamenti di animali comportano spese enormi per dar loro da mangiare, risorse che potrebbero essere dirottate verso altri scopi in campo alimentare.

    Mai come in questo campo la virtù sta nel mezzo.

    maria

  103. utente anonimo says:

    Per Pietro #80

    “quello iraniano me lo sono perso, ma ti consiglio di provare il kebab cinese (anzi, “i” kebab, quello della minoranza cinese musulmana – al momento mi sfugge il nome, del resto non sono mai stato in cina per utrismo…- e quello della minoranza turca – gli uiguri-. Soprattuto quest’ultimo quando te lo mettono nella pagnotta al miele…)”

    La minoranza cinese a cui ti riferisci dovrebbero essere gli Hui, i piu’ numerosi e di lingua cinese, anche se ci sono in tutto 10 minoranze musulmane sul suolo cinese:oltre agli Uighuri, anche Kazaki, Kirghizi, Uzbeki, Tajiki, Tatari, poi di lingue turco-mongoliche: Salar, Baoan e Dongxiang.

    Dove l’hai mangiato il kebab uighuro con la pagnotta al miele?

    Io non ne ho mai visti in Xinjiang dove vivono gli Uighuri, al massimo avevano le nan (pizze-pagnotte) ripiene di montone ma non c’era il miele.

    Piuttosto tra le prelibatezze di li’ ricordo il riso pilau, coi pezzettoni di montone come condimento e con tutte le sue varianti: es. quello di Andijan, con tanta frutta secca…

    A proposito di maiale e di cinesi…il maiale e’ il piatto principale e immancabile sulla tavola dei cinesi quindi potete immaginare le difficolta’ di un musulmano che vive in Cina attorniato da una gran folla di mangiatori di maiale in tutte le salse (i cinesi entravano pure nei ristoranti musulmani coi loro spiedini di maiale in mano! Per non parlare dei barbecue di maiale nei cortili delle case che a volte dividono coi musulmani…)

    Sono ormai diffusi molti pamphlets in cinese sul perche’ i musulmani non mangiano il maiale-sembra sia il tema che piu’ interessa in fatto di Islam! Proprio perche’ la questione era motivo di continui attriti e discriminazioni ed e’ in qualche modo la cosa piu’ inspiegabile e misteriosa di tale fede per un cinese. (Ah comunque nel sud della Cina ci sono famiglie che si definiscono musulmane-per discendenza soprattutto-ma che allevano maiali!).

    Qualche tempo fa (forse negli anni ’80? Non ricordo bene) ci fu una manifestazione dei musulmani cinesi per la messa al bando di un articolo di giornale offensivo in cui si diceva che i musulmani non mangiano il maiale perche’…venerano il maiale!!!

    Un po’ come la mucca sacra induista!

    Poveri musulmani cinesi! Eppure secondo me il giornalista non l’ha scritto con cattiveria ma realmente per cercare di spiegare al pubblico quello che per loro e’ un mistero!

    Ciao

    Pat

  104. utente anonimo says:

    brullo,

    – vivo qua da 8 anni e, ti stupirà, non mi pare che faccia mai abbastanza freddo. a volte (poche) nevicava. adesso neppure quello. l’inverno scorso sembrava eternamente autunno. —

    E’ vero, l’anno scorso è stato più caldo della media. Ma in genere non siamo così fortunati (o sfortunati, a seconda dei gusti :-) ). Nell’inverno 2002-2003, ad esempio mi si sono congelate le mani dentro i guanti mentre camminavo a piedi, e ho dovuto lasciare il motorello in via Marconi.

    In compenso d’estate fa un caldo che nemmeno all’Equatore.

    – strano destino, nascere in liguria, vivere a bologna e desiderare l’Islanda o l’Antartide fin dalla più tenera età. sob. :)

    Ah, ma dillo allora che sei un criofilo convinto!! :-))

    Z.

  105. utente anonimo says:

    JZ,

    – Intendo dire: omologandosi a un gusto “occidentale” un po’ “standard”, qui è difficile trovare quella ricchezza di cucina e varietà che troverei nei paesi d’origine.

    Il Kebab è più di un semplice panino,e quella varietà,purtroppo, da noi è rara.–

    Sante parole. Qua è strapieno di kebabbari, ma l’unico veramente eccezionale è il persiano del Pratello. Facci un salto se ti capita :-)

    – Inoltre,se parliamo di Kebab, è bene ricordare che in Grecia esiste un piatto affine il cui nome ora non mi sovviene, anche se sostanzialmente più simile a spiedini veri e propri. —

    La pita ghiros del greco al kebab si avvicina parecchio (per quanto posso capirci). Ma dato che hai parlato di spiedini secondo me tu hai mangiato una souvlaki ;-)

    Z.

  106. utente anonimo says:

    Ciao a tutti,sto organizzando per la prossima primavera un viaggio in macchina intorno al Mar Nero,attraversando l`Ungheria,la Romania,la Moldavia,l`Ucraina,la Russia,la Georgia,l`Armenia, l`Iran,la Turchia e con la nave verso l`Italia.Il seguente giro e`stato compiuto gia`da me al contrario.Oltre al viaggiare sono un grande appassionato di cucina orientale.Chi volesse aggiungersi con proprio mezzo o con altri,sara`il Benvenuto.Ripeto VIAGGIARE e`il mio AMORE!!!!!!La politica non ha per me alcun significato e tantomeno i litigi per causa sua.Il viaggio durera`circa 5 settimane,anche a causa di zone impervie da attraversare e si partira`verso Pasqua.Ciao a tutti

    Massimo

  107. utente anonimo says:

    x maria

    chiedo scusa sto ancora ridendo per il post apocrifo, benchè fosse evidentemente di mano maschile.

    ” i grandi allevamenti di animali comportano spese enormi per dar loro da mangiare”, spese che vengono lautamente compensate da quello che i consumatori pagano per le loro bistecche e hamburger, se vuoi spendere meno sei libera di mangiare carote e insalate.

    certi vizi di color rosso non passano mia, parrebbe.

  108. ulivegreche says:

    E’ evidente che questo pezzo l’ha scritto subito dopo essere uscito dal bar di un aereoporto.

  109. RitvanShehi says:

    >Qualche tempo fa (forse negli anni ’80? Non ricordo bene) ci fu una manifestazione dei musulmani cinesi per la messa al bando di un articolo di giornale offensivo in cui si diceva che i musulmani non mangiano il maiale perche’…venerano il maiale!!!

    Un po’ come la mucca sacra induista!

    Poveri musulmani cinesi! Eppure secondo me il giornalista non l’ha scritto con cattiveria ma realmente per cercare di spiegare al pubblico quello che per loro e’ un mistero! Pat< Sarà stato il vicedirettore ad personam di quel giornale, Grande Esperto di Cose Islamiche, a scrivere quella castroneria, immagino.

  110. falecius says:

    Cel 125: credo che maria si riferisse ai costi energetici, ambientali e sociali.

  111. utente anonimo says:

    Sì falecius, davo per scontato che si sapesse qualcosa intorno alle grandi coltivazioni per nutrire gli animali.

    maria

  112. RitvanShehi says:

    >Ciao Ritvan, di recente mi ricordi molto San Sebastiano, forse un pò più incazzoso.fmdacenter<
    Eh, io, però, le frecce le raccolgo e le rispedisco al mittente.

    >Veronesi è un fanatico vegetariano e diffiderei di tutte le sue affermazioni al riguardo.<
    Io diffido di TUTTI i fanatici, quando parlano di questioni scientifiche.

    Ciao

  113. RitvanShehi says:

    >Ecco, Ritvan Shehi, è quest’idea che la frutta e la verdura siano esseri inferiori rispetto agli animali che non riesco a mandar giù. Sono sempre esseri viventi che devono smettere di vivere per poterci nutrire! O esiste una scala di valori? E, nel caso, l’uomo sta in cima? E chi ce lo dice?Sardina<
    Ecco, brava, come ho già detto qui prima della tua comparsa:-), questo è il “tallone d’Achille” dei vegetariani con la puzza sotto er naso. Di fatti, anch’essi stabiliscono arbitrariamente una “gerarchia” di esseri viventi e senzienti (sì, anche la lattuga prova dolore!) che si dovrebbero mangiare o non mangiare. Pertanto, mangiassero quel che gli pare, ma ci risparmiassero la morale un tanto al chilo (di verdura:-) ).

    >A parte il fatto che tutti i vegetariani che ho conosciuto io usano scarpe in pelle… (ma non vuole essere una statistica, eh!)<
    Eh, mica possono usare scarpe di lattuga, no?:-)

    >Ma allora, io dico, perchè non accettiamo questa realtà e ci comportiamo, ad esempio, con la dignità di un leone che caccia per mangiare, caccia il giusto che serve per sfamarlo o condivide il superfluo con altri animali anche non della sua specie, il tutto in un meraviglioso equilibrio biologico.<
    Perché l’uomo è un animale spesso e volentieri dedito al fanatismo.

    >La carne fa male perchè ne consumiamo troppa. Anche le patatine fritte farebbero male se le dovessimo mangiare tutti i giorni.<
    Giusto. Una dieta equilibrata è quanto di meglio un essere umano provvisto di ragione dovrebbe seguire.

    >PS Hai scritto mucopolisaccharidi con l’acca è stata una svista? Sai dei errori di ortografia ne fai talmente pochi che, praticamente, me li ricordo a memoria, accidenti a te (affettuosamente) per come hai imparato così bene la nostra lingua!…<
    E’ la grafia inglese (con la “y” al posto della “i”, però), sai uso consultare testi scientifici in quella lingua e ogni tanto la confusione è inevitabile:-)

    Ciao

  114. RitvanShehi says:

    >ritvanshehri …Ma perché devi (per forza) parlare delle cose di cui non sai niente ? reza<
    Intanto io mi chiamo “Ritvan Shehi” e non “shehri”. Se non sei capace di scrivere correttamente il mio nome, potresti fare col copia-incolla.

    Quello che straparla di cose che ignora – magari ringalluzzito dall’appoggio dei troglioni castrucceschi e non – sei tu. E te lo dimostrerò.

    >Perché credi di essere all’altezza di dire le tue (uso un tuo solito termine) castronerie a ruota libera, forse credi che gli altri sono degli imbecilli?<
    TUTTI gli altri no. Tu, castruccio e i suoi troglioni, invece sì.

    Dimostrazione:

    >Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particolare sostanza: i lisosomi. reza< Dalla Sacra Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Lisosoma) :

    Lisosoma

    Il lisosoma (dal greco lysis, dissoluzione, e soma, corpo) è una vescicola (organello) presente in numerose copie in cellule eucariotiche e rappresentano il sistema digerente della cellula in quanto sono responsabili della degradazione (distruzione) di molecole estranee ingerite dalla cellula via endocitosi così come di macromolecole endogene e si occupano del turnover degli altri organelli della cellula stessa.

    UN ORGANELLO CELLULARE, REZA, NON UNA “SOSTANZA”.

    E adesso vai anche tu a cagare nel pannolone di castruccio!

  115. utente anonimo says:

    cari tutti,

    in attesa di loggarmi non preciserò più quali sono i commenti falsi, lo capirete da voi.

    maria

  116. fmdacenter says:

    maria

    cosa sono i costi che citi?

    quelli energetici li paga il proprietario dell’allevamento, quelli ambientali dovrebbe, visto che non si può inquinare gratis – non si potrebbe, ma qui è questione non economica.

    su quelli sociali aspetto lumi.

    Francesco

    il 125 sono io ma sloggato a tradimento :(

    x Ritvan: come scrisse Dante, non ti curar di loro ma guarda e passa. Al massimo tocca tapparsi il naso :)

  117. RitvanShehi says:

    >mannaggia agli americani quando han fermato il progetto genocida di Milosevic… castruccio< Ah, ma allora – che tu sia castruccio o un troglione -sei ‘gnurant pure in geografia e ti piace autoincularti! Milosevic voleva “epurare” gli albanesi kosovari e spedirli in Albania. E Fier (da dove viene l’avvocato che state vigliaccamente diffamando) o Vlore (da dove vengo io) mica si trovano in Kosovo. Deficiente!

  118. RitvanShehi says:

    >x Ritvan: come scrisse Dante, non ti curar di loro ma guarda e passa. Al massimo tocca tapparsi il naso :)

    fmdacenter< Sì, ma il problema è che io mica discendo da Dante:-)

  119. fabbile says:

    non discenderai da Dante ma potresti dedicare a costoro il risultato di un “cul che fa trombetta”: molladdusu

    fabrizio

  120. Ste65 says:

    Ritvan, capisco che a volte sia divertente, ma ricordati le sacre parole (do not feed the trolls)

  121. utente anonimo says:

    A francesco

    sono molti i fattori che dovrebbero indurre a un consumo minore della carne.

    Alcuni li hai indicati tu anche se non chiaramente, facendo però riferimento a delle questioni politiche, perchè ovviamente i grandi allevamenti, quelli su scala industriale, non sono affare soltanto degli allevatori, per via dell’energia, dell’acqua , dei rifiuti che fanno , ecc.

    Altri riguardano il cibo destinato agli animali.

    Infatti circa il 38% della produzione mondiale di cereali è destinata alla alimentazione degli animali mentre potrebbe essere destinata direttamente alla alimentazione umana.

    Ma qui si apre un capitolo complesso che non si può esaurire in tre righi.

    Basti dire che n alcuni paesi, che pure hanno problemi alimentari, terreni e risorse vengono destinati all’allevamento per l’esportazione anziché alle produzioni alimentari per uso diretto. E talvolta questo avviene attraverso la distruzione della foresta tropicale per far spazio ai pascoli.

    Ci sarebbe poi anche il trattamento e le condizioni dei moderni sistemi di allevamento dove gli animali vivono in condizioni tali (sovraffollamento, poco spazio per muoversi soprattutto all’aperto, mancanza di luce solare, impossibilità di manifestare il loro normale comportamento, ecc.) da provocare un diffuso e costante stato di malessere e di vera e propria sofferenza fisica e psichica.

    Ti potrei su questo consigliare un libro dello scrittore Coetzee ma non lo faccio per risparmiarmi la tua solita e a volte banale ironia.

    Mi fermo qui e se ritrovo alcune cose di un certo spessore che sono in qualche cassetto del mio computer te le segnalerò.

    maria

  122. Ste65 says:

    E’ quello che stavo facendo (stavo discorrendo con Ritvan, non con voi).

    Quanto alla bocciatura, sardina, mi sembrava una soluzione logica alla tua evidente acrimonia nei miei confronti, che altrimenti non avrebbe senso (partendo ovviamente dal presupposto che tu sia una persona sensata).

  123. utente anonimo says:

    Castruccio in vita sua ha avuto una sola idea, però sbagliata.

    Crede che sia divertente sputtanare chiunque non sia d’accordo con lui dicendone nome e cognome.

    Purtroppo non riesce mai a trovare i nomi giusti, perché anche per questo ci vuole intelligenza e lui non ce l’ha.

    Allora trova un nome qualsiasi e continua a menarla con quello.

    Le cose più pesanti però le dice senza firmarle, e a volte le smentisce pure, come se tutti fossero idioti quanto lui.

    Poi il mese dopo si scorda della smentita e le riposta identiche firmandole “castruccio”, questo per dire quanto è ritardato.

    La cosa divertente è che pensa davvero che nessuno se ne sia accorto.

    Stesso meccanismo applica per le grandi rivelazioni sui personaggi di cui conosce il nome, come MMax: visto che non trova malignità vere da dire, se ne inventa di false, e le correda di patetici commenti che si scrive da solo.

    Ha già promesso che lo farà anche per Rosalucsemblog, come se al mondo gliene fregasse qualcosa dell’ennesima invenzione di un coglione pensionato.

    Però un lato positivo ce l’ha: evita sempre di dire che è ebreo per non dare argomenti agli antisemiti.

    Firmato UN AMICO.

  124. falecius says:

    Franceso 188 (mi pare): per costo “energetico” non intendo il costo della bolletta ENEL per illuminare le stalle :). In effetti, sto usando una nozione di “costo” traslata, e, nel caso, non monetizzabile. Avrei fatto meglio a specificare: costo energetico “ecologico”=perdita di energie e potere calorico inevitabile man mano che si sale lungo la catena trofica.

    Si potrebbe esprimere col rapporto calorie/ettaro. Sono praticamente sicuro che Maria intenda la stessa cosa (esempio grossolano: per nutrire X persone a patate mi serve superficie Y; per nutrire X a carne bovina mi serve Y per otto, all’incirca).

  125. falecius says:

    Per Maria 209: ho scritto il mio 212 prima di leggere il tuo. Scusa.

  126. utente anonimo says:

    falecius, sì ci siamo incrociati, ma come vedi dicevamo, più o meno, le stesse cose:-)

    maria

  127. Ste65 says:

    Falecius (#212) e Maria (#209).

    Quell’argomento (che se ho ben capito è un “classico” dei vegetariani), credo sia piuttosto discusso.

    Mi rammento una passata discussione (in altri lidi) in cui la persona (vegetariana) che ne parlava affermava che la resa era di circa 60 kg di proteine animali per ettaro nel caso di produzioni agricole destinata all’alimentazione animale, e di circa 1800 di proteine vegetali se il terreno veniva destinato a cereali, concludendone pertanto che l’allevamento era “inefficente”, se non addirittura “criminale”.

    Altra persona (agricoltore) aveva peròobiettato il paragone era improprio perchè:

    a) non tutti i terreni sono adatti alla coltivazione di cereali (gli unici a poter garantire una resa così alta);

    b) nella “resa” dei cereali doveva calcolarsi anche il “costo” delle numerose risorse necessarie a fare in modo che il campo rendesse un raccolto del genere (fertilizzanti, acqua, lavoro, ecc.), molto meno essenziali per il foraggio.

  128. Ste65 says:

    scusate, mi è “saltata” la parte finale.

    ……

    c) inoltre a lungo andare anche un’agricoltura vegetale, del tipo “intensivo” necessario per garantire rese così alte, comporterebbe rischi ecologici non indifferenti

  129. utente anonimo says:

    ste

    io non sono vegetariana e non ho parlato di criminalità ma di opportunità riguardo alla riduzione di allevamenti bovini . suini, ecc. ecc.

    Certo che la questione è molto complessa e che ci possono essere dei fondamentalismi a riguardo, ma esistono valutazioni e studi relativi inerenti a questo tipo di attività che non sono affatto liquidabili come manie di vegetariani.

    Ripeto se riesco a ri-trovare delle cose di un certo spessore le indicherò.

    ciao

    maria

  130. utente anonimo says:

    Il problema è che per effettuare una razionalizzazione dall’esterno e imposta dovete:

    1) limitare la libertà degli agricoltori

    2) limitare la mia libertà di mangiare

    e questo mi piace poco.

    Senza contare che non si hanno casi di economia buonista (niente bistecche per dare il pane ai poveri) che funzioni (con grande dispiace della Santa Madre Chiesa che predica economia buonista ad ogni piè sospinto).

    Francesco (sloggato da sto cavolo di sistema, ma come funziona?)

  131. utente anonimo says:

    Stefano Botta,

    tengo a precisare che i commenti 201 e 205 non sono miei.

    Non ti conosco, non mi hai fatto nulla e di conseguenza mai mi sarei permessa di rivolgermi a te in questo modo.

    Sardina

  132. Ste65 says:

    In tal caso, piacere di conoscerti

    puoi usare indifferentemente ste65 o stefano botta (il mio è un nick volutamente “scoperto”), e non ti preoccupare dei cloni (mi diverte molto vedere pivelli che si bullano di avermi “stalkerato”, come se fosse chissa quale segreto).

  133. utente anonimo says:

    Francesco,

    ma perchè sei così ossessionato da presunti pericoli per la tua libertà di mangiare, ridurre gli allevamenti bovini ,o il consumo di carne, vuol dire che tu non mangerai più le bistecche?

    Anche perchè nessuno pensa a chissà quali imposizioni, casomai a processi culturali, e del resto non è meglio mangiare della buona carne, che so, dico a caso, tre volte la settimana che pessima, come adesso, tutti i giorni?

    Questo per rassicurarti, riguardo poi all’occupazione e alla libertà degli allevatori che nessuno minaccia, vorrà dire che ci saranno altri tipi di lavoro nel caso l’abitudine a mangiare carne, nel corso del tempo, venisse ridotto.

    Cosa c’entri poi il buonismo ogni volta si faccia riferimento al problema dell’alimentazione nel mondo, non riesco proprio a capirlo!

    maria

  134. utente anonimo says:

    XRitvan

    Avevo scritto:

    >Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particolare sostanza: i lisosomi.<
    Potevo scrivere:

    Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particella: i lisosomi.

    Pensando da Biologo(ti ricordo che ho una laurea in biologia)perché , ed effettivamente, di sostanza si tratta.

    Ma che credi che parlavo di un sigolo lisosomo ?

    Il Lisosomo singolo, insieme a altri lisosomi , formano comunque una sostanza.

    E poi qui non siamo ad un seminario scientifico, già sei abbastanza testa di cazzo cosi, figura se non semplifico un’pò.

    Sinceramente, non avrei voluto arrivare a far parte del coro vaffanccculo Ritvan insieme a persone che non conosco, ma non ti meriti altro.

    reza

  135. Ste65 says:

    @maria

    So che non sei vegetariana (se non erro l’avevi già scritto, qui o in occasione di un altro post), e comunque considero un errore logico giudicare un argomento in base al tipo di persona che lo dice ( l’argomento che va esaminato -ed eventualmente confutato- non la persona).

    Ed ovviamente tu non hai mai parlato di “criminalità” al riguardo (era quel tipo che lo ha fatto).

    Comunque grazie di aver solleticato la mia curiosità sul punto; qui una cosa che ad un primo superficiale esame pare non scritta male:

    http://www.ivu.org/oxveg/Talks/animalfarmenv.html

    A quanto ho capito il problema non è tanto la contrapposizione animali/vegatali, quanto il fatto che per l’alimentazione animale si usino estensivamente cereali pregiati e farine vegetali e di pesce.

    Poi in effetti, come dici tu, il problema è molto complesso (ed ovviamente io non ho la competenza per parlarne con un minimo di cognizione di causa).

    Se trovi qualcosa, linkamelo, mi interessa.

  136. JohnZorn says:

    @ Z:

    >Sante parole. Qua è strapieno di kebabbari, ma l’unico veramente eccezionale è il persiano del Pratello. Facci un salto se ti capita :-) < Dove esattamente? >La pita ghiros del greco al kebab si avvicina parecchio (per quanto posso capirci). Ma dato che hai parlato di spiedini secondo me tu hai mangiato una souvlaki ;-) < In alcune gastronomie arabe (anche in Inghilterra) m’hanno servito definendolo “Souvlaki” anche una specie di Kebab (oltre al succitato spiedino) Mah? JZ

  137. fmdacenter says:

    maria

    guarda il tuo discorso

    nessuno pensa a imposizioni …

    processi culturali (cioè propaganda e censura, sennò sono processi spontanei) …

    accontentati di mangiar carne due volte la settimana che IO (lo Stato, non maria) ti dico che è meglio e pure migliore …

    io fuggo come una lepre di fronte a queste posizioni

    ciao

  138. PinoMamet says:

    Su gyros- souvlaki:

    credo che l’ambiguità sia già in greco, dovuta al fatto che in fondo iquello che noi chiamiamo kebab è uno “spiedone” di carne che gira (da cui il nome gyros), quindi il termine souvlaki viene usato a volte per indicare un normale spiedino, a volte per indicare il panino con fette tagliate dallo spiedone, cioè appunto quello che per noantri italiani è ormai ufficialmente “kebab” o “panino col kebab”, e che poi sarebbe shawarma per gli arabofoni.

    Perlomeno io l’ho capita così!

    Ciao!

  139. PinoMamet says:

    Domanda gastronomica:

    di dove sono originari i dolcetti chiamati curabiè, a forma più o meno di crumiro, che mi mamma mi faceva quand’ero piccolo?

  140. falecius says:

    Per Pino 227: non so nel mondo arabo in genere, ma in Tunisia si usa sia “kebab” che “shawarma” per indicare due tipi di panino molto simili ma non identici (anche se non ho capito la differenza). Posso dire che lo shawarma di solito è di tacchino.

    Comunque non si tratta di tradizione locale radicata ma di importanzione dall’est, per quanto ne ho capito.

  141. bloggoanchio says:

    @UN AMICO

    Castruccio NON è ebreo. Lo dimostra la sua profonda ignoranza dell’ebraismo e delle sue correnti. Inoltre mi limito a notare che nel momento in cui ha deciso di aprirsi un blog tutto suo ….ha deciso di prendersela con persone di origine ebraica dopo aver tormentato la blogosfera per anni dichiarando le sue posizioni filo-israeliane/ebraiche. In termini piu’ genenrali credo che castruccio abbia un problema con le diversita’ in generale…ebrei, islamici o veterinari albanesi che siano.

  142. utente anonimo says:

    Aurora, non preoccuparti, penso che Martinez abbia intuito chi si cela dietro il clonatore di nick. Sicuramente sta aspettando il momento buono per beccarlo e cazziarlo soronamente una volta per tutte.

    maria

  143. utente anonimo says:

    JZ,

    – Dove esattamente? —

    Venendo dal centro rimane sulla destra di via del Pratello, dieci o venti metri prima del posto di polizia all’angolo con via Coltellini.

    Te lo servono sia nella pita sia nella baguette – personalmente consiglio la pita. Piccante, ovviamente ;-)

    Fammi sapere!

    Z.

  144. RitvanShehi says:

    >Ritvan, capisco che a volte sia divertente, ma ricordati le sacre parole (do not feed the trolls)Ste65< Caro mio, quello è trollazzo testa di cazzo che si autoalimenta: p.es. ti ha fatto litigare con Sardina.
    Gli slogan tipo “don’t feed the trolls” non sempre funzionano in questi casi. Meglio dei sani insulti: Grillo docet:-)

    Ciao

  145. RitvanShehi says:

    >Le cose più pesanti però le dice senza firmarle, e a volte le smentisce pure, come se tutti fossero idioti quanto lui.

    Poi il mese dopo si scorda della smentita e le riposta identiche firmandole “castruccio”, questo per dire quanto è ritardato.

    La cosa divertente è che pensa davvero che nessuno se ne sia accorto. UN AMICO< Ahò, amico, acca nisciuno è fesso! Ma tu credi che non ce ne siamo accorti che sia “castruccio” che “trollazzo testa di cazzo” scrivono spesso e volentieri “qusto” invece di “questo”?:-)

  146. RitvanShehi says:

    >XRitvan

    Avevo scritto:

    “Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particolare sostanza: i lisosomi.”

    Potevo scrivere:

    Se viene a mancare un enzima(cosa che capita purtroppo sempre più spesso) il processo si altera e, di conseguenza, si ha un accumulo di una particella: i lisosomi. reza<
    E avresti scritto di nuovo una castroneria. Senti, ti copincollo qui la descrizione corretta che ne dà il sito di Telethon (http://www.telethon.it/informagene/dettaglio_malattia.asp?id=26):

    Che cosa sono le Malattie Lisosomiali: Le malattie lisosomiali (ML) sono gravi malattie genetiche causate dal difetto di uno dei numerosi enzimi che hanno il compito di degradare diverse molecole all’interno della cellula. Il processo di degradazione avviene in particolari compartimenti della cellula chiamati lisosomi (delle microscopiche “bolle” delimitate da membrane, poste all’interno della cellula). Nelle malattie lisosomiali, il difetto dell’enzima causa un accumulo di prodotti all’interno dei lisosomi e determina gravi danni alla cellula.

    Hai capito ? Non sono i lisosomi che si accumulano, sono le sostanze non metabolizzate per mancanza dell’enzima che si accumulano NEI lisosomi. Capito o te lo devo fare col disegnino?

    >Pensando da Biologo(ti ricordo che ho una laurea in biologia)perché , ed effettivamente, di sostanza si tratta.<
    Ma non dire cazzate! Vedi sopra. Dì che hai copincollato male da qualche parte e facciamola finita con questa farsa, che stai diventando più ridicolo di quando inveisci contro i nazifasciosionisticristianipinnati!:-)

    >Ma che credi che parlavo di un sigolo lisosomo ?

    Il Lisosomo singolo, insieme a altri lisosomi , formano comunque una sostanza.<
    Sì, e anche il cuore, insieme a fegato, milza ed intestino ne formano un’altra:-)

    >E poi qui non siamo ad un seminario scientifico, già sei abbastanza testa di cazzo cosi, figura se non semplifico un’pò.<
    Un conto è semplificare un altro è descrivere fischi per fiaschi. Comunque, con quanto sopra hai dimostrato al di là di ogni ragionevole dubbio che con la tua presunta laurea in biologia ti potresti tranquillamente pulire il culo.

    >Sinceramente, non avrei voluto arrivare a far parte del coro vaffanccculo Ritvan insieme a persone che non conosco, ma non ti meriti altro.<
    Beh, castruccio & the troglions sono la migliore compagnia che uno come te possa trovare. Vi unisce almeno la cialtronaggine e la ciarlatanaggine.

    Un cordiale vaffanculo anche a te. E salutami il “Senatur”!

  147. RitvanShehi says:

    Porca miseria, ma dov’è Cocco, biologa vera, che non viene a spazzar via queste castronerie deliranti da medicina del tempo di Galeno sui mucopolisaccaridi della pelle di porco che s’intrufolano nei lisosomi del bambino piccolo (evidentemente nutrito con omogenizzati di pelle di porco:-) ) e gli causano la mucopolisaccaridiosi (malattia notoriamente genetica)?

    Dai, Cocco, su, lascia da parte i pregiudizi ideologici e scendi in campo.

    P.S. In assenza, mi accontenterei anche di Lisa, ma mi sa che pure issa non sarà disponibile, a causa della pregiudiziale rom:-)

  148. utente anonimo says:

    Klonenburg, stai ottenendo dei risultati : si loggano quasi tutti, fra poco potrai clonare solo me e qualche altro cammello che riposa, senza targa, tra le automobili parcheggiate.

    In ogni caso non credo proprio tu sia Castruccio e neppure ti confondo con gli altri troll. Ho copiato due errori ( “qusto” e ” rivolare” ) per clonare meglio.

    L’ espressione che mi hai attribuita al 203 , ” andare per piste”, non l’avevo mai sentita, è simpatica, la terrò a mente ma Maria non si rivolgerebbe mai al tenutario del blog chiamandolo “Martinez”. Quindi concordo con Roberto, non hai fatto caso alle caratteristiche dei singoli.

    Aurora.

  149. falecius says:

    Aurora 240: e perché non ti logghi, tu? Spirito di contraddizione? ;) Ostilità etica a splinder?

  150. utente anonimo says:

    Magari, Falecius, in fondo, sono più anarchica di te . O forse sono proprio spirito di contraddizione. O , infine, la motivazione è il frutto di un kebab- souvlaki-cevapcici- polpettone.

    Ma dove stai , di preciso, in Tunisia ?

    Aurora.

  151. falecius says:

    in questo momento sono in provincia di Ascoli Piceno. Sono tonato dalla Tunisia qualche settimana fa. Normalmente abito a Mestre. Non sono sicuro di sapere in che continente sarò tra sei mesi. Tra l’altro, sono tutte ottime scuse (vere) per non prendere un cane :))

    Un’avvocato anarchico? Interessante.

  152. utente anonimo says:

    L’ espressione che mi hai attribuita al 203 , ” andare per piste”, non l’avevo mai sentita, è simpatica, la terrò a mente ma Maria non si rivolgerebbe mai al tenutario del blog chiamandolo “Martinez”. Quindi concordo con Roberto, non hai fatto caso alle caratteristiche dei singoli.

    maria

    (quella vera)

    aurora sei grande:-)

    ps. ho rotto il silenzio stampa:-) perchè non riesco a bloggarmi, il mio comune nome risulta presente e anche tanti altri. Mi sono arresa.

    Ritvan ha messo nome e cognome ma tu francesco hai provato molte volte o ci sei riuscito subito?

    Aspetto delucidazioni magari anche da falecius.

    Grazie

  153. falecius says:

    Maria 244: a suoi tempo, io nn ho avuto problemi. Che tipo di messaggio ti danno? Pensa ad un soprannome poco comune o ad un aggettivo strano da unire al nome, se non vuoi o non puoi usare il cognome. O splinder è in “manutenzione”?

  154. RitvanShehi says:

    >Un’avvocato anarchico? Interessante. falecius< Mica tanto. C’è una pletora di avvocati fra gli anarchici del passato. E anche uno degli avvocati di Sacco e Vanzetti era anarchico pure isso. Non prendere, però, in senso politico l’autodefinizione dell’avv. : molto probabilmente si ispira allo stato d’ordine del suo guardaroba:-) Ciao

  155. RitvanShehi says:

    >il mio comune nome risulta presente e anche tanti altri. Mi sono arresa.

    Ritvan ha messo nome e cognome..maria< Eh, già, questo è uno dei (pochi) vantaggi dell avere nome e cognome fuori dal comune italico:-)
    Come ti ha detto falecius, usa un nome di fantasia. Ti suggerirei bonariamente:”marialakompagna”:-). Martinez:-) saprà riconoscerti, stai tranquilla, e anche nosotros.

    Ciao

  156. falecius says:

    “molto probabilmente si ispira allo stato d’ordine del suo guardaroba:-)”

    Ritvan ;) Perché, secondo te quando IO dico che sono anarchico, a cosa mi riferisco? ;)))))

  157. Ste65 says:

    Infatti, Ritvan.

    In effetti avrei dovuto ignorarlo.

    (così imparo a predicare bene e razzolare male!)

  158. RitvanShehi says:

    >”molto probabilmente si ispira allo stato d’ordine del suo guardaroba:-)”

    Ritvan ;) Perché, secondo te quando IO dico che sono anarchico, a cosa mi riferisco? ;))))) falecius< Ah, ‘mbè, allora…:-) la digos può tornare ad occuparsi di altri bloggers:-). Ciao

  159. Ritvanarium says:

    X Aurora:

    Klonenburg ;-) ci ha provato anche con me un paio di volte: la prima, sulla Cristianofobia HarryPotteriana paragonabile all’ Imam Wahabita che vede Al-Bidà (pure al bidè/et ?) dappertutto l’ ho adottata senza problemi …

    La seconda era un fake clamoroso : insufficientemente a conoscenza di come si facciano le provocazioni politiche “in questa fettaccia di terra che va dal grande fiume alla grande strada” come scriveva Guareschi ;-)

    by David_Ritvanarium

  160. falecius says:

    Ritvan… Digos????

  161. utente anonimo says:

    falecius e ritvan

    ci ho provato a mettere un nome strano, dopo il fallimento del mio, ma nulla:-)

    allora la sequenza è questa

    clicco su registrati

    riempio la casella del nome

    metto l’indirizzo email

    metto la password

    dichiaro di non avere , purtroppo, 18 anni:-)

    eppoi clicco su crea nuovo account

    a questo punto mi si apre una maschera dicendo che il nome esiste

    domai riprovo

    voi intanto ditemi se la sequenza è giusta

    un saluto a tutti e scusatemi

    maria

  162. falecius says:

    Interessante, credo Klonenburg cloni anche castruccio.

  163. falecius says:

    Maria, la sequenza dovrebbe essere giusta, ma nn ho capito una cosa: dichiari di avere più di 18 anni ? altrimenti nn puoi loggarti. prova con qualche altro nick, si vede che il nome esiste.

  164. falecius says:

    Dai castruccio, chi se ne frega se per te Rosa è cretina (cosa che io non penso minimamente, del resto, ma fatti vostri)? Hai aperto un blog per dimostrarlo, e va bene, ma almeno qui lasciaci in pace.

  165. falecius says:

    Ip dinamici???? Su che pianeta scusate?

  166. RitvanShehi says:

    ah, dimenticavo, siempre per castruccio.

    Un piccolo esempio sul perché una persona civile non potrebbe mai mettersi a dialogare civilmente con un ciarlatano par tuo.

    - Hai chiesto a Miguel di mandargli la foto dell’avvocato che, secondo i tuoi deliri, sarei io, perché Miguel lo riconoscesse.

    - Miguel ha accettato.

    - A quel punto ti sei tirato indietro, invocando ad minchiam delle cose strampalate sulla privacy, il diritto all’immagine e roba simile.

    - Trolleggiando (tu o qualche altro invertebrato simile a te) è stata messa su questo blog infinite volte una foto, sostenendo che quella era la foto di Ritvan.

    - Tu e il/i troglione/i, a più riprese, avete confermato che quella era la famosa foto di “Ritvan”, alias un avvocato albanese esercitante in Italia.

    - Miguel ha risposto che quella non era la foto del Ritvan Shehi che lui aveva conosciuto di persona e che scriveva col nome – appunto – “Ritvan” sul suo blog.

    Nonostante tutto ciò, tu hai la faccia come il culo di insistere e reiterare? Beh, allora al tuo confronto Dulcamara, Arlecchino, Pulcinella e gli altri tuoi diretti antenati erano solo dei miserabili dilettanti della cialtroneria!

  167. falecius says:

    Ma dov’è Miguel con secchiello e paletta? O meglio ancora un lanciafiamme virtuale per troll?

  168. mariak says:

    Ma il vero reza dov’è?

    maria

  169. mariak says:

    Quest’ idiota di klonemburg sta distruggendo il blog , forse non dovremmo rispondergli.

    Ma deciderà Miguel quando torna.

    maria

  170. RitvanShehi says:

    >Ma il vero reza dov’è?

    maria<
    Ah, ma allora sei tu, maledetto trollazzo, che hai bloccato tutti che si potevano avvicinare a “maria” (perché son sicuro che la vera maria non sarebbe capace di loggarsi in così breve tempo:-) )

    Beh, sulla tua domanda azzarderei un’ipotesi: è incollato al microscopio nucleare:-) regalatogli da Ahmy in persona:-), tentando di capire come cazzo facciano i mucopolisaccaridi della pelle di porco a intrufolarsi nei lisosomi di neonati e causare in essi una malattia universalmente nota come malattia squisitamente dovuta a difetti genetici ereditati:-)

  171. bloggoanchio says:

    @castruccio

    Le tue affermazioni sono chiaramente le ovvietà di una persona affetta da disturbi del comportamento e della personalità a giustificazione delle sue azioni .

    Non avertene quindi se non gli do valore….se non come l’ulteriore espressione del tuo disagio.

    Vedi, da tempo nel leggerti ho smesso di ridere di te.

    Non si ride di una persona che sta male che, nascosta dietro ad un monitor, si ricostruisce un mondo a uso e consumo del suo disagio.

    Poco importa che sia io, o rosa o ritvan…siamo gli attori della tua rappresentazione malata della realtà.

    Una realtà da cui sei chiaramente dissociato.

    Inizialmente pensavo che il tuo fosse un disagio esistenziale, il disagio di una persona anziana e profondamente sola.

    Ora penso che il tuo sia un profondo disagio psichico.

    Con grande sincerita’ spero che qualcuno nel tuo mondo reale affronti la tua condizione, dato che è chiaro che non ne sei in grado autonomamente, e in qualche misura riesca a darti quel supporto di cui hai un gran bisogno.

    @Ritvan

    Scusami ma non condivido affatto questo tuo interloquire cosi’ violento con una persona in grande difficoltà.

    Dato che non sei tonto, dovresti andare oltre alla sua forma malata e comprendere che castruccio non è un personaggio ma una persona che vive una profonda difficoltà.

  172. RitvanShehi says:

    >@Ritvan Scusami ma non condivido affatto questo tuo interloquire cosi’ violento con una persona in grande difficoltà.

    Dato che non sei tonto, dovresti andare oltre alla sua forma malata e comprendere che castruccio non è un personaggio ma una persona che vive una profonda difficoltà.< Porca miseria, hanno clonato anche “bloggoanchio”, facendolo apparire falsamente “misericordioso”!:-).
    Beh, no, caro falso “bloggoanchio”, mi permetto di dissentire. Castruccio – a parte lievi acciacchi e sbroccamenti dovuti alla veneranda età, ma vorrei vedere noi arrivati a quell’età:-) – non ha alcuna difficoltà, né di tipo fisico, né di tipo psichico e soprattutto né di tipo economico. Sa essere carogna e sgusciante peggio di dulcamara, arlecchino, pulcinella e brighella messi insieme. E anche sottilmente razzista e xenofo più di un Calderoli o di un Borghezio. E gode di una pingue pensione gentilmente offertagli dallo Stato italico per tutta la sua lunga e disonorata carriera di fannullone. Pertanto, la tua pietà riservala a qualcun altro, please!

  173. bloggoanchio says:

    @castruccio

    Non sia mai..non ho di queste pretese. Ma è cosi’ eclatante il fatto che tu stia sbarellando….

    Fermati un secondo a pensare a cosa stai facendo e cosa stai dicendo a persone che concretamente non conosci…

    Persone che non sono nella tua vita vera, quella che è alle tue spalle.

    Cosa sostiene tutto questo livore verso degli sconosciuti? In fondo nessuno di noi ebrei, islamici, veterinari albanesi etc…impattiamo concretamente nella tua vita tanto da generare in te delle reazioni cosi’ sovradimensionate.

    Ti sembra “normale”?

    A me no…affatto.

    Poi non sono uno psicologo..ma..come dire…sei da manuale, ecco.

  174. bloggoanchio says:

    @ritvan

    Non sono assolutamente d’accordo. Il fatto che castruccio non sia scemo/ignorante/povero…non vuol dire che non stia male. Qui il punto non è la misericordia o la pietà…ma la comprensione delle cose. Ha dei tratti compulsivi talmente evidenti nella loro patologia che non capisco come tu non possa non comprendere che, poveraccio, i suoi comportamenti e affermazioni non possono non essere inquadrati se non all’interno di un disturbo della psiche. Il riconoscergli normalità a mio modesto avviso è irresponsabile.

  175. RitvanShehi says:

    >Cosa sostiene tutto questo livore verso degli sconosciuti? In fondo nessuno di noi ebrei, islamici, veterinari albanesi etc…impattiamo concretamente nella tua vita tanto da generare in te delle reazioni cosi’ sovradimensionate.< Ma come “non impattiamo”??!! Vabbè, per l’impatto della categoria di ebrei critici verso la politica di Israele come te, il discorso sarebbe un po’ lungo e complicato, ma non vorrai mica negare che islamici e veterinari albanesi stanno invadendo il belpaese a milioni, costringendo il povero castruccio a sentirsi “ospite” in “casa sua”, vero?

  176. RitvanShehi says:

    >@ritvan Non sono assolutamente d’accordo. Il fatto che castruccio non sia scemo/ignorante/povero…non vuol dire che non stia male. Qui il punto non è la misericordia o la pietà…ma la comprensione delle cose. Ha dei tratti compulsivi talmente evidenti nella loro patologia che non capisco come tu non possa non comprendere che, poveraccio, i suoi comportamenti e affermazioni non possono non essere inquadrati se non all’interno di un disturbo della psiche. Il riconoscergli normalità a mio modesto avviso è irresponsabile.

    bloggoanchio< Io sono solo un IMmodesto medico veterinario, non ho la pretesa di diagnosticare psicopatologie solo mediante la scrittura di una persona. E neanche dal vivo, credo. Pertanto, la mia “diagnosi” è solo “stronzaggine cronica, con acuti accessi di xenofobia aggressiva”. Roba da “normale” militante della Lega, insomma, niente di patologico.
    Senti, facciamo così,: visto che castruccio è tanto smanioso di dare appuntamenti a destra e a manca, perché non gliene combini uno con uno psichiatra di chiara fama (e mi raccomando, con laurea riconosciuta dal MIUR, sennò non vale:-)) e poi vediamo cosa ci dice l’esperto.

    Ciao

  177. bloggoanchio says:

    @ritvan

    Dai, su… piantala di prenderlo per il culo.

    Ma non lo vedi come boccheggia? Sei disumano cazzarola…

    Vede cose che non esistono, ma ti sembra normale?

    Come ho toccato il nervo scoperto del suo disagio..è gia’ ripartito in quarta rileggendosi il mio blog etc etc…ma come fai a non guardare a questi suoi spettacolini tristi con un minimo di comprensione?

  178. utente anonimo says:

    e soprattutto: si puiò litigare con uno con una faccia cosi’?

    ma vi siete mai chiesto come mai la moglie lo ha lasciato dopo appena 3 mesi dal parto?

  179. mariak says:

    ritvan,

    ma perchè non provi a lasciar perdere?

    maria (quella vera e loggata)

  180. bloggoanchio says:

    @maria

    Appunto…va lasciato stare.

    Hai visto come impazzisce per un nonnulla?

    Povero….

  181. utente anonimo says:

    Scusa fammi capire

    ti chiami CHIERICI di cognome

    fai parte dei lev kadash

    tuo padre era un famoso eroe morto in guerra (cosi’ ci raccontavi da bambino, nonostante la guerra fosse finita anni prima della tua nascita)

    tua madre doveva essere inglese

    il tuo padrigno…

    insomma sto chierici chissà da dove esce

    ma tu rilasci patenti di ebraismo e di esperto in religione ebraica :-)

    naturalmente il sacrissimo giorno di Kippur… tu sei al pc a scrivere lfregnacce come tutti gli altri giorni

    e poi non devo darti del cretino? con quella faccia da cazzo?

  182. utente anonimo says:

    e la tua amica LINA che scarica gorgheggi e vocalizzi su youtube?

    non possiamo considerarla una lia de noantri? e sai bene a cosa mi riferisco

  183. daciavalent says:

    Giuro che non ho mai riso così tanto in vita mia.

    Mmax, Ritvan, siete assolutamente sconsiderati: ho una certa età, insomma.

    Dacia

  184. utente anonimo says:

    bene dacia, sono felice che tu sia riuscita a ridere

    In qusto momento ne hai bisogno davvero

    castruccio

  185. RitvanShehi says:

    >alcuni post non sono miei,

    il 317 ad esempio.castruccio<
    E ci mancherebbe !O che ci prendi per imbecilli? Dopo tutte le ipertrofie prostatiche che ti rinfaccio io tu ti metteresti a disquisire anche sulle tue ragadi anali??!!:-). Allora sì che saresti da camicia di forza!:-)

    >Mmax è davvero patetico. Dovrei vedermi dare del malato da uno che

    è stato buddista<
    Urka, perché, i buddisti sono malati?

    >sandinista<
    I sandinisti pure??

    >karateka<
    Idem per i karateka?

    >sull’onda delle mode ha sempre cercato un GURU

    per lui la religione è la moda del momento…<
    E allora??!!

    >ha un blog e vive nella rete dove, a detta delle statistiche ha postato nell’ultimo anno 47000 messaggi… già 47000 cosi dice yahoo<
    Embè, che cazzo c’entra? Uno scrive messaggi, un altro poesie, un altro ancora tene voluminosi diari rigorosamente segreti..ohè, castruccio, se si adottassero i tuoi criteri psichiatrici metà dell’Italia farebbe da infermiere psichiatrico all’altra metà!

    >nel suo blog ci frantuma i coglioni elogiandoci il proprio figlio<
    Ah, ‘mbè, questo sì che è un chiaro sintomo d’insanità mentale!:-) :-)

  186. bloggoanchio says:

    @castruccio

    Se prometti di fare il bravo e di affidarti [dimostrandolo] ad uno specialista ti prometto solennemente di bloggare anche la storia del mio cognome. ;o)

  187. utente anonimo says:

    “”ho una certa età, insomma.””

    non buttarti giù, sei ancora giovane. La cosa brutta è che non arriverai ad averla una certa età!

  188. daciavalent says:

    Minchia se sei un cretino.

    Da una settimana ti va di parlarevdel mio presunto tunore e io non ti faccio passare i commenti.

    Un po’ come quando pontificavi sul mio presunto arresto.

    Non ti senti un po’ pirla?

    E adesso ringhia, questo è il mio commento annuale diretto a te. Fatti una sega, se riesci a fartelo tirare. Oppure ficcati la solita zucchina in culo, cretino.

    On. Dacia Valent ( in culo a te, coglione)

  189. bloggoanchio says:

    @ritvan

    Tra un po’ mi accusera’ anche di abigeato. Per la miseria è cosi’ abituato ai maltrattamenti che se uno mostra un minimo di umanità sbarella.

    Sembra un bambino maltrattato che ha esaurito ogni speranza di affettività possibile.

    @dacia valent

    Guarda che con te fa bene a comportarsi cosi’ eh?

    Direi che quella è la sua unica area di sanità mentale.

  190. utente anonimo says:

    Ritvan stai a cuccia un pochino: è arrivato uno più demente di te… che non vedevo da tempo

    Dai Mmax, è tanto che non parliamo delle tue corna o vogliamo parlare di quelle di tuo padre?

    così ritorniamo al cognome

    cognome che, per inciso, non era quello di tuo padre

    (peraltro non sposato con tua madre)

  191. RitvanShehi says:

    >ritvan,

    ma perchè non provi a lasciar perdere?

    maria (quella vera e loggata)< E chi me lo garantisce che tu sia quella “vera”?
    No, o mi fai un bel discorso kompagnesko da loggata o io non ci credo!

    Ciao (con riserva:-) )

  192. falecius says:

    Daciona, spero solo che la tua non sia la risata satanica e malvagia del perfido lurker.

    Se invece fosse la risata sbiggotita ed impertinente di chi osserva perplesso l’imbecillità umana in pieno dispiegamento, mi ci aggrego.

    Peccato, però, una volta da queste parti si potevano avere discussioni civili.

  193. daciavalent says:

    Mmax, sei un figlio illegittimo!!!

    Sei una specie di David Copperfield giudeo.

    Vergognati.

    Dacia Valent

  194. utente anonimo says:

    valent ricordi le email che mi hai costretto a postare?

    Tu ti vanti di registrare tutto… bene risentiti la nostra telefonata

    sentila bene

    e poi taci!

    Presunto arresto? mai parlato del tuo presunto arresto: ho sempre parlato di CONDANNE che risultano agli atti

    come quella della Corte dei Conti, ricordi?

    Ho parlato di processi in corso, ricordi?

    dai, non voglio farti inquietare. mettiti in fila, se proprio vuoi litigare

    c’è prima mmax, poi ritvan e se rimane del tempo… tu

  195. bloggoanchio says:

    @castruccio

    Vedi? Sei compulsivo…ora ti calmi, ti rilassi..ti fai una buona dormita e nel week end cerchi di svagarti lontano dal pc. Lunedi’ mattina vai dal tuo medico di base e ti fai fare un certificato per andare in un CIM per l’orientamento verso un buon terapista. Fatte le tue sedute ti affidi a lui…mi dimostri di avere serie intenzioni di ,non dico risolvere, ma perlomeno cercare di affrontare i tuoi problemi e poi bloggo la storia del mio cognome. Anzi, cognomi.

  196. mariak says:

    ritvan,

    ma come faccio a fare un discorso compagnesco se qui dentro state tutti dietro a castruccio?

    maria

  197. daciavalent says:

    Fal,

    ti prmetto che la prossima settimana ce lo leviamo dai coglioni questo scemo.

    Sono o non sono un’istituzione di questo paese?

    Le discussione torneranno ad essere civili qui, come è giusto che siano, con antagonisti intelligenti come Francesco o John Zorn o gli altri (anca ti Ritvan, vecchio conservatore liberista che non sei altro).

    Bacio, Dacia

  198. mariak says:

    Peccato, però, una volta da queste parti si potevano avere discussioni civili.

    maria

    davvero falecius:-(

    Vabbè, buonanotte a tutti!

  199. falecius says:

    Maria, pensa alla signora che diceva alla rom di mandare il figlio all’asilo! Lascia stare castruccio e tutte le cagate trollesche! Ignorali, usa la forza, maria, non ti curar di lor, ma guarda e passa! ;)

  200. falecius says:

    Le mie riserve di calma ed educazione oggi sono abbastanza vicine al fondo, tanto per dire.

  201. RitvanShehi says:

    >@ritvan

    Dai, su… piantala di prenderlo per il culo.bloggoanchio <
    Ma no, dico sul serio, non lo sto prendendo per il culo. Ventilando probabili tare neuronali del castruccio, tu in pratica gli fornisci un alibi, ma possibile che non te ne renda conto? Lui non è psicopatico, è solo stronzo. Probabilmente è stato così fin da bambino e l’aver svolto per tutta la vita mansioni da fancazzista lautamente pagato dallo Stato non ha fatto altro che peggiorare la sua innata stronzaggine.

    >Ma non lo vedi come boccheggia?<
    Sì, e ne godo!

    >Sei disumano cazzarola…<
    Ehì, non ti ci mettere pure tu con ‘sta storia della spietatezza degli albanesi, eh!:-)

    >Vede cose che non esistono, ma ti sembra normale?<
    Certo che sì. Mai visto “Il sesto senso”?:-)

    >Come ho toccato il nervo scoperto del suo disagio..è gia’ ripartito in quarta rileggendosi il mio blog etc etc…<
    Ma dai, non è per quello. Lui ci tiene a non apparire “disagiato” solo ed esclusivamente perché un “padrone di casa” non può essere – per definizione – un “disagiato”. Un “padrone di casa” è un Essere Superiore, che vive nel Paese del Mulino Bianco, il quale paese ultimamente viene minacciato dall’invasione di un’ orda selvaggia di ebrei miscredenti, negre rapate a zero, veterinari albanesi che fanno da papponi alle gatte del Colosseo e islamici barbuti & intabarrati che – grazie a metodi scientifici sofisticatissimi di scissione binaria islamicamente halal, inventati in Iran – si riproducono come conigli in gran segretezza nei sotterranei delle moschee (specie se lì vicino passa un oleodotto della NATO, che funge da catalizzatore della riproduzione islamica per scissione binaria), in attesa di costituire più del 50% della popolazione europea e, a quel punto, sostituire la Costituzione con la sharia. Porca miseria, ma sei così cieco da non accorgertene?:-)

    >ma come fai a non guardare a questi suoi spettacolini tristi con un minimo di comprensione?<
    Eh, mica è colpa mia se quello accusa anche nosotros veterinari albanesi di riprodurci per scissione binaria, aventi come obiettivo l’albanizzazione dell’Italia e la sostituzione della Costituzione e delle interpretazioni autentiche del coniglio (sic) di Stato con il Kanun albanese di Lek Dukagjini?:-)

    Comprensione sì, ma non fino a questo punto, cazzarola!

    Ciao

  202. falecius says:

    Finalmente una persona sensata (Cel).

    Notte a tutti.

  203. RitvanShehi says:

    >Peccato, però, una volta da queste parti si potevano avere discussioni civili. falecius< Ma si possono sempre fare, amigo. Dimmi quello che t’interessa e io – da pronipote acquisito del Sommo Poeta – la bocca solleverò dal fiero pasto (che sarebbe il cranio mumificato di castruccio:-)) e intavolerò con te la più civile e cortese discussione di questo mondo. E dell’altro:-) Ciao

  204. rezarez says:

    Allora: #12-#39-#48-#54-#57-#58-#63-#67-#69-#72-#136 , sono miei.

    Se non sbaglio, ci sono altri 2 o 3 commenti firmati “reza” , ma non sono miei.

    @ritvan

    Senti un grosso stronzo, è inutile che ci giri intorno ai miei conglioni, chiunque può tranquillamente verificare , specialmente dal tuo commento #148, che tu, in piena disonestà e bastardagine, che ti distingue dagli altri, stai girando introno al discorso, solo per il gusto di mettere in dubbio ciò che io sto dicendo.

    Intanto il discorso non è mio, sono studi fatti dagli altri che io ho letto sulla rivista “Biologi Italiani” Vol.XXXVII no. 3 del Marzo 2007, l’ultima parte l’ho letto sul numero di Agosto.

    questa rivista lo ricevo a casa e tu sei un grosso stronzo.

    Lascia perdere che non è robba per te, intanto solo per togliere di mezzo eventuali dubbi che gli altri possono avere , leggendo le castronerie di ritvan lo stronzo, ripeto in sintesi il concetto:

    Se il compito di un enzima è quello di contribuire lungo il processo matebolico(catabolismo ed anabolismo) per sciogliere i componenti di una sostanza, nel caso della mancanza di quel enzima, o anche nel caso in cui(come per la carne del maiale) la sostanza in arrivo(che nel caso della carne del maiale è un enorme quantità dimucopolisaccardi) contenga una eccessiva quantità di una sua componente, si crea una situazione a cui l’organismo non può far fronte e quindi si ha un accumulo di quella sostanza o di quel componente a ambedue livelli metabolici ovvero; sia durante il catabolismo(digestione o demolizione della sostanze e dei componenti) che quello anabolico( che è l’indirizzamento delle sostanze dove servono e quindi l’assorbimento da parte dei vari settori del organismo).

    Si ha inoltre un accumulo dei lisosomi che attendono di fare il loro lavoro in seguito a ciò che ha fatto l’enzima, l’enzima non c’é ? beh, in questo caso si parla di genetica, è a livello genetico che si decide per la mancanza di un’enzima e quindi, si parla di malattie ereditarie, l’enzima c’é ma non può far fronte alla situazione ? beh, il cancro, guardatevi introno e constatate come è in veriginoso aumento questo male, comunque sia, tuto quello che ingeriamo risulta ai livelli istologici e biochimici , ed è qui che si creano problemi più seri perché l’interazione tra la sostanza in arrivo e l’enzima, è un processo chimico, dove avvengono vere e proprie reazioni chimiche e quindi, nel caso in cui tutta questa robba non viene usata nel processo, o nel caso in cui il processo non segue un ritmo normale, quelle sostenze chimiche accumulato (lungo il tempo) portano, dall’inizio a microinfiamazioni, poi a una serie di infiamazioni e via di seguito.

    Io non faccio il biologo come professione, lo fa mia molgie, ma si dà il caso che segue con interesse ogni progresso nel campo bilogico e leggo molto al riguardo e ritvan è un grosso stronzo.

    PS- 108/110, è con questo voto che mi sono laureato.

  205. RitvanShehi says:

    >@ritvan Senti un grosso stronzo, è inutile che ci giri intorno ai miei conglioni,..reza<
    Che sarebbero i “conglioni”, emerito testa di cazzo, grossi conigli che allevi per mangiarteli perché hai paura dei mucopolisaccaridi che ti possono arrivare mangiando pelle di maiale?

    >chiunque può tranquillamente verificare , specialmente dal tuo commento #148, che tu, in piena disonestà e bastardagine, che ti distingue dagli altri, stai girando introno al discorso, solo per il gusto di mettere in dubbio ciò che io sto dicendo.<
    Io non lo metto in dubbio, fanatico imbecille che non sei altro, dico che è una castroneria. E tu sei uno spregevole baro, poiché per demonizzare la carne suina tiri in ballo una malattia genetica (la mucopolisaccaroidosi) caratterizzata da assenza di enzima che catabolizza i mucopolisaccaridi. E’ come se l’intolleranza al glutine (detta anche celiachia) o l’intolleranza al lattosio potessero essere prese a pretesto da un decerebrato par tuo per sostenere che i cereali e il latte fanno male e che si dovrebbe scrivere un nuovo Corano per proibirne l’uso:-). Ma va a cagare, va!

    >Intanto il discorso non è mio, sono studi fatti dagli altri che io ho letto sulla rivista “Biologi Italiani” Vol.XXXVII no. 3 del Marzo 2007, l’ultima parte l’ho letto sul numero di Agosto.<
    E chissenefrega non ce lo mettiamo?

    >questa rivista lo ricevo a casa e tu sei un grosso stronzo.<
    Anche se tu la ricevessi nel culo non cambierebbe nulla, decerebrato servile ecumenico degli ayatollah dei miei stivali.

    La robaccia demenziale si trova – purtroppo – anche in riviste serie internazionali, figuriamoci in similbollettini parrocchiali come quelli che ricevi tu. Aggiungici poi il tuo “tocco personalizzato” (tipo “senatur”) e il pasticcio diventa addirittura esilarante.

    >PS- 108/110, è con questo voto che mi sono laureato.<
    Conosco un sacco di stronzi, imbecilli ed ignoranti laureatosi addirittura con 110/110, lode e bacio accademico. Vedi reza, imparare a pappagallo e poi all’esame rivomitare addosso al tuo prof tutto ciò che egli ha vomitato su di te nel corso dell’anno scolastico non fa di te una persona intelligente. E si vede.

    P.S. Ah, ho trovato la fonte a cui ti sei abbeverato per le tue castronerie sulla pericolosità della carne suina. E’ lo stesso pezzo delirante similomeopatico che si trova in due siti:

    http://www.paleodieta.it/paleodieta.htm (e “paleodieta” parla da sola, non ha bisogno di commenti:-) )

    e

    http://spazioinwind.libero.it/slvncc/maiale.html, dove lo slogan altamente scientifico:-) che campeggia in cima alla pagina è “La Parola di Dio”!

    Però, il delirante testo una cosa la dice “giusta”:

    La situazione tossica provocata dal consumo di carne di maiale è completamente ignorata dalla medicina ufficiale.

    E te credo, dico io, la “medicina ufficiale” mica è composta da teste di cazzo come reza!

  206. RitvanShehi says:

    >Infine ringrazia solo e soltanto RITVAN se questo blog ogni volta diventa un casotto.

    e tu, miguel, sai benissimo da chi proviene ogni singolo post

    ne sono certo e quindi sai chi ha davvero ingenerato il caso,. ritvan a parte. castruccio< Demente senile, la contraddizione che si riscontra nelle tue suddette affermazioni suggerisce che dovresti dar retta a MMAX e farti visitare in un centro di igiene mentale.

  207. RitvanShehi says:

    >Merdaccia d’un ritvan<
    Dimmi, stronzo vigliacco di un “castruccio”.

    >come mai TUTTE le persone con discuti via internet arrivano ad essere da te offese ed a ricorrere a loro volta alle offese?

    come mai anche REZA ha constatato la TUA violenza verbale e il modo subdolo, vigliacco, ipocrita cion cui dialoghi sviano ogni volta il vero discorso?<
    Ah, reza costituirebbe “TUTTE le persone”? Mmmm…mi sto avvicinando alle posizioni di Mmax. Nel senso che forse hai bisogno di cure serie in un CIM

    >perchè sei una merda, perchè potrai anche vivere in mezzo a persone civili ma nell’anima hai il kanun

    perchè sei rimasto l’albanese di sempre<
    Mentre tu un’anima non ce l’hai proprio, come non c’hai un nome, viscido e ripugnante verme telematico anonimo.

    >Sarà mia cura farti saltare i nervi anche nel mondo reale affinchè tutti possano vedere la tua albanesità<
    Ehmm…non mi vorrai dire che intendi fare uno sproposito presso lo studio di quell’avv albanese, vero. Perché dalle mie parti c’è un detto:”Quando il destino ha decretato la morte del cane, quello va a pisciare sulla soglia della moschea”:-).

    (su, non perdere l’occasione per dire che anch’io ti ho minacciato di morte. Vedrai che ti daranno la scorta: ormai la danno a cani e porci e tu sei giusto un incrocio transgenico fra i due)

  208. RitvanShehi says:

    ERRATA CORRIGE

    Nel #207 “laureatisi” invece di “laureatosi”.

    Ci tengo a non fare figure di reza, io:-)

  209. RitvanShehi says:

    >ritvan,

    ma come faccio a fare un discorso compagnesco se qui dentro state tutti dietro a castruccio?

    mariak< Mary, una “lavagna telematica” non è come il bar, dove le urla scomposte e castroneggianti di un castruccio impedirebbero davvero agli altri avventori di fare una pacata conversazione per i fatti loro. Io tutto questo disagio ed imbarazzo francamente non lo capisco. Lascia stare il discorso kompagnesko a fine identificativo: il “padrone di casa” ha ufficialmente certificato che “mariak” sei proprio tu.
    “k” sta per “kompagna”, vero? Grazie!:-)

    Ciao

  210. kelebek says:

    chiudiamo qui la disputa tra Reza e Ritvan, grazie.

    Miguel Martinez

  211. utente anonimo says:

    per Pat #104: esatto, erano gli Hui!

    Li ho mangiati a Pechino e a Shanghai, su consiglio di un mio omologo cinese che ce li garantiva come genuinamente fedeli alla tradizione, ma in, in effetti, dopo aver mangiato la carbonara coi funghi qualche sospetto potevo farmelo venire…

    PS in compenso mi è venuto in mente il nome della spezia che usavano gli Uiguri: “Ziran”.

    PPS questi Uiguri, che spesso improvvisano piccoli banchetti che offrono spiedini appena grligliati anche nelle strade principali, sono anche degli ottimi rivenditori di un ottimo hascisc.

    PPPS prometto, per il prossimo commento mi loggo pure io…

  212. utente anonimo says:

    Affinché gli altri sappaino:

    E’ stato detto:

    >per demonizzare la carne suina tiri in ballo una malattia genetica< tale affermazione è falsa, non è mia intenzione demonizzare ciò che mangio.
    E’ stao detto anche:

    >tiri fuodi la mucopolisaccaridosi che non tiri in ballo una malattia genetica (la mucopolisaccaroidosi) caratterizzata da assenza di enzima che catabolizza i mucopolisaccaridi. E’ come se l’intolleranza al glutine (detta anche celiachia) o l’intolleranza al lattosio potessero essere prese a pretesto da un decerebrato par tuo per sostenere che i cereali e il latte fanno male e che si dovrebbe scrivere un nuovo Corano per proibirne l’uso:-). Ma va a cagare, va!>

    Ho letto(le opinioni del professore da me citato) invece che la malattia ereditaria “mucopolisaccaroidosi” è caratterizzata da assenza di enzima che catabolizza i mucopolisaccaridi e la carne del maiale ha un altissimo contentuo di questi .

    >ho trovato la fonte a cui ti sei abbeverato per le tue castronerie sulla pericolosità della carne suina. E’ lo stesso pezzo delirante similomeopatico che si trova in due siti:

    http://www.paleodieta.it/paleodieta.htm (e “paleodieta” parla da sola, non ha bisogno di commenti< No, non conosco questo sito, ho citato la fonte(rivista biologi italiani) in modo preciso. reza

  213. mariak says:

    Lascia stare il discorso kompagnesko a fine identificativo: il “padrone di casa” ha ufficialmente certificato che “mariak” sei proprio tu.

    “k” sta per “kompagna”, vero? Grazie!:-)

    maria

    :-)))

  214. RitvanShehi says:

    >chiudiamo qui la disputa tra Reza e Ritvan, grazie. Miguel Martinez< Per me va bene. Specie dopo che nel suo #214 ha rinnegato tutto, lasciando solo e disperato:-) il castroneggiante primario ospedaliero suinofobo:-), a cui erano diretti fin dall’inizio i miei strali. Ciao Ritvan

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>