“Qui chi non terrorizza si ammala di terrore”

Dal sito di Repubblica oggi…

Bloccato per ben tre volte in aeroporto e sospettato di essere un terrorista.

Si è trasformata in un incubo la vacanza negli Usa del piccolo Javaid Iqbal, 7 anni, la cui unica colpa è quella di chiamarsi come un pachistano arrestato anni fa negli Stati Uniti e comunque mai condannato per terrorismo.

Il bambino viaggiava in compagnia della famiglia, di origini saudite e emigrata in Inghilterra, ed è stato fermato per ore per dei controlli negli scali di Manchester, Orlando e Philadelphia. In quest’ultima occasione, lui e i suoi famigliari hanno anche perso il volo.

A darne notizia sono il Blackburn Citizen e il Daily Mail.

terrorista

Javaid Iqbal, terrorista. Notare come afferra la prova che non è un meteco

Print Friendly
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , . Bookmark the permalink.

30 Responses to “Qui chi non terrorizza si ammala di terrore”

  1. utente anonimo says:

    A voler sorridere di questa cosa, ritenendo possibile l’identità e non l’omonimia di quel settenne con il pakistano arrestato anni prima, a quale età pensano sia possibile carcerare qualcuno quei signori che l’hanno fermato per “accertamenti”?p

  2. utente anonimo says:

    “Potrebbe sempre mettersi alla guida di un triciclo carico di tritolo”

    Triste ironia a parte! Sono le pessime conseguenze del Patriot Act. Se dovesse vincere le Presidenziali Rudolph Giuliani, per gli Usa sarebbe una disgrazia ancor peggiore!

    la Cellula

  3. Oniros says:

    Giuliani non ha speranza. Il solo cognome lo fa fuori. Non v’è dubbio.

    Mi dispiace per quel bambino, si sarà spaventato.

  4. utente anonimo says:

    …e dimenticavo… in caso vincesse Giuliani, la disgrazia ricadrebbe proprio sui turisti che si recano negli States. Sta diventando sempre più un paese assolutamente da evitare. Avevo pensato ad un viaggetto in California. Peccato, resterà un sogno!

    Come mai un antislamico come Schwarzenegger non è nel mirino di al Qaeda? Qualche film in cui l’immagine del Moslem funge da terrorista nemico lo ha fatto. Ma contro di lui, nessuna minaccia! Non è corretto non esiste parità di trattamento.

    la Cellula

  5. per il n.1

    di questi tempi anche BAMBINI sono stati detenuti nei luoghi tortura, davvero non c’è nulla di cui sorridere khadija

  6. Mithras says:

    La civilta superiore rincoglionita dalla paranoia.

  7. utente anonimo says:

    un mio amico di tahiti decorato di tatuaggi maori come si usa in polinesia e non solo, + sul braccio anche un tatu in lettere arabe. Arrivato a Los Angeles é stato trattenuto in aereoporto ,hanno chiamato un interprete ufficiale per tradurre le lettere arabe. Il nome della sua fidanzata. Comunque x questo clima di terrore dobbiamo ringraziare questi alqaida del cavolo con piccolo cervello che di miscredenza ne hanno da vendere. Il dramma dell’islam oggi é proprio questo. Trovarsi confrontato con un insieme di gruppi dementi che si dicono islam, mentre islam non sono.Personalmente penso che il ricco miliardario bin laden si faccia ogni sera una partita a poker con Bush. salamat tahur baru! che vuol dire un grande ciao!in indonesiano! wadhuda…ops!!!

  8. utente anonimo says:

    La società (nè inferiore nè superiore) rincoglionita dalla paranoia

    fabrizio

  9. utente anonimo says:

    Era un sorriso amaro, khadija. Non aveva affato l’intenzione di ridimensionare una notizia che da sola mostra bene la follia a cui può giungere il “clash of civilizations”.p

  10. Oniros says:

    mi piacerebbe riflettere su questa “paranoia”, sul suo senso, scopo, e modalità con le quali è venuta in essere.

    I giochi sono fatti mi pare. La recitazione è iniziata ed ognuno ha le sue parti:

    - il musulmano cattivo, nemico della “civiltà”

    - l’europeo vecchio e rincoglionito, che non capisce un cazzo della vita e grida al lupo-al lupo ogni cinque minuti

    - l’americano con il sorriso sulle labbra ed un mitra in mano, che sembra dire “fatevi sotto”

    ma in fondo lo si considera un piccolo discolo a cui si perdona tutto…

    - il cinese che se se sbatte altamente di tutto e di tutti ed intanto fa affari d’oro e diviene il nuovo padrone del mondo

    - il russo che pensa solo alla casa, che parla di pace, ed intanto riarma l’esercito

    che finale prevedete? se non fosse per la serietà degli argomenti, la cattiva recitazione farebbe pensare ad una farsa piuttosto che ad una tragedia, qual’è e quale sarà.

    ciao

  11. utente anonimo says:

    il russo si allea con il cinese e fanno le prove tecniche insieme anche ad altri di zona

    fabrizio

  12. kelebek says:

    Per Oniros n. 10

    Non male come analisi

    Miguel Martinez

  13. metoikos says:

    Mio nipote Omar, tunisino, ha 12 anni. Per ottenere il visto d’ingresso e andare in vacanza in Inghilterra insieme ad altri ragazzi e due leader adulti, al consolato inglese di Tunisi gli hanno prelevato le impronte digitali e fotografato. Devo ridere o piangere?

  14. utente anonimo says:

    Potrebbe anche essere che il controllo sull’identità del bambino fosse diretto a verificare eventuali parentele con il ” non condannato per terrorismo”.

    Comunque è un gran bel bambino, nelle sopracciglia ti assomiglia, Kel. E un poco anche la fronte. E forse anche nei capelli. Sarà mica tuo parente ?

    In ogni modo non so da dove tu abbia tratto la foto, di solito in Italia non si possono pubblicare le foto di minorenni coinvolti in episodi di cronaca. Mah.

    Aurora.

  15. metoikos says:

    Per l’anonimo che conosce l’indonesiano.

    Usāmah bin Muhammad bin `Awad bin Lādin, è deceduto durante il bombardamento di Tora Bora, all’inizio dell’invasione dell’Afganistan. Bin Lādin, quel povero diavolo, buon anima, ha dichiarato guerra contro l’imperialismo americano e malgrado fosse stato miliardario, viveva da troglodita.

    Imed Mehadheb (Tunisia)…e spero che tu non commetta l’errore di prendermi per un musulmano, perché non lo sono! Sorpreso, vero?

  16. utente anonimo says:

    hello Imed, non sono sorpresa… e non posso impedirmi di pensare che quel povero diavolo che secondo te ha dichiarato guerra all’imperialismo americano, per me ha dichiarato guerra alla comunità islamica intera perché la sua guerra personale ha provocato guerra pregiudizio e calunnia su tutti i muslim del mondo. Far cadere due torri non é combattere l’imperialismo é soltanto una bravata. All’imperialismo si propongono soluzioni anche dialettiche e pacifiche prima di arrivare alla catastrofe. ma questo é un argomento delicato io ho espresso il mio parere in più considero anche che é facile vivere come trogloditi quando si hanno i miliardi. e la partita di poker é nella piega di un sogno di due megalomani che pretendono trattare gli individui come burattini!Il Che Guevara lui ha veramente combattuto l’imperialismo e rimane a sempre il Comandante!….Allah sia il giudice! ciao whadhuda

  17. utente anonimo says:

    “bravata” non nel senso di ben fatto , ma no senso di spacconeria,megalomania ecc.ecc. ciao wadhuda

  18. kelebek says:

    per Wadhuda n. 17

    “All’imperialismo si propongono soluzioni anche dialettiche e pacifiche prima di arrivare alla catastrofe”

    peccato che le “soluzioni dialettiche” non le capisce molto bene.

    E’ la differenza che passa tra i milioni e milioni di persone che hanno manifestato per la pace prima dell’invasione dell’Iraq, e che non hanno ritardato di un minuto l’invasione stessa;

    e chi oggi sta cacciando gli invasori dall’Iraq.

    Ovviamente, avremmo tutti preferito che avessero vinto i manifestanti: oggi in Iraq ci sono un milione di morti, due milioni di profughi all’estero e due milioni di profughi interni, mentre per dividere il paese tra curdi, sciiti e sunniti, come prospettano gli americani, bisognerebbe “spostare” altri cinque milioni.

    Sommandoli tutti, fanno dieci milioni di motivi per cui sarebbe stato meglio che le ragioni “dialettiche e pacifiche” li avessero fermati.

    Ma se non ascoltano, non ascoltano.

    Miguel Martinez

  19. metoikos says:

    per Wadhuda n. 17

    Far cadere due torri non è una bravata; è una azione militare. Solo che la capacità distruttiva non era pari alla bomba sganciata di proposito sulla popolazione civile della città giapponese di Hiroshima, che fece 200.000 morti (non scrivo “vittime”, scrivo “morti”). La guerra è guerra, Wadhuda…e se vogliamo parlare di dialettica, quella di Guevara era una dialettica marxiana e non hegheliana: niente sintesi fra tesi e antitesi. Parlare di soluzioni pacifiche e fare il tifo per i metodi del Comandante, mi sembra una contraddizione.

    Chi ha scelto gli obiettivi da colpire negli USA non pensava di fare crollare l’impero in un solo giorno: Usāmah bin Muhammad bin `Awad bin Lādin non vedeva l’ora di sconfiggere l’esercito americano in un paese arabo o musulmano. Peccato che sia già morto e che non possa vedere realizzato il suo sogno.

    Se l’11 settembre è stato una mera bravata, che status bisogna dare ai prigionieri di Guantanamo?

  20. utente anonimo says:

    …le soluzuioni dialettiche (dialogo) possono essere un salto culturale, la vera rivoluzione la vera jihad. Cioé prepararci noi cittadini di ogni giorno a vivere insieme, rispettandoci. La guerra é voluta dai fabbricanti di armi, cadere in questa trappola é banale, non intelligente. Anche se si combatte una guerra con le armi, ma nella testa si rimane scemi, é come se non l’avessimo combattuta. La non violenza del Mahatma Gandhi, ha favorito l’indipendenza indiana più di qualsiasi guerra armata. La vera guerra é la pace perché la pace é guerra contro l’ignoranza e l’arma della pace é la spada che distrugge tutto cio che é menzogna. il Profeta Mohammed non ha detto uccidetevi, ha detto imparate l’Unità nella conoscenza siate intelligenti il sangue del sapiente vale più del sangue del martire. Per promuovere il suo messaggio Allah ha voluto che combattesse guerre, per vincerle( dimmi chi potrebbe oggi militarmente vincere una guerra???) e noi dobbiamo capire che adesso il contesto storico é cambiato, voler rifare il passato é assurdo, trarne l’insegnamento é giusto! Com’è morto il Che Guevara, nonostante la potenza del suo amore, nonostante umanità del suo messaggio??? Tradito da Castro che ha venduto la sua pelle agli americani. ma siccome il Che é un giusto potremmo definirlo il Gesù del ventesimo secolo, che la sua morte ci insegni quacosa! L’imperialismo é troppo armato per combatterlo con le armi bisogna combatterlo in un’altro modo.(ognuno di noi,anche il muslim medio ha dentro di sé una parte di imperialismo,) I musulmani che sanno leggere il Corano e scoprirne anche il senso nascosto sanno che dhu’l fiqar la spada di Ali’ é la Conoscenza,…inutile versare sangue inutilmente.! ciao wadhuda

  21. utente anonimo says:

    ..il troglodita avrebbe dovuto capire che il tempo delle caverne é finito. Lui é andato in afghanistan a vivere come un ‘primitivo’ mentre gli afghani prima dell’invasione russa vivevano come ‘principi’. I nomadi nelle bellissime tende, quelli più a nord nelle fantastiche yurthe, i sedentari nei meravigliosi villaggi. Quindi il tipo in questione ha avuto anche l’ignoranza di aver contribuito a degradare lo stile di vita degli afghani, appoggiandosi sui talebani e la loro mafia (che non rappresentano assolutamente l’afghanistan) nata grazie ai finanziamenti americani. Ma lo hanno chiesto agli afghani il permesso di fare dei campi di addestramento per l’idiozia nel loro paese??? Certamente no, il tuo amico ha invaso subdolamentu un territorio non tenendo conto della reale volontà degli abitanti per farne i propi comodi.Vergogna. E siccome Amed Shah Massoud che ha combattuto e tenuto testa per molti anni agli invasori russi, gridava alqaida fuori dall’afghanistan!, loro non hanno trovato niente di meglio che assassinarlo simbolicamente due giorni prima delle torri! A culo gli assassini! ed Massoud é come Il Che Guevara, Il Comandate… Hasta siempre! ciao ! wadhuda

  22. utente anonimo says:

    wadhuda,

    le ragioni dialettiche funzionano in tempi di pace o per meglio dire di tregua tra i popoli, nazioni, gruppi sociali.

    Ci sono però dei momenti nella storia, basta esaminarla attraverso i secoli, che non bastano più e bisogna passare a vie di fatto.

    Mi pare una legge inesorabile malgrado che anch’io consideri la pace il più supremo dei beni.

    maria

  23. metoikos says:

    Wadhuda, Wadhuda!

    …Castro ha tradito Guevara “vendendo la sua pelle agli americani”? Frequento da pochissimo tempo il mondo dei blogger…Ma tu credi veramente nelle cose che scrivi, oppure ti piace provocare e basta?

    Io continuo a fornire notizie certe: Il Comandante dell’Alleanza del Nord Ahmad Shah Massoud, è stato assassinato da due tunisini, che si erano presentati come giornalisti arabi. Uno di loro, che nascondeva l’esplosivo nelle batterie della telecamera è morto sul posto, l’altro è riuscito a scappare, ma è stato subito raggiunto e freddato a colpi di “Avtomat Kalachnikova”!

    …Indovina chi è stato a tradire e a vendere la pelle di Massoud?

    Castro…è stato Castro, che non si è tolto il vizio!

  24. audace12 says:

    Qua invece il festival dei cloni, chissà chi è wadhuda…

    Comunque se bin Laden è un boia stragista criminale il narcotrafficante Massoud non era meglio. Sfruttava gli abitanti della propria regione per estrarre pietre preziose dalle miniere. Grazie al suo noto carisma convinceva questi autentici schiavi a lavorare per finanziare la “guerra di liberazione” dai sovietici prima e dai talebani poi. Tuttavia la sua “abitazione” era un’autentica reggia in cui era situata una biblioteca di testi antichi arabi di enorme valore. Insomma il solito rivoluzionario islamico e socialisteggiante con la Ferrari!

    Gli Usa l’avevano scelto in qualità di loro fantoccio, pur non amandolo, per governare l’Afghanistan, per questo è stato eliminato da Al-Qaeda.

    Audace12

  25. utente anonimo says:

    Audace 25 le cose che dici su Massoud sono talmente false da fare pena . Massoud non aveva nessuna ferrari e nessuna lussuosa biblioteca ma a parte questo tu t’inventi le cose di sana pianta. Vai sul sito francerse di Massoud documentati su di lui per favore smettila di restare nell’ignoranza….ciao wadhuda

  26. utente anonimo says:

    Hello Imed, se ti soddisfa che Massoud sia stato ucciso da due tunisini generici non appartenenti a nessuna organizzazione, ti accontenti di poco ti accontenti della menzogna. Se ti soddisfa non approfondire perché Fidel Castro non voleva più il CHE a Cuba ti accontenti ancora di troppo poco, ma io che ho dei dubbi e non sono sola, non sono per questo idiota, idioti sono gli assassini e i calunniatori, Massoud ,il Che, Gesù, Mohammed hanno un’unico sangue che ci invita a ricercare la Verità …. Salaam aleikum vuol dire la pce sia con te n’est pas???….wadhuda

  27. utente anonimo says:

    caro Audace io sono il clone di me stessa. Sangue del mio corpo italiano, sangue del mio spirito, l’universo e quando qualcuno alle mie spalle vuole il p.c. non so nemmeno più scrivere l’italiano e faccio diecimila errori, aiutooo, ma tu smettila di essere male informato… ciao wadhuda….ops!!!!!!!!!!!!!

  28. utente anonimo says:

    si Maria hai ragione, quello che vorrei è evitare di cadere nella violenza a tutti i costi….wadhuda

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>