Vedersi, sabato

Sabato prossimo, 9 giugno, uscirei con gli amici.

Le pizzerie non mi piacciono perché sono affollate e talmente rumorose che riesci a stento a parlare con le persone più vicine.

Come alternativa, propongo quindi una passeggiata per il centro di Roma, con partecipazione al corteo contro la visita di Bush.

Il livello dei decibel non dovrebbe essere troppo alto ed è un’occasione per vedere Roma senza traffico.

Inoltre, i miei amici hanno in serbo una sorpresa (perfettamente legale, s’intende).

Chi fosse interessato, mi contatti in privato.

 

P.S. L’animale più simpatico è il falchetto che fa cadere dall’alto i bastoni tra le pale dell’elicottero della polizia, ma non si vede.

Print Friendly
This entry was posted in Uncategorized and tagged . Bookmark the permalink.

33 Responses to Vedersi, sabato

  1. Fankey says:

    Secondo me l’animaletto più simpatico è lo scimpanzè, che tanto mi ricorda il mio preside di facoltà. Se fossi a Roma sabato prossimo verrei senz’altro a farmi una passeggiata con voi! Ciao Miguel

  2. falecius says:

    Ho l’esame di traduzione dall’italiano all’arabo in quei giorni. Proprio non posso.

  3. utente anonimo says:

    mmmm il miguel a Roma.

    Quasi quasi la timida donzella smette la timidezza e si fa avanti…

  4. Io ci sono.

    Vedrò di beccarti per caso come a Vicenza.

    Conte Oliver

  5. daciavalent says:

    e quasi quasi io faccio lo spesone grosso e organizzo un aprés-manif a casa mia, con “asado” (grigliata completa ed haram) sul terrazzo e enormi insalatiere piene di verdure fresche e fruttiere con frutta ancora più fresca.

    assicuransi anche ampi spazi per accamparsi con sacchi a pelo e un paio di letti in più.

    dacia

  6. che chiuda le “sue belle” basi militari in territorio italiano…piuttosto che vinere in Italia a dire cose false…

  7. utente anonimo says:

    Avete mai provato a dire “morte all’America” mentre vi sparano ?

    Io si, in Iran quando avevo 19 anni ed ero un militare disertore, credetemi, non era proprio una passeggiata quindi, andiamo a fare questa passeggiata a Roma.

    reza

    ps- Miguel se organizzi di vederci sai come contattarmi.

  8. utente anonimo says:

    Secondo me ai militari disertori sparano sempre, anche se non gridano “Abbasso l’America”.

    Anche quando l’America non è il più importante alleato del governo del tuo paese.

    Francesco

    PS auguri a tutti, però di più a George Jr.

  9. utente anonimo says:

    Mi sembra un buon modo per trascorrere il sabato.

    E c’è anche una sorpresa (perfettamente legale)! :-)

    Cocco

  10. utente anonimo says:

    Per la prima volta vedrò dal vero il presidente di un grande paese… che emozione!!! Ma secondo voi sarà possibile tirargli delle cose, cose pacifiche intendo -per scherzo – tipo dei soldatini di plastica?

    Barbara

  11. utente anonimo says:

    Ma guarda, per puro caso anch’io ho il sabato libero e mi chiedevo giusto… :))

    Erika

  12. utente anonimo says:

    Questo commento sarebbe riferito a un punto del topic di ieri, “Bellezze, squali e impiccati (III)” – ma lo scrivo qui perché è quello attuale e quindi mettermi in pari_

    Il fatto che “el Zorro” sia la creazione di un “fumettista” gringo, ovvero un avo di Capitan America e Superman, mi fa venire in mente un’osservazione_

    Quanti tecnici di marketing, commerciali e politici, quanti analisti di Comunicazione, Psicologia e Sociologia di massa alle dipendenze dei governi e degli organi di difesa, quante parole di “testimonials” e politicanti delle cause più disparate, quanti scrittori per la TV, per il cinema, autori di best sellers, quanti professionisti dell’informazione, quanti Guru – quanti di questi per raggiungere i maggiori livelli di efficacia e produttività puntano diretti alla stimolazione, all’eccitazione di precisi “nodi” nevralgici del carattere umano??

    E in particolare a stimolare il piacere e il desiderio individuali??

    Voi direte: e cosa c’è di “male”? Di male come lo intendiamo comunemente, forse nulla_

    Ma anche bere tutti i giorni 2 litri di Coca o acqua zuccherata o alcolici, e mangiare solo bistecche di prosciutto al forno e biscotti, è molto molto molto più piacevole che bere acqua e mangiare bietola, ceci, broccoli o cavolini di Bruxelles_

    Ma provate a vedere che succede a farlo per sempre_

    Leonardo Migliarini

    + + + + + + + + +

    Falecius (2), ma vai lo stesso, e poi manda Miguel con i tuoi documetni, vestiti e parrucca, a farti l’esame – basta poco checevo’

    Miguel, dopo che la Finanza avrà mangiato e cenato a casa tua per 2 settimane, ti posso rendere la Bentley, la Lamborghini, lo yacht, i 46 Patek Philippe, il pianoforte gran coda, i Magritte e il Pollock, le sculture del ‘600, gli arazzi persiani e i gioielli di brillanti per le tue amanti?? perché non so più dove mettere tutto_

    Secondo me il problema di questi studi di settore è proprio che fanno la media aritmetica fra te, Woytila, Barbara Wood, JK Rowling, Coelho e Grisham, tanto siete tutti “gente che scrive”_

    Come un mio amico geometra che doveva pagare le stesse tasse di Calatrava_

    Comunque divertitevi, a Roma_

  13. kelebek says:

    Per Leonardo n. 12

    Non mi preoccupo, visto che sarà difficile per loro dimostrare che guadagno più di quello che dichiaro.

    I soldi del Mullah Omar mi arrivano in buste contenenti afghani molto sudici e che puzzano di papavero e li tengo nascosti nel mio arsenale:

    http://www.kcshop.com/imagegallery/Afghanistan.htm

    Miguel Martinez

  14. kelebek says:

    Per chi volesse venire alla manifestazione… scrivetemi in privato, come dicevo, così vi do il mio numero di telefono per dirvi dove ci troveremo.

    Miguel Martinez

  15. falecius says:

    Leo e Dacia, mi tentate… e di sicuro Miguel passerebbe l’esame meglio di me… però l’asado di Dacia non posso mangiarlo… preferisco i falafel :) No dai, resto a Venezia.

  16. utente anonimo says:

    >Non mi preoccupo, visto che sarà difficile per loro dimostrare che guadagno più di quello che dichiaro.MM<
    Miguel, con la GdF la “presunzione d’innocenza” non vale: sarai tu, purtroppo, a dover dimostrare di non aver guadagnato la cifra che gli “studi di settore” hanno in serbo per te. Cosa matematicamente impossibile, visto che gli studi di settore non sbagliano mai, per definizione:-). Leggi il mio commento al post precedente.

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Posso venire con voi e gridare a Bush “Viva l’Amerika”, anticipando i miei compatrioti presso cui il bieko si recherà in visita dopo l’Italia? No, eh, temo che mi riempireste di eque & solidali legnate:-)…

    Però, per una bella rimpatriata in pizzeria DOPO, con quelli che non saranno al pronto soccorso o a Rebibbia:-) sono sempre disponibile.

  17. utente anonimo says:

    Grazie Ritvan, molto rassicurante. Se non ci vediamo in pizzeria ci vieni a trovare al pronto soccorso?

    Barbara

  18. utente anonimo says:

    OT

    grazie per la manifestazione di Trento, tutto quello che indebolisce Prodi mi rende un pochino più felice.

    Francesco

  19. utente anonimo says:

    Ritvan, ma ti riferisci a quella di Kafka, a quella di Whitman e di Steinbeck, a quella degli emigranti europei di inizio’900, o a quella dei Bush, Cheney, Kissinger, Abrahms, Perle??

    Mi sa che sono un po’ diverse – e visto che lo scrivevi con l’k…

    Leonardo M.

  20. utente anonimo says:

    >Grazie Ritvan, molto rassicurante. Se non ci vediamo in pizzeria ci vieni a trovare al pronto soccorso?

    Barbara<
    Barbarella mia, si racconta che Nasreddin (il Bertoldo dei turchi) picchiava i figli prima di mandarli a riempire le brocche d’acqua alla fontanella pubblica. E a chi gli chiedeva il perché di tale comportamento, rispondeva:”Ma picchiarli DOPO aver rotto le brocche a che servirebbe? Le brocche mica si aggiusterebbero”:-). Si può dire che nasreddin effendi sia stato l’inventore della strategia preventiva, alla Bush:-).

    Ecco, io, da buon albanese, credo di essere stato con te più delicato del turco Nasreddin….

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Roma è piena di prontosoccorsi. In quale pensate – eventualmente – di andare?:-). Mica li posso girare tutti, eh!:-)

  21. utente anonimo says:

    x LM (#19)

    Se fossi italiano scriverei “Lamerica” e si capirebbe tutto: omaggio a una terra che accolse gente che al suo paese moriva di fame (accolse anche farabutti, ma questo è un altro discorso). I presidenti vanno e vengono, mio caro, il Paese resta.

    Però, se proprio vuoi sapere a quale “specifica” Amerika (in albanese si scrive così e si pronuncia con l’accento sulla “i”) tengo di più, ebbene due nomi: Wilson e Clinton.

    Il primo ha una canzone nell’epos popolare albanese, che inizia così:

    “Në Paris u mblodh UNO-ja

    Fol Wilson të lumtë goja

    Fol e mbro të drejtat tona”

    “A Parigi si riunì l’UNO (La Conferenza di Pace dopo la I GM-ndr)

    Parla Wilson, beata la tua bocca (espressione albanese-ndr).

    Parla e difendi i nostri diritti”.

    In quella Conferenza, ci fu il tentativo da parte delle potenze vincitrici dell’Intesa di ricompensare i loro alleati greci e serbi con pezzi dell’Albania: all’Italia, per tapparle la bocca, si dava il distretto di Valona e l’isolotto di Saseno antistante alla città (attuazione del Trattato segreto di Londra, denunciato e reso pubblico da Lenin. Detto en passant, il primo Parlamento albanese, pur totalmente acomunista, nel 1924 osservò un minuto di silenzio alla notizia della morte di Lenin). Solo l’intervento di Wilson scongiurò tale nefasta prospettiva.

    Su Clinton e su come fermò il genocidio degli albanesi del Kosovo credo non ci sia bisogno di ulteriori chiarimenti.

    Ciao

    Ritvan

    P.S. L’Amerika di Truman ed Eisenhower tentò anche di liberarci dalla sanguinaria tirannia di Hoxha, mediante l’invio di commandos di fuoriusciti. Purtroppo, fece l’errore di “appaltare” il lavoro agli inglesi (ma forse non poteva fare diversamente) e quel figlio di buona donna di Kim Philby ogni volta avvisava Mosca, la quale girava al nostro amato despota rosso le coordinate del lancio o dell’ingresso. Fu un massacro continuato…..

    Però, per tornare alle note liete, come dimenticare Reagan che fece implodere la Madre di tutti i despoti rossi e ci consentì il ritorno alla democrazia?

  22. utente anonimo says:

    ti capisco perfettamente Ritvan_

    Wilson piace relativamente anche a me_

    Ma infatti secondo me il tuo amore per gli USA ha anche radici forti nella tua storia_

    Ti giuro che mi piacerebbe da morire visitare l’Albania e anche sentire quella canzone in originale_

    Ho sempre amato la musicalità delle lingue slave – a partire dal russo – ho un amore folle per la letteratura russa_

    Non sapevo che Amerika in albanese si scrivesse così, quindi pensavo che derivasse da Kafka_

    A me Clinton è piaciuto molto in politica interna ed economica_

    Ma in politica estera ormai mi sembra che gli USA siano alla deriva irreale da 30 anni_

    Comunque Clinton è stato uno dei meglio, in proporzione_

    Vi ho lasciato, a te e Francesco, un doppio polpettone co ‘e cotiche sul topic dei Giardinieri_

    Poi ci risentiamo_

    L.M.

  23. utente anonimo says:

    In Iran invece si pronuncia “Emrika”.

    Ci metto la “K” perché in persiano nn si usa la “C” in questa parola.

    reza

  24. utente anonimo says:

    >Ti giuro che mi piacerebbe da morire visitare l’Albania e anche sentire quella canzone in originale_

    Ho sempre amato la musicalità delle lingue slave – a partire dal russo – ho un amore folle per la letteratura russa_ ..LM< Oh, no Z. ti morderà sul collo:-) per questo!
    Ciao

    Ritvan

    P.S. Vilson (con la “v” iniziale, poiché l’albanese non ha la “w”) è diventato – proprio in virtù del ruolo del presidente americano Wilson nella preservazione del neonato Stato albanese – un nome proprio assai diffuso in Albania negli anni ’20-’50 del secolo scorso. Immagino – ma non ho dati – che, per le medesime ragioni, attualmente nel Kosovo ci sarà un tripudio di piccoli Klinton:-).

    P.S.2 Altro che polpettone: ho dato un’occhiata veloce, un’ecatombe hai fatto! Secondo me hai corrotto Splinder che non ti taglia i commenti:-).

  25. MIGUEL IO VERREI CON TUTTO IL CUORE A MANIFESTARE CONTRO BUSH…MA SONO REDUCE DA UN INTERVENTO ad un occhio …NON SO COSA ACCADRA’, SE RIESCO A TROVARE UN OCCHIO DI VETRO CON LO STESSO COLORE VERDE DELL’ALTRO POSSO ANCHE PENSARE DI PARTECIPARE! so’ un po’ civetta!

  26. utente anonimo says:

    Ritvan,

    francamente mi aspettavo che lo azzannassi tu…

    non sei più il mastino di una volta!! :-)))

    Z.

  27. utente anonimo says:

    >Ritvan, francamente mi aspettavo che lo azzannassi tu… non sei più il mastino di una volta!! :-))) Z.< No, da quando recentemente la Molto Onorevole Corte di Cassazione ha equiparato i cani ai bambini, io devo sempre chiedere il permesso alla mia dogsitter prima di azzannare:-)
    Ciao

    Ritvan

  28. utente anonimo says:
  29. utente anonimo says:

    MM

    cronache?

    storie?

    confessioni?

    malefatte?

    facci sapere

    Francesco

  30. rubimasco says:

    beh, e su questa manifestazione niente da dire?

    come mai?

    saluti

    Rubimasco

  31. utente anonimo says:

    >Aggiornami su ‘sta cassazione, bieco servo dell’imperialismo! :-)) Z.< Eh, ormai ti sarai aggiornato da solo. Siamo un intero popolo di “bieki servi dell’imperialismo”. Cosa che ha fatto scivolare nel delirio razzista il nostro amico iraniano, tacciando gli albanesi, il popolo più antico d’Europa (forse dopo i baschi) di non essere…europei:-).
    Ciao

    Ritvan

  32. utente anonimo says:

    Vedi come sei ? ho sempre detto che l’europa finisce agli urali quindi ? che cacchio sta dicendo ? ciò che intendevo dire si riferiva solamente agli anni in cui l’Albania era isolato dall’europa.

    reza

  33. utente anonimo says:

    >Vedi come sei ? ho sempre detto che l’europa finisce agli urali quindi ? che cacchio sta dicendo ? ciò che intendevo dire si riferiva solamente agli anni in cui l’Albania era isolato dall’europa. reza< Vedi reza, tu pare abbia dell’Albania di Hoxha più o meno la stesa idea che hanno dell’Iran certi neo-teo-con de noantri. Era uno schifo, certo, ma non era un lager hitleriano, né un conglomerato di cavernicoli. La gente lavorava, dormiva, amava, si sposava, faceva figli, leggeva quella letteratura europea “progressista” che il regime permetteva, vedeva i film altrettanto “progressisti” e quelli storici (con 4-5 anni di ritardo, magari, ma li vedeva), gli abitanti della fascia costiera vedevano la RAI (per quanto strano ti possa sembrare, nelle nostre caverne avevamo anche la TV, proprio come Fred e Barney:-) ), insomma chi voleva intendere intendeva cos’era l’Europa, anche in quelle condizioni di schiavitù moderna.
    Se ti riferisci, invece, all’antiamerikanismo europeo montante, guarda che sbagli indirizzo: nessuno era più antiamerikano del regime di Hoxha. E nessuno più antireligioso.

    Ma sono passati ben 17 anni dalla caduta dell’ultimo governo comunista in Albania, Reza mio, 17 anni. Nel frattempo tutti si son tolti gli occhiali con fette di salame:-) che aveva messo loro il regime e si sono accorti che né l’America, né la religione erano il Male. Anzi, che l’America era il Bene, perché senza di essa molto probabilmente saremmo rimasti per sempre sotto quel regime tirannico, bastardo e paranoico che ci ha resi il paese più povero d’Europa.

    Ciao

    Ritvan

    P.S. A proposito del famigerato orologio di Bush. Solo tu e l’Italico Medio Cellularizzato (specie quello che legge “Libero”, “Il Giornale”, “La Padania”) potevate credere che un albanese avrebbe potuto rubare l’orologio a Bush. Tié, guarda su youtube, miscredente, il perfido Bush, dal cervello sciacqualto dalla propaganda nazifasciocalderolista:-) sugli albanesi si è tolto e si è messo in tasca quel miserabile orologio da 50 dollari prima di stringere le mani degli albanesi!:-)

    youtube.com/watch?v=3BNxJr-yOR8

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>