In Prima Linea contro la moschea

Nell’ultimo post,  abbiamo segnalato la bizzarra contiguità di chi contesta la costruzione della moschea di Colle Val d’Elsa a quello che l’Unione Europea, gli Stati Uniti e il Ministero degli Interni hanno definito uno dei gruppi terroristici più pericolosi del mondo.

A mio avviso, la vicenda rivela di più sulla serietà di chi veglia su di noi, che su eventuali trame del terrore; ma la storia è ugualmente divertente.

Solo che su questa faccenda dei terroristi antislamici, emerge qualcosa di ancora più bizzarro.

Il manifestino abbattimoschea che abbiamo pubblicato nel post precedente, invita a contattare un certo R(oberto) Severini di SOS Italia.

Ritvan è andato a spulciare su Google, ed è emerso con un ritaglio della Padania, che potete leggere nei commenti al post  precedente. Io invece vi incollo quest’articolo tratto dal quotidiano Il Giorno, data imprecisata (dal link, potrebbe essere il 21 ottobre 1999, ma non è chiaro).

La storia è talmente pazzesca che mi chiedo se sia vera o no. Aiutatemi a controllarla, per favore.

Tragicamente,  nella versione in rete dell’articolo, mancano proprio le due foto a cui fa cenno l’articolo. Manderei una fetta di torta natalizia per posta, a chiunque fosse in grado di procurarmele.

P.S. Sandalo, mi pare di ricordare, si pronuncia Sandàlo.

**************************

Sandalo, da Prima linea
alle guardie padane

MILANO — Il 17 gennaio scorso Roberto Severini era in piazza, a Milano, insieme ad altre migliaia di militanti leghisti che protestavano contro gli immigrati. Divisa paramilitare, berretto calato sugli occhialini, guanti di pelle scura, diceva di essere un ex ufficiale degli Alpini. I membri della Guardia nazionale padana lo riconoscevano come uno dei loro capi.

Al nostro giornale aveva preannunciato con tono militaresco:

«La Guardia ha deciso iniziative da Ventimiglia a Trieste. Nelle città vedrete dispiegarsi migliaia dei nostri per presidiare i punti nevralgici del Nord».

Il 7 agosto scorso un militante piemontese telefona a Radio Padania. In trasmissione c’è Mario Borghezio. Avverte, l’ascoltatore: «Attenzione, l’individuo che si fa chiamare Severini in realtà è Roberto Sandalo, un ex terrorista di Prima Linea».

Pare una conferma a voci che già giravano da tempo nella Lega. Roberto Calderoli, segretario della Lega Lombarda, fa controllare. Avvisa i militanti di stare alla larga dall’individuo.

Borghezio pensa subito a un’infiltrazione a opera dei Servizi segreti. Lo scopo sarebbe quello di spingere leghisti su strade pericolose. Alla fine di agosto la Guardia espelle Severini, che nel frattempo era andato alla Digos di Milano per querelare i responsabili di radio Padania.

Il commento di Umberto Bossi è distaccato: «Penso che si sia trattato di un‘infiltrazione opera dei Servizi. Chi è contro il Nord, non può non cercare di sporcare il movimento. D’altra parte quel Sandalo era nelle Br. E Br e Servizi erano la stessa cosa. Mettetevelo in testa: questi criminali di Roma infilano delinquenti dentro chi è loro nemico».

Sandalo, piemontese, quando era in Pl si faceva chiamare ‘Comandante Franco’. Arrestato nell’80 dopo aver collezionato una serie di omicidi con un sogno nel cassetto: entrare nelle Br. A fare il suo nome ci pensa Patrizio Peci, pentitosi subito dopo l’arresto. Peci inaugura la stagione del pentitismo raccontando anche di Sandalo, «uno che voleva entrare nelle Br». E responsabile, tra l’altro, anche dell’uccisione dell’ingegnere Carlo Ghiglieno, addetto alla pianificazione Fiat.

Come molti torinesi, Sandalo era legato alla Fiat. Suo padre era infatti un funzionario dell’azienda. Entra nell’estrema sinistra all’università. E il militare lo fa come sottotenente degli alpini. Un particolare che lo collega all’altro Roberto, quel Severini che 19 anni dopo, cambiata identità e storia ma non aspetto, farà parte della Guardia nazionale padana.

r. m.

Nelle foto: Sandalo al momento dell’arresto (1981) e nella divisa della Guardia nazionale padana

Print Friendly
This entry was posted in Terrorismo realtà e mistificazione and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

43 Responses to In Prima Linea contro la moschea

  1. utente anonimo says:

    >La storia è talmente pazzesca che mi chiedo se sia vera o no. Aiutatemi a controllarla, per favore.<
    A ognuno il suo mestiere, Miguel: io sono solo il segugio che fiuta la pista, poi non è più afar mio. Avete o non avete nel “Quadrumvirato di Allah” un giornalista che aspira ad essere il Magdi Allam del futuro (ovviamente senza la “ziotommaggine” di Allam)? Ebbene, che muova le chiappe e si metta a fare un po’ del cosiddetto “giornalismo investigativo”. Magari ci scappa lo sgub e glielo pubblicano su un giornale a diffusione un po’ maggiore di quella del “Manifesto”!

    Ciao

    Ritvan

  2. utente anonimo says:

    Ah, Miguel, se vuoi vedere foto di Sandalo in arresto da primalinista, vai al suto:

    http://www.sisde.it/gnosis/Rivista5.nsf/ServNavig/12

    oppure

    http://www.informagiovani.it/Terrorismo/terrossi.htm

    Su quella in tenuta da guardia padana temo che tu dovresti cercare in una biblioteca la collezione de “Il Giorno”, proprio il numero del 21 ottobre 1999.

    Ciao

    Ritvan

  3. utente anonimo says:

    Caro MM,

    in un post l’eterno infiltratoSENZA FIATO dell’altro giorno citavo:

    >l’eterno infiltrato< a proposito del Sandalo.
    Sono abbastanza vecchio, e frequentavo l’ambiente, per ricordarmi che quelli di P.L. puzzavano molto, ma molto, ma molto di più delle B.R. (lì almeno qualche ingenuo ma genuino c’era…).

    Buone feste a tutti e grazie anche da parte mia se qualcuno trova la Guardia Padana in effige.

    Silviu

  4. kelebek says:

    Intanto ho scritto a Roberto Severini:

    Gentile sig. Severini,

    Sul mio blog

    http://kelebek.splinder.com/

    ho parlato di lei.

    Sarò ovviamente lieto di pubblicare un suo eventuale commento o rettifica.

    Cordiali saluti,

    Miguel Martinez

  5. kelebek says:

    Un lettore mi ha scritto in privato, precisando che la pronuncia è, pedestremente, Sàndalo, e dicendo:

    “Se mi sono deciso a scriverti, è perché sono a conoscenza di tutto l’affaire, sviluppi attuali compresi”

    Però adesso va in vacanza e torna a gennaio.

    Attendiamo tutti ansiosamente.

    :-)

    Miguel Martinez

  6. sn aquilatricolore del blog ilnazionalista.splinder.com tu mi hai invitato qui ma non riesco a capire cosa vuoi dire con questo post. Io ho risaltato Forza Nuova cosa centra con quel padano????rispondimi al piu’ presto

  7. utente anonimo says:

    Miguel gli fai un veloce riassunto della puntata precedente (volantino antimoschea con email in calce) ad “aquilatricolore”, che così ad occhio e croce (celtica:-)) non mi pare proprio un aquila:-).

    Al più presto, mi raccomando!:-).

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Pure tu, Miguel, certe volte…e che c’entra “Forza Nuova” con “SOS Italia”? Sono entrambe contro la moschea del Colle, contro gli immigrati, ecc., ecc. E che vor di’?:-)

  8. ho capito….state calmi…cmq SEMPRE W FORZA NUOVA…venite anche ha dare una vistia al mio blog mi servono molte piu’ visite siccome l’ho appena aperto…il mio blog è http://www.ilnazionalista.splinder.com

  9. kelebek says:

    Riassunto veloce:

    1) manifestazione contro la moschea di Colle è indetta da Roberto Severini di SOS Italia, come appare dal volantino

    2) L’accusa ripetuta più volte nel volantino è che la moschea sarebbe “collusa con il terrorismo”

    3) La cosa buffa è che SOS Italia è l’organizzazione che a suo tempo ha candidato il capo di un’organizzazione riconosciuta come “terroristica” dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti

    4) Non solo, ma lo stesso Roberto Severini ha almeno lo stesso nome e lo stesso cognome di un tale che è stato un pezzo grosso della Guardia Nazionale Padana; e che secondo lo stesso Bossi, nonché secondo la stampa, non sarebbe altri che Roberto Sandalo, ex-di Prima Linea e pluriomicida.

    A questo punto sembra che gli unici a essere “collusi con il terrorismo” sarebbero quelli che hanno organizzato la manifestazione… contro la moschea.

    Ho invitato a intervenire in questo blog alcuni oppositori della moschea, perché forse possono aiutarci a capire meglio questa bizzarra situazione.

    Prego gli altri a trattarli quindi come ospiti, senza saltare loro addosso :-)

    Miguel Martinez

  10. MA MIGUEL MARTINEZ E’ ITALIANO???RISPONDETEMI AL PIU’ PRESTO…CMQ NON PENSO CHE FORZA NUOVA CI SIA IN MEZZO…OPPURE CHIEDERO’ ALLA SEGRETERIA NEZIONALE PER CAPIRE MEGLIO.SCHERZO..CMQ CIAO W L’ITALIA…RISPONDETEMI

  11. kelebek says:

    Per Aquilatricolore,

    1) Miguel Martinez potrebbe essere qualunque cosa :-)

    http://www.kelebekler.com/cesnur/txt/migit.htm

    2) Non penso nemmeno io che FN sia coinvolto direttamente in questa curiosa faccenda

    3) Però secondo il manifestino, è stata SOS Italia a indire la manifestazione di sabato scorso, a cui mi sembra che abbia partecipato Forza Nuova.

    Eventualmente, sarebbe utile che tu chiedessi alla direzione del tuo movimento, chiarimenti sul ruolo di SOS Italia nell’organizzazione della manifestazione.

    Perché non è escluso nemmeno che la manifestazione sia stata organizzata da altri, ma che SOS Italia ci abbia marciato.

    Grazie e facci sapere.

    Miguel Martinez

  12. utente anonimo says:

    Aquilatricolore, interessantissima l’intervista/testamento di mussolini nel tuo sito. Scusami l’ignoranza, ma ci sono prove che sia autentica, e dove per la rima volta è stata riportata?p (un marxista per niente antifascista)

  13. utente anonimo says:

    come si fa a dire ex terrorista di Prima Linea? Patrizio Peci, il pentito br, dice “voleva entrare nelle br.. non che ci sia entrato”.. A che gioco giochiamo?

  14. kelebek says:

    Per l’anonimo del n. 13,

    la regola su questo blog (sei perdonato perché probabilmente non la conoscevi) è che bisogna firmare sempre i propri commenti, anche con un nick qualsiasi.

    Non so se ho capito bene la tua domanda: se cioè neghi che Prima Linea fosse un gruppo terroristico, o se neghi che Sandalo facesse parte invece delle Brigate Rosse, o se neghi che ci fosse differenza tra PL e BR.

    Comunque, le cose stanno così:

    Prima Linea e Br erano due organizzazioni diverse.

    Sandalo faceva parte di PL e voleva entrare nelle BR.

    Non mi sembra complicato.

    Miguel Martinez

  15. utente anonimo says:

    I blog sono fatti per discutere e questo lo fa e molto bene, ma io mi chiedo molto semplicemente cosa c’entrano quelli di forza nuova, o i marxisti non antifascisti, o gli antifascisti marxisti, prima linea, le br ecc. ecc. con la moschea di Colle val D’Elsa?

    Quella Moschea sarà fatta per dare un luogo di culto a dei fedeli, il Comune la sostiene come la stragrande maggioranza dei cittadini di quel paese e come la maggioranza dei toscani!

    Le persone comuni e semplici che non la vogliono saranno, io spero, convinte che sbagliano con altri motivi, meno storici, meno complicati, saranno convinte con argomenti che riguardano l’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge, con la legittimità della libertà di culto per tutti prevista dalla Costituzione ecc. ecc.

    Quel volantino è ignobile e razzista e la Moschea si farà. Tanto mi basta.

    Scusate non faccio per troncare una discussione ma sentivo anche la voglia di guardare alla questione con relativa semplicità.

    maria

  16. Sono di Torino, ove Sandalo operava.

    Ero troppo giovane per il movimento del ’77, ma negli anni successivi sono stato nel movimento a morire negli anni ’80, e i “vecchi” hanno tutti, senza eslusione, raccontato di come Sandalo, quand’era un autonomo, istigasse in modo infernale alla violenza anche gratuita, rendendosene protagonista in molte occasioni.

    Allora era contro “i fascisti” oppure contro la gente del movimento “a destra” degli autonomi.

    Era noto come violentissimo, sanguinario.

    La sua vicenda successiva è nota.

    Con pardon parlando, è sempre stato una merda insomma.

    Guido

  17. kelebek says:

    Per Maria,

    ovviamente hai ragione per quanto riguarda la moschea.

    Calcola però che il mio campo specifico di interesse sono gli immaginari occidentali sullo “scontro di civiltà”, e quindi mi diverte – a dir poco – sentire dei “terroristi certificati” (che poi magari nemmeno loro meritano questa etichetta, ma quello è un altro discorso) che sbraitano contro qualche povero operaio di Colle, “terrorista” solo perché nato musulmano.

    Consideriamo poi quanta gente c’era tra i manifestanti, che ce l’ha con il governo che ha dato un incarico al “terrorista” D’Elia.

    Miguel Martinez

  18. kelebek says:

    Ringrazio Guido (n. 16) del suo intervento.

    In effetti, avevo qualche dubbio che Roberto Severini fosse Sandalo, semplicemente perché il suo linguaggio è troppo primitivo per essere quello di qualcuno che ha fatto la lotta armata negli anni Settanta.

    Però se era solo uno che amava fare a botte…

    Miguel Martinez

  19. utente anonimo says:

    >Ringrazio Guido (n. 16) del suo intervento. In effetti, avevo qualche dubbio che Roberto Severini fosse Sandalo, MM<
    Mah, a me non pare che Guido si esprima in merito al dubbio amletico; egli mi pare faccia solo un ritratto al vetriolo del personaggio storico Sandalo.

    >semplicemente perché il suo linguaggio è troppo primitivo per essere quello di qualcuno che ha fatto la lotta armata negli anni Settanta. Però se era solo uno che amava fare a botte… <
    Appunto, Miguel. C’è divisione di compiti in ogni organizzazione di quel tipo: c’è che scrive i volantini e c’è chi si limita ad appiccicarli:-)

    Comunque, il fatto incontrovertibile che il “contatto” di “SOS Italia” abbia lo stesso nome e cognome di un tizio che si iscrisse anni fa nelle Guardie padane e che la Lega sostiene fosse in realtà Roberto Sandalo sotto menite spoglie, quel fatto dicevo potrebbe benissimo essere una coincidenza e che Roberto Severini di SOS Italia sia solo un tranquillo impiegato di banca che non ha fatto in vita sua altro che contar soldi allo sportello. In Italia c’è posto perfino per due diversi Miguel Martinez, ma se entrambi sono antiamerikani arrabbiati e filorom, un qualche piccolo dubbio ti viene, no?:-)

    Ciao

    Ritvan

  20. utente anonimo says:

    >MA MIGUEL MARTINEZ E’ ITALIANO???RISPONDETEMI AL PIU’ PRESTO.Aquilatricolore< Scusa Aquilottopolicromo, ma se ti si risponde dopo le feste che succede, ti va a male il panettone?:-)
    Intanto sei pregato di definire meglio “italiano”, se intendi semplicemente “italiano” oppure “italiano-italiano”:-).

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Intanto ti posso anticipare che Martinez è indubbiamente di carnagione rosea:-).

  21. SN AQUILATRICOLORE MI RIVOLGO A TUTTI COLORE CHE MI HANNO RISPOSTO MALE ALLA MIA DOMANDA SE MIGUEL MARTINEZ FOSSE ITALIA…STATE CALMI NON L’HO FATTO PERCHE’ SN RAZZISTA VOLEVO SL SAPERE E SCHIARIRMI LE IDEE VISTO CHE USA COME NOME MIGUEL MARTINEZ…SAPETE NON E’ MOLTO ITALIANO …CMQ TUTTO CHIARITO W L’ITALIA…RICORDO A TUTTI DI VISITARE PURE IL MIO BLOG…www.ilnazionalista.splinder.com ….. CIAO

  22. utente anonimo says:

    >SN AQUILATRICOLORE MI RIVOLGO A TUTTI COLORE CHE MI HANNO RISPOSTO MALE ALLA MIA DOMANDA SE MIGUEL MARTINEZ FOSSE ITALIA… Aquilatricolore<
    Ovviamente non ti riferivi a me, visto che io ti ho risposto “bene”, invitandoti a definire meglio cosa intendevi per “italiano”, se semplicemente “italiano” o “italiano-italiano”.

    >STATE CALMI<
    Siamo calmissimi, quasi-quasi stiamo per addormentarci:-).

    >NON L’HO FATTO PERCHE’ SN RAZZISTA<
    E che ne so io, figliuolo? Io le diverse accezioni e sottintesi del vocabolo “italiano” le ho imparate da un servizio delle “Iene” (Italia 1, programma molto interessante, ti consiglio di guardarlo). Dunque, le bestiacce:-) mandavano due giovanotti, – entrambi di 25 anni, cittadini italiani, entrambi aitanti e ben vestiti, dalla parlantina sciolta e fluente, stesso curriculum, – a recarsi in 10 pubblici esercizi (bar, ristoranti, pizzerie) che avevano messo annunci di ricerca di personale. Ah, quasi dimenticavo, una “piccola” differenza fra i due c’era: uno era bianco e l’altro negro.

    Ebbene, alla fine del giro (andava prima uno, poi l’altro, alternativamente, a 15-20 minuti di distanza) negli stessi 10 locali, il bianco aveva rimediato ben 7 colloqui di lavoro, il negro 0 (dicasi zero). All’ultimo esercizio, il bovero negro ha accennato ad una timida protesta col titolare:”Scusi ma perché non mi fissa un colloquio di lavoro, perché almeno non mi mette alla prova per vedere cosa so fare?” E quello, un po’ imbarazzato:”Mah, sa…guardi…noi preferiamo avere personale italiano”. “Ma io SONO ITALIANO dalla nascita” – scattò il tapino, tirando fuori dalla tasca il passaporto – “guardi qua, QUESTO è un passaporto italiano!”. E l’altro, sempre più imbarazzato:”Ehmmm…ma io intendevo italiano-italiano”:-) :-).

    >VOLEVO SL SAPERE E SCHIARIRMI LE IDEE VISTO CHE USA COME NOME MIGUEL MARTINEZ<
    Beh, non “usa come nome”, lui si chiama proprio così, è il nome che gli hanno messo alla nascita e iscritto all’anagrafe. Lui si chiama proprio “Miguel Martinez” (vabbè, ci sarebbe poi anche un “Guillermo” e un “Ball”, ma si sa che gli ispanofoni sono un po’ megalomani e si fanno mettere un sacco di nomi:-) ) come potrai vedere al suo ultimo post, quello della querela contro Allam. Che per caso nelle querele si accettano pseudonimi?!!:-)

    >…SAPETE NON E’ MOLTO ITALIANO …<
    Eh, lo sappiamo. Forse sarebbe il caso di proporre una legge che imponga a chi – come il nostro Miguel – acquisisce la cittadinanza italica di cambiare nome e cognome, scegliendone fra i rinomati nomi e cognomi di pura stirpe italica. Nel caso del nostro non ci sarebbe nemmeno bisogno di stravolgerli più di tanto, un “Michele Martino” andrebbe benissimo, no? Beh se qualcuno invece si chama Abdulkader la cosa si fa più complicata, ma forse a quel punto sarebbe meglio che al sig. Abdulkader la cittadinanza italica non gliela diamo proprio:-).

    >CMQ TUTTO CHIARITO W L’ITALIA…RICORDO A TUTTI DI VISITARE PURE IL MIO BLOG…www.ilnazionalista.splinder.com ….. CIAO<
    A noi!

    Ciao

    Ritvan

  23. SI VEDE CHE NON MI AVETE …CMQ SE VOI TORNATE SU QUESTO CASO, IO VI RISPONDO DICENDO SE MI CREDETE TUTTO QUELLO DICTE VOI CI VUOLE TANTO HA RISPONDERE ALLA MIA DOMANDA???SAI FORSE ERA SOLO UNA DOMANDA…NON ERA PRESA PER IL CULO…COME MI SA CHE FATE VOIII, A RISPONDERMI IN QUEL MODO…W L’ITALIA!!!!

  24. kelebek says:

    Per Aquilatricolore,

    buone ferie comunque:-)

    E non dimenticarti di darci una mano per risolvere il Mistero di Natale sui Terroristi Rossi Abbattimoschea.

    In ogni caso, non me la sono mica presa perché Aquilatricolore chiedeva se fossi italiano: birds of a feather flock together, but luckily there are a lot of different flocks.

    Miguel Martinez

  25. kelebek says:

    Per p.,

    Vedo che sul suo blog Aquilatricolore ha risposto alla tua domanda sul testamento di Mussolini.

    Miguel Martinez

  26. utente anonimo says:

    vado a vedere. Grazie.p

  27. TI RINGRAZIO MIGUEL MARTINEZ SEI L’UNICO CHE HA CAPITO QUEL CHE DICEVO…CMQ COS’E’ IL MISTERO DI NATALE??? W L’ITALIA!!!

  28. utente anonimo says:

    >SI VEDE CHE NON MI AVETE… Aquilatricolore<
    Scusa o Rapace BiancoRossoVerde, ma qui ci si dà tutti del tu. Non ho capito se quel tuo usare la seconda persona plurale intende coinvolgere TUTTI i frequentatori di questo blog, compresi quelli che solo leggono e non hanno scritto una riga, oppure stai dando del “voi” al sottoscritto, secondo il galateo in uso al tempo della Buonanima?

    >CMQ SE VOI TORNATE SU QUESTO CASO, IO VI RISPONDO DICENDO SE MI CREDETE TUTTO QUELLO DICTE VOI CI VUOLE TANTO HA RISPONDERE ALLA MIA DOMANDA???<
    Qui mi astengo prudentemente da ogni commento, sennò Coccobella mi accusa di essere ortograficamente troppo pignolo:-)

    >SAI FORSE ERA SOLO UNA DOMANDA…<
    Forse che sì, forse che no…Vedi, mio caro aquilotto, anche le domande possono assumere significati particolari, a volte molto diversi fra di loro, a seconda di chi le fa. Ecco, p.es. se un poliziotto ti chiede:”Le spiacerebbe seguirmi?”, la domanda non ha lo stesso significato di quando te la fa una bella donna:-).

    >NON ERA PRESA PER IL CULO…<
    Nessuno ha detto questo. Ho solo lasciato ad intendere che la domanda era poco chiara, visto che ci sono in giro diversi modi per intendere la qualifica di “italiano”.

    >COME MI SA CHE FATE VOIII, A RISPONDERMI IN QUEL MODO…<
    Ah, ma allora il “voi” è riservato esclusivamente al sottoscritto, in perfetto stile Buonanima! Allora mi adeguo anch’io: ma come vi permettete di insinuare che io abbia attenzioni poco maschie nei confronti del vostro fondoschiena?! Voi non sapete chi sono io! Mi avete forse preso per un maledetto frocio?! ma io vi spezzo le reni, vi spezzo!:-)

    >W L’ITALIA!!!!<
    E chi ha detto il contrario?

    >TI RINGRAZIO MIGUEL MARTINEZ SEI L’UNICO CHE HA CAPITO QUEL CHE DICEVO…<
    Hmmm…noto che a MM date del “tu”…vabbè, fa niente. Vi faccio notare, però, che MM ha scritto “In ogni caso, non me la sono mica presa perché Aquilatricolore chiedeva se fossi italiano”. Ecco, ciò vuol dire che l’ha capito come l’ha capito:-), ma siccome lui è un buono (anzi, un buonista:-) ) non se la prende. A buon intenditor….

    >CMQ COS’E’ IL MISTERO DI NATALE???<
    Vedete com’è importante il contesto della frase per non finire poi ad accusare il prossimo di avere mire imperialistiche sul vostro deretano? La frase esatta di MM era: “…il Mistero di Natale sui Terroristi Rossi Abbattimoschea.” Ovvero, il mistero riguardava i Terroristi Rossi (o meglio, presunti tali, finché non ci sarà la certezza che ci sia un certo Sandalo di mezzo) che sbraitano contro la moschea di Colle di Val d’Elsa. Il natale c’entra solo di straforo, visto che la scoperta del suddetto Mistero ha coinciso con la vigilia di Natale di quest’anno. Chiaro?

    >W L’ITALIA!!!<
    Sempre sia lodata!

    Ciao

    Ritvan

  29. SI HO CAPITO QUEL CHE MI HAI DETTO…CMQ TU CONTINUA A S FOTTERE…L’IMPORTANTE CHE MIGUEL MARTINEZ MI ABBIA CAPITO…IO NON SO COSA TI POSSO AVERE FATTO….CMQ W L’ITALIA!!!!

  30. utente anonimo says:

    >IO NON SO COSA TI POSSO AVERE FATTO….CMQ W L’ITALIA!!!!Aquilatricolore<
    Mah..nulla di particolare..anzi, forse sono un po’ allergico alle maiuscole, come Miguel del resto (ma mi sembra che nel tuo caso egli si sia munito di una bella scorta di cortisone:-) ) oppure, visto che l’Italia invase il mio paese (L’Albania) nel 1939 non mi placo finché il governo italico non avrà riparato i suoi torti costruendo in Albania un’autostrada più lunga di quella che pretende Gheddafi….Anzi, no, pensando alla Salerno-Reggio Calabria, forse non è il caso:-)…ecco…penserò con calma come potrete riparare ai vostri torti verso di me, poi ne riparliamo:-) :-).

    Dai che scherzo, Aquilotto, sii meno suscettibile!

    Buon Natale e Felice Anno Nuovo

    E Viva l’Italia anche da parte mia!

    Ritvan

  31. NON SAPEVO TU FCMQ MI FOSSI ALBANESE…CMQ MI PIACEREBBE SAPERE SE SEI TU CHE SCRIVE IN ANONIMO SUL MIO BLOG DEGLI INSULTI O COSE DEL GENERE…CHIUNQUE FOSSE SMETTELA..MI FATE UN GRAN FAVORE…AUGURI ANCHE A TE RITVAN….W L’ITALIA!!!

  32. utente anonimo says:

    Ma stai scherzando, vero? Come ti permetti di insinuare che il Grande Ritvan vada in giro pei blog ad offendere la gente in forma anonima?! In forma anonima, poi ‘n par de ciufoli, poiché come il tuo amico Miguel ti potrà confermare, tu puoi sempre identificare l’IP dei tuoi visitatori e sporgere denuncia/querela presso la Polizia Postale che lo identificherebbe in un battibaleno e gli farebbe un mazzo tanto!

    Ciao

    Ritvan

    P.S. A me personalmente la faccia di Mascellone da Predappio non dà alcun fastidio, ma se tu continui ad incollarla in blog bazzicati soprattutto da sinistrorsi, non ti lamentare poi se qualcuno di essi fa la “vendetta proletaria antifascista” sul tuo blog.

  33. GUARDA CHE NON MI SN LAMENTATO HO SL CHIESTO SE QUALCUNO SAPEVA CHI ERA…CMQ E’ NORMALECHE CISIA DELLA GENTE CHE FACCIA COSI’…QUINDI…W L’ITALIA!!!!!

  34. utente anonimo says:

    Ah, è Mussolini quello con quel cappellino buffo?

    ;)

    Francesco

  35. utente anonimo says:

    >GUARDA CHE NON MI SN LAMENTATO Aquilatricolore<
    Si, lo so, un vero Suo seguace non si lamenta mai ma con grande sprezzo del pericolo getta il cuore oltre l’ostacolo!

    Mah, forse essendo io un albanese poco pratico delle sottigliezze del dolce idioma italico ho equivocato il significato della tua precedente frase:”CHIUNQUE FOSSE SMETTETELA..MI FATE UN GRAN FAVORE”. Evidentemente la tua era un’esclamazione di giubilo:-).

    >HO SL CHIESTO SE QUALCUNO SAPEVA CHI ERA…<
    Aaaarrrgh, non cominciamo col rivoltamento delle frittate, per favore, che qui scripta manent, mica c’è il carteggio Mussolini-Churchill che scompare come per magia!:-) Tu MI hai scritto:”MI PIACEREBBE SAPERE SE SEI TU CHE SCRIVE IN ANONIMO SUL MIO BLOG DEGLI INSULTI O COSE DEL GENERE”. Una cosa ben diversa dal chiedere informazioni se eventualmente io sapessi chi fosse a scrivere quegli insulti sul tuo blog, mi pare. O io non capisco l’italiano?:-)

    >CMQ E’ NORMALECHE CISIA DELLA GENTE CHE FACCIA COSI’<
    No che non è normale. Un blog, se non è proprio una “casa” lo si potrebbe paragonare ad un “pubblico esercizio” ma gratuito. Te lo immagini un tizio che entra col passamontagna in un bar e urla al barista:”Chiudilo questo fottuttissimo bar di merda che mi sta proprio sul c..zo”. Ti sembrerebbe normale?

    >…QUINDI…W L’ITALIA!!!!!<
    Amen!

    Ciao

    Ritvan

  36. kelebek says:

    Per Aquilatricolore,

    Sì, vedo che il tuo blog è invaso da gente che scrive parolacce. Cancella i loro commenti ad uno ad uno, prima o poi si stancheranno.

    Garantisco nel modo più assoluto che non è Ritvan che scrive insulti sul tuo blog, lo conosco troppo bene :-)

    Semplicemente – e firmandosi sempre con nome e cognome – si attacca lì pignolescamente a controbattere qualunque cosa scrivano gli altri, e deve sempre avere l’ultima parola.

    Però, siccome lui risponde a tutto, ma proprio a tutto, fino all’ultimo dettaglio, le sue repliche finiscono per diventare più lunghe dei miei post, e così alla fine diventano impossibili da leggere.

    Per cui lasciaglielo fare e sorridi. Oppure discutici, che può essere interessante.

    Miguel Martinez

    P.S. Notare che l’unico che abbia detto qualcosa sulla foto di Mussolini è il nostro Destro ufficiale, Francesco :-)

  37. cmq ritvan è il migliore, lasciatemelo dire sei troppo simpatico…WL’ITALIA!!!!!

  38. utente anonimo says:

    x Aquilatricolore

    Adulatore!:-)

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Miguel, ti sembra abbastanza breve pei tuoi gusti il presente commento?

  39. utente anonimo says:

    MM

    io sono iscritto ai destri con foto di Winston Churchill e Ike Eisenhower, quelli che ricordano sempre le origini socialiste di Mussolini e pure l’Altro …

    ciao

    Francesco

  40. utente anonimo says:

    Be’, francesco, che churchill abbia avuto un certo debole per mussolini è risaputo. Poi, certo, le origini socialiste di mussolini, invece che una bizzarria della storia, sono un punto importante di cui tener conto per capire il fascismo. Ma ciò che fece mussolini nel ’14, punto d’inizio della parabola fascista, l’interventismo in guerra con la propria nazione, lo fecero la gran parte dei socialisti europei. Figurati che chi gli diede i soldi per fondare il “popolo d’italia”, dalle cui pagine condusse quella battaglia politica, fu quel cachin che nel ‘2o a tours fu tra i fondatori del partito comunista francese. Miserie della nostra storia, al cui confronto l’ammirazione di churchill per il duce è appunto una scusabile debolezza da vecchio padre per un figlio in gamba, anche se “discolo”.

    Comunque le vie del signore sono infinite, se persino croce per arrivare al suo hegelismo riformato in salsa liberale è passato – brevemente, va detto – per marx.p

  41. utente anonimo says:

    p.

    che i fascisimo facciano parte della famiglia delle “reazioni comunitariste” all’ordine individualista borghese mi pare evidente.

    Hanno punti di partenza più confusi del marxismo, con strane misture di passato e di futuro, e maggiore e voluta ignoranza in materia economica.

    Io sono, al più, un correttore dell’individualismo borghese in nome di un realismo tradizionalista cristiano, il cui primo motto che è su questa terra siamo di passggio e quindi non è il caso di affezionarsi troppo ai dettagi.

    Francesco

  42. talib says:

    Di Sandalo ne parla Corrado Stajano ne “Il sovversivo. L’Italia nichilista” ed effettivamente coincide con quello che ha scritto Guido al commento n.16 (i soggetti del libro veramente sono Marco Donat-Cattin e Franco Serantini, per me è un gran bel libro)

  43. Saidatun says:

    Ho ricevuto fra i messaggi privati questo, che ho copiato e incollato anche sul mio blog

    “LA PISTA SEGUITA E’ ECCELLENTE. VI MANCA SOLO CAPIRE PERCHE’ , NON E’ DIFFICILE PER VOI”

    Lo giro anche a te Miguel e comunque lo conservo nei messaggi privati

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>