Il Maestro dell’Indicibile (III)

Come abbiamo visto,  nel reame del politicamente corretto, esistono l’Indicibile, l’Inaudito, l’Inaccettabile.

La cosa affascinante è che tutto questo convive con la massima libertà di parola. A condizione, ovviamente, che ci si limiti rigorosamente al Dicibile, all’Audito e all’Accettabile.

In altre parole, è permesso dire tutto ciò che è permesso dire, anche urlando. Il resto è vietato.

Prendiamo il caso di Marco Taradash, rispettabile uomo politico e giornalista, un Moderato insomma, di quelli che si Oppongono a Ogni Forma di Estremismo. In pratica, al mondo c’è lui assieme a Voltaire e poi ci sono gli islamonazicomunisti che vogliono tatuare il burqa sulle braccia delle donne nei gulag.

Vediamo sul suo blog con quanta libertà si esprime Taradash, parlando proprio del discorso che ha fatto lunedì il Maestro dell’Indicibile.

Il respiro di libertà si coglie già dal titolo del suo post: “Cazzoni, fighette e rottinculo.” Lo so che è troppo tardi, ma si poteva suggerire all’UCOII come titolo della sua famosa inserzione sui massacri israeliani in Libano.

Taradash prosegue parlando con serenità e ragionevolezza di “quattro farabutti”, “spazzatura” “cassonetti delle reti antimperialiste (vale a dire comuniste, fasciste, naziste, islamiste)”, “conati di vomito” e tira in ballo alcuni misteriosi “eredi di Salò” (non Gianfranco Fini) e persino la Corea del Nord (giuro).

Comunque è carino come presenta quello che è successo alla sala della Camera dei Deputati.

Anche se è tutto concentrato su beghe partitiche di cui a noi non ce ne potrebbe importare di meno, e Taradash si dimentica di citare l’unico elemento succoso, che era la presenza del rabbino Friedman:

“E brava Dacia Valent, che ha celebrato alla Camera dei Deputati, in una sala richiesta immagino dai Comunisti italiani (o da Rifondazione? O dai Verdi? O dal correntone Ds? O da chi?) l’11 settembre a nome della Lega Antidiffamazione Islamica insieme a Moreno Pasquinelli, il boss del campo antimperialista che raccoglieva fondi per la “resistenza” irakena nei giorni della strage di Nassirya: anche lei ha fatto il massimo dello sh.are sui quotidiani italiani, che solo di questa manifestazione praticamente oggi parlano."

Bene.

Basta con il politicamente corretto.

Basta con questo obbligo di accendere il cervello prima di parlare.

Anche noi antimperialisti rivendichiamo il diritto di pensare con l’intestino, esattamente come i neocon.

Vai che mi sfogo:

Onorevole Taradash, lei è davvero un mentecatto e un cialtrone.
 
 Adesso vado a postarlo anche sul blog di Taradash.

Print Friendly
This entry was posted in Uncategorized and tagged , , . Bookmark the permalink.

32 Responses to Il Maestro dell’Indicibile (III)

  1. AndreaYGHPSA says:

    Grande Miguel, anche tu aderisci alla Prima Internazionale dell’Odio!

    Ci sentiamo per il manifesto.. ;-)

    Andrea

  2. utente anonimo says:

    Non sto a sindacare sui precipizi politici degli altri, io che sono precipitato più di tutti, passando dal socialismo più democratico e libertario al comunismo più antidemocratico e negatore della libertà. Ma mi lascia basito ritrovare dopo tanti anni taradash, che al terribile kim il jong non sa dare insulto peggiore, pur avendone molti altri tra cui scegliere, a partire dal più infamante di comunista, se non quello di “rottinculo”. E quale sarebbe allora il rischio che il mondo correrebbe dalla potentissima corea del nord, quello di costringere tutti i maschietti del mondo aborrenti le pratiche omosessuali a perdere la verginità di dietro? Neppure, che “rottinculo” farebbe pensare a un omosessuale con tendenze, come sul dirsi, “passive”. Magari sarà quella di costringerli tutti a violentare il “femminiello” di pyongyang. Certo, complimenti al libertario, che tale, almeno lui, che non è precipitato in basso come me, si dice ancora.p

  3. daciavalent says:

    Miguel,

    Marco è fatto così: una vera roccia, inscalfibile… Gli piace da morire che lo piglino per il culo e quindi, perchè negargli questo piccolo diletto?

    Anche se ama fare il buzzurro, ha la grazia e la raffinatezza di un giovane valentino garavani (è solo un po’ maniaco, ma basta dargli un po’ di valeriana).

    Il suo mito è Nico (tomas milian). Ma anche a voi a leggerlo viene voglia di ricoprirlo di stracchino di bufala e farne un oggetto sessuale?

    Dacia Valent

    p.s.: Ma non era Kim Jong Il? naturalmente ti commento anche nella tua nuova succursale “tendenzialmente radicale liberale liberista laica e americante”…

    D.V.

  4. ma che bellezza. il politicamente scorrettissimo ci piace.

  5. rubimasco says:

    no, calma, lasciamo stare Tomas Milian per piacere….finchè si scherza si scherza, ma sulle cose sacre….:-)

    saluti

    Rubimasco

  6. utente anonimo says:

    Boh, dacia. Tanto mi fa paura il babau coreano che neppure ne so il nome. Del resto a parte le impressio(l)abili menti d’un bush o d’un taradash, quel tizio può far paura solo alle mentine (intese come caramelle).p

  7. rubimasco says:

    E’ morta Oriana Fallaci. Possibilmente qualch’ uno potrebbe andare al funerale e dare una bastonata alla salma? No, giusto per assicurarsi che sia morta davvero e che non sia la solita mossa commerciale per vendere più libri.

    saluti

    Rubimasco

  8. utente anonimo says:

    alle mentine e ai disgraziati che hanno avuto la malasorte di nascere nel territorio della repubblica popolare

    roberto

    ps firmo la petizione di rubimasco a favore di tomas milian, e di tanti altri eroi vilipesi inutilmente (quante volte tocca leggere frasi del tipo “ma questa cosa dove l’hai letta, su Topolino?”)

  9. utente anonimo says:

    Ancorchè sia vicino alla mia parte politica, anche a me sta antipatico Taradash.

    Nel caso di specie, non capisco perchè offuscare il condiviso giudizio politico ed umano sul convegno con insulti indegni persino di uno Storace; direi che la mancanza di classe non è acqua.

    Francesco

    PS io Tomas Milian non lo reggo.

  10. utente anonimo says:

    E’ morta la Fallaci.

    E magari adesso andrà nell’aldilà, busserà e si troverà di fronte Allah che le dirà:” ah, l’Orianina nostra , ti aspettavo, vieni un po’ qua…”

    MJ

    p.s.( sì, lo so , tante parole con l’accento sulla a ) )

  11. utente anonimo says:

    e’ vero la mancanza di classe non è acqua ed io sono molto contenta che Miguel pur avendo fatto sforzi per offendere , ci sia riuscito ben poco, le su offese potrebbero stare , in confronto agli epiteti di Taradasch,in bocca a un lord inglese o a qualche ragazzino che bisticca con l’amico…

    maria

  12. rezarez says:

    Vi devo dire una cosa alla quale pensavo da quando oggi mi sono svegliato.

    posso dire questo perché la parte più affascinante dell’Islam (oltre al Corano) per me è la sua storia iniziale, vi invito di andare a studiare questa parte dell’Islam, di quanto Il Profeta iniziò a divulgare le primissime parole rivelateLi da Dio e di tutto il processo contrario al sua messaggio profetico che circondò quella fase dell’Islam.

    Vi assicuro che rimarete sorpresi di come la fase attuale(di espanzione ovvero il ritorno al vero Islam nel mondo islamico e non al di fuori dei suoi confini) sia somigliante a quella fase iniziale.

    Tutto ciò che fa il neonazifascismo, per me è mettere le mani avanti al fine di ostacolare la realizzazione del governo islamico nel mondo islamico, cosa che dovrà mettere fine al dominio dell’impero neonazifascista in quella parte del mondo, cosa che, inevitabilemente causerà un equilibrio nella distribuzione dei beni del mondo, oggi per 80% a favore di quel 20% che ha la cittadinanza dell’impero neonazifascista cioé L’OCCIDENTE.

    reza

    PS. non so però se posso criticare di più le parole di taradash o quelle di ratzinger ma posso solo dire che ambedue sono scritti allo stesso club, quello dei propagandisti che lavorano per il neonazifascismo propagandando anti-islamismo mentre i soldati e i mercenari(alqaeda) dell’impero massacrano i musulmani.

  13. utente anonimo says:

    Che infatti.

    Che infatti la maestra assoluta del dire ciò che si può dire urlando – o berciando, per usare un termine a lei caro – era proprio la Fallaci, e oggi a menarcela (di nuovo) su quanto fosse controcorrente, mah.

    La cosa di Miguel e del lord inglese la penso anch’io, comunque.

    Erika

  14. utente anonimo says:

    Oh, non mi si è pubblicato il commento, o almeno io non lo vedo, se mi dovesse venire doppio scusate.

    Dicevo che la Fallaci era proprio brava a dire ciò che si può tranquillamente dire urlando (“berciando”?), e con che faccia tosta ce la spacciano per una “controcorrente”, anche ora.

    E che Miguel in effetti ha del lord inglese.

    Erika

  15. kelebek says:

    Da lord inglese, permettetemi di esprimere il mio profondo amore per Tomas Milian.

    Evidentemente ho qualcosa in comune con l’Onorevole Cialtrone :-(

    Miguel Martinez

  16. utente anonimo says:

    Alquaeda mercenario dell’Impero, eh no, reza tu la metti sempre un po’ troppo facile, ma possibile che per te non vi sia mai contraddizione in nulla, tutto il bene da una parte e tutto il male dall’altra, ma possibile?

    maria

  17. utente anonimo says:

    Non avendo più voglia di lavorare ho seguito il link al blog di Taradash.

    Posso ben darti del bugiardo Miguel? Con un miserando taglia e cuci hai ridotto un pezzo polemico e incazzoso ad una buffonata, non hai capito il titolo (sì, c’è da capire, scoprite cosa è South Park, please).

    Però ti sei portato dietro la parte più interessante del pezzo: quella in cui il nostro categorizza gli anti-imperialisti. Lui forse è un poco categorico ma, a parte te, chi conosci che esuli da quei gruppi?

    Francesco

    PS lo so, formalmente sei stato ineccepibile, tutte quelle parole lui le ha usate. Ma siamo abbastanza adulti per non fare questi giochini, vero?

  18. utente anonimo says:

    Maria, mi sa che non hai capito, non sto mettendo tutti i buoni da una parte e tutti i cattivi dall’altra quando dico alqaeda mercenario dell’impero.

    non ci credi?

    guarda quel che succede in Iraq e guarda di come alqaeda sta rovinando l’immagine dell’Islam con il suo “jihad” orrdinatoli dai sionisti.

    chi finanzia alqaeda?

    i governanti corrotti del mondo islamico che sono poi amici di Bush.

    per favore! apri gli occhi se puoi.

    reza

  19. utente anonimo says:

    Voi vi stupite per “Cazzoni, fighette e rottinculo” (fortemente autobiografico, temo)?

    Io mi stupisco per il titolo del blog, AmericaMercatoIndividuo.

    Già da solo, dipinge uno scenario da incubo.

    La timida donzella

  20. kelebek says:

    Per Francesco,

    è vero che ho fatto un taglio: non ci ho messo tutta la parte che riguardava Mentana e la trasmissione sull’11 settembre, perché non volevo rendere lunghissimo il post.

    Avrei potuto commentare sull’insensato accostamento che Taradash fa tra la trasmissione di Mentana e il discorso di Friedman.

    Per quanto riguarda il senso del titolo, non l’ho interpretato, l’ho semplicemente ripreso e mi sono chiesto cosa sarebbe successo se fosse stato usato come titolo della famosa inserzione dell’UCOII.

    Non ho capito la tua domanda sugli antimperialisti, se ti spieghi meglio…

    Miguel Martinez

  21. kelebek says:

    Rumi ha un lato umano!!!!!!!!!!!!

    Miguel Martinez

  22. utente anonimo says:

    Sicuramente non ha nulla di post-umano. :-)

    Ed è la cosa che di lui più apprezzo.

    Cocco

  23. utente anonimo says:

    A Reza

    Ma RezA perchè quello che non ti spieghi o che non ti piace lo riconduci sempre ai sionisti?

    Credi che nell’islam, cosa umana, non ci siano contrraddizioni?

    Il mondo non un teatro dove i fili li tirano sempre gli stessi è qualcosa di più complicato.

    maria

    Maria

  24. utente anonimo says:

    >Ma RezA perchè quello che non ti spieghi o che non ti piace lo riconduci sempre ai sionisti? Maria<
    Ma mica è colpa di Reza se i nazifasciosionisti imperialisti danno dei soldi ai governi corrotti di paesi islamici perché questi invece di spenderli – da corrotti quali sono – in donnine allegre champ…no, quella e haram, diciamo gazzosa e caviale (che così aiutano anche le esportazioni dell’Iran:-) ) li diano ad Al Qaeda. E’ logica pura!:-).

    >Credi che nell’islam, cosa umana, non ci siano contrraddizioni?<
    No, no, sono i nazifasciosionisti che pagano, ma quali contraddizioni del piffero!:-)

    >Il mondo non un teatro dove i fili li tirano sempre gli stessi è qualcosa di più complicato.<
    Si, Maria, ma per favore vallo a dirlo anche a Blondet e ai suoi sodali.

    Ciao

    Ritvan

  25. utente anonimo says:

    Beh finalmente dopo molti infruttuosi tentativi – probabilmente dovuti alla valanga di insulti degli antiimperialisti che ingolfavano il sito:-) – ho potuto accedere al blog di Taradash. Siccome io non ho gli scrupoli improvvisi di Miguel:-) nei confronti della lunghezza dei post, lo metto per intero e lo commento da par mio:-):

    Cazzoni, fighette e rottinculo

    E bravo Mentana. Ha fatto il 25 per cento di share e una media di 1.416.000 spettatori, il programma più visto fra quanti hanno celebrato ieri l’11 settembre. E brava Dacia Valent, che ha celebrato alla Camera dei Deputati, in una sala richiesta immagino dai Comunisti italiani (o da Rifondazione? O dai Verdi? O dal correntone Ds? O da chi?)

    >Dal gruppo parlamentare del PdCI, quello di Diliberto, per intenderci. S’informi, Taradash!:-) Ritvan< l’11 settembre a nome della Lega Antidiffamazione Islamica insieme a Moreno Pasquinelli, il boss del campo antimperialista che raccoglieva fondi per la “resistenza” irakena nei giorni della strage di Nassirya: >Ma era neccessario. I poveri resistenti avevano speso un sacco di soldi per ricomprare la loro dinamite sequestrata da usare contro la base Maestrale ed erano rimasti al verde. Come disse Napoleone “L’argent fait la guerre”. E anche “La Resistence”. Ritvan< anche lei (Dacia-n.d.r.) ha fatto il massimo dello share sui quotidiani italiani, che solo di questa manifestazione praticamente oggi parlano. >Invidia, eh, Taradash? Ritvan< Bella questa Italia, che nel quinto anniversario dell’attentato che ha fatto qualcosa come 3000 morti fra ospiti delle torri gemelle e passeggeri dei quattro aerei pilotati dai kamikaze, non trova niente di meglio che innalzare agli onori della cronaca politica e della leggenda televisiva quattro farabutti che, >Beh, qui ha esagerato e la rappresaglia di Miguel la trovo in linea col kanun albanese:-) Ritvan< oltre a riempirsi le tasche di quattrini >Da quando in qua per un liberale riempirsi le tasche di quattrini è una cosa riprovevole? Ritvan< pubblicando tutta la spazzatura che riescono a raccogliere nei cassonetti delle reti “antimperaliste” (vale a dire comuniste, fasciste, naziste, islamiste) di mezzo mondo,< >Beh, concordo con Francesco che il 99,99% :-) delle sullodate reti rientrano perfettamente nella definizione. Ecco, si salva giusto questo blog, ma si sa che è l’eccezione che conferma la regola:-) Ritvan< oggi acquistano anche fama e caratura di interlocutori delle persone serie in televisione e nei palazzi delle istituzioni. >Ariinvidia, eh? Ritvan< Bravo Fedele Confalonieri, che raccoglierà ancora più pubblicità consentendo ai suoi cavalieri della controinformazione di speculare senza pudore sulla memoria e sul dolore di migliaia di innocenti e delle loro famiglie. >Stai tranquillo, Taradash, che a breve Mediaset sarà oggetto di esproprio proletario e la musica cambierà:-) Ritvan< Bravo Fausto Bertinotti, che non ci ha pensato nemmeno un minuto a consegnare le sale della Camera a un’iniziativa carica di disprezzo verso la verità e “negazionista” di quel minimo di responsabilità senza di cui una democrazia liberale diventa la caricatura di se stessa. >Taradash, ma chi ti ha detto che Bertinotti sia un adepto della “democrazia liberale”? Ritvan< Al 25 aprile mancano pochi mesi. Ci aspettiamo un bel Matrix sul confronto fra le “verità contrapposte” di un sostenitore dello sterminio ebraico, un negazionista e, dall’altra parte un paio di gentiluomini di passaggio, troppo educati per fare di fronte al pubblico l’unica cosa che ieri sera, ascoltando Giulietto Chiesa e Maurizio Blondet, era normale fare, avere conati di vomito. >Aspetto con ansia:-) Ritvan< E ci aspettiamo che il presidente Bertinotti offra la Camera agli eredi di Salò, che ci vengano a spiegare che sì è vero, allora il complotto demogiudoplutocratico ebbe successo, ma che oggi ci sono buone probabilità che, con Ahmadinejad e la Corea del Nord alleate, la parte migliore del mondo possa avere la sua rivincita. >E perché no? Ariaspetto con ansia. ma poi, non fu un altro comunista DOC, un certo Violante a tessere il panegirico non degli eredi, bensì proprio di quelli che a Salò c’erano personalmente? Ritvan< Ma non fatevi l’animo troppo amaro. L’antidoto c’è. Un film: “Team America” di Parker & Stone (quelli di South Park). Guardatelo e poi guardatevi intorno e decidete a quale gruppo, fra i tre lì ben classificati, appartengono certi giornalisti e certi uomini politici: i cazzoni? Le fighette? O i rottinculo?” >Ecco spiegato il “mistero” del titolo politicamente scorretto. Sono le categorie usate nel cartone di satira politica “Team America”. Vogliamo censurare pure quello?:-) Ritvan<
    Ciao

    Ritvan

  26. utente anonimo says:

    ma ritvan , non sono i neonazifascisti che danno i soldi ai schiechi corrotti, i soldi sono di loro anzi, veramente appartengono ai popoli musulmani del medioriente, quei schiechi però li depositano nelle banche occidentali (solo in america 680 miliardi di dollari) prendendo cosi una lauta precentuale mentre i neonazifascisti li reggono il sedere per farli rimanere al potere.

    per ratzinger, se qualcuno si ribella a tale situazione, cercando appoggio della fede religiosa, sbaglia ma ratzinger interviene in un momento delicato in cui all’interno dell’Islam ci sono i slafidi di alqaeda che vogliono portare tutto l’Islam alla guerra con l’occidente cristiano .

    bravo ratzi, tu si che sei un uomo di pace, ora volgio vedere come riusciremo a fermare la guerra delle religioni!

    reza

  27. utente anonimo says:

    Miguel

    ha capito Ritvan e al volo …

    ciao

    Francesco

  28. utente anonimo says:

    Francesco, anche Miguel è molto intelligente – qualità che proprio su questo blog gli hanno riconosciuto anche i suoi più inviperiti detrattori – e capisce al volo. Solo che a volte, quando non gli conviene, fa finta di non capire:-).

    Ciao

    Ritvan

  29. utente anonimo says:

    Ciao, ti vevo scritto, una volta, anni fa.

    Premetto già che l’articolo non l’ho letto tutto: faccio un discorso mio, generale basato su assiomi e dimostrazioni forse non proprio rigorose ma comunque abbastanza plausibili.

    Il discorso del Papa non era offensivo.

    - Anche se sostenesse la superiorità del cattolicesimo sarebbe un suo diritto e dovere (altrimenti non si capisce perchè è un papa e non un rabbino o un imam).

    - Ci sono state numerose rezioni violente?

    Sì: una parte del mondo è eccessivamente suscettibile alle critiche e dovrebbe darsi una calmata.

    No: siamo nelle mani dei media che inventano tutto di sana pianta in base alle disposizioni dei potenti (soprattutto made in USA).

    Poniamo che l’Italia non sia una democrazia perchè asogettata agli USA. Gli USA sono una democrazia?

    Sì perchè hanno elezioni democratiche.

    No perchè comunque i suoi governanti non sono rappresentativi.

    In ogni caso le elezioni più o meno democratiche ci sono perciò per quanto mi rigurda è abbastanza una democrazia.

    Se è così, la democrazia ha fallito.

    Se la democrazia ha fallito perchè tutti, soprattutto a sinistra (a quanto si dice) sostengono la democrazia?

    O forse non è la democrazia ad aver fallito ma il popolo americano?

    Questo non mi piace perchè mi sembra una tesi un po’ razzista ed essere razzista è politicamente scorretto, come tutti ben sanno.

    Ora lascio perdere le dimostrazioni zoppicanti per arrivare ad un altro punto. Io mi sento cattolico in quanto accomunato dalla fede in Gesù e dall’appartenenza alla Chiesa di Roma.

    Mi piace molto l’attuale Papa perchè è mite e buono (questo lo dico in base alla mia osservazione personale e difficilmente sbaglio).

    Chi è cattolico e dotato di una certa sensibilità, a meno che non pasi la vita tra la Chiesa e l’oratorio in cert luoghi evita di fare determinati discorsi perchè sono “politicamente scorretti”.

    Studio per diventare insegnante. Ho il SOSPETTO che una grande percentuale dei miei compagni e alcuni professori siano cattolici praticanti. Ho il SOSPETTO perchè di certe cose non si deve parlare in certi luoghi…

    Io cerco di non fare discriminazione per nessuno. Gli unici che cerco (cerco) di eviare sono i satanisti.

    Ecco, io vorei che qualcuno mi spiegasse perchè, in passato, così tanti hanno discriminato me (ed altri come me) fino ad indurci a tacere su certi argomenti anche con gli amici.

    Del resto, della politica internazionale, degl USA, dei palestinesi, sarò franco: me ne frega relativamente poco, visto che ci sono già tante miserie vicino a me.

    Concludo dicendo che io ho conosciuto abbastanza bene il comunismo (in Italia): ho amato le persone ma quello che professano non mi è piaciuto proprio per niente.

  30. utente anonimo says:

    Riguardo agli insegnanti, mi dimenticavo di dire che quelli che cattolici non sono non hanno mai perso occasione di far notare la loro opinione (negativa) sul cattolicesimo, anche se non era inerente alle materie che insegnano.

    Come mai se io mi azzardo ad esporre le mie idee in modo civile, in molti luoghi vengo deriso, vilipeso guardato con compassione fino a che qualche anima caritatevole, pur non pensandola propro come me, interviene per sostenermi (parlo soprattutto di internet, nella vita vera difficilmente capita)?

    Non è vero che in Italia ognuno può esprimere liberamente l propria opinione e non è vero che la gente che si proclama “di sinistra” è più aperta ad ascoltare le opinioni degli altri. E’ più aperta a un certo tipo di opinioni che sono più simili alle sue. Tutto qui. Bella forza.

    Basta vedere che è accuduto al referendum sulla fecondazione: politici, attori, attrici, cantanti e saltimbanchi: tutti a difendere la “libertà” la “modernità” e a ridicolizzare, spesso, chi la pensava diversamente, tanto che le persone non esprimono più la loro opinione e i sondaggi non sono attendibili.

    Queste non sono mie visioni, è la relatà che si vive ogni giorno.

    A me è toccato sentire pazzi deliranti, nevrotici, persone così piene di ideologie da non saper neppure ragionare. Guai però a parlare di Verità o di un qualche ordine superiore: si viene automaticamente paragonati ai fascisti, si viene EMARGINATI.

    Ora, non parlo di te che so che non sei così, ma tanti lo sono.

    Tanti che magari sfilano con le bandierine della pace amano la guerra molto più di Bush.

    Tanti che si proclamano pacifisti, da “miss madre coraggio 2000″, a “compagno bandana rossa” hanno il cuore così pieno di odio per se stessi e per gli altri che in confronto io (culturista e metallaro convinto) sono il fraticello d’Assisi.

    Si arriva a preferire la destra perchè a sinistra ci sono troppe persone così, tropppi ipocriti che oltre a non rispettarti per quello che sei si credono pure i detentori dell’unica verità rivelata, con una convinzione da far impallidire la fede di Ratzinger (almeno la sua è supportata dalla ragione).

    Io scrivo così sapendo che non tu non fai parte di questo gruppo, altrimenti non scriverei con questo tono o non scriverei proprio.

    Ciao.

  31. kelebek says:

    Per commenti n. 31 e 32,

    Per favore, firmate, anche con un soprannome qualsiasi.

    Riflessioni molto interessanti. Il problema è che questo post è ormai vecchio, non so se nemmeno tu vedrai questa mia risposta.

    Per cui puoi dare un segno di vita, facendo copia e incolla di questi commenti e mettendoli tra i commenti al mio post più recente.

    Così ti rispondo lì.

    Miguel Martinez

  32. utente anonimo says:

    Utente anonimo, dove sei scomparso ?

    Torna e firmati, che ti si possa riconoscere e rispondere anche manifestandoti solidarietà.

    E’ difficile essere soli in mezzo a miliardi di persone. Ci sarà sempre qualcuno che la penserà come te.

    Aurora.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>