Il Volto di Qana (XVIII)

Ieri, i servizi israeliani hanno ricevuto la dritta: Hassan Nasrallah, l’ispiratore di Hezbollah, si trova ricoverato all’ospedale di Ba’albek.

Pochi minuti dopo il capo dell’aeronautica in persona manda i reparti d’élite più élite che ci siano, quelli mitizzati da tutti le guardie giurate che hanno fallito il concorso in polizia, per intenderci.

Moriranno sedici libanesi, tra cui sette bambini, e l’intero ospedale, l’unico della regione, viene raso al suolo dopo quattro ore di duri combattimenti.

Ma i reparti più d’élite che ci siano riescono nella loro missione.

Un corteo di elicotteri, protetti da bombardieri, riporta in Israele cinque preziosi prigionieri. Tra cui Hassan Dib Nasrallah, verduraio, e Muhammad Nasrallah, quattordici anni, pastore. 

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan, Medio Oriente and tagged , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Il Volto di Qana (XVIII)

  1. utente anonimo says:

    Dear Martinez

    Please for the rationale behin the apparently stupid events in Balbek see the belove link

    http://atimes.com/atimes/Middle_East/HH04Ak02.html

  2. utente anonimo says:

    With a correct spell

    “Please for the rationale behind the apparently stupid events in Baalbek see the below link”

  3. kelebek says:

    per l’autore del commento n. 3.

    Ho censurato il tuo commento per due motivi.

    Il primo è tecnico, perché ho detto decine di volte di firmare i commenti, fosse anche con un nick.

    Il secondo è etico. Io ho fatto due messaggi in questo periodo: uno sull’affermazione di Olmert sulla deportazione della popolazione civile del sud del Libano, il secondo sul caso di Hassan Dib Nasrallah.

    Non hai commentato nessuno dei due. Invece, hai tirato fuori il fatto che gli investigatori libanesi hanno dichiarato che il numero di bambini morti nel massacro israeliano a Qana è inferiore di alcune unità a quello che loro stessi avevano detto in un primo momento.

    Nello stesso periodo, ci sono stati altri massacri di civili che compensano ampiamente la differenza.

    Il tuo metodo e il tuo intento è identico a quello dei “revisionisti olocaustici” o “negazionistici”. Ad esempio, lo storico ebreo “A” dice che nel campo di X sono morti 10.000 ebrei. Lo storico ebreo “B” dice che in realtà ne sono morti 8.000.

    Da questi dati, si cerca di convincere il lettore che tutti gli ebrei sono bugiardi.

    Se tu sei fatto così, è un problema tuo. Ma non sono obbligato a ospitare le tue perversioni psicologiche sul mio blog.

    Per quanto riguarda il filmino propagandistico a cui hai dato un link (e che ho cancellato), è l’unica cosa che riesci a tirare fuori.

    Ora, io ho scritto diciotto puntate sul Libano che tu evidentemente non hai letto, e quindi non trovo alcun motivo interessante per ospitare qui le tue domande.

    Tra l’altro, Olmert ha già ampiamente risposto al filmino propagandistico, per cui almeno si mettano d’accordo.

    Miguel Martinez

  4. kelebek says:

    For the author of comment no. 1, interesting and relevant.

    Please everybody sign with some kind of nick, so we can understand the flow of the dialogue.

    Thank you!

    Miguel Martinez

  5. kelebek says:

    Giusto per sottolineare i trucchi del negazionista che cerca di dimostrare che gli “arabi sono tutti bugiardi” perché i libanesi hanno cambiato il calcolo del numero dei morti a Cana…

    oggi gli israeliani hanno assassinato 33 braccianti siriani che lavoravano nei campi:

    http://tinyurl.com/k6ogr

    Poi magari si scoprirà domani che erano 31…

    Miguel Martinez

  6. kelebek says:

    Sempre io…

    Oggi gli israeliani hanno condotto pesanti bombardamenti sulle zone di montagna cristiane, evidentemente dopo la dichiarazione di sostegno a Hezbollah del clero maronita cattolico.

    D’altronde si tratta della parte tradizionalmente cristiana, che ha votato in gran parte per Michel Aoun e che ha combattuto i siriani, quindi distinta dal settore affaristico cristiano, che è legato casomai all’Arabia Saudita e agli USA.

    Miguel Martinez

  7. gervy1977 says:

    risalve sono il commentatore n3, ti rispondo

    —-quote Martinez—-

    Ho censurato il tuo commento per due motivi.

    Il primo è tecnico, perché ho detto decine di volte di firmare i commenti, fosse anche con un nick

    —-

    Questo non lo sapevo

    —–quote martinez—–

    Invece, hai tirato fuori il fatto che gli investigatori libanesi hanno dichiarato che il numero di bambini morti nel massacro israeliano a Qana è inferiore di alcune unità a quello che loro stessi avevano detto in un primo momento.

    Nello stesso periodo, ci sono stati altri massacri di civili che compensano ampiamente la differenza.

    Il tuo metodo e il tuo intento è identico a quello dei “revisionisti olocaustici” o “negazionistici”. Ad esempio, lo storico ebreo “A” dice che nel campo di X sono morti 10.000 ebrei. Lo storico ebreo “B” dice che in realtà ne sono morti 8.000.

    Da questi dati, si cerca di convincere il lettore che tutti gli ebrei sono bugiardi.

    Se tu sei fatto così, è un problema tuo. Ma non sono obbligato a ospitare le tue perversioni psicologiche sul mio blog

    ——

    Ma no che discorso è, purtroppo la strage di Qana ha colpito molto opinione pubblica più di 5 -10-100 persone muiono quotidianamente nel libano per la sua atrocità e perchè senza motivo, perchè ha colpito in un colpo solo tanti bambini , come è stato per esempio anni fa per la strage di jenin , solo che a posteriori si viene a sapere che tutte e due sono state ingigantite all inizio, per qana si parlava di 70 persone e poi sono invece stati una ventina (che è sempre un abominio però sicuramente non avrebbe fatto cosi tanto chiasso) e poi si somma a questa distorsione di cifre altre prove portate dagli israeliani per difenderli, per esempio qualche giorno dopo sera la tv israeliana il vicecomandante dell’aviazione ha dato un ampio rendiconto su cosa è successo a Cana, poi ha mostrato un filmato di un aereo spia che mostrava un camion usato come postazione lanciamissili che sparava e poi andava a nascondersi sotto quell’edificio.

    Perchè Hezbollah si nasconde fra i civili? Perchè erano quasi tutti donne e bambini? Perchè non sono stati evacuati quando Tsahal ha annunciato l’attacco 2 giorni prima? Perchè il crollo dell’edificio è avvenuto 7 ore dopo il bombardamento? E perchè, di nuovo, quelle donne e quei bambini non sono stati evacuati in queste 7 ore?

    poniamo il caso che il racconto israeliano sia fuffa propagandistica per difendersi, perchè non vedo una tesa contraria che smonta quello che dicono gli israeliani? assodato che si viene a sapere, come a jenin che i numeri sono molti diversi mi fa pensare che si è voluto fare tanto chiasso e amplificare si un assassinio ma creando il caso per andare contro israele, si sa le smentite vengono relegate in ultima pagina, scritte in piccolo importante è far subito chiasso, se crediamo ai libanesi come si fa a sbagliare a contare le vittime in quel modo? mi fossilizzo sulle virgole? ma sono proprio li che bisogna stare attenti, se no nessuno ti crede più

    secondo me è questo che si deve fare come Israele ha un sito come informazione corretta, bisogna fare una cosa simile per me. Tu che ne pensi?

    Gervaso

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>