Il Volto di Qana (VI)

 

Si sa sempre poco di voi, delle vite leggere, entrate nel mondo per la porta sbagliata e uscite in silenzio.

Non so il tuo nome e non lo saprò mai. Non vedo il tuo volto. Ti immagino bambina, ma non so. Non so nemmeno se sei ancora viva, o se sei morta.

Però in un mondo che avessimo disegnato noi, e non loro, avremmo potuto imparare insieme, a tracciare i segni sulla sabbia, io vecchio con tutto da imparare, e tu piccola, araba e maestra.

alif come Allâh che dà la vita, oppure Amrîka che la toglie

bâ’ come baraka la benedizione che copre la tua testa, oppure bayt, come la casa che ti hanno distrutto

tâ’ come tall la collina su cui giocavi, oppure taht, e tu sotto terra

thâ’ come thamar la frutta, oppure thubûr, il lamento tra le rovine

jîm come jamal il cammello carico di legname, oppure jurm, il delitto

hâ’ come hilm il sogno che quella mattina ricordavi appena, oppure harb, la guerra

khâ’ come khâfiq il tuo cuore che batteva, oppure kharq come il tuo corpo strappato

dâl come dam il tuo sangue allegro, oppure Dajjâl, l’Ingannatore che gli uomini seguiranno come uno sciame d’api

dhâl come dhaqan la barba del babbo che tiravi, oppure dha’aqa, l’urlo di terrore mentre si muore

râ’ come raqas la danza di tua madre, oppure ru’b, come la tua paura

zây come zahra il fiore che tenevi fiera in mano, oppure zamân, la durata che ti è stato concesso

sîn come sabah quando provavi a nuotare nel mare di Cadmo, oppure sarrâq, il ladro che ti rubò il respiro

shîn come shams il sole caldo e vivo, oppure shahâda, il tuo martirio

sâd come sibyânî il tuo essere giovani, oppure sad’, il tuo petto infranto

dâd come dahk la tua risata, oppure dahiyya, il tuo sacrificio

tâ’ come tufûla la tua infanzia, oppure tayyâra, il ferro volante che ti ha portato via la vita

zâ’ come zuhr la preghiera del sole alto, oppure zulm, l’oppressione

‘ayin come il nome del tuo occhio fenicio, oppure ‘ayb, la vergogna di coloro che qui la notte ridono mentre ti spezzano

ghayn come ghada’ quando la mattina ti riempivi il viso di cibo, oppure ghadab, l’ira profonda che sentiamo nelle mani

fâ’ come fajr la luce dell’alba che spacca la notte, oppure infijâr, la bomba che esplode addosso a te

qâf come qamar la Luna Vera, oppure qatl, quando ti hanno uccisa

kâf come kalâmât le tue prime parole, oppure kushâha, l’odio nascosto

lâm come la’b il gioco oppure la’na, la maledizione

mîm come Maryam Batûla la Vergine, o come mawt, la morte

nûn come nâbid la tua voglia traboccante di vivere, oppure come nihâya, la fine delle cose

hâ’ come huraira il gattino che fa le fusa, oppure come hawl, il terrore

wâw come wajh il tuo volto, oppure waqt, il tuo tempo così breve

yâ’ come yûsufî il mandarino, oppure yad, la mano che sfiorando un tasto ti scelse morta

 

Print Friendly
This entry was posted in Israele Palestina Canaan and tagged , . Bookmark the permalink.

64 Responses to Il Volto di Qana (VI)

  1. utente anonimo says:

    “Però in un mondo che avessimo disegnato noi, e non loro, avremmo potuto imparare insieme, a tracciare i segni sulla sabbia, io vecchio con tutto da imparare, e tu piccola, araba e maestra.”

    Credo che in questa frase, che sento così vicina ai desideri del mio cuore, stia tutto il grandissimo errore di impostazione che rende così dissimili Miguel e me.

    Se pensiamo che il Male venga dagli altri, non potremo mai combatterlo. Anzi, lo incrementeremo con ogni nostra azione.

    Francesco

  2. daciavalent says:

    Capperi Francesco,

    siamo all’ermetismo puro e semplice.

    Il pezzo di MM è assolutamente struggente, dall’Alfa all’Omega, dalla A alla Z, dall’Alif al yâ’, dipinge i chiari e gli scuri di ogni lettera dei nostri alfabeti, la faccia solare e quella lunare, il sangue scorre nelle vene e quello che imputridisce in una pozza.

    ecco, e poi arrivi tu.

    che dici: questa frase è vicina al mio cuore, ma è un grandissimo errore di impostazione.

    Qindi, interogiamoci: quella bambina, come mai l’abbiamo mandata alla tomba senza cena? cosa aveva combinato?

    suvvia, non siamo noi che vi bombardiamo, che uccidiamo la vostra gente, che umiliamo le vostre famiglie, che distruggiamo le vostre economie.

    O magari potremmo anche essere noi, ma VOI, cosa avete fatto VOI per costringerci ad agire così?

    quindi, lasciatevi massacrare e nel frattempo, andate da un bravo psicanalista, che vi spieghi come trovare il male dentro di voi.

    By the way, ti dispiace se mi faccio il tuo bambino, sai, mi guardava con gli occhi lubrici, e mi sa che dentro di lui ha tanto, tanto, ma tanto male.

    dacia valent

  3. rubimasco says:

    O magari potremmo anche essere noi, ma VOI, cosa avete fatto VOI per costringerci ad agire così?

    —Dacia, scusami, ma mio nonno dice sempre che la violenza è l’ ultima risorsa degli imbecilli. E di lui mi posso fidare perchè dopo 4 anni di campo di concentramento qualche cosina sulla violenza la sà…..

    il problema non è la bambina morta. A tutti dispiace della bambina morta. Nei bombardamenti di Berlino sai quante bambine tedesche morte c’ erano? ehhh, hai voglia! Ma questo mica vuol dire che i nazisti c’ avevano ragione o che gli alleati ne avessero di più a bombarare. La verità è che i nazisti erano una cosa, e i tedeschi un’ altra. Sempre opinione di mio nonno, scusa se son banale.

    E la stessa cosa succede ora lì. Gli israeliani non c’ hanno ragione, ma nemmeno gli hezbollah. Lì gli unici che hanno ragione sono quelli come quella bambina, che crepano magari senza neanche sapere perchè. Il fatto che li ci sia hezbollah o che i civili fossero daccordo con hezbollah non da ragione ad hezbollah o israele. Perchè hezbollah spara, israele spara, e i il civile crepa.

    Chi sostiene hezbollah sostiene chi spara, non i civili che muoiono. E chi sostiene israele fa lo stesso.

    E tutto nasce proprio dal fatto che nessuno si guarda in casa propria, e per una volta c’ha ragione Francesco. Se vedi sempre il male nell’ altro e mai in te allora la guerra non finirà mai.

    Porca puttana, va a finire che c’ havevano ragione i vari cristi, profeti e illuminati del cakkio!

    saluti

    Rubimasco

  4. good!

    bellissimo pezzo Miguel.

    Non apprezzo tanto la “moda” di presentare foto shoccanti che sta dilagando sul web (sono utili all’inizio ma poi creano saturazione, e stanno girando da troppo tempo per considerarle sproni o presentazione di verità taciute)….. il pezzo rimane però splendido.

    Vorrei però chiederti un OT ( me ne scuso), sei al corrente della conta dei morti (in particolare israeliani) dall’inizio dell’attacco ad oggi e di quelli dall’inizio della provocazione libanese (secondo gli israeliani) che ha provocato la reazione israeliana allo scoppio dell’invasione.

    Te lo chiedo senza essere al corrente dei dati (quindi senza provocazione da un lato o dall’altro), mi serve per valutare quanto sia efficace la motivazione da “cinismo politico” di Israele.

    ciao

  5. utente anonimo says:

    >Però in un mondo che avessimo disegnato noi, e non loro, avremmo potuto imparare insieme, a tracciare i segni sulla sabbia, io vecchio con tutto da imparare, e tu piccola, araba e maestra.

    alif come Allâh che dà la vita, oppure Amrîka che la toglie…MM< Beh, in quel “mondo alternativo” disegnato da “voi”, dove “Amrika” è vista come portatore di morte, io non vorrei viverci neanche da morto. Somiglia troppo a quello di Hitler e Breznev.
    Ciao

    Ritvan

    P.S. La prosa la trovo, comunque, stilisticamente bellissima.

  6. AndreaYGHPSA says:

    Non posso, davvero non posso, non copiartelo.

    Un abbraccio, Andrea

  7. daciavalent says:

    Rubi,

    ineccepibile. ma la questione non l’ho posta io.

    la pongono quotidianamente gli israeliani, la pongono a Gaza, la pongono in Libano.

    ora, che qualcuno mi dica che “il male sta da tutte e due le parti” di fronte al corpo morto di una bambina, senza sentire nemmeno una ‘nticchia d’orrore di fronte a quello che sta succedendo, beh, francamente mi fa girare le balle.

    così come mi fa girare le balle che gli israeliani invochino il rispetto di una risoluzione Onu quando ne stanno violando 72.

    così come mi sta sulle balle che per l’invasione del Q8 il mondo si sia mobilitato per difendere la “democrazia petrolifera” degli sceicchi, così come mi sta sulle balle che si continui a chiedere moderazione a chi muore.

    lo so, da queste parti si è abituati all’understatement nella morte, mica ci si mette a gridare, macché, il codice dei solidali europei prevede che le persone crepino come lemming, magari posandosi delicatamente dopo esserersi librati come scure farfalle di cenere dai pennacchi dei forni crematori.

    ah, quelli si che erano tempi, le vittime morivano gentilmente, mica facevano tutto sto casino.

    Per come la vedo io, il male sta da una sola parte.

    sono stati gli israeliania rompere le trattative riservate per la liberazione degli ostaggi libanesi che tiene incarcerati, sono satti gli israeliani a sconfinare facendo così catturae (oltre ad uccidere) part dei suoi uomini, sono gli israeliani che stanno distruggendo ogni piccolo progresso fatto da un paese che faticosamente si è ricostruito, con l’aiuto di tutte la sua popolazione, sono gli israeliani che hanno trasformato 1/4 del popolo libanese in profughi.

    il male è li, sotto gli occhi di tutti. il male allo stato puro.

    chi sostiene hezbollah, caro Rubi, sostiene un partito politico nato dalla resistenza, che ha deputati che siedono in Parlamento, che ha fatto bene, anzi, benissimo, a mantenere il movimento armato.

    I libanesi non senton Hezbollah come un corpo separato dello stato, lo sentono parte delle istituzioni.

    sai, guardando qui e la le informazioni, soprattutto sui canali satellitari spagnolo, inglese, francese, portoghese, le interviste agli europei che rientrano sono nette: condannano Israele senza se e senza ma.

    quelle bambine che sorridendo mandano gli “auguri” ai loro coetanei libanesi (o palestinesi) fanno schifo, molto più schifo dei bambini prigionieiri nei campi di concentramento a cielo aperto che Israele ha costruito sui territori che ha illegalmente occupato.

    e sai perché gfanno più schifo? perché loro avrebbero la possibilità di non essere così: hanno scuole, acqua corrente, televisione, giocattoli, prestidigitatori che vanno a rallegrarli nei rifugi contro i “potenti missili” dei barbuti malvagi.

    ai i bambini dei campi di concentramento israeliani, gli aguzzini legalizzati, non hanno scelta, loro si.

    quelle bambine, i loro genitori, la cultura nella quale sono nate e cresciute, fanno schifo.

    la violenza, caro Rubi, dovrebbe essere la prima risorsa degli oppressi.

    saluti al nonno, dacia

  8. rubimasco says:

    la violenza, caro Rubi, dovrebbe essere la prima risorsa degli oppressi.

    —vedi, io sono daccordo su tutto, ma su quest’ ultima cosa no, e su tutto quello che implica.

    Ed è vero tutto quello che dici, e pure io sto dalla parte dei civili libanesi, e dei civili palestinesi perchè le pigliano da tutti e da troppo tempo . Però non posso stare dalla parte del loro esercito. perchè lo scopo di quell’ esercito lì, per come la vedo io, non è di spezzare il bastone che picchia, ma di picchiare altri con un’ altro bastone.

    E forse sarò un’ utopista, ma secondo me la soluzione è diversa. Un partito nato dalla resistenza è pur sempre un partito di uno stato, e quindi non deve avere un proprio esercito, si deve avvalere dell’ esercito dello stato in concordanza con lo stato stesso.

    E vabbeh, sbaglierò, che ci vuoi fare.

    saluti al nonno, dacia

    —presenterò

    saluti

    Rubimasco

  9. utente anonimo says:

    >Vorrei però chiederti un OT ( me ne scuso), sei al corrente della conta dei morti (in particolare israeliani) dall’inizio dell’attacco ad oggi e di quelli dall’inizio della provocazione libanese (secondo gli israeliani) che ha provocato la reazione israeliana allo scoppio dell’invasione.<
    Viscido, ci sono su tutti i giornali quelle cifre. Credi forse che Miguel vada a contarli di persona i morti ammazzati in Libano e in Israele?:-).

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Durante l’ultima GM, i fascisti di Mussolini hanno ammazzato 0 (zero) civili amerikani, mentre la US Army ha ammazzato migliaia di civili italiani, notoriamente tramite bombardamenti. E allora?

  10. utente anonimo says:

    >sono stati gli israeliania rompere le trattative riservate per la liberazione degli ostaggi libanesi che tiene incarcerati,dacia<
    Ah, dunque- ammesso e non concesso che sia così (ed eventualmente chiedersi perché i perfidi giudei hannno abbandonato il tavolo, magari perché hanno visto che il partner giocava con carte truccate o puntava soldi falsi)- se l’altro abbandona il tavolo, tu gli spari! Che bello!:-)

    >sono satti gli israeliani a sconfinare facendo così catturae (oltre ad uccidere) part dei suoi uomini,<
    Falso! L’agguato mortale e il rapimento ad opera degli Hezbollah sono stati perpetrati in territorio israeliano.

    >sono gli israeliani che stanno distruggendo ogni piccolo progresso fatto da un paese che faticosamente si è ricostruito, con l’aiuto di tutte la sua popolazione,<
    Beh, forse i cari hezbollah avrebbero dovuto considerare l’eventualità prima di fare quel che han fatto. Ma probabilmente di “ogni piccolo progresso fatto da un paese che faticosamente si è ricostruito, con l’aiuto di tutte la sua popolazione” ai cari hezbollah non frega una cippa. Anzi, conoscendo i miei polli (anche dalle deliranti dichiarazioni di Nasrallah, riportate da Miguel) credo che pensino:”Più povero e derelitto è il paese e più pensa a Dio, invece di sollazzarzi in gozzoviglie”. Non per nulla si chiamano “Partito di Dio”, no?:-)

    >sono gli israeliani che hanno trasformato 1/4 del popolo libanese in profughi.<
    Sì, come sono stati gli Alleati a trasformare Germania, Italia e Giappone in cumuli di rovine.

    Ciao

    Ritvan

  11. “”Viscido, ci sono su tutti i giornali quelle cifre. Credi forse che Miguel vada a contarli di persona i morti ammazzati in Libano e in Israele?:-).””

    mi volevo scansare la fatica di leggermi la rassegna stampa :-(

    comuqnue se prendi la briga di rispondermi e sei così informato delle cifre, sarebbe stato più intelligente scrivermele piuttosto che ricordarmi che esistono documenti a riguardo (ma va? non lo sapevo, pensavo che Miguel li andasse davvero a contare uno per uno con te che controlli che non imbrogli) ;-)

    “”Ciao

    Ritvan

    P.S. Durante l’ultima GM, i fascisti di Mussolini hanno ammazzato 0 (zero) civili amerikani, mentre la US Army ha ammazzato migliaia di civili italiani, notoriamente tramite bombardamenti. E allora?””

    uffa con questi paragoni con la seconda guerra mondiale!! ti ci metti anche tu adesso? Il conflitto israelopalestinese non ha nulla a che vedere con la seconda guerra mondiali; nè, tanto per dire una cosa allucinante per gli amanti del conflitto neocon/antimondialisti, alcuno dei due popoli è riconducibile al nazismo (i duali :israelenazista o i naziislamici)

    la mia è una considerazione (giusta o sbagliata) di carattere politico:

    ogni volta che Israele usa la forza uccidendo qualche arabo (palestinese o libanese) crea una nuova generazione di antiisraeliani in quei territori …. non credo alle azioni di forza come risolutive del conflitto israelopalestinese; talvolta queste azioni possono risolvere il problema (degli israeliani) per un breve periodo, in tal caso sono comprensibili (che si sia d’accordo o meno) atti politici, nel caso però che aumentino il numero dei morti israeliani e l’insicurezza dello stato d’Israele non sarebbero neanche motivate con il “cinismo politico”.

    so che qui non è l’humus adatto per questo mio modello di pensiero ma almeno una domandina innocente me la lasci fare ?

    saluti

  12. kelebek says:

    Per Filomeno,

    assolutamente d’accordo con te sul fatto di non tirare in ballo la seconda guerra mondiale.

    Anche perché tutto è confrontabile con la seconda guerra mondiale. Ad esempio, si può dire che i vegetariani hanno torto, perché Hitler era vegetariano; o che Gheddafi ha sempre ragione, perché i libici sono stati le principali vittime del fascismo; o che i serbi hanno ragione, perché gli albanesi kosovari erano filo-tedeschi.

    La cosa fantastica è che il ricorso a Hitler come fondamento di qualunque discussione ha più o meno lo stesso valore del ricorso all’esempio di Muhammad nel mondo islamico. E allora, Hitler è il profeta dell’Occidente :-)

    Fatta questa premessa, il bombardamento aereo sistematico della popolazione civile di tutta l’Europa (non solo della Germania) da parte di inglesi e americani durante la seconda guerra mondiale costituisce un mostruoso e inutile crimine di guerra, uno dei più giganteschi della storia.

    Punto e basta, e a prescindere da ogni discussione sul nazismo, sul fascismo, eccetera.

    Miguel Martinez

  13. utente anonimo says:

    Miguel,

    quoto quasi tutto questo intervento.

    Quasi perchè discordo con la tua idea di paragone, ti diverti a ignorare la differenza tra analogie significative e somiglianze casuali.

    Sono indeciso se Hitler meriti il posto di “perfetto esempio negativo per l’Occidente” che tu gli trovi, ma credo che possa andare.

    Ripensando a quell’inutile: ho il sospetto che la pace post-1945 sia nata da quei bombardamenti, che abbiano distrutto e abbattuto l’idea di un’Europa militarista e diversa, che abbiano aperto la strada al lavoro per l’Europa occidentale, democratica, capitalista, terra per uomini liberi, in cui io sono nato e vivo. In un certo senso, che siano stati la premessa del piano Marshall.

    Spero di sbagliarmi.

    Francesco

    PS hai dimenticato i giapponesi, come vittime.

    PPS x Dacia: forse se sono oppressi è perchè sono più deboli. E allora la violenza è un’idea abbastanza cretina.

  14. utente anonimo says:

    poi non e’ che ogni volta che uno muore una folla di babbuini urlanti con i mocassini puzzolenti di escrementi di cammello e la barba puzzolente di kebab devono trascinare il cadavere per ogni dove gridando vendetta (di cui qualcuno si fara’ esplodere davanti a qualche ambasciata da li’ a pochi giorni)

    almeno nel mondo civilizzato funziona cosi’

  15. daciavalent says:

    Ritvan,

    una pattuglia israeliana ha sconfinato in territorio libanese, precisamente ella cittadina di Aita al-Chaab, dove hanno ingaggiato un combattimento con gli Hezbollah.

    Alcuni sono stati uccisi e due di loro presi prigionieri.

    la versione non è mia, ma della polizia di stato libanese, confermata dal governo israeliano.

    dacia

  16. kelebek says:

    Per il commento n. 14,

    purtroppo le mie competenze linguistiche sono limitate. Potresti tradurre in italiano quello che hai scritto, per favore?

    Grazie

    Miguel Martinez

  17. utente anonimo says:

    che non fa chic trascinare i cadaveri per strada urlando

  18. kelebek says:

    Ah, ecco.

    Grazie della dritta di moda, mi sarà utile per comportarmi bene in società.

    Miguel Martinez

  19. utente anonimo says:

    di niente, tranquillo

  20. daciavalent says:

    per il commmentatore #14 :

    non vedo l’ora che tua figlia/sorella/nipote/madre schiatti peggio di quanto è morta quella bimba, ma solo per avere un buon esempio di come sfilare leggiadri portando un simile peso.

    dacia valent

  21. utente anonimo says:

    >Ritvan, una pattuglia israeliana ha sconfinato in territorio libanese, precisamente ella cittadina di Aita al-Chaab, dove hanno ingaggiato un combattimento con gli Hezbollah.

    Alcuni sono stati uccisi e due di loro presi prigionieri. la versione non è mia, ma della polizia di stato libanese, confermata dal governo israeliano. dacia<
    Daciona mia, non che io non mi fidi delle tue fonti:-) mai io ho letto sulla stampa italiana una versione lievemente differente: prima c’è stato l’agguato hesbollah IN TERRITORIO ISRAELIANO e poi i compagni dei due rapiti sono sconfinati in Libano, nel vano tentativo di recuperare i compagni, sconfinamento dove è stato distrutto un carrarmato israeliano e uccisi alcuni soldati israeliani.

    Pertanto, potresti gentilmente fornirmi l’URL dove c’è la conferma del governo israeliano alla “tua” versione.

    PER ME la questione non è di lana caprina. Se veramente il sequestro è avvenuto in territorio libanese, Hesbollah ha ragione. Altrimenti ha torto marcio.

    Ciao

    Ritvan

  22. kelebek says:

    Per Filomeno,

    tu fai una considerazione, e poi scrivi:

    “so che qui non è l’humus adatto per questo mio modello di pensiero ma almeno una domandina innocente me la lasci fare ?”

    Non ho capito se la “domandina innocente” coincide con la considerazione, o se devi ancora farla. In tal caso, ovviamente la puoi fare.

    Miguel Martinez

  23. daciavalent says:

    Ritvan,

    questa è un’agenzia (adnkronos): http://tinyurl.com/o3g64

    ma basta inserire “Aita al-Chaab” in googgle e leggi la versione non romanzata.

    dacia

  24. utente anonimo says:

    per il simpatico commentatore #20:

    si no guarda, non vedo l’ora di trascinare il corpo dilaniato di mia figlia/nipote/non ricordo che altro in giro per le strade sporcando ovunque di sangue e gridando in giro di volere vendetta

    anche se in teoria tenderei verso l’avere un po’ piu’ di rispetto verso i morti ;)

  25. utente anonimo says:

    “”Viscido, ci sono su tutti i giornali quelle cifre. Credi forse che Miguel vada a contarli di persona i morti ammazzati in Libano e in Israele?:-).ritvan””

    >mi volevo scansare la fatica di leggermi la rassegna stampa :-( filomenoviscido<
    Discepolo di Paul Lafargue (quello del “Diritto alla pigrizia”) anche tu?:-)

    >comuqnue se prendi la briga di rispondermi e sei così informato delle cifre, sarebbe stato più intelligente scrivermele piuttosto che ricordarmi che esistono documenti a riguardo (ma va? non lo sapevo, pensavo che Miguel li andasse davvero a contare uno per uno con te che controlli che non imbrogli) ;-)<
    L’intelligenza della risposta è commisurata a quella della domanda:-). Comunque, se ci tieni tanto, un paio di giorni fa il rapporto dei morti (senza distinzione fra civili e militari) era di 250 a 25, ovviamente a “favore” di Israele. Ti ricordo che – come dici sotto – è vietato fare paragoni con la II Guerra Mondiale:-).

    “”P.S. Durante l’ultima GM, i fascisti di Mussolini hanno ammazzato 0 (zero) civili amerikani, mentre la US Army ha ammazzato migliaia di civili italiani, notoriamente tramite bombardamenti. E allora?””

    >uffa con questi paragoni con la seconda guerra mondiale!!<
    Se la Notte dei Cristalli, molto opportunamente:-) citata da Miguel non è avvenuta durante la II GM non è mica colpa mia.

    >ti ci metti anche tu adesso?<
    C’è qualche legge che lo vieti?

    >Il conflitto israelopalestinese non ha nulla a che vedere con la seconda guerra mondiali;<
    Palestinese? Ma non si parlava di Hezbollah e del Libano??!! Una guerra è sempre una guerra, che sia Mondiale o locale. Il fatto che una delle parti in conflitto abbia in un certo momento un numero più alto di vittime non significa un c..zo. Le domande “intelligenti” da fare credo siano altre.

    >nè, tanto per dire una cosa allucinante per gli amanti del conflitto neocon/antimondialisti, alcuno dei due popoli è riconducibile al nazismo (i duali :israelenazista o i naziislamici)<
    Non credo che nessuna delle parti da te citate la intenda così: i neocon considerano “islamonazisti” alcuni leaders del mondo islamico e anche gli antimondialisti considerano lo stesso alcuni leaders israeliani. Ma converrai con me che le allucinanti ed allucinate parole di Nasrallah, riportate da Miguel:”Non ho parole per la comunità internazionale, perché non ho mai creduto, per un solo giorno, nell’esistenza di una comunità internazionale, e questo è proprio ciò che molti nella nostra nazione sentono” sarebbero suonate molto bene in bocca al Dr Goebbels.

    >la mia è una considerazione (giusta o sbagliata) di carattere politico:

    ogni volta che Israele usa la forza uccidendo qualche arabo (palestinese o libanese) crea una nuova generazione di antiisraeliani in quei territori …. <
    Può anche darsi. Ma credo che Israele non voglia essere amato dagli arabi (libanesi o altri), poiché sarebbe come chiedere la luna:-). Gli basta essere temuto.

    >non credo alle azioni di forza come risolutive del conflitto israelopalestinese;<
    Aridaje col “palestinese”. Qui ci sono di mezzo gli hezbollah e il Libano ostaggio in mano alle loro milizie, che c..zo c’entrano i palestinesi? Vuoi sapere come la pensa UNA BUONA PARTE dei palestinesi (vabbè, tutti cani apostati servi dei sionisti per i filohezbollah, ma tant’è): Su “La Repubblica” del 19 luglio dice Nemer Hammad, consigliere politico del Presidente palestinese Abu Mazen ed ex ambasciatore dell’Anp in Italia: “I fondamentalisti usano la causa palestinese” e poi “qualcuno ci sta spingendo in un angolo e tenta di far risucchiare la questione palestinese da un asse aggressivo e violento”.

    Credo sia chiaro che per “aggressivo e violento” Hammad non intenda Israele.

    >talvolta queste azioni possono risolvere il problema (degli israeliani) per un breve periodo,<
    Dipende da quanto sono disposti ad andare a fondo gli israeliani in questa faccenda. Se non riusciranno a dare un colpo mortale alla potente cosca degli hesbollah e non riusciranno ad ottenere un governo libanese che abbia a cuore solo ed esclusivamente gli interessi del popolo libanese, temo anch’io che avranno fatto il solito buco nell’acqua.

    >in tal caso sono comprensibili (che si sia d’accordo o meno) atti politici, nel caso però che aumentino il numero dei morti israeliani e l’insicurezza dello stato d’Israele non sarebbero neanche motivate con il “cinismo politico”.<
    Da quel che ho letto 9 israeliani su 10 approvano quel che sta facendo il loro governo. E da sempre gli israeliani sono consapevoli che c’è un prezzo in sangue da pagare per ottenere la pace coi vicini. Credo che non 25 ma 250 o anche 2500 morti la popolazione israeliana accetterebbe pur di annientare quell’assurda spina nel fianco che sono gli hesbollah. Coi palestinesi il discorso è totalmente differente.

    >so che qui non è l’humus adatto per questo mio modello di pensiero ma almeno una domandina innocente me la lasci fare?<
    Beh, se dici che la domanda era finalizzata solo a sapere se le perdite israeliane a causa dei katiusha degli hesbollah erano “politicamente accettabili”, io penso proprio di sì. Vedi sopra.

    Ciao

    Ritvan

  26. utente anonimo says:

    Per Filomeno, …………

    Non ho capito se la “domandina innocente” coincide con la considerazione, o se devi ancora farla. In tal caso, ovviamente la puoi fare. Miguel Martinez< La “domandina innocente” era quella sul rapporto dei morti. Gliel’ho detto quel maledetto rapporto e spero che la sua innocenza sia adesso soddisfatta:-).
    Ciao

    Ritvan

  27. daciavalent says:

    per il commentatore #24:

    non sprecare rispetto per le donne della tua famiglia, è sicuro che non lo meritino.

    dacia valent

  28. utente anonimo says:

    >Ritvan, questa è un’agenzia (adnkronos): http://tinyurl.com/o3g64 dacia<
    Scusa la pignoleria:-) ma in quell’agenzia ho trovato solo:

    “La polizia libanese ha confermato che i due sono stati catturati dagli Hezbollah dopo essersi ”infiltrati” oltre il confine, nella cittadina libanese di Aita al-Chaab.” Nessuna traccia di conferme DEL LUOGO da parte degli israeliani. Scusa daciona, sarò anche malfidato ma non sono molto disposto a credere a una polizia libanese che lasciava la milizia hesbollah fare quel che c..zo gli pareva nel sud del Libano.

    >ma basta inserire “Aita al-Chaab” in googgle e leggi la versione non romanzata.<
    Una versione, appunto. Come l’altra. Vedremo…

    Ciao

    Ritvan

  29. utente anonimo says:

    “anche se in teoria tenderei verso l’avere un po’ piu’ di rispetto verso i morti ;)”

    Non mi pare proprio.

    E neanche verso i vivi.

    Paolo

  30. utente anonimo says:

    MM, hai un patto con Dacia per censurarmi i post?

    JZ

  31. daciavalent says:

    Ritvan,

    “Según la policía libanesa, los dos soldados fueron secuestrados en territorio libanés, en la región de Aita al-Chaab, donde una unidad israelí había penetrado en la mañana.” (secondo la polizia libanese, i due soldati sono stati sequestrati in territorio libanese, nella regione di Aita al-Chaab, dove un’unità israeliana era penetrata il mattino)

    questo lo trovi qui: http://tinyurl.com/jpo7a

    “In the afternoon, the scene changed in the streets of southern Lebanon, which was the target of 32 Israeli raids that mainly targeted areas near the area where the two soldiers were captured in Aita al Chaab, close to the border with Israel.” (nel pomeriggio, la scena nelle strade del Libano meridionale è cambiata, dopo che è diventata il bersaglio di 32 raid israeliani, diretti nella maggior parte nelle aree adiacenti il luogo dove i due soldati israeiani sono stati catturati, Aita al Chaab, vicino al confine con Israele).

    quest’altra la trovi qui:http://tinyurl.com/myhgd.

    se ne vuoi altre, ti pregherei di cercartele da sola, non faccio l’electronic geisha di professione e non mi ci diverto nemmeno.

    dacia

  32. utente anonimo says:

    >assolutamente d’accordo con te sul fatto di non tirare in ballo la seconda guerra mondiale. MM<
    Ah, la II GM no, ma la Notte dei Cristalli sì, eh? Ma tu sei “il padrone di casa”, che diamine, le regole le fai tu!:-).

    Ciao

    Ritvan

    P.S. Hitler era vegetariano. Lo ricordo sempre a quei vegetariani del c..zo ogniqualvolta guardano dall’alto in basso con espressione schifata, ostentando la supposta “superiorità etico-morale” della loro congrega verso nosotros “trogloditi carnivori”.

    I leaders kosovari albanesi sono stati in stragrande maggioranza filotedeschi durante la II GM. E avevano le loro buone ragioni per esserlo: i serbi avevano a più riprese tentato la pulizia etnica e la colonizzazione del Kosovo, mentre i tedeschi confermarono il congiungimento del Kosovo con l’Albania, fatto dagli italiani. Ma come i musulmani di oggi non credo debbano pagare i torti del Muftì di Gerusalemme e dei suoi seguaci, così i kosovari di oggi non credo debbano pagare per i loro capi di quel tempo, peraltro sterminati dai serbi subito dopo la guerra, grazie al zelante aiuto dell’esercito partigiano di Enver Hoxha a cui i leaders kosovari consegnarono le armi senza combattere, in quanto fratelli albanesi. Puah!

  33. utente anonimo says:

    >..se ne vuoi altre, ti pregherei di cercartele da sola, non faccio l’electronic geisha di professione e non mi ci diverto nemmeno. dacia<
    Neanche a me va di fare da geisha; casomai me le dovrei cercare da “solo”:-). E comunque si conferma che l’unica fonte è sempre la solerte, imparziale e vigile:-) polizia libanese. Mi ha tutta l’aria di una “sola”. Detto in dialetto romanesco:-).

    Ciao

    Ritvan

  34. daciavalent says:

    quindi, vediamo, se hezbollah “no bbbuono” perché non sono “istituzionali”, la polizia non andrebbe bene per quale motivo?

    dacia

  35. utente anonimo says:

    >MM, hai un patto con Dacia per censurarmi i post? JZ<
    Sì, il Patto Daciaio:-).

    Ciao

    Ritvan il Calembourista

  36. utente anonimo says:

    >quindi, vediamo, se hezbollah “no bbbuono” perché non sono “istituzionali”, la polizia non andrebbe bene per quale motivo? dacia<
    Per il fatto che abitualmente giravano la testa dall’altra parte fischiettando quando vedevano un barbuto intabarrato che andava in giro con un paio di razzi katiusha sul groppone. Per non dire che forse gli si avvicinavano e gli chiedevano con gentilezza:”La posso aiutare ad accendere?”.

    Ciao

    Ritvan

  37. utente anonimo says:

    >Sì, il Patto Daciaio:-).

    Ciao

    Ritvan il Calembourista< Mi par vieppiù scortese…
    :)

    JZ

  38. daciavalent says:

    ah beh, si beh … allora anche il governo che non ha disarmato, quello che vendeva il felafel e ci ha lucrato e i bambini della scuola elementare dell’angolo che non piangevano quando ne vedevano uno.

    dillo che sei proisraeliano, mica mi scandalizzo.

    la cosa più fastidiosa è questa tendenza a difendere l’indifendibile…

    pensa a quelli che oggi si sgolano dicendo che Hezbollah sia un corpo separato dallo stato in Libano, e che Israele ha mosso guerra solo contro di loro, tra cui te, se ricordassero le prime parole di Olmert a proposito dell’avvio della strage:

    “”The Lebanese government, of which Hezbollah is a part, is trying to shake regional stability,” he said at a press conference in Jerusalem.” (Il governo libanese, di cui Hezbollah fa parte, sta tentando di destabilizzare la regione) [http://tinyurl.com/eebvj]

    Senti, ma se la cosa te la conferma una top-model 25enne vergine e astemia, ci crederesti?

    dacia

  39. daciavalent says:

    @Francesco: “top-model 25enne vergine e astemia” questo è un ossimoro.

    @Ritvan: Patto Daciaio è deliziosa

    dacia

  40. quindi, vediamo, se hezbollah “no bbbuono” perché non sono “istituzionali”, la polizia non andrebbe bene per quale motivo?

    —Dacia, a me pare che tu sia una persona intelligente per cui credo che le cose come stanno tu lo sappia benissimo. Il fatto che la polizia “faccia finta di passare da bischero” ,come si dice qui da noi, non vuol dire che hezbollah sia in una posizione politica giusta.

    certo che hezbollah fa parte del governo (ha seggi in parlamento, per forza) ma è l’ ESERCITO di hezbollah che non quaglia. Se tanta gente in italia fosse daccordo con forza nuova allora loro avrebbero il diritto di avere un esercito personale che prende ordini solo dal partito?

    avanti, su, è una posizione insostenibile…..

    saluti

    Rubimasco

  41. utente anonimo says:

    Per il commentatore del #40

    Guarda che il commentatore del # 27 si chiama Dacia ed è sempre lei che ha la pazienza di risponderti.

    La vuoi finire di farmi andare su e giù nella pagina per vedere chi risponde a cosa a quest’ora di notte, ché è tardi?

    Non ti sembra sciocco non scrivere che sei sempre “pincopallino” o chi pare a te?

    Cocco

  42. utente anonimo says:

    http://www.eurasia-rivista.org/cogit_content/articoli/Le_agenzie_di_stampa_occid.shtml

    **Su ingiunzione della censura militare israeliana, le agenzie di stampa e i media che hanno giornalisti accreditati in Israele hanno rinunciato ad informare i loro lettori del luogo in cui i soldati israeliani sono stati fatti prigionieri.**

    Illuminante anche l’ultimo paragrafo.

    Insomma, la polizia libanese dice che gli israeliani hanno sconfinato, la censura militare israeliana non vuole far passare questa notizia, percio’ **non la confermera’ mai**. Quindi noi, per crederci, a quale TERZA FONTE dovremmo appellarci, visto che la polizia libanese non basta?!

    upuaut

  43. kelebek says:

    Trovo surreale questa discussione sul luogo in cui sarebbero stati presi prigionieri i soldati israeliani.

    Gli aerei e i missili israeliani hanno violato qualche migliaio di volte la frontiera libanese, creando oltre 700.000 profughi, e c’è qualcuno che avrebbe da ridire nel caso in cui una pattuglia di Hizbullah avesse attraversato la stessa frontiera, ma in senso inverso?

    Miguel Martinez

  44. utente anonimo says:

    >oltre 700.000 profughi, < Soprattutto Sciiti? JZ

  45. daciavalent says:

    per il commentatore #40

    chi avrebbe mai potuto supporre che dietro l’energumeno da tastiera si potesse nascondere un animo sensibile? sentiammè, chiedi a tua madre di ricominciare a dartela, o ricomincia a farti tua figlia, perché così fai senso.

    dacia valent

  46. daciavalent says:

    Rubi,

    anche l’Italia avrebbe potuto avere le sue milizie armate, se il gruppo dirigente comunista all’epoca – una volta al governo nell’immediato dopoguerra – non avesse deciso per il disarmo dei partigiani rossi.

    Ma la situazione italiana era parecchio dissimile a quella lasciata dopo la fine della guerra in Libano.

    Nessuno in Libano si è mai sognato di chiedere il disarmo di Hezbollah, non il governo, non il Parlamento, non il popolo.

    anzi, le forze Hezbollah sono vissute come parte dell’esercito libanese, necessario per difendersi da un potenziale nemico aggressivo e malevolo.

    dacia

  47. utente anonimo says:

    >sentiammè, chiedi a tua madre di ricominciare a dartela, o ricomincia a farti tua figlia, perché così fai senso. dacia valent<
    Miguel, a norma del CPK – capitolo “Turpiloquio” – chiedo ufficialmente la messa al bando della Valent da questo blog. Se non lo fai vuol dire che sei un bieco sionista che – come dice Reza – se ne infischia della Giustizia Internazionale.:-)

    Ciao

    Ritvan

    P.S. E non ci provare a dirmi che l’anonimo ha cominciato per primo. Già il fatto di presentarsi come anonimo era una flagrante infrazione al CPK, pertanto andava espulso d’ufficio.

  48. kelebek says:

    Per Ritvan,

    Dacia qui può fare quello che vuole, gli altri no. Lei ha un passaporto segreto israeliano.

    Miguel Martinez

  49. utente anonimo says:

    e’ un povero idiota che non sa fare altro che insultare, basta ignorarlo.

  50. utente anonimo says:

    anzi, il fatto che e’ in grado di rispondere solo col turpiloquio alle mie affermazioni mi fa stare bene, perche’ vuol dire che ho ragione a pensarla in questo modo.

  51. utente anonimo says:

    >anzi, il fatto che e’ in grado di rispondere solo col turpiloquio alle mie affermazioni mi fa stare bene, perche’ vuol dire che ho ragione a pensarla in questo modo.<
    Sarai mica Sartori sotto anonime spoglie? Ho visto solo lui in grado di inghiottire tali insulti con la stoicità di un protomartire cristiano:-).

    Ciao

    Ritvan

    P.S. E scegliti un nick qualsiasi, porca miseria!

  52. utente anonimo says:

    >Dacia qui può fare quello che vuole, gli altri no. Lei ha un passaporto segreto israeliano. Miguel Martinez< Ho sempre sospettato che tu fossi un agente sionista:-);-).
    Ciao

    Ritvan

  53. dacia;

    il giochino è facile:

    -hezbollah non fa parte dell’ esercito del paese

    -hezbollah è meglio armato dell’ esercito del paese

    quindi

    -il paese non ha controllo sul suo territorio

    -quindi non è uno stato

    -quindi è terra di nessuno

    -quindi è terra di tutti

    -quindi ci facciamo quello che ci pare e affanculo i libanesi

    ecco il ragionamento che mi porta a dire che la posizione politica di hezbollah è controproducente.

    La politica non va secondo quello che pensa il popolo, la politica va secondo quello che pensano i politici, il che vuol dire che l’ unica maniera di batterli è con le loro regole.

    saluti

    Rubimasco

  54. utente anonimo says:

    >Trovo surreale questa discussione sul luogo in cui sarebbero stati presi prigionieri i soldati israeliani. MM<
    Beh, se si trova “surreale” la stessa esistenza dello Stato d’Israele, tutto il resto viene di conseguenza. Il caro Nasrallah p.es. trova “surreale” perfino la comunità internazionale:-).

    >Gli aerei e i missili israeliani hanno violato qualche migliaio di volte la frontiera libanese, creando oltre 700.000 profughi, e c’è qualcuno che avrebbe da ridire nel caso in cui una pattuglia di Hizbullah avesse attraversato la stessa frontiera, ma in senso inverso?<
    Sì, Miguel, ma gli aerei israeliani hanno sconfinato DOPO. Non stiamo discutendo (o meglio, IO non stavo discutendo) della PRPORZIONALITA’ della reazione israeliana, bensì della RAGIONEVOLEZZA di una reazione armata da parte di Israele in quel caso. Sono due cose distinte, mi pare.

    Ciao

    Ritvan

  55. utente anonimo says:

    >@Ritvan: Patto Daciaio è deliziosa<
    Grazie Dacia, sapevo che ‘sti giochini di parole ti piacciono.

    >Senti, ma se la cosa te la conferma una top-model 25enne vergine e astemia, ci crederesti?<
    Sì, se fosse anche ebrea:-).

    Ciao

    Ritvan

  56. utente anonimo says:

    >..dillo che sei proisraeliano, mica mi scandalizzo. dacia<
    Qualcun altro mi chiama “filoislamico”. Mettetevi d’accordo, per favore. Possibilmente senza turpiloqui:-).

    Ciao

    Ritvan

  57. kelebek says:

    Per Ritvan,

    qui c’è un equivoco.

    Non stiamo parlando della cattura dei primi due soldati israeliani, ma della cattura degli ultimi due, dopo diversi giorni di attacco israeliano.

    Miguel Martinez

  58. thanks per le info Ritvan; non so se sono discepolo di Lafargue , potrei…. ma sono così pigro che non l’ho mai letto :-)

    X Miguel: la domandina era sul semplice conto delle vittime come ha intuito Ritvan

  59. utente anonimo says:

    Dacia

    perchè sei così pessimista sulla moralità e sulla morigeratezza delle modelle?

    Francesco

    PS MM, ma ne hanno presi prigionieri altri due? Io ero rimasto a 1 a Gaza e 2 in Israele/Libano.

  60. utente anonimo says:

    >Per Ritvan, qui c’è un equivoco.

    Non stiamo parlando della cattura dei primi due soldati israeliani, ma della cattura degli ultimi due, dopo diversi giorni di attacco israeliano.

    Miguel Martinez<
    Ah, perché ne hanno presi altri due DOPO? Non lo sapevo. Beh, in quel caso sono solo prigionieri di guerra.

    Ciao

    Ritvan

  61. utente anonimo says:

    “le forze Hezbollah sono vissute come parte dell’esercito libanese, necessario per difendersi da un potenziale nemico aggressivo e malevolo.”

    Direi che il loro successo nel difendere il popolo libanese è abbastanza modesto. Mi ricordo la Seconda Guerra Mondiale, con gli alleati che radevano al suolo tutto quello che volevano nell’Europa Continentale, e i tedeschi che lanciavano poche e imprecise V2 per patetico spirito di rivalsa. Ma non si diceva di Hitler che era un pazzo fanatico?

    Francesco

  62. utente anonimo says:

    Ma quelle stupide ragazzette che scrivono gli auguri sulle bombe, cosa rappresentano tutti gli israeliani ?e che senso ha dire , quando si fa presente che ci sono anche piccoli bambini armati di tutto punto, che però va bene o fanno meno schifo perchè sono nei campi profughi?

    Eì giusto armare o indottrinare bambini di pochi anni?

    maria

  63. utente anonimo says:

    Kel, i poeti arabi, intendo coloro che vivono la situazione e la esprimono con il loro stile, penserebbero che tu sei un poeta loro conterraneo.

    Aurora.

  64. Sahishin says:

    non basta avere una cultura profonda, è fondamentale saperla incanalare in percorsi delicati come quello che hai disegnato qui.

    per me è un momento di grande insofferenza verso le parole.

    mi sono permesso di linkare le tue.

    stai bene

    salvatore

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>