Non per liguri

I genitori che volessero dare al proprio bambino o bambina un nome turco possono leggere con profitto il libretto Çocuk İsimleri ("I nomi dei bambini"), di Nilay Gençay, (ASM Yayıncılık, 2004).

Tra i vezzosi nomi femminili, troviamo anche questo:

"BELİN: (di origine turca): chi resta perplesso, guardando a occhi spalancati."

Print Friendly
This entry was posted in Uncategorized and tagged . Bookmark the permalink.

20 Responses to Non per liguri

  1. utente anonimo says:

    più che altro il titolo dovrebbe essere: in Turchia parlano il Ligure, poffarre!

    ciao

    Francesco

  2. Grazie dell’attenzione. Che spero di ricambiare quanto prima… Tecnicamente dipendo da mia figlia. Che come tutti i giovani è piena di impegni…

    Buon Lavoro!

    Carlo Gambescia

  3. utente anonimo says:

    Scusa la svista, meglio l’erroraccio, adesso rimedio subito.

  4. SINÀN CAPUDÀN PASCIÀ*

    Teste fascië ‘nscià galéa

    ë sciabbre se zeugan a lûn-a

    a mæ a l’è restà duv’a l’éa

    pe nu remenalu ä furtûn-a

    **intu mezu du mä

    gh’è ‘n pesciu tundu

    che quandu u vedde ë ‘brûtte

    u va’ ‘nsciù fundu

    intu mezu du mä

    gh’è ‘n pesciu palla

    che quandu u vedde ë belle

    u vegne a galla.

    E au postu d’i anni ch’ean dexenueve

    se sun piggiaë ë gambe e e maæ brasse nueve

    d’allua a cansún l’à cantà u tambûu

    e u lou s’è gangiou in travaggiu dûu

    vuga t’è da vugâ prexuné

    e spuncia spuncia u remmu fin au pë

    vuga t’è da vugâ turtaiéu***

    e tia tia u remmu fin a u cheu

    e questa a l’è a me stöia

    e t`ä veuggiu cuntâ

    ‘n po’ primma ch’à vegiàià

    a me peste ‘ntu murtä

    e questa a l’è a memöia

    a memöia du Çigä

    ma ‘nsci librri de stöia

    Sinàn Capudàn Pascià.

    E suttu u timun du gran cäru

    c’u muru ‘nte ‘n broddu de färu

    ‘na neutte, ch’u freidu u te morde

    u te giàscia u te spûa e u te remorde

    e u Bey assettòu u pensa ä Mecca

    e u vedde ë Uri ‘nsce ‘na secca

    ghe giu u timùn a lebecciu

    sarvàndughe a vitta e u sciabeccu

    amü me bell’amü

    a sfurtûn-a a l’è ‘n grifun

    ch’u gia ‘ngiu ä testa du belinun

    amü me bell’amü

    a sfurtûn-a a l’è ‘n belin

    ch’ù xeua ‘ngiu au cû ciû vixín

    e questa a l’è a me stöia

    e t’ä veuggiu cuntâ

    ‘n po’ primma ch’à a vegìáìa

    a me peste ‘ntu murtä

    e questa a l’è a memöia

    a memöia du Çigä

    ma ‘nsci libbri de stöia

    Sinàn Capudàn Pascià.

    E digghe a chi me ciamma rénegôu

    che a tûtte ë ricchesse a l’argentu e l’öu

    Sinan gh’a lasciòu de luxî au sü

    giastemmandu Mumä au postu du Segnü

    intu mezu du mä

    gh’è ‘n pesciu tundu

    che…

  5. utente anonimo says:

    Siccome l’odiato splinder mozza i commenti, leggetevela qua:

    http://www.bielle.org/fabriziodeandre/pages/creuzatxt.htm#4

    Paul Olden

  6. utente anonimo says:

    Altre parole provenienti dal turco delle quali non avreste mai sospettato:

    http://www.angelfire.com/in/turkey/dil03.html

  7. kelebek says:

    Commento n. 6,

    firmate, anche con un nick qualsiasi…

    bellissimo, comunque.

    Non conoscevo l’etimologia di arslan, il leone (nome tra l’altro ripreso da C.S. Lewis, e poi ahimè anche da Disney nei racconti di Narnia).

    Aggiungerei anche “cremisi”, che credo derivi da kırmızı.

    Miguel Martinez

  8. talib says:

    eheh!

    Non per liguri anche il nome maschile arabo Moussa!

    :D

  9. kelebek says:

    E se un Musa (nome anche turco) dovesse sposare una Belin?

    Sarebbe un po’ come il povero calciatore Rom che conoscevo, che di nome faceva Shemo.

    Miguel Martinez

  10. utente anonimo says:

    Vive la difference linguistique! – Ci perdoni il tuo amico Rom :-)

    michi (quello del commento 6, che uno di questi giorni farà una cura per la memoria, giuro).

  11. talib says:

    eheh sarebbe anche una curiosa inversione dei sessi! :D

  12. sermau says:

    divertente, quindi non solo i veneziani ma pure i genovesi ebbero contatti con gli ottomani…

  13. utente anonimo says:

    Quanto alle mie amiche Mona e Fia (Sofia), riferiscono entrambe di aver vissuto esperienze problematiche qua e là per l’Italia…

    Anna (lettrice svedese assidua ma passiva)

  14. kelebek says:

    errore…

    kırmızı deriva dall’arabo qirmiz, che indica i corpi seccati di coccus ilicis o kermococcus vermilis, la cocciniglia morellona dei lecci, usati per ricavare una tintura rossa.

    Miguel Martinez

  15. kelebek says:

    Mona (o Muna, ma con una “u” molto aperta e breve, tendente a “o”) è un nome femminile arabo piuttosto comune.

    Miguel Martinez

  16. utente anonimo says:

    Beh, per par condicio, anche una bovera egstragomunitaria albanese che si trova ad abitare nella ridente cittadina di Pescara avrebbe dei problemi di comunicazione coi suoi connazionali rimasti in patria e non molto ferrati in geografia italica. Si racconta dell’esilarante dialogo telefonico tra una donna albanese e la vecchia mamma di larghe vedute morali:

    “- Mamma, sto bene e sono a Pescara*

    - Ma non ti preoccupare, figlia mia, anche se tu andassi con dieci o con cento resti sempre mia figlia e ti voglio bene lo stesso.”

    * – In albanese “pes cara” significa “5 c..zi”:-) :-)

    Ciao

    Ritvan

  17. utente anonimo says:

    Falsa ma bellissima.

    (le mamme albanesi sono severissime con le figlie, lo sanno tutti)

    Francesco

  18. utente anonimo says:

    >Mona (o Muna, ma con una “u” molto aperta e breve, tendente a “o”) è un nome femminile arabo piuttosto comune. < Ai tempi in cui stavo in Gran Bretagna conosceva un ragazza proveniente dagli Emirati con quel nome.
    Molto carina, ma tra me e gli amici spagnoli era gara su quale fosse il doppio senso più sfigato :)

    JZ

  19. utente anonimo says:

    La liguria fu invasa dai turchi.. siamo geneticamente misti..

    può essere che, davanti all’espressione perplessa, a occhi spalancati, della prima figliola incontrata, un turco severamente dotato abbia riconosciuto una somiglianza con l’espressione della propria fidanzata, esclamando “”BELİN…”

    La figliola, in equivoco, indica l’oggetto curioso e conferma: …belin!”

    ciao a tutti

    riccardo

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>