Carlo Giovanardi dice, è ora di finirla con la democrazia

“E’ utopistico continuare a pensare che si possa essere tutti uguali davanti alla legge come prevede la Costituzione scritta nel ’48, allora non c’erano l’immigrazione e il terrorismo”. Sono parole di Carlo Giovanardi, ministro della Repubblica (citato in Repubblica, 20.07.05, p. 4)

Con tutti i loro difetti, i governanti di destra hanno il pregio di parlare chiaro. Se si abolisce l’uguaglianza davanti alla legge, e si dichiara “utopistica” la Costituzione, si abolisce semplicemente la democrazia, presumibilmente per “esportarla” altrove.

La scusa di Giovanardi ovviamente è una menzogna, che nasce da una deliberata confusione tra politica e cronaca.

La Costituzione dovrebbe essere l’anima delle istituzioni; al limite potremmo immaginarne la sospensione in caso di imminente e reale pericolo di rovesciamento dell’intero ordine costituito.

Invece, quello che esiste è il reale pericolo che avvenga qualcosa come è successo a Londra. Cioè che quattro o cinque ragazzi di un quartiere periferico decidano di portare un po’ di Iraq in Occidente.

Il risultato può essere mostruoso (mai quanto l’Iraq, ovviamente), ma costituisce un fatto di cronaca, che non scalfisce di una virgola la solidità dei partiti, del parlamento, della polizia, della scuola, della magistratura, delle frontiere, dei media e nemmeno dell’economia.

La Costituzione del ’48 fu invece varata a tre anni dalla più feroce guerra della storia umana (compresa una guerra civile) e agli inizi di un’altra guerra, quella fredda. Mezza Europa, e l’immensa Cina, stavano passando a sistemi sociali e politici completamente diversi da quelli che vigevano in Italia. Si combatteva una guerra terribile nella vicina Grecia, mentre in Italia avvenivano continue sommosse di operai, di contadini e di reduci, seguite da sanguinose repressioni. Senza dimenticare una vera e propria insurrezione indipendentista in Sicilia.

All’epoca molti democristiani (cioè gli antenati politici di Giovanardi) paventavano la combinazione di un’invasione da parte del potente esercito sovietico e l’insurrezione armata di quel terzo circa degli italiani che sognava l’abbattimento dell’ordine politico liberale e dell’ordine economico capitalista. Avrebbero fatto seguito i lager di Stalin, con lavori forzati e fucilazioni di massa, sempre che le bombe atomiche statunitensi non avessero fatto piazza pulita del mondo prima.

La storia avrebbe dimostrato che quelle paure erano sbagliate (e un po’ strumentali e paranoiche). Ma c’è una bella differenza tra la paura dell’Armata Rossa e la paura che si prova oggi che alcuni individui, tra la minoranza che sono i musulmani all’interno della minoranza povera che sono gli immigrati, diano di matto.

Eppure gli stessi predecessori di Giovanardi scelsero, con tutte le dovute ipocrisie, il principio dell’uguaglianza e della legalità.

Una democrazia, per restare veramente tale, si deve tenere in esercizio con aspre dispute.

Non sto parlando dei litigi o dei conflitti personali, che sono oggi rumorosi come mai in passato.

Parlo della possibilità di poter scegliere tra alternative profondamente diverse, e della non esistenza di argomenti tabù.

Come dice un mio amico, il vero scandalo non è che Berlusconi possieda tre reti su sei. Il vero scandalo è che sei reti su sei abbiano appoggiato la prima tappa della guerra lanciata dagli Stati Uniti contro il mondo: l’invasione dell’Afghanistan.

Quando tutto è ridotto a due schieramenti, e i due schieramenti diventano uno solo sulle cose fondamentali – l’adesione alla NATO, le privatizzazioni o l’accettazione della Costituzione europea, tanto per dire – la democrazia rimane solo come formula astratta.

Per questo, un ministro può dichiararne la fine con una battuta. E nessuno se ne accorge, perché la sua sostanza è già praticamente morta.

Infatti, lo stesso articolo di Repubblica segnala che il ministero della giustizia ha messo sul proprio sito l’ultimo delirio xenofobo di Oriana Fallaci.

Print Friendly
This entry was posted in riflessioni sul dominio and tagged , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

7 Responses to Carlo Giovanardi dice, è ora di finirla con la democrazia

  1. utente anonimo says:

    A questo proposito Noam Chomsky ha scritto questo articolo, da leggere assolutamente:

    http://www.zmag.org/content/showarticle.cfm?SectionID=11&ItemID=8347

  2. talib says:

    ..e la Fallaci gli ha fatto causa perchè l’articolo è protetto dal copy right (ma loro l’avevano pubblicato solo “per dare un contributo al dibattito sull’Islam” sigh)

    E’ l’americanizzazione della politica, due schieramenti identici nella sostanza, difformi in apparenza, solo perchè la leggera patina di “democrazia” che ricopre il tutto non si sciolga

  3. utente anonimo says:

    Vedo nella colonna dei libri che ne hai aggiunti un paio sulla Turchia. A proposito, hai letto “I Turchi Ottomani”, di Justin Mc Carthy?

  4. No, non mi sembra di aver letto il libro che citi.

    Miguel Martinez

  5. utente anonimo says:

    Nell’aula

    “La Legge è uguale per tutti”.

    (farabutti!)

    Questi versi di caproni hanno più di quindici anni, e il “clash of civilizations” con l’islam era di là da venire. La sistemazione fascista del codice, il famigerato codice rocco, è stato per decenni anche il codice penale dell’italia antifascista. E le successive riforme, non sono un esperto, è più facile che l’abbiano peggiorato. Il comunismo di stalin e togliatti non aveva niente di meglio da offrire della libertà di truman e de gasperi. Nella guerra per bande, per niente “fredda” dove s’è combattuta (la solita visione eurocentrica) ha vinto la borghesia e il capitalismo più forte, non il peggiore. Io mi sono preso del “nostalgico”, ma non c’è da rimpiangere nulla del passato. Più che mai oggi vale un testo del 1947: “Abbasso la repubblica borghese, abbasso la sua costituzione”. p

  6. utente anonimo says:

    Mi sembra una situazione terribile! Che fare, scendere in strada? Ma quanti aderirebbero?

  7. Valguarnera says:

    No, cambiare paese!

    Francesca

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>