Un inizio

Questo blog è il fratello minore del sito Kelebek che ho messo in piedi sette anni fa, e che oggi contiene una quantità di articoli su vari temi.

Mettere in rete un articolo richiede molta cura; devi controllare le fonti e tutte le affermazioni – e infatti dopo hai la soddisfazione di ricevere minacce e insulti, ma quasi mai una critica ai contenuti.

Però mi piacerebbe anche intervenire in maniera estemporanea su tante cose che avvengono, per poi discuterne, almeno con le persone civili; e proprio per questo ho deciso di aprire questo blog.

I temi possono essere molti, ma la visione che c’è dietro è sempre quella.

Oriente e Occidente, i due poli così simili e diversi delle nostre fantasie.

L’immaginario, quell’immenso mondo che viviamo tutti e che oscilla così stranamente tra il sacro e il fumettistico, tra il vero e il falso. Dove possiamo toccare il cielo e allo stesso tempo lasciarci ingannare fino in fondo. Ma è solo dall’immaginario che possiamo aspettare il riscatto.

L’immaginario è insieme il mondo del dominio e quello dl riscatto dal dominio. Il dominio non è un sinonimo del potere. Il potere è quello che possiede per un attimo un uomo politico, finché non viene sostituito da un altro.

Il dominio invece è la profonda capacità di determinare i pensieri delle persone, di definire il bene e il male, di suscitare il linciaggio di chi non si ritrova nel dominio, di far ritenere che viviamo nel migliore dei mondi possibili.

Il potere va e viene, il dominio resta. Ed è lì la vera servitù degli esseri umani.

Ma tutto questo non avviene in un mondo astratto. Avviene oggi, nella Terza guerra mondiale, quella condotta dall’Impero per sottomettere il mondo.

Avviene oggi, ai tempi della Resistenza contro l’Impero.

"Il deserto cresce: guai a colui che cela deserti dentro di sé"

"Çöl genişliyor: çölleri kendi içlerine gizleyenlere vah!"

Print Friendly
This entry was posted in Questo blog and tagged , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Un inizio

  1. Ciao Miguel, così dopo il tuo sito, e la presenza nel gruppo Yahoo, ti ritrovo ancora sulle stesse piste…

    benvenuto tra i blog, così mi terrò informato in tempo reale!

    Se permetti, un appunto: quando scrivi che un articolo richiede cura e controlli, mentre qui la cosa è + estemporanea: credo invece che l’attenzione e il rispetto per chi legge siano uguali. Così, come chi ha un sito poco curato, farà un blog poco curato.

    Fabrizio

  2. Ciao Miguel, così dopo il tuo sito, e la presenza nel gruppo Yahoo, ti ritrovo ancora sulle stesse piste…

    benvenuto tra i blog, così mi terrò informato in tempo reale!

    Se permetti, un appunto: quando scrivi che un articolo richiede cura e controlli, mentre qui la cosa è + estemporanea: credo invece che l’attenzione e il rispetto per chi legge siano uguali. Così, come chi ha un sito poco curato, farà un blog poco curato.

    Fabrizio

  3. Ciao Miguel, così dopo il tuo sito, e la presenza nel gruppo Yahoo, ti ritrovo ancora sulle stesse piste…

    benvenuto tra i blog, così mi terrò informato in tempo reale!

    Se permetti, un appunto: quando scrivi che un articolo richiede cura e controlli, mentre qui la cosa è + estemporanea: credo invece che l’attenzione e il rispetto per chi legge siano uguali. Così, come chi ha un sito poco curato, farà un blog poco curato.

    Fabrizio

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>