The Roaring Arno, the Slaves and Two Little Girls on a Tree Stump

Somewhere, far away, there lives a friend of mine.

An English speaker, so I reply in English.

My friend is one of those people who see things very differently from me, and probably, and precisely because of this, can help to see better.

This dialogue began as a discussion about demonstrations in one of the most unlovely parts of Rome against a group of refugees from various countries that the town administration had decided to dump there.

My friend, who has a healthy instinct for fighting against what he perceives to be the trend of our times, saw something positive in these demonstrations, adding comments against immigration into Italy by people from other countries, and something about an entity called the “White Race”.

Here, we believe that every voice must be listened to, thought over and if necessary answered. And this is what came of my answer.

Let me start with Florence, though you started with the outskirts of Rome.

This is only because I know every street in my district, and feel a lot more at home among these stones than among the crumbling high rise buildings that real estate speculators and mafiosi built in Rome in the Fifties and Sixties.

Buildings which slowly replaced the baracche, the tin-and-wood shelters where a picturesque humanity of labourers, prostitutes, petty thieves and others – from southern and central Italy – used to terrify the middle class of the centre of Rome: young coatti from the periferie used to come in from their other world every now and then and get fun out of punching well-dressed youths (special marks if they could strip off their fashion design jackets or boots).

I am curious about the expression you used – the White Race.

I know that in the USA this is something many people believe in, but it sounds truly out of place in Italy, where physical appearance never determined people’s fate (money mattered a lot more); and nineteenth-century positivist ideas about physical heredity are certainly not part of the Italian tradition, even though Cesare Lombroso was Italian.

Now, you suggest that Florence should find its gene pool and go back to the White Race.

Let me tell you a few stories.

Florence has always been split in two by the Arno river, which is full and powerful and noisy and brown these days, one could spend hours just listening to its roar, feeling the water spray in one’s face and watching the sea gulls.

On the northern bank, very basically, the rich and powerful, on the southern bank, the poor.

Which is why in Roman times, the northern bank stayed pagan almost until the end, while the southern bank, our Oltrarno, largely inhabited by Syrian immigrants as the excavations in Santa Felicita have shown, was the area of the people kept “out of the walls” and of the first Christians.

The first saint of Florence, Miniato, who – the legend says – after having been decapitated, proudly picked up his own head and took it to the top of the hill overlooking the Arno, is supposed to have been an Armenian prince. Or maybe he wasn’t, but the Florentines would have liked it that way.

The part of the Oltrarno I live in is the parish of San Frediano – dedicated to an Irish saint – but clusters around the Carmelite church and convent, established in 1267 to host the order recently reorganised by the Englishman, Simon Stock.

It is worth mentioning  that in the Carmelite archive, there is a sixteenth-century document which is supposedly the transcript of a document of May 1st, 743, signed by the notary Rainerio di Simone, stating that the area was given to seven Carmelite friars fleeing from persecution by “King Omar of Arabia”. Though the document was obviously false, it shows how times have changed: refugees from the East brought legitimacy rather than fear.

Florentines have always been an ethnic mixture, and not only because of all the British (once one quarter of the population), Russians and Germans who settled there in the nineteenth century.

As one of the richest cities of Western Europe during the Renaissance, it drew immigrants from all over Europe, together with a large numbers of slaves.

Florentines at first bought their slaves from the Venetians and Genoese, but later procurement was done directly by the Tuscan Order of the Knights of Saint Stephen: the records of this order of pirates tell of the capture and sale of about 14.000 “Turks” between 1543 and 1642.

Slaves were mainly “Tatars”, Greeks, “Blacks”, Russians, Turks, “Saracens” from North Africa and people from the Caucasus.

A pretty female slave, in the 1370s, cost up to 70 florins; as soon as they bore children to their owners, the offspring would be sent to Florence’s numerous orphanages, giving rise to probably the most common Florentine surname, Degli Innocenti. Though it should be said that the son that Cosimo de’ Medici had with a Circassian slave proudly bore his father’s name.

The Archiepiscopal records of Florence contain a long list of “Turk”, “Moor” and “Negro” slaves who asked for baptism between 1599 and 1724 in the baptistry where every person born in the city, on Saint John’s day, was admitted into the community of the Florentine people.

As late as the seventeenth century, about twenty percent of the population of Livorno, the port of Florence where the largest slave market in Tuscany was held, was made up of North African slaves, who by the way had a right to their own mosque, the first in Italy. And Livorno was the only port in Italy where Muslim galley slaves were allowed to sleep on land and not chained to their oars.

Grand Duke Cosimo II also gave special privileges to any (free) foreigner willing to settle in Livorno, a reason why there is still a large Armenian colony there.

And today there is a large and deeply religious Georgian colony, which celebrates its four-hour-long Mass every Sunday in the church of Santa Elisabetta delle Convertite, a short walk from my home (the “Convertite”, of course, were former prostitutes).

Now all of this fits smoothly into the physical setting of our part of the city: changing family names, changing appearance of people, is something of small import as long as the streets continue to be narrow and the paving stones disjointed; as long as every time you go out of your house, you can greet people and chat with them; as long as there is respect for what all the past generations did here, whether blood ancestors or not; as long as people are still poor enough to smile and joke.

Obsession with blood and titles is a characteristic of those who have neither: think of the fantastic array of pseudo-Orders of Malta which make a living turning mechanics into knights.

What does matter is where the blood flows, which is into our children: a community arises much more around the healthy need to have our children live well, than on fixation about the past.

Because the past, for somebody who loves history like I do, is an extraordinary resource, and in a place like Oltrarno, you feel it in everything. But at the same time, the terrible thing about it is, you cannot change anything about it: whatever you do, the horrible things the Turks/the Greeks/the Germans/the Ancient Romans/the Jews/the Russians/the Muslims/the Shiites/the Christians (etc. etc.) did to somebody fifty, a hundred or a thousand years ago, will never change.

Ghosts, they say, keep repeating the same things, cursing the same hands, without any chance any more of changing the bloody spots… and they instill their obsessions into the heads of the living.

Touch each stone, think how old the tree is, think of the procession of incredible geniuses and artists that used to walk these streets, but never let the past eat you alive: this is what tradition, in the best sense, may mean.

Rather, think about what you can do, how to keep and transmit living beauty, never let your enemies, real or imaginary, eat up your brief life…

Living in these streets means that there is a true feeling of community, a kind of economy which arises from sharing all kinds of little things (“sorry, could you pick up my child at school tomorrow, because I’ll be late – Oh, I have good olive oil to share, come over and I’ll give you some!“), interest in what the old people say, because they speak to us about our places and our lives, and an eye which can see and think over each thing that happens to our world.

This means that Anastasia, who is a Rom from Romania with a pretty Indian face, not only cleans houses during the day, and works as a cook in the evening in the restaurant, but lives in a  small flat with lovely wooden beams centuries old, where the children of her daughter’s class come together – the other day they were all intensely studying Ancient Greek history.

What can destroy this?

There are many converging elements, but I’ll speak of one.

There is a lady who used to have a bakery downstairs.

Though she inherited it from her parents, she never bought it, just rented it. She is a many-generation Oltrarnina, who has the same rough friendliness towards all the people “like” her that drop in, whether they be Florentines too, or Neapolitans or Senegalese or American.

The other day, I found her bakery had been closed down. I tracked her down to ask.

She replied, “my landlady said I had to pay 5,000 euros a month rent or get out”.

Now, who can pay 5,000 euros a month rent, for a shop? The only people who can do it are the mafia, who can easily invest that amount, but want to get at least ten thousand euros a month out of it. And there is only one way to do that: sell hard liquor to young people, put on blaring music and keep the place open all night.

Who are the young people? Mostly Americans, belonging to the White Race (it doesn’t matter to me, but it appears to matter to some people), because they come from families rich enough to send them over to drink for a year at one of the 43 American universities which have branches here in Florence.

When residents find tall blonde girls shrieking, vomiting or making love at three in the morning outside their windows, they tend to move away.

And the community life which had held on for two thousand years begins to break up.

Yet, a part of the community life are Americans too, people who appreciate the district, want to learn something of the life, love the art. A lot of them are tall, blonde and fine people: the violent and destructive flow of capital cares little about people’s appearance.

Every community has to face some Ceauşescus, as did Romania’s villages.

Ceauşescus come in many varieties: some tell you that Industrial Progress under the State is the answer to everything and send the bulldozers in to save you from reactionary superstitions.

Some tell you that the Free Market and Capital will solve every problem you have, and if you lose your house and job, who cares, all this global planet is the same, just move along, move along, and if your mind isn’t where the market trend is fluttering, you deserve to sink into the mud.

And some come and tell you that you have to rip out part of yourselves, part of your living body of people, to satisfy some abstraction they call race.

But one must never give one’s lives to these Ceauşescus, even by thinking too much about them. The worst thing your enemy can do to you is pervert your mind, by making you thingk about him.

Growing once again on this sliced trunk, in the garden they stole from us, looking at the hidden back of the Basilica di Santa Maria del Carmine, where the Renaissance began…

Print Friendly
Posted in esperienze di Miguel Martinez, Il clan dei fiorentini | Tagged , , , | 148 Comments

Buon San Frediano!

Oggi è la festa di San Frediano…

cui ri-dedico questo vecchio articolo.

Tra l’altro, l’unico post che io abbia mai scritto, a meritare un’attenta esegesi da parte di un docente di letteratura italiana.

Print Friendly
Posted in esperienze di Miguel Martinez, Il clan dei fiorentini | Tagged , , , | 24 Comments

Il grano

Avevamo già tradotto qui due testi di Forseti, un gruppo – credo ormai sciolto – di Jena, nella parte più interessante della Germania: Heilige Welt e Schlachthof Europa.

Con certi testi, i commenti sono superflui. Se non per dire che l’originale è molto più bello della traduzione. Se traduco penosamente il turco con il vocabolario, mi accorgo solo in minima parte di quanto perdo; ma con il tedesco la perdita è evidente.

Diciamo che l’originale è tanto più bello, quanto lo è Sehnen rispetto ad aspirazione. Sehnen, nella sua brevità e non-intellettualità, colpisce quanto di più profondo vi sia in noi; mentre “aspirazione” rimanda a macchine che risucchiano o a bocconiani che aspirano a diventare manager.

Spesso sono i rimandi delle parole a contare: Berg è certo montagna; eppure i rimandi non sono tanto le cime, quanto i segreti nascosti, le miniere, lo scavo, ciò che è interno – la profonda montagna.

Il grano

Brace su brace si fa strada
da dentro attraverso la dura roccia.
Vene ardenti scorrono incessanti,
inondando creano nuovo essere,
tremando risvegliano un’antica intuizione.

Sbiancato dallo scorrere dei tempi
cresce nel grembo del mondo
dormendo ancora da eternità
quel grano primordiale è diventato grande,
apre larghe ali di pietra.

Che stende attorno al mondo
e una volta levigato dal minerale ferroso,
silenziosamente allevato nell’oceano,
veglia sui nostri cuori,
ci indica una via silenziosa.

Che lì conduce attraverso ore oscure,
attraverso il diramarsi delle vicissitudini del tempo,
resta intimamente legato alla profondità,
e già attende la propria fine
che gli sgorga da antiche ferite.

Grano, che crebbe in oscura profondità,
nasconde un’aspirazione che è come la stella,
che perduta, di notte invochiamo.
Ma chiuso resta il suo nucleo,
in cui ogni speranza si è addormentata,

Eppure nessuno ne afferra il senso,
la comprensione vaga sciolta.
Solo in sogno si sfiorano le grandi ali
che sconosciute alla veglia
e al grano portano la sua aspirazione.

Korn

Glut um Glut drängt sich von innen
Einen Weg durch festen Stein.
Glühend Adern haltlos rinnen,
Schaffen strömend neues Sein,
Wecken bebend altes Sinnen.

Blankgespült vom Fluss der Zeiten
Wächst heran im Weltenschoß
Schlafend noch seit Ewigkeiten
Jenes Urkorn und ward groß,
Spannte steinern Flügelweiten,

Die es um die Welt gelegt
Und geschliffen einst aus Erzen,
Stumm im Ozean gehegt,
Wacht es über unsere Herzen,
Zeigt uns einen stillen Weg.

Der da führt durch dunkle Stunden,
Durch Geäst der Zeitenwende.
Bleibt dem berge tief verbunden,
Der schon wartet auf sein Ende,
Das ihm quillt aus alten Wunden.

Korn, das wuchs in schwarzer Tiefe,
Birgt ein Sehnen gleich dem Stern,
Den man verloren nächtens riefe.
Doch verschlossen bleibt sein Kern,
In dem jenes Hoffen schliefe.

Doch kein Mensch begreift sein Sinnen,
Losgelöst bleibt der Verstand.
Erst im Traum streift man die Schwingen,
Die dem Wachen unbekannt,
Und dem Korn sein Sehnen bringen.

Print Friendly
Posted in mundus imaginalis | Tagged , , , | 1,865 Comments

Soddisfare il cliente

Come avrete senz’altro potuto leggere, il PD ha organizzato due cene in cui, con mille euro, tra una portata e l’altra, potevi presentare la lista della spesa della tua azienda ai legislatori. In questo video, potete anche vedere gli operai che hanno costruito una cosa chiamata The Mall – dove si svolge la cena – e che protestano per essere stati poi licenziati.

Dico subito che non ci vedo nulla di particolarmente scandaloso in cose del genere: pago un traduttore e quello traduce, pago un’escort e quella scorta, pago un legislatore e quello legifera.

L’importante – per traduttori, escort e legislatori – è che il cliente sia soddisfatto.

Che poi è una nostra vecchia tesi: la politica, almeno in Italia, non si decide nelle urne (scusate se preciso una tale ovvietà), ma nemmeno nelle schermaglie da Bruno Vespa o nelle logge, come sospettano alcuni.

Si fa – come in tutta la storia umana – nelle cene, in mezzo a conversazioni di una disarmante futilità, buttando lì qualche battuta mirata.

Certa gente ama trovare sempre un capro espiatorio, e oggi Renzi si presta bene al ruolo.

Per questo, è interessante sentire Chicco Testa che precisa: Queste cene si fanno da decenni: Io le ho fatte con Rutelli, con Veltroni, con Zingaretti e forse anche con Bersani. Quindi non è cambiato nulla.” Cioè è da decenni che il PD e le sue precedenti incarnazioni intascano soldi dagli imprenditori in cambio di un partecipe ascolto.

Interessante poi la giustificazione: un certo Ernesto Carbone della segreteria del PD precisa che “gli introiti derivanti dalle cene serviranno anche a salvare i posti di lavoro del nostro partito ed evitare che i dipendenti vadano in cassa integrazione“.

A modo suo anche fare il dipendente del PD è un lavoro.

Come quello del tizio che ho incontrato oggi, con sulla giacca lo stemma degli azzurri di Santa Croce, che di giorno fa il muratore e la notte fa il cuoco e poi prende il treno per tornare a casa a San Giovanni Valdarno.

“Arrivo a casa all’una di notte e mi alzo alle cinque per andare a lavorare”, spiega alla nostra ristoratrice cinese, che resta meravigliata persino lei.

Print Friendly
Posted in esperienze di Miguel Martinez, imprenditori, Italia | Tagged , , | 289 Comments

Conversando con la ragione

Un’altra canzone mi ha indotto a passare la solita mezz’oretta (rubata in parti uguali all’Oltrarno e alla traduzione della relazione di un tribunale su un fallimento) per mettermi lì a fare una pessima traduzione dal turco.

Si tratta di Akılla Bir Konuşmam Oldu, letteralmente “Ho avuto una conversazione con la ragione”. La musica è del geniale pianista e compositore Fazıl Say, la voce di Serenad Bağcan (i genitori turchi non mancano di fantasia quando devono scegliere i nomei dei figli). Il testo è una qit’a, un breve componimento del poeta persiano, Omar Khayyam, turcizzato in Ömer Hayyam.

Anche qui, la registrazione che ci presenta Youtube non è incorporabile, ma basta fare clic qui per arrivarci.

Come sempre, si accettano ampi suggerimenti da chiunque abbia una conoscenza meno elementare della mia del turco.

Ieri sera conversai con la Ragione;
Ho delle domande da farti, dissi;
Tu che di ogni conoscenza sei il fondamento,
vorrei che mi mostrassi la via.
Di vivere, sono stanco, cosa dovrei fare?
Sopporta ancora qualche anno, rispose.
Perché, dissi, questo vivere?
Un sogno, disse; qualche immagine.
Sposarsi, che cos’è, domandai;
attimi di felicità,
anni di guai.
Che genere di uomini sono coloro che mi tiranneggiano? dissi;
lupi, cani, sciacalli, disse.
Come sono questi uomini, chiesi;
senza cuore, sciocchi, spregevoli, disse.
Questo mio folle cuore, chiesi,
quando inizierà a ragionare?
quando avrà preso ancora qualche colpo, disse.
E cosa dici di queste parole di Khayyam, chiesi?
Una fila di parole l’una sull’altra,
vane chiacchiere direi.
Quando io non ci sono, questi fiori, questi cipressi, non esistono,
non ci sono né rosse labbra né vino speziato di muschio.
Mattine, sere, gioie e tormenti non esistono.
Questo mondo esiste quando lo penso, se io non ci sono, esso non c’è.

Akilla bir konusmam oldu dün gece;
Sana soracaklarim var, dedim;
Sen ki her bilginin temelisin,
Bana yol göstermelisin.
Yasamaktan bezdim, ne yapsam?
Birkaç yil daha katlan, dedi.
Nedir; dedim bu yasamak?
Bir düs, dedi; birkaç görüntü.
Evi barki olmak nedir? dedim;
Biraz keyfetmek için
Yillar yili dert çekmek, dedi.
Bu zorbalar ne biçim adamlar? dedim;
Kurt, köpek, çakal, makal, dedi.
Ne dersin bu adamlara, dedim;
Yüreksizler, kafasizlar, soysuzlar, dedi.
Benim bu deli gönlüm, dedim;
Ne zaman akıllanacak?
Biraz daha kulagi burkulunca, dedi.
Hayyam’ in bu sözlerine ne dersin, dedim;
Dizmiş alt alta sözleri,
Hoşbeş etmiş derim, dedi.
Ben olmayinca bu güller, bu selviler yok,
Kızıl dudaklar, mis kokulu şaraplar yok.
Sabahlar, akşamlar, sevinçler tasalar yok.
Ben düşündükçe var dünya, ben yok o da yok

Print Friendly
Posted in mundus imaginalis, Turchia | Tagged , , , , | 31 Comments

Con gli stranieri si usa così

Apprendiamo che il signor Giovanni Donzelli, dei Fratelli d’Italia, ha preparato un utile decalogo per gli stranieri in Italia. Il testo si può leggere qui.

Oltre all’arabo in cui ha fatto tradurre il testo, gli offriamo (a prezzi speciali) di tradurre il testo anche in inglese, per l’istruzione dei numerosi e vivaci giovani extracomunitari statunitensi della nostra città, in particolare il punto 1:

“Sei in Italia, parla italiano: imparare la nostra lingua è fondamentale per potersi far comprendere e dimostrare la volontà di integrazione.”

E, sempre avendo in mente la gioventù statunitense, magari riformulerei il punto 9 così:

“Rispetta la città: sdraiarsi in coma etilico sui gradini delle chiese è sgradevole, urinare per terra o copulare sul marciapiede è vietato.”

Nello spirito di dialogo che ci caratterizza, e in base ad alcune esperienze personali, ci permettiamo di proporre il seguente decalogo anche per gli italiani che desiderano interagire con persone non nate in Italia.

CON GLI STRANIERI SI USA COSI

DECALOGO DEL RISPETTO

NOI VI PULIAMO LE CUCINE, SE VOLETE TENERLE PULITE DOVETE RISPETTARE LE NOSTRE REGOLE.

ECCONE ALCUNE:

1) Se tamponi la macchina di una signora giapponese solo perché ha avuto l’esotica idea di fermarsi al rosso, non scendere gridandole di tornare a casa sua. Rispetta la sua diversità culturale (e paga i danni).

2) Se vedi una signora dalla pelle nera, non è gentile rivolgersi a lei dicendo “tu fare bunga bunga con me? Quanto volere?” Daresti un cattivo esempio per la sue capacità di corretto apprendimento della lingua italiana.

3) Se prendi una signora filippina per farti tutti i lavori in casa, è buona creanza pagarla, almeno in nero e almeno una volta l’anno. Magari per Pasqua o Natale.

4) Se non ti piacciono le borse Gucci false, invita tuo cugino di Pomigliano d’Arco a produrre qualcos’altro nella sua fabbrica. Tipo fuochi d’artificio abusivi.

5) Cerca di non bestemmiare in presenza di stranieri di qualunque nazionalità. Non tutti condividono la tua opinione della divinità.

6) Prima di affittare una cantina a una famiglia marocchina, accertati che non ci siano i topi. In materia di animali domestici, non tutti la pensano allo stesso modo.

7) Se una signora rumena pulisce casa tua, non metterle le mani addosso minacciando di farla deportare se non te la dà. Le signore non si toccano nemmeno con un fiore.

8 ) Deciditi prima se lamentarti perché gli stranieri non mandano i figli a scuola o perché c’è uno straniero in classe con tuo figlio. Dimezzerai la possibilità di lamentarti, ma in compenso renderai più soddisfacente e intensa la tua infelicità.

9) Se vuoi che uno straniero impari l’italiano, parlagli. Scoprirai l’insegnante che c’è in te.

10) Quando bevi la tua birra per strada alle tre di notte, non metterti a cantare a squarciagola davanti alla casa di uno straniero. Ricordati che lui si deve alzare tra due ore per andare a lavorare.

Se queste regole di civiltà non sono di tuo gradimento, puoi sempre pensarci tu a portare a spasso la nonna novantacinquenne. Forse lei non gradirà, ma il sangue non è acqua.

Print Friendly
Posted in Cialtroni e gente strana, destre, Il clan dei fiorentini | Tagged , , , | 320 Comments

Somigliavamo a disegni dipinti sul volto del cielo

İlkay Akkaya è la solista del Grup Kızılırmak, uno dei tanti pregevoli gruppi musicali sorti nel mondo rivoluzionario turco.

Traduco i testi turchi come i ragazzi del primo anno di liceo alle prese con un testo in latino, dizionario a fianco e producendo non poche imperfezioni.

In questo caso, la frase che nella mia traduzione inizia, “il lavoro delle nostre mani…” potrebbe aver tutt’altro senso.

Ma ognuno si becca il turcologo che si merita.

Di questa canzone, intitolata Seguendo coloro che se ne vanno, si trova un video su Youtube che però non è possibile incorporare. Se avete i nostri dubbi gusti, vi troverete a riascoltarla più volte.

Ah, dimenticavo… nel testo originale della canzone, cercate la parola di origine italiana!

Seguendo coloro che se ne vanno…

Somigliavamo a disegni dipinti sul volto del cielo
eravamo come un soffio attaccato dietro al vento
tempeste e temporali hanno spezzato i nostri rami
il nostro amore rimase sui fiori della primavera

l’amore dei nostri occhi l’amore del nostro cuore
il lavoro delle nostre mani si è espresso instancabile
tempeste e temporali hanno spezzato i nostri rami
il nostro amore rimase sui fiori della primavera

eravamo nei fuochi accesi sulle cime di una montagna lontana
libertà onda su onda nelle strade della città
abbiamo resistito non ci siamo arresi eravamo migliaia di fiocchi di neve
la nostra lotta è rimasta nella luce dei sorrisi dei bambini

gidenlerin ardından

gökyüzüne çizilmiş resimlere benzerdik
rüzgarın peşine takılan bir nefes gibiydik
kırdı dallarımızı fırtınalar boranlar
kaldı bahar çiçekleri üzerinde sevgimiz

gözlerimiz sevgiyi yüreğimiz sevdayı
ellerimiz emeği anlatırdı usanmadan
kırdı dallarımızı fırtınalar boranlar
kaldı bahar çiçekleri üzerinde sevdamız

uzak dağ başlarında yanan ateşlerdeydik
kentin sokaklarında dalga dalga özgürlük
direndik teslim olmadık binlerce kardelendik
kaldı çocuk gülüşleri ışığında kavgamız

Print Friendly
Posted in mundus imaginalis, Turchia | Tagged , , , , | 107 Comments

Inchiesta interna!

Dopo aver parlato di guerre e stragi in giro per il mondo, ci soffermiamo per un momento sui drammi di casa nostra.

Qui in Oltrarno c’è stata una piccola mobilitazione istituzionale per un caso in cui avevamo certamente torto, e quindi abbiamo provveduto a mandare alle istituzioni le nostre più sentite scuse, con una comunicazione inviata a funzionari e consiglieri del Quartiere Uno, il villaggio dove ci conosciamo tutti, tranne i dieci milioni di turisti che ci passano sopra ogni anno.

Ultime notizie! Il colpevole stanato a Palazzo Medici

Comunicazione dell’Associazione Amici del Nidiaci in Oltrarno Onlus

Vi scriviamo per informarvi dell’esito di un’inchiesta interna che abbiamo condotto su un episodio che sembra aver avuto una certa risonanza.

Alcune settimane fa, un bambino è stato avvistato mentre faceva la pipì nell’area del giardino Nidiaci.

In seguito alle comprensibili e vivaci rimostranze arrivate da più parti, abbiamo deciso di condurre un’inchiesta interna sullo svolgimento dell’episodio.

Il colpevole, secondo le testimonianze raccolte, sembra sia un individuo di approssimativamente quattro anni, sicuramente di sesso maschile, ma non siamo ancora riusciti a stabilirne con certezza l’identità.

Siamo però riusciti a ricostruire con una certa sicurezza la dinamica dei fatti.

L’episodio è avvenuto al momento dell’apertura pomeridiana del giardino, quando non era ancora disponibile al pubblico la chiave del bagno.

Infatti, le nostre volontarie che prestano gratuitamente la loro opera per rendere fruibile lo spazio pubblico in questione, essendo anche loro genitori, arrivano contemporaneamente alle altre famiglie frequentatrici del giardino che entrano assieme a loro, anche a causa della mancanza di ogni spazio di attesa davanti al giardino che si affaccia direttamente sulla strada.

Le volontarie, come stabilito dalla convenzione con il Comune, devono procurarsi il materiale per registrare gli ingressi che si trova in uno sgabuzzino situato all’altra estremità del giardino, peraltro parzialmente nascosto alla vista dal campetto di calcio.

Nello stesso sgabuzzino devono procurare anche le bottiglie d’acqua e i bicchieri di plastica, acquistati a nostre spese e messi gratuitamente a disposizione dei frequentatori, visto che il giardino è privo di acqua da oltre un anno.

In certi casi, devono anche procurare la segatura per riempire la pozza che si forma all’ingresso in seguito a temporali e prendere eventuali oggetti smarriti raccolti nelle giornate precedenti.

Durante l’attraversamento del giardino e del campetto, le volontarie sono invitate a tenere d’occhio comunque l’ingresso (verso cui rivolgono però le spalle nel corso dell’avvicinamento allo sgabuzzino), per impedire la fuga di bambini e per prevenire – come richiesto dal Centro Giovani – l’ingresso abusivo di eventuali frequentatori del Centro Giovani.

Successivamente si recano alla postazione di controllo situata all’ingresso, dove mettono a disposizione l’acqua, e poi raccolgono rapidamente le firme delle famiglie già entrate nel giardino.

L’episodio giustamente denunciato sembra sia accaduto dietro l’angolo del campetto di calcio, quindi nel punto più lontano dalla doppia visuale richiesta alle operatrici volontarie (sgabuzzino/ingresso), e prima che si potesse rendere disponibile ai frequentatori la chiave del bagno.

Ci scusiamo vivamente per quanto avvenuto, assumendoci tutte le nostre responsabilità, e ci auspichiamo che l’interesse che ha suscitato questo episodio sia indizio di crescente attenzione per tutte le problematiche dell’area, comprese quelle riguardanti il recupero della Ludoteca “temporaneamente” chiusa due anni fa.

Print Friendly
Posted in Il clan dei fiorentini | Tagged , , , , | 1,224 Comments